Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

giovedì 25 dicembre 2008

Centrali Nucleari: vantaggi, limiti e rischi



Quante volte il mondo politico italiano ha posto
la possibilità di creare centrali nucleari nel nostro Paese?
E' inevitabile che la mente vada a ciò che accadde
alla centrale di Chernobyl il 26 aprile 1986,
per chi non era ancora nato ( come il sottoscritto )
basta solo vedere gli effetti sulla gente e leggere un pò i particolari
che potete trovare su Wikipedia
per rendersi conto cosa può provocare una centrale
nel caso accada qualche evento disastroso.

Ma andando a vedere nel dettaglio,
quali sono i possibili vantaggi,
i rischi, i costi di questa fonte di energia?

Il consumo di energia negli ultimi anni è aumentato
e non di poco, e con studi e prototipi sono state trovate
fonti di energia alternative.
Vicino al nostro Paese c'è già una centrale nucleare,
e si trova in Francia a Cruas-Meysse, e l'energia prodotta
arriva fino a noi.

  • Una centrale nucleare produce gas serra?

Sì, ma pochi. Però se andiamo a vedere nel dettaglio,
durante la produzione di energia elettrica, una centrale nucleare
non emette affatto gas serra ( come la CO2 ).
Se si tiene conto dell' intero ciclo di vita
( dall' estrazione dell' uranio, miniere, fino allo
smantellamento della centrale e allo stoccaggio dei rifiuti )
l' emissione di gas serra è pari a 8 grammi di CO2 per kWh
di corrente elettrica prodotto.

Emissioni di CO2 per kWh prodotto
  • Idroelettrico 5 g
  • Nucleare 8 g
  • Vento 11-14 g
  • Fotovoltaico 60 g
  • Gas naturale 0,4-0,6 kg
  • Petrolio 0,9 kg
  • Carbone 1,07 kg

  • In quanto tempo si costruisce?

Eh beh, qui si parla di anni a scanso di eventuali complicazioni.
Per costruire un reattore di ultima generazione occorrono 50 mesi,
ma c'è bisogno delle varie autorizzazioni per costruire.
Ad esempio per la nuova centrale nucleare di Olkiluoto in Finlandia,
dal 1998 quando è iniziata la fase per così dire "burocratiche"
si concluderà il tutto nel 2010-2011.
In Italia per coprire il fabbisogno attuale servirebbero
28 centrali, si dovrebbero trovare i luoghi adatti,
vicino a grandi corsi d'acqua dacchè servono per
raffreddare il reattore.
Ma nel nostro Paese, quante regioni sarebbero
disponibili ad ospitare una centrale nucleare???
( Se zero è un numero io propongo questo! )

  • Quanto e come inquina?

Il suo inquinamento dipende da come vengono gestiti i suoi rifiuti
di altissima radioattività.
Siccome per "inattivarsi" queste scorie necessitano di
migliaia/centinaia di migliaia di anni,
servono siti appositi di stoccaggio stabili ed impermeabili.
E se ci mettiamo in mezzo la mafia e il denaro
( come per i rifiuti ) si può immaginare come questi
rifiuti siano come il gioco della palla avvelenata.

  • Quanto costa?

Il costo si aggira attorno ai 2 miliardi di euro
più gli interessi del 5-10%.
Sotto sono riportati i costi di produzione per MWh
calcolati sull' intera vita dell' impianto
( 20-20 anni compresi ammodernamenti e smantellamento )

  • Eolico 45/125 €
  • Gas 43/59 €
  • Nucleare 31/53 €
  • Carbone 28/59 €
Concludo ricordando perchè, nonostante le energie rinnovabili
non inquinino e siano facilmente reperibili senza neanche
rischi per ambiene e persone, non siano facilmente
utilizzabili e commercializzabili.
Tutto gira intorno al costo!
Difatti, usando metafore, ciò che viene prodotto con
una "macchina" inquinante costa meno di ciò che viene
prodotto con una ambientalista.
Il piano introdotto dall' Unione Europea denominato 20-20-20
mira a ridurre per tutti i paesi dell' UE, di almeno il 20%
le emissioni di gas serra entro il 2020; di raggiungere
quota 20% di energie rinnovabili nel totale
dei consumi energetici entro il 2020;
l' aumento dell' efficienza energetica, riducendo i consumi energetici
del 20% rispetto alle proiezioni del 2020.

Domanda:
meglio spendere meno e inquinare di più
con effetti anche sulla salute

nel corso degli anni,
o spendere di più senza inquinare,
nonostante molti troverebbero

il tutto un pò "palloso"?

Ricordo come la sola raccolta differenziata
diminuisca costi e impatto ambientale.
E' così difficile usare una borsa di stoffa
al posto dell' inquinante busta di plastica ai supermercati?


parte dei dati
presi da Focus N. 188-194 giugno dicembre 2008

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie