Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

giovedì 4 aprile 2013

Niente rimborso Irap per Beppe Grillo: il comico aveva chiesto un rimborso di 577mila euro per il periodo d' imposta dal 2006 al 2010


Niente rimborso Irap per Beppe Grillo.
Il comico genovese ora leader del Movimento 5 stelle non ha diritto all'esonero dall'imposta regionale sulle attività produttive.
Anche lui, come tanti artisti, professionisti, piccole imprese, ha presentato richiesta di rimborso all' Agenzia delle Entrate perché riteneva di non avere i requisiti per essere obbligato a pagare il tributo.
Così ha chiesto oltre 577mila euro di rimborso (per gli anni d'imposta dal 2006 al 2010). Ma il fisco non ha sentito ragioni: deve pagare perché ha un'autonoma organizzazione. Anche la Commissione tributaria di Genova, a cui si era rivolto per impugnare il rifiuto dell'amministrazione finanziaria, l'ha pensata allo stesso modo.

Le spese
A pesare sulla decisione sono sia gli importi dei beni strumentali acquistati sia i costi per i collaboratori. Sotto il primo aspetto, se alcuni di essi (pianoforte e attrezzature stereo) sono stati ritenuti dai giudici «riconducibili all'indispensabile supporto all'attività creativa, non altrettanto può dirsi per quei beni (genericamente descritti come «macchine elettroniche» acquistati negli anni 2005 e 2007 per un valore complessivo di 10.656,60 euro ) che
paiono eccedere il minimo indispensabile per l'esercizio dell'attività».

I collaboratori
«Ancora più rilevanti - scrive la sentenza - appaiono le spese per i collaboratori». Spese continuative e non occasionali, secondo la Commissione tributaria provinciale. La continuità dei compensi pagati ai collaboratori lascia presumere l'esistenza di un'autonoma organizzazione, in quanto il ragionamento dei magistrati tributari è che il lavoro dei collaboratori sia servito a supporto dell'attività di Grillo nella stesura dei testi, nelle ricerche o semplicemente per «la risoluzione di problemi pratici che l'artista non ha il tempo di affrontare».
Tutte ragioni per cui la sentenza ha bocciato il ricorso per ottenere l'Irap pagata.

2 commenti:

  1. Ci ha provato, se andava aveva le gambe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non gli è andata bene.
      Mannagggia alla pupazza di cotton fiock!

      Elimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie