Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

giovedì 14 marzo 2013

Jorge Mario Bergoglio favorì la dittatura Argentina ?


Il successore di Benedetto XVI un "progressista"? Sulla sua biografia pesa il silenzio della Chiesa negli anni in cui il regime dei generali uccise 9mila oppositori. Nel libro inchiesta del giornalista Verbitsky l'accusa di aver isolato due confratelli finiti poi nel famigerato centro di torture dell'Esma


Il primo gesuita ad essere papa, il primo a prendere il nome di Francesco. Il primo papa latinoamericano.
E’ un progressista Jorge Mario Bergoglio? Di certo è il più temibile avversario di Cristina Kirchner, la presidente argentina. Che difficilmente stasera festeggerà di cuore la sua elezione. Questo non ne fa automaticamente un esponente della destra argentina, ma sì il simbolo dell’opposizione conservatrice.

LE OMBRE SU BERGOGLIO
Ombre su Bergoglio riguardano il periodo della dittatura militare (1976-83). Tutta la gerarchia ecclesiastica argentina non fece una gran figura in quel periodo. I dubbi su di lui li ha sollevati il giornalista argentino Horacio Verbitsky, l’autore del celebre libro “Il volo” in cui per la prima volta si svela l’esistenza del piano sistematico di soppressione degli oppositori al regime attarverso i voli della morte ( 30mila vittime secondo le Madri di plaza de Mayo ).
Verbitsky ha ricostruito le responsabilità e le omertà della chiesa in Argentina durante la dittatura. Da quell’inchiesta Bergoglio non ne esce benissimo. Non ci sono testimonianze che lo inchiodano, come ci sono invece per monsignor Pio Laghi, che amava passare i pomeriggi a giocare a tennis con i capi della dittatura. Ma non risulta nemmeno essere stato un eroe nella difesa dai perseguitati del regime.

Non ci sono prove né indizi pesanti sulle sue responsabilità. C’è però una storia molto chiara raccontata da Verbitsky nel suo libro.
Subito dopo il golpe del 24 marzo 1976 Bergoglio era
Superiore provinciale della Compagnia di Gesù in Argentina. Da gesuita aveva un potere enorme sulle comunità ecclesiastiche di base, che lavoravano molto nelle baraccopoli di Buenos Aires.
Nel febbraio del ’76, un mese prima del colpo di stato, Bergoglio avrebbe chiesto a due sacerdoti, Orlando Yorio e Francisco Jalics, che lavoravano nelle comunità di base, di lasciar perdere, di andarsene, di abbandonare quel lavoro. Loro si rifiutarono. Verbitsky racconta che Bergoglio, dopo averli cacciati dalla Compagnia di Gesù senza averli informati della decisione, fece pressione sull’allora arcivescovo di Buenos Aires perché impedisse loro di dir messa.

Non è una accusa da poco. In quei tempi a Buenos Aires bastava essere lontanamente riconducibili a un’area progressista, risultare impegnati in un lavoro considerato “di sinistra” nelle baraccopoli, per essere additati come potenziali sovversivi. Togliere ai due sacerdoti protezione e ancora più punirli come disobbedienti – è il ragionamento di Verbitsky – equivaleva a far correre loro il serio rischio di finire nelle liste nere dei militari. Così fu.

Pochi giorni dopo il golpe i due sacerdoti furono rapiti. Erano i giorni in cui sparirono anche decine di sindacalisti, i primi ad essere segnalati come potenziali sovversivi poiché, appunto, considerati inclini alla disobbedienza. Dopo sei mesi di prigionia nei solai della Escuela mecanica del armada (Esma), il centro clandestino da cui partirono poi i voli della morte, i due religiosi furono rilasciati.
Pare che furono pressioni esercitate dalla Chiesa da Roma a salvar loro la vita.

BERGOGLIO E L? OMOSESSUALITA'
Per quanto riguarda i matrimoni gay, però, il nuovo papa è perfettamente in linea con i predecessori,
se non molto di più ( leggi la news del 2009 ).

9 commenti:

  1. volevi un commento?
    Risulta che fu proprio l'attuale Papa a far pressione perchè fossero liberati.
    Personalmente ricordo che anche Giovanni Paolo II non ha attaccato frontalmente il regime comunista imposto alla Polonia, alle volte combattere ai fianchi è + utile che frontalmente.
    Strano che non ci siano prove...e che fosse tanto amato in Argentina, non ricordo fossero così teneri nei confronti di chi ha pèartecipato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu hai pregiudizi come me.
      Difendi i Papi senza sapere cosa c'è dietro.
      E non lo sa nessuno. Né io né tu.
      AAAAHAAAA AHAHAAAAA
      hai pisciato anche tu fuori dal vaso.
      Asciugati il pisellino :O

      Elimina
  2. e per chiudere... ecco cosa dice chi ne sa + di me e te e sta dalla parte delle vittime:
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/03/14/papa-francesco-associazione-24-marzo-non-ha-colpe-sacerdoti-furono-liberati/530458/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. basta essere dalla parte della dittatura ed il gioco è fatto

      Elimina
    2. aspettiamo i documenti
      http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/03/15/papa-francesco-laccusa-di-verbitsky-documenti-e-testimoni-collaboro-con-dittatori/531362/

      Elimina
    3. Aspettiamo i documenti, anche se sono sempre molto sospettoso quando i documenti compaiono dopo anni e nel momento in cui uno ha successo.
      Un pò come le scoperte su Grillo..arrivate solo ora!
      Singolari.
      Ma se ci sono che ben vengano, ma resta la domanda...solo ora?

      Elimina
    4. Quanti cazzi vuoi pure tu! XD
      Sei diffidente con chi è diffidente e poi sei anche tu diffidente!
      ahahahaahaha sei un controsenso umano!

      Elimina
  3. parallelo.. di Bergoglio prete di un potere limitato addiritturà, secondo ciò che scrivi sopra, favorì la dittatura.
    Di queste parole cosa mi dici? parole che condannarono migliaia d'italiani?
    "...L'altra questione sulla quale sono in disaccordo con te, è quella del trattamento dei prigionieri. Non sono per niente feroce, come tu sai. Sono umanitario quanto te, o quanto può esserlo una dama della Croce Rossa. La nostra posizione di principio rispetto agli eserciti che hanno invaso la Unione Sovietica, è stata definita da Stalin, e non vi è più niente da dire. Nella pratica, però, se un buon numero dei prigionieri morirà, in conseguenza delle dure condizioni di fatto, non ci trovo assolutamente niente da dire, anzi e ti spiego il perché. Non c'è dubbio che il popolo italiano è stato avvelenato dalla ideologia imperialista e brigantista del fascismo. Non nella stessa misura che il popolo tedesco, ma in misura considerevole. Il veleno è penetrato tra i contadini, tra gli operai, non parliamo della piccola borghesia e degli intellettuali, è penetrato nel popolo, insomma. Il fatto che per migliaia e migliaia di famiglie la guerra di Mussolini, e soprattutto la spedizione contro la Russia, si concludano con una tragedia, con un lutto personale, è il milgiore, è il più efficace degli antidoti. Quanto più largamente penetrerà nel popola la convinzione che aggressione contro altri paesi significa rovina e morte per il proprio, significa rovina e morte per ogni cittadino individualmente preso, tanto meglio sarà per l'avvenire d'Italia...".
    si parla di circa 50.000 italiani morti nei campi di prigionia, durante il viaggio per raggiungerli o, seppure in cifre inferiori rispetto ai soldati tedeschi, uccisi nei momenti immediatamente successivi la cattura, sorte che toccava in particolar modo a chi non era in grado di compiere la marcia verso i campi di prigionia (feriti, congelati gravi, ammalati).

    RispondiElimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie