Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

giovedì 2 febbraio 2012

Taxi a Roma, tassametri truffa: la procura apre un'inchiesta. Incassi triplicati con modifiche al misuratore



ROMA - Tassametri taroccati per triplicare gli incassi della giornata.
È l’ipotesi avanzata dalla procura, che ha aperto un’inchiesta
per truffa aggravata e adesso punta a verificare come funzionino
i contatori sui cruscotti dei taxi cittadini.
Marchingegni che vengono «modificati» e che, secondo i pm,
girerebbero alla velocità della luce, ingannando così i clienti.

Basta, infatti, una spesa contenuta per mettere il turbo
a ogni tassametro: 500 euro in tutto e il gioco è fatto.
Un investimento indovinato, dal momento che il prezzo
delle corse aumenterebbe del triplo dopo il ritocco,
con un guadagno superiore a quello previsto dalla legge.
E gli accertamenti potrebbero partire da un’officina di via Tuscolana,
convenzionata con il Comune. A rivelare i presunti raggiri orchestrati
dai tassisti è stata una gola profonda della categoria,
molto dettagliata nel racconto, forse anche perché ignorava
che ogni dettaglio sarebbe finito agli atti di un’inchiesta giudiziaria.

Il tassista si è sfogato con una cliente. Ha fatto riferimento ai taxi
con i tassametri taroccati, ma non sapeva che la donna nascondeva
un registratore. Ha aggiunto anche che sono tanti i meccanici
disponibili a intervenire per aumentare la velocità di un
singolo scatto
. Alcuni di questi professionisti, specialisti nel
ritoccare il contatore, secondo il racconto, sarebbero addirittura
impiegati nelle autofficine convenzionate con il Comune,
quelle che sono addette proprio al montaggio dei tassametri.

Adesso la Procura, che ha aperto un fascicolo dopo un esposto
presentato dal Codacons, vuole vederci chiaro. Non è escluso
che nelle prossime settimane possano essere nominati dei consulenti,
per esaminare i tassametri di qualche auto bianca e controllare
se le circostanze riportate nella denuncia siano vere.

A spingere l’Associazione dei consumatori a presentare
l’esposto dal quale è partita l’inchiesta, è stata la denuncia
di una signora, che ha impresso sul nastro la confessione del tassista,
con i dettagli sulle modalità di lavoro dei suoi colleghi.
Uno scatto ogni 300 metri, ha detto l’autista alla donna.
E poiché la tariffa prevista a ogni scatto in città
è di 0,98 centesimi
ogni chilometro,
la cliente ha fatto in fretta i conti della truffa.

La loquace, quanto inconsapevole, gola profonda avrebbe
aggiunto dettagli su dettagli, ignara che le sue rivelazioni,
anzi gli sfoghi sulla disonestà di molti colleghi, venissero
registrati su un nastro. «Io m’ammazzo di lavoro..»,
premetteva l’uomo, prima di elencare la malefatte di altri tassisti.

La cliente curiosa domandava all’autista se fossero vere,
o leggende metropolitane, le voci sulla presunta manomissione
dei tassametri. E lui rispondeva senza alcuna titubanza:
«Certo, ti posso dire pure chi è. Uno si prende 500 euro
e fa i tassametri... un’officina sulla Tuscolana che modifica
gli scatti, praticamente un euro ogni 300 metri».

Adesso quelle registrazioni sono agli atti dell’inchiesta
e gli accertamenti partiranno proprio da quell’officina.
L’uomo ci teneva a sottolineare che lui era sempre stato
lontano dai guai perché: «Io sto a contatto con la gente
e voglio sta’ tranquillo». Ma anche senza spendere i 500 euro,
riferiva ancora il tassista, è possibile ingannare i clienti anche
in altro modo: basta mettere «una pecetta sul display»,
per nascondere che la tariffa applicata all’interno
del Raccordo Anulare è invece quella prevista fuori città:
1,5 euro a chilometro, anziché 0,98 centesimi.
«Per frega’ cosa? - aggiungeva l’uomo -
Due, tre euro a corsa..
».
Ed è da queste parole che l’inchiesta della procura ha preso il via.

di Giulio de Santis
http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=179650&sez=HOME_ROMA

2 commenti:

  1. Adesso ci sarà un rappresentante dei tassisti che, sconvolto e indignato, negherà ogni accusa, e dichiarerà che la categoria è tutta di gente onesta, anzi onestissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sissì... loro sono dei santi!
      Non arrivano a fine mese.
      Ma non possono truffare la gente.
      Se non arrivi a fine mese cambi mestiere!
      Poi si attaccano alle liberalizzazioni...
      ma se ogni 10 taxi ci sono 5 abusivi!?

      Elimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie