Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

venerdì 1 marzo 2013

Bata ritira quattro modelli di scarpe: sono tossiche. Il Cromo 6 contenuto nel materiale è cancerogeno



Nei giorni scorsi Bata, aveva ritirato in Svizzera dagli scaffali alcuni modelli in seguito a test effettuati nella Svizzera italiana e a Como dalla rubrica per la difesa dei consumatori.
I quattro modelli di scarpe incriminati potrebbero contenere tracce di cromo 6, prodotto altamente tossico e cancerogeno che serve a conciare le pelli.

Si tratta di una procedura standard in simili casi, indica Bata in un comunicato diffuso oggi e sempre secondo il produttore di modelli in cui sono state rinvenute tracce di cromo 6 non presentano alcun rischio. Test interni hanno infatti dimostrato che i tassi sono inferiori ai limiti internazionali ammessi. L'Unione Europea non ha disposizioni specifiche sulla presenza ammessa di Cr VI nelle calzature, fatta eccezione per 2 casi:
- un limite di 10 mg/kg (o ppm, cioè parti per milione) di Cr VI nelle calzature per uso professionale: in questo caso è un limite cogente, cioè obbligatorio per legge
- un limite di 10 mg/kg nelle calzature che intendono ottenere il marchio Ecolabel; in questo caso il limite è volontario, perché non è necessario il marchio Ecolabel per commercializzare le calzature.

Alcuni stati hanno però provveduto con limiti specifici: ad es. in Germania le calzature devono rispettare un limite massimo di 3 mg/kg di Cr VI. mentre in Italia non è indicato il tetto massimo.
Per Giovanni D'Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti il problema dell'uso di sostanze chimiche pericolose per conciare le pelli, in particolare il cromo esavalente, non va sottovalutato in particolare il suo potere cancerogeno. Ad esempio attraverso un contatto prolungato della pelle della calzatura contaminata con il sudore del piede.
Proprio, agli inizi di ottobre 2012, un rapporto di Human Right Watch (HRW) ha documentato i problemi di salute e sicurezza tra i lavoratori di molte concerie nel quartiere Hazaribagh a Dacca, capitale del Bangladesh. Fra di loro anche bambini di appena 11 anni, che si ammalano per via dell'esposizione a sostanze chimiche pericolose, poi riversate inquinando le comunità circostanti.

2 commenti:

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie