Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

mercoledì 29 maggio 2013

L' addio di Equitalia: dal 30 giugno non ci sarà più l' iscrizione al ruolo ma l' ingiunzione fiscale

Articolo di Alessio Foligno
Direzione Generale
Supporto Legale Fiscalità Locale Equitalia Sud S.p.A.

I Comuni dal 30 Giugno 2013 dovranno provvedere a riscuotere le proprie entrate tributarie e patrimoniali non utilizzando più il ruolo ma avvalendosi dell’Ingiunzione Fiscale ex RD.639/1910 servendosi ,ove compatibili delle norme del titolo II del D.P.R. 602/1973.

Anche nel caso in cui il Legislatore, in ultimo, intendesse concedere una proroga ulteriore rispetto a quella già prevista dall’art. 9 comma 4 D.L. 10 Ottobre 2012 n.174 convertito con modificazioni in L.7 Dicembre 2012 n.213 prevista per il 30 giugno, gli Enti in questione potranno comunque decidere di gestire o direttamente o negli altri modi previsti dall’art. 52 comma 5 lettera b del D.Lgs. 446/1997 tale funzione.

Infatti le disposizioni previste dall’ art. 7 comma 2 lettera gg ter della L. 106/2011 con il quale si è prevista espressamente la uscita di Equitalia dal mondo della riscossione spontanea e coattiva dei Comuni, non sono reversibili e i Comuni dovranno, quindi, in linea con i principi di autonomia impositiva, di fiscalità federale e nel rispetto dei valori concorrenziali previsti dall’Unione Europea valutare in modo concreto la gestione del problema.


Le recenti norme che obbligano i Comuni ad aggregarsi ai fini di gestire con criteri di convenienza ed economicità le pubbliche funzioni potranno sicuramente aiutare le amministrazioni locali ad individuare le migliori soluzioni nel rispetto dell’efficienza e della economicità.

Tutto questo deve comunque anche ricondursi ed essere letto “ In attesa del riordino della disciplina delle attività di gestione e riscossione delle entrate degli enti territoriali “ che come recita l’art. 9 comma 4 citato è il principale impegno che il legislatore deve assolvere al fine di fare la giusta chiarezza nel mondo della riscossione delle entrate locali.

Tale chiarezza non potrà limitarsi ad un intervento che disciplini concretamente le modalità e gli istituti del ruolo alla ingiunzione e la corretta e concreta equiparazione dell’ingiunzione ad esso anche per quanto concerne le necessarie e propedeutiche legittimazioni all0’ accesso alla Anagrafe Tributaria, ma anche nella corretta definizione dei rapporti operativi ed economici tra l’Agente della Riscossione uscente ed i Comuni.

Dovrà chiarirsi e definirsi il destino dei ruoli in precedenza consegnati dai Comuni agli Agenti della Riscossione e cioè definire se essi continueranno a curarne la riscossione sino alle dichiarazioni di inesigibilità o se essi saranno e in che modalità restituiti agli enti titolari delle entrate. Inoltre dovranno chiudersi e definirsi i conti economici afferenti alla determinazione delle quote inesigibili.

In conclusione anche in caso di proroga e anche nelle more della definizione di detti aspetti i Comuni possono avvalersi dell’ingiunzione fiscale ex R.D.639/1910 per la riscossione coattiva delle proprie entrate tributarie e patrimoniali

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie