Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

venerdì 2 maggio 2014

Malati di Sla "Renzi fa il gradasso con gli 80 euro, ma si è dimenticato di noi". Sarà indetto un nuovo sciopero della fame e della sete

Salvatore Usala - malato di Sla

Salvatore Usala, portavoce del Comitato 16 Novembre, ha annunciato una manifestazione la prossima settimana, mercoledì 7 maggio, alle 10,30 davanti al dicastero di via XX settembre a Roma.
Contestualmente l' associazione malati Sla e malattie altamente invalidanti annuncia uno sciopero della fame e della sete. Usala e il comitato intendono così incalzare il governo sulle politiche assistenziali a favore dei malati di gravi malattie invalidanti come la Sla.


"Il presidente Renzi fa il gradasso con gli 80 euro in più in busta paga - scrive Usala -, ma dimentica di occuparsi di un altro esercito che non soffre di meno, anzi: 8 milioni di pensionati sotto i 1.000 euro, milioni di persone con disabilità con 280 euro, milioni di incapienti, ma sopratutto milioni di disoccupati".
Usala ringrazia il sottosegretario al Lavoro e Politiche Sociali, Luigi Bobba, per aver risposto a una lettera aperta dell'associazione.
"Ma - continua - dissentiamo totalmente dal contenuto. Siamo malati gravissimi, non tonti. Poteva risparmiarsi la lezioncina demagogica". E invita il governo a mantenere gli impegni presi con il decreto di riparto del fondo della non autosufficienza. "Non è possibile che uno stato civile debba costringere i disabili gravissimi a rinchiudersi in Rsa, quando anche i condannati possono scegliere i servizi sociali! Siamo pronti a morire per avere la libertà di scelta ed i diritti costituzionali".

Usala definisce "indecente e ingiusta" la riforma dell'Isee ( qui il link alla riforma che fu fatta dal Governo Letta ), che "non affronta il problema, nazionale, della non autosufficienza", rimandando eventuali aumenti alla finanziaria di fine anno, ed è "incapace di attuare politiche efficaci sulla disabilità, ignorando così diritti e principi della Convenzione internazionale dei diritti delle persone con disabilità, sottoscritta anche dall'Italia".


Usala e il suo comitato chiedono la convocazione immediata di un tavolo interministeriale, aperto a regioni e associazioni, per discutere e avviare un piano nazionale sulla non autosufficienza, favorendo, potenziando e omogeneizzando su tutto il territorio nazionale la domiciliarità indiretta; un impegno immediato per eliminazione dal calcolo dell'Isee delle provvidenze sociali esenti dall'Irpef; e l'erogazione entro maggio del fondo della non autosufficienza con rispetto degli accordi: 30% di 275 milioni più 75 milioni per i gravissimi 24 ore.

2 commenti:

  1. Per fortuna ci ha pensato Piero, ieri sera, a cantarle a Renzi :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed ora tutti addosso a Pelùùùùùùaaaaaaaaaaaaaaaaa

      Elimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie