lunedì 5 dicembre 2016

Referendum,ho indovinato la seconda previsione:vince il "No".Risultato finale:il Pd aumenta il numero di elettori,gli altri partiti,invece,perdono voti

di Lapenna Daniele

#m5s #leganord #pd #matteorenzi #onesta #referendum2016 #referendumcostituzionale #movimento5stelle


Avevo già indovinato chi sarebbe diventato il nuovo presidente degli Stati Uniti con quattro mesi di anticipo e stavolta,con la mia seconda previsione,ho indovinato che avrebbe vinto il "No", solo che io ho riportato un 62% delle preferenze, mentre la casella del "No" è stata barrata dal 59,11% dei votanti. Vabbé,cosa di poco conto.
Ma come ho fatto la mia previsione? In base a quali dati l'ho sparacchiata così,alla cazzo di cane?
In realtà,a differenza dei mulacchioni che gironzolano soprattutto in web,ho consultato dei dati reali che mi hanno permesso di azzeccare in modo piuttosto facile.E 'sta cosa la poteva fare chiunque.

ELEZIONI DEL 2013
Ho preso i dati delle elezioni politiche nazionali del febbraio 2013,precisamente solo quelli della Camera dei Deputati,visto che al Referendum ha potuto votare qualsiasi elettore,mentre per le elezioni nazionali,gli under 25 non hanno potuto votare per il Senato della Repubblica. Però ho tenuto conto anche delle europee del maggio 2014 (qui un resoconto dal mio blog).

La coalizione del Pd ha ottenuto 10.049.393 voti. Poi abbiamo quella del centro-destra,il MoVimento 5 Stelle,ed altre liste più piccole. Ho preso i partiti che si sono espressi per il "Sì" o per il "No".
Ho stilato quindi questa tabella che non aveva certezza ma che rispecchiava abbastanza fedelmente un possibile scenario sul voto del 4 dicembre:
clicca sull'immagine per ingrandirla
Cercando in web,ho scoperto,in due secondi,che scelta invitassero a fare i vari partiti,e li ho sistemati per categoria: in quella del "Sì" ho messo il Pd e qualche partito piccolo che invitava a votare "Sì" (come Scelta Civica,il partito dell'ex premier Mario Monti),e nel gruppo del "No" tutti gli altri,dal M5s,alla Lega Nord,sino a Casapound.

sabato 3 dicembre 2016

Farmaci contro gastrite,ulcera e reflusso gastroesofageo:se presi a lungo posso essere pericolosi

quotidianosanita.it
medicitalia.it

I farmaci inibitori della pompa protonica (IPP, impropriamente noti anche come Prazoli) hanno come azione quella di ridurre l'acidità dei succhi gastrici per parecchio tempo (dalle 18 alle 24 ore).
In Italia sono tra i farmaci più venduti per la cura dell’ulcera peptica e della malattia da reflusso gastroesofageo, ma da parecchi anni se sta abusando troppo. Le conseguenze del suo eccessivo utilizzo possono provocare effetti collaterali anche gravi.

Il Canadian Medical Association Journal ha pubblicato uno studio accurato sugli effetti di questi farmaci.
Gli effetti,anche se rari,possono esser gravi e anche a lungo termine.Alcuni degli effetti sono il rischio di infezioni da Clostridium difficile, di fratture e di grave ipomagnesemia (riduzione di livelli di magnesio nel sangue).
Inoltre,come evidenziato da un test su volontari sani che avevano assunto per 4-8 settimane questi farmaci, si è notata una comparsa di dispepsia (difficoltà di digestione) alla sospensione del farmaco, dovuta agli elevati livelli di gastrina e di cromogranina A.
L’alterazione dei livelli di pH gastrici, riduce l’assorbimento della vitamina B12 e del ferro non eme.

Tra i più frequenti effetti collaterali o indesiderati si hanno in particolare:

mercoledì 23 novembre 2016

Soppressione Equitalia: l'ente non sparirà ma verrà sostituito. Tra le novità,la possibilità di accedere alla banca dati dell'INPS con una più efficace lotta all'evasione fiscale

di Lapenna Daniele

#equitalia #agenziadelleentrate #matteorenzi #pd #economia #politica

Il decreto legge 193/2016 del governo Renzi sopprime realmente Equitalia,ma crea un nuovo ente interno all'Agenzia delle Entrate che potrà usufruire dei dati dell'Inps ed esser più incisivo nella riscossione. La rateizzazione senza interessi dei debiti,invece,prevede la rinuncia ad azioni legali per eventuali sgravi


Possiamo finalmente dire ciao (o "ciaone") a Equitalia. Ma è veramente così? O c'è qualcosa di losco sotto questa presunta abolizione dell'ente più odiato dagli italiani nell'ultimo decennio?

Con il decreto legge n.193 del 22 ottobre 2016, "Disposizioni urgenti in materia fiscale e per il finanziamento di esigenze indifferibili",il governo Renzi sopprime definitivamente l'ente Equitalia S.p.a. Vediamo in dettaglio il decreto in modo da capirci qualcos di più. Come sempre, l'articolo è pieno zeppo di link ipertestuali che vi rimanderanno soprattutto alle leggi ivi menzionate.

ADDIO EQUITALIA...
Partiamo con l'articolo 1:
Il comma 1 riporta che dal 1° luglio 2017  le società del Gruppo Equitalia (Equitalia Nord S.p.a.,Equitalia Centro S.p.a.,Equitalia Sud S.p.a.,Equitalia Giustizia S.p.a.,Equitalia Servizi S.p.a.) sono sciolte. Le stesse sono cancellate d'ufficio dal registro delle imprese ed estinte.

Il comma 2 spiega che dal 1° Luglio 2017 l'esercizio delle funzioni relative alla riscossione nazionale è riattribuito all'Agenzia delle entrate di cui all'articolo 62 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 comma 3.

...BENVENUTA AGENZIA DELLE ENTRATE-RISCOSSIONE
Il comma 3 svela subito il nome dell'ente che dovrà gestire la riscossione dei tributi non versati al fisco da parte dei contribuenti. Ed è una cosa ovvia che debba esserci un ente addetto alla riscossione,visto che l'Agenzia delle Entrate al massimo può inviare degli avvisi di mancato pagamento non potendosi occupare direttamente della riscossione dei crediti.
Così leggiamo che «al fine di garantire la continuità e la funzionalità delle attività di riscossione, è istituito un ente pubblico economico denominato "Agenzia delle entrate-Riscossione" sottoposto all'indirizzo e alla vigilanza del Ministro dell'economia e delle finanze».

sabato 19 novembre 2016

Sta avvenendo un vero cambiamento tra gli elettori? Analisi politica-sociale sugli elettori che votano bendati

di Lapenna Daniele

#Trump #matteosalvini #beppegrillo #populismo #leganord #m5s #pd


Negli ultimi anni,a dir di molti,il mondo sta cambiando. C'è chi dice in meglio,e chi dice in peggio.
La descrizione della realtà estremista che si sta facendo strada in molte nazioni è reale.Sono estremismi positivi? Negativi? O semplicemente delle posizioni ferree che nessun governante ha mai preso per la sua nazione?

CERCANDO UN COLPEVOLE
Ogni popolo (non solo quello italiano) cerca sempre un colpevole sul quale addossare la colpa.È una tecnica liberatoria,se ne esce puliti e si è convinti di fare la scelta più giusta.In realtà non è solo l'uomo che agisce così.
Ricordo quell'esperimento famoso (qui il video che dura un minuto,dal sito YouTube) dove due topi vengono messi in una specie di contenitore chiuso ermeticamente: a terra ci sono tubi che d'improvviso,e a comando dello scienziato,lanciano una scarica elettrica. Entrambe le cavie non cercano la causa della scossa,ma attaccano l'altro topo.
La cosa grave è che l'attaccare un altro uomo,senza cercare la verità dei fatti,lo faccia anche un individuo pensante come l'essere umano,appunto.

Matteo Salvini lo ha capito. La politica francese Le Pèn anche. Così come lo ha capito Trump. Lo stesso MoVimento 5 Stelle ha ottenuto più voti del Pd alla Camera dei Deputati nelle elezioni del 2013. Se non ci fosse stata la Legge Calderoli (il Porcellum),e quindi i partiti si sarebbero dovuti presentare da soli,senza poter creare delle coalizioni,il M5s sarebbe stato il vincitore (alla Camera). E i voti come li ha presi?
Con i comizi di un comico ignorante in politica che sapeva (e sa) solo far salire l'indignazione del popolo.
Quando un cittadino vede un candidato che pensa come loro,essi lo votano,senza pensarci più di un secondo. Se non fosse così,non avremmo mai avuto cittadini che,il giorno stesso all'aver saputo che ci sarebbe stato il Referendum sul ddl Boschi,già sapevano di dover votare "No" o "Sì" senza neanche aver capito su cosa avrebbero dovuto votare.
E questa è una cosa che fa davvero paura.La gente non vuole informarsi, non vuole capire,ma vuole solo un politico che dia loro ragione,che dia ragione alla loro pancia affamata,senza accorgersi che essi pensano a tutto tranne che a loro.

venerdì 18 novembre 2016

I vegani e vegetariano pensano di non uccidere animali: in realtà,lo fanno

di Lapenna Daniele

#vegan #govegan #PETA #vegetarianesimo #vegetarian #vegani

Da adolescente divenne vegetariano poi,studiando gli animali,ritornò ad essere onnivoro.Un noto naturalista argentino spiega l'incoerenza di molti vegani e come il non mangiare carne causa comunque la morte di altri animali

Di solito,chi diventa vegano lo fa o per una scelta salutistica,sottolineando come una dieta priva di alimenti di origine animale porti a contrarre meno malattie,oppure per una scelta etica. La motivazione del rinunciare al cibarsi di animali nasce dalla voglia di preservare la loro vita,sicuri che si salvino solo evitando di mangiarli.
Ma è davvero così? La risposta è no.Ma questa risposta non è la mia,ma di un certo Bertonatti.

Claudio Bertonatti è un famoso naturalista argentino (nonostante il suo nome italianissimo) e anche ex amministratore delegato dello Zoo di Buenos Aires. "Ex" perché diede le dimissioni quando il suo piano per trasformare il parco in un centro di conservazione per le specie minacciate non fu approvato.È stato un vegetariano proprio per proteggere gli animali. Dopo,però,è tornato ad essere onnivoro.
Il suo ri-cambio di rotta nella scelta alimentare lo racconta in un'intervista al sito PlayGrounds (che trovate qui) dove spiega perché ha abbandonato il mondo vegan.

NON SI PUO' EVITARE LA MORTE DI UN ANIMALE
Sul suo sito personale pubblicò un articolo dal titolo "La confusione Vegan" dove spiegò che mangiare verdura non impedisce che muoiano degli animali. Bertonatti fece così infuriare tantissimi vegani e vegetariani.

Il naturalista argentino spiega che la sua scelta nasce da adolescente,quando capì che doveva preservare la vita dei tanti animali del creato ammazzati per essere mangiati. Con gli anni ha iniziato a studiare la natura e uscire in campagna per osservare la fauna selvatica. Notò che nei campi di colture agricole non c'erano uccelli, e quei pochi che erano lì erano perseguitati a vita.Poi iniziò a studiare anfibi, mammiferi, rettili e pesci,e capì di essere molto confuso.
Arrivò a comprendere che l'essere vegetariano permetteva di evitare la morte e la sofferenza degli animali domestici, ma non di specie selvatiche, e molte di queste,a differenza di mucche, maiali e capre,stavano scomparendo. «Così, sono tornato ad essere un onnivoro» spiega Bertonatti.


giovedì 17 novembre 2016

Prodotti...esplosivi! Dal cellulare Samsung alla birra tedesca. Ecco i prodotti a rischio esplosione ritirati dal mercato

di Lapenna Daniele

#samsung #explosion #esplosioni #birra #vino #sigarette


A fine anno si sa,ci sono le esplosioni dei fuochi artificiali,e tutti festeggiamo allegramente (tranne gli animali,che si cagano sotto). Ma.. cosa accade quando le esplosioni riguardano dei prodotti con i quali siamo a contatto ogni giorno?

È il caso dell'ormai famoso Samsung Note 7,ritirato dalla produzione dopo i tanti episodi avvenuti in varie parti del mondo - dalla Korea agli Stati Uniti - in cui ha preso fuoco,oppure è esploso (o era a rischio esplosione).

Di recente,in Canada,è esploso un Samsung Galaxy S7:un uomo stava guidando quando ha sentito il suo Galaxy S7 surriscaldarsi in tasca. Neanche il tempo di tirarlo fuori che il telefono è esploso, riempiendo la vettura di fumo. Amarjit Mann, questo è il nome del 34enne, ha poi gettato il dispositivo fuori dal finestrino riportando però ustioni di secondo grado alle mani (vedi foto sopra) e di terzo grado ai polsi.

mercoledì 16 novembre 2016

Giorgino VS Di Battista: il deputato 5stelle si incastra da solo evitando le domande e mostrando di non conoscere la Sentenza della Corte sul Porcellum

di Lapenna Daniele

#MoVimento5Stelle #m5s #DiBattista
#beppegrillo


Al programma di Giovanni Floris su La7,sono presenti,tra gli ospiti,anche il giornalista di Rai1 Francesco Giorgino e,in collegamento video,il deputato del MoVimento 5 Stelle Alessandro di Battista.

Giorgino inizia il suo intervento effettuando una precisazione su quanto il deputato 5stelle afferma in merito alla sentenza della Corte Costituzionale avvenuta il 15 gennaio 2014 in merito alla legge elettorale - il Porcellum o Legge Calderoli - che era vigente nel 2013 e che ha permesso al Pd,al M5s,a Fi,alla Lega Nord e a tanti altri partiti minori di entrare in Parlamento.
La Sentenza (testo completo qui) dice delle cose ben chiare,ma a sentire Di Battista,si capisce che il deputato 5stelle probabilmente non l'hai mai letta.

Giorgino è stato educatissimo (e non arrogante,come lo definisce il politico 5stelle),mentre Di Battista ha fatto e continua a fare il "Grillo",ovvero "l'uomo della piazza" che ne spara di tutti i colori,anche cose non vere,solo perché l'importante è colpire gli stomaci delle persone indignate che non si informano correttamente.E il politico non è nuovo ad uscite un po' surreali.
Di Battista prosegue il suo atteggiamento con il quale sostituisce le risposte che dovrebbe dare alle domande ben precise con slogan che servono per far indignare e arrabbiare coloro che lo stanno ascoltando e che lo sostengono,oppure sono indecisi ma simpatizzanti il M5s.

Ormai abbiamo capito che Di Battista o non sa come si ottiene una fiducia,oppure non vuole sottointendere che il M5s potrà governare solo se prenderà una quantità di voti disumana,.. ma sa che non accadrà un evento simile,e quindi continua a protendere per il governo 5stelle che,come spiega molto bene Giorgino,non potrà mai esserci senza l'appoggio delle altre forze politiche.

Last but not the least, la Sentenza della Corte sul Porcellum.
Qui,Di Battista non ha letto una riga di quella sentenza,altrimenti
1- non darebbe dell'arrogante a Giorgino,il quale è sempre molto educato
2- non direbbe che il governo è illegittimo ed è rimasto nonostante la sentenza della consulta.

Luna più grossa? No,è solo curvy!


domenica 13 novembre 2016

Lunedì 14 Novembre ci sarà la Super Luna. Il nostro satellite sarà più grande e più luminoso come non accadeva da 68 anni

supereva.it

Il 14 novembre vi conviene alzare gli occhi al cielo, perché sta per arrivare la Superluna! Una Luna davvero speciale che, secondo gli scienziati, sarà la più grande e luminosa dal 1948. Il prossimo 14 novembre infatti la Luna sarà in una fase di plenilunio, ma anche al perigeo, ossia alla minima distanza dal pianeta Terra. Per questo apparirà nel cielo più grande e luminosa del solito.

Era da 68 anni, ossia dal 26 gennaio 1948 che la Luna non si avvicinava così alla Terra percorrendo la sua orbita ellittica. All’epoca si avvicinò al nostro pianeta a 356.461 km, questa volta farà di più arrivando, secondo gli ultimi dati, a 356.445 km di distanza dalla Terra.

Ma da dove nasce la Superluna?
clicca sull'immagine per ingrandire
Il satellite che con la sua bellezza ha ispirato poeti e cantanti, percorre un’orbita ellittica. Questo significa che la sua distanza dalla Terra varia passando da un valore minimo, detto perigeo, a circa 356.410 km, ad uno massimo, detto apogeo, a circa 406.740 km. Fra i punti di massimo e di minimo c’è una differenza di circa 50.000 chilometri, che fa apparire la Luna al perigeo il 14% più grande e il 30% più luminosa. Il fenomeno è ciclico e è non raro, ma comunque sia molto spettacolare.

Quando si trova all’apogeo la Luna appare più piccola, mentre quando è al perigeo è più grande. Il primo a coniare il termine Superluna fu Richard Nolle. Lo studioso ha usato questo termine per definire un “novilunio o plenilunio che si verifica quando la Luna si trova al o vicino (entro il 90% del) punto di minima distanza dalla Terra in una data orbita (ossia a 361.836 km di distanza)”. Considerando questa definizione si verificano ogni anno in media circa 4 e 6 Superlune.

lunedì 7 novembre 2016

Candida Auris: il batterio mortale resistente ai farmaci che sta preoccupando gli Stati Uniti

msn.com

Si chiama Candida auris. È un fungo che sta mettendo in allarme gli Stati Uniti dove è recentemente arrivato perché è spesso resistente ai farmaci e talvolta addirittura mortale. Non sono quindi solo i «superbatteri» e la resistenza alla maggior parte delle classi di antibiotici a preoccupare. I centri statunitensi per il Controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) parlano di 13 casi di infezione grave da Candida Auris, di cui 4 mortali. I pazienti colpiti si trovavano già in condizioni di base gravi, ma i ricercatori sono preoccupati perché hanno notato che questa forma si sta diffondendo gravemente negli Usa.

Isolata per la prima volta nel 2009 in un paziente giapponese, la Candida Auris e si è diffusa a livello globale in Regno Unito, Corea del Sud, India, Sud Africa, Kuwait, Colombia, Venezuela, Pakistan. Il primo caso negli Stati Uniti è stato individuato nel 2013.

Quasi tutti i ceppi finora isolati (71%) sono risultati resistenti ai farmaci specifici antifungini (fluconazolo, voriconazolo, amfotericina B). I pazienti di solito si infettano dopo aver trascorso diverse settimane in ospedale e i fattori di rischio sono interventi chirurgici e l’utilizzo di cateteri anche se il meccanismo esatto di diffusione all’interno delle strutture sanitarie non è noto.
I test attualmente disponibili in commercio non sono in grado di distinguere la Candida Auris dalle altre specie di Candida.
«Dobbiamo agire ora per fermarne la diffusione», ha detto il direttore dei Cdc Tom Frieden in un comunicato, «si tratta di una minaccia emergente e abbiamo bisogno di proteggere i pazienti, soprattutto quelli più vulnerabili». Massima igiene e segnalazione di ogni caso sospetto, concludono i Cdc sono i primi passi per fermare il contagio.

Domande e risposte sulla Candida Auris dal sito governativo del Cdc
http://www.cdc.gov/fungal/diseases/candidiasis/candida-auris-qanda.html

venerdì 4 novembre 2016

Dimenticare le cose è sinonimo di intelligenza. Uno studio svela che gli smemorati hanno un'intelligenza superiore

supereva.it

Vi capita spesso di dimenticare le cose? Non preoccupatevi, è sintomo d’intelligenza ed è la scienza stessa a dirlo. Secondo i risultati di uno studio condotto presso l’Università di Glasgow, in Scozia, coloro che tendono a dimenticare sono più propensi anche ad imparare. Per molti può rappresentare un problema, in quanto si viene spesso accusati di essere distratti o di non prestare la dovuta attenzione. Da oggi si può smettere di farsi divorare dai sensi di colpa, perché essere più intelligenti rispetto alla media non è decisamente un difetto.

Memorizzare e imparare qualsiasi cosa sono due cose completamente differenti e ci sono alcune menti che tendono a dividere i concetti automaticamente. Non dimentichiamo ciò che impariamo, ma il nostro cervello elimina tutte le informazioni secondarie per lasciare il posto a quelle nuove. Dimenticare è infatti un processo completamente naturale e fa in modo di aumentare e velocizzare la capacità di apprendimento. Le persone più smemorate, quindi, non ricordano diversi fatti che non abbiano un’importanza rilevante, semplicemente perché ne hanno immagazzinati molti altri, i quali hanno sostituito i precedenti.

Perché le persone intelligenti hanno pochi amici? Uno studio ne ha spiegato il motivo

supereva.it

Le persone intelligenti hanno pochi amici: più alto è il quoziente intellettivo, minore sembra essere il bisogno umano di interagire intimamente con gli altri


Le persone intelligenti hanno pochi amici ed alcuni scienziati hanno cercato di spiegarne la ragione. Sicuramente è necessario avere degli amici su cui contare e la comunicazione costante ha i suoi vantaggi, ma i ricercatori hanno cercato di rispondere alla seguente domanda: bisogna veramente avere degli amici per essere felici e pienamente soddisfatti della propria vita? A questo scopo, hanno effettuato uno studio su 15mila persone di età compresa tra i 18 e i 28 anni; ragazzi e ragazze che vivono in luoghi con diversa densità di popolazione e che comunicano con i loro amici con frequenze diverse.

Gli psicologi evoluzionisti Satoshi Kanazawa della London School of Economics e Norman Lee dell’Università di Singapore, dopo aver analizzato i risultati delle indagini, pubblicati poi sul British Journal of Psychology, sono arrivati ad alcune conclusioni. Innanzitutto affermano che le persone che vivono in luoghi ad alta densità di popolazione, di solito, si sentono meno felici. In secondo luogo, per sentirsi appagati e sereni, gli intervistati devono frequentare delle persone che condividono il loro pensiero: più stretta è la comunicazione, maggiore sembra essere il livello di felicità che si può raggiungere.

I ricercatori sostengono, però, che le persone più intelligenti sono un’eccezione a questa regola. Più alto è il quoziente intellettivo, minore sembra essere il bisogno umano di interagire con gli amici e di ottenere un riconoscimento nel gruppo. Il cervello di una persona con elevate capacità intellettuali funziona infatti in modo diverso e questa differenza include anche l’aspetto della socialità. L’attività sociale per i soggetti con un’intelligenza sopra la media non rappresenta una necessità di vita: le persone intelligenti, di conseguenza, hanno pochi amici ed una piccola cerchia sociale.

La maggior parte dei geni sono solitari. Questo in parte è dovuto al fatto che poche persone li capiscono e li accettano, ma per loro questo non è affatto un problema. Al contrario, più si sforzano di socializzare, meno si sentono felici. Le persone intelligenti preferiscono infatti impegnarsi per conseguire importanti risultati a lungo termine piuttosto che per fare amicizia e mantenere in vita i rapporti interpersonali. La socializzazione rischia di distrarli dall’obiettivo principale e di cancellare la loro armonia interiore: le persone intelligenti hanno quindi pochi amici e solo occasionalmente sentono il bisogno di interagire intimamente con gli altri.

Opinione personale:
Avere tanti amici non è una cosa di cui vantarsi.
La maggior parte delle volte non si ha nulla,o poco in comune. Si crede di avere tutto in comune solo perché si passa sopra la propria di paura di rimanere soli.

Si sopportano cose che non si farebbero,direbbero o seguirebbero se si fosse da soli. È così che ci si modella e si diventa ciò che non si è,si sottomette il proprio "io" che diviene piccolo,si incastra in un angolino,e teme di uscire fuori.

La maggior parte delle volte è un "io" pieno di paure che si maschera da persona coraggiosa,estroversa e potente all'esterno,ma invece non lo è.
Il più grave errore dell'essere umano nato e cresciuto nella società è sottomettere sè stesso per una causa che produrrà in lui solo sofferenza.

Daniele Lapenna

mercoledì 2 novembre 2016

Sentenza della Cassazione conferma:l'installazione del modem e la configurazione del computer è sempre gratis

investireoggi.it


È successo a molti di stipulare un contratto con una compagnia telefonica includendo anche l'installazione del modem.
Ma è giusto pagare il tecnico della Telecom (ora,Tim) che viene ad installarlo a casa vostra?

Secondo la recente sentenza della Cassazione numero 21365 del del 24 ottobre 2016, il tecnico che effettua l’installazione del modem non può chiedere alcun compenso se questo non è previsto nell’abbonamento,e qualora questi lo richieda potrà essere anche denunciato all’azienda e licenziato.

Il caso della sentenze ha visto coinvolto un incaricato di una compagnia telefonica che si era recato presso la dimora di un cliente per installare un modem e configurare il Pc per la ottenere la connessione Wi-Fi . Costui aveva chiesto un compenso di 90 euro e la cliente aveva elargito tale somma senza pensare che tale cifra sarebbe stata addebitata in seguito nella bolletta. Tale comportamento, da parte dell’impiegato, è stato ritenuto dannoso all’immagine dell’azienda anche perché il contratto collettivo riguardante questo tipo di lavoro vieta che si accetti qualsiasi compenso economico durante l’adempimento di una prestazione lavorativa compresa anche la spontanea elargizione.

lunedì 31 ottobre 2016

Paga una cartella esattoriale di Equitalia, ma è una truffa

estense.com

Truffa online con tanto di finta cartella esattoriale. E’ quella messa in pratica da un giovane italiano pregiudicato, S.F., classe 1992, di Siracusa che ha raggirato una 33enne di Copparo.

Il ragazzo di 24 anni ha spedito alla donna copparese una email in maniera fraudolenta, allegando una cartella esattoriale insoluta. Nel messaggio veniva notificato che bisogna pagare quanto dovuto tramite versamento a un conto corrente della Carisbo.

In buona fede, la donna ha effettuato il versamento di 1700 euro, salvo poi rendersi conto di essere stata vittima di una truffa. Denunciato il fatto ai carabinieri della Stazione di Copparo, i militari hanno denunciato il 24enne che non era nuovo a questo tipo di raggiri.

venerdì 28 ottobre 2016

Medici Senza Frontiere pubblica un sito con le dieci leggende metropolitane sugli immigrati sfatate

#immigrazione

Il sito di medici senza frontiere ha creato un sito dove riporta le dieci leggende più diffuse sugli immigrati,sfatate una ad una.

Le leggende riportate sul sito sono:
  1. Ci portano le malattie
  2. Li trattiamo meglio degli italiani
  3. Aiutiamoli a casa loro
  4. Hanno pure lo smartphone
  5. Vengono tutti in Italia,sono troppi!
  6. Sono tutti uomini giovani  e forti
  7. Ci rubano il lavoro
  8. Non scappano dalla guerra
  9. Sbarcano i terroristi
  10. Sono pericolosi
Le risposte al sito web
http://milionidipassi.medicisenzafrontiere.it/antislogan/

Un gentile utente del web ha pubblicato un link di un altro sito web il quale smentisce questi dieci punti analizzati da Medici Senza Frontiere.
Si tratta di questo articolo
http://www.ilprimatonazionale.it/cronaca/dieci-falsita-sui-migranti-che-invece-sono-tutte-vere-51964/

Ho voluto così leggerlo e commentarlo. Qui sotto il mio commento

mercoledì 26 ottobre 2016

In campagna elettorale,tutto è lecito

il cartellone che ho visto a Cagliari
di Lapenna Daniele
#bastaunsi #iovotono #pd #matteorenzi #comitatodelno
Certo,non siamo in campagna elettorale per eleggere il presidente del consiglio (anche se molti lo vorrebbero) però questi mesi sono stati forti,di lotta,e la battaglia fra le due fazioni,quella del "Sì" e quella del "No" si sono date veramente battaglia. Figuriamoci quando voteremo per eleggere il nuovo governo.

A Cagliari,in queste ultime settimane sono apparsi manifesti che invitano a votare "Sì" al Referendum del 4 dicembre,scrivendo,in due frasi (purtroppo non ho un'immagine del manifesto ma se voi la trovaste,linkatemela nei commenti) che votando "sì",si diminuiranno i costi della politica e si avrà un'Italia migliore. Inoltre,sempre in città,ho visto apparire un cartellone pubblicitario enorme che è stato apposto per contrastare la campagna per il "Sì". La scritta dice

«Il futuro della Sardegna in mano ai sardi VOTA NO»

Sinceramente non ho capito il senso della frase perché,a quanto ne sappia io (che ho letto la Riforma), votando "Sì",la Sardegna non va in mano agli svizzeri o ai francesi. Lo slogan serve per usare a proprio vantaggio la forza che i sardi hanno dentro di loro: l'orgoglio.
Come molti del sud (ma soprattutto delle isole),se a un sardo "tocchi" la Sardegna,so' cazzi amari per tutti! Quindi il cartellone sfrutta,in modo subdolo,questa caratteristica di molti sardi per poter accumulare altri voti per il "NO".
Ovviamente già so che il lettore starà svalvolando come un indemoniato dandomi del grillino o del piddino,..e io vi invito a calmarvi. Il punto non è cosa sia giusto votare,ma quale sia il modo giusto per spiegare ai cittadini l'argomento del Referendum. Certo,diranno molti di voi,se è giusto votare "No",ti dovranno convincere in tutti i modi,anche quelli più subdoli,a optare per la scelta migliore. Certo anche che il cittadino deve informarsi,deve leggere le leggi (scusate il giochino di parole) e se si fa gabbare da qualcuno,è solo colpa sua.
Io,con i miei pochi (ma lunghi) post sul Referendum,ho voluto spiegare quel che io ho capito,e ho voluto lasciare l'utente libero di decidere sul cosa votare.
Ma poi,.. qual è la scelta migliore? Non è forse il cittadino che deve informarsi e votare solo se ha capito le conseguenze della sua scelta? Non lamentiamoci della politica e dei politici se non facciamo nulla per esserne partecipi. Almeno in parte.

Abbandono anziani:è reato punito col carcere

it.blastingnews.com


Con la sentenza n.44098 del 18/10/2016 la Cassazione ha chiarito che "anche lasciare il padre anziano da solo può costituire un'ipotesi di abbandono di persone incapaci" e può essere penalmente sanzionata.
L'art. 591 al comma 1 del codice penale recita: «Chiunque abbandona una persona minore degli anni quattordici, ovvero una persona incapace, per malattia di mente o di corpo, per vecchiaia, o per altra causa, di provvedere a se stessa, e della quale abbia la custodia o debba avere cura, è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni».

Con la sentenza n.44098/2016,la Cassazione ha affermato che il reato di cui all'art. 591 è integrato quando si pongono in essere condotte contrarie all'obbligo giuridico di cura, a colui che spetta e si accerti un pericolo per il soggetto trascurato.

venerdì 21 ottobre 2016

Approvata la nuova legge sul caporalato:336 voti a favore,si astengono Forza Italia e Lega Nord

ilpost.it

Martedì 18 ottobre la Camera dei deputati ha approvato definitivamente il disegno di legge contro il caporalato che, tra le altre cose, contiene specifiche misure per i lavoratori stagionali in agricoltura ed estende responsabilità e sanzioni per i “caporali” e gli imprenditori che fanno ricorso alla loro intermediazione. I voti a favore sono stati 336, nessun contrario, gli astenuti sono stati 25 (Forza Italia e Lega). Il testo era già stato approvato dal Senato lo scorso agosto.

I principali filoni di intervento del provvedimento, che si compone di 12 articoli, riguardano:
  • la riscrittura del reato di caporalato (intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro), che introduce la sanzionabilità anche del datore di lavoro;
  • l'applicazione di un'attenuante in caso di collaborazione con le autorità;
  • l'arresto obbligatorio in flagranza di reato;
  • il rafforzamento dell'istituto della confisca;
  • l'adozione di misure cautelari relative all'azienda agricola in cui è commesso il reato;
  • l'estensione alle persone giuridiche della responsabilità per il reato di caporalato;
  • l'estensione alle vittime del caporalato delle provvidenze del Fondo antitratta;
  • il potenziamento della Rete del lavoro agricolo di qualità, in funzione di strumento di controllo e prevenzione del lavoro nero in agricoltura;
  • il graduale riallineamento delle retribuzioni nel settore agricolo.



Il “caporalato” è un fenomeno presente soprattutto nei settori dell’agricoltura e dell’edilizia e consiste nel reclutamento, da parte di soggetti spesso collegati con organizzazioni criminali, di lavoratori che vengono trasportati sui campi o nei cantieri edili per essere messi a disposizione di un’impresa. I lavoratori sono spesso italiani in grande difficoltà economica e immigrati irregolari senza permesso di soggiorno: queste persone, che si trovano in una posizione molto debole, vengono pagate pochissimo (spesso prendono 30-40 euro per 10-12 ore di lavoro), fanno lavori con turni lunghi e faticosi e subiscono spesso maltrattamenti, violenze e intimidazioni da parte dei cosiddetti “caporali”, le persone che gestiscono il traffico dei lavoratori.

La storia di Jeanne,la donna francese vissuta 122 anni che vendette pennelli a Van Gogh e fumò sino ai 118 anni

bergamopost.it


Jeanne Calment, detiene il record mondiale di longevità: nacque il 21 febbraio 1875 alle 7 del mattino ad Arles (Francia) e morì il 4 agosto 1997 a 122 anni e 164 giorni.
Confermata dall'atto di nascita, tale longevità fu accuratamente documentata dagli studi scientifici sul suo caso, e la verifica richiese un dispiegamento di mezzi senza precedenti per un riscontro del genere. Condusse una vita estremamente attiva, tanto che cominciò a praticare la scherma a 85 anni, e a 100 anni andava ancora in bicicletta. Inoltre fumò fino ai 118 anni.

Ultima di quattro figli,Antoine (1862-1866), Marie (1863-1865) e François (1865-1962),Jeanne nacque quando nel cielo vagavano ancora mongolfiere e dirigibili. Già, perché il primo aeroplano vide la luce nel 1903, quando i fratelli Wright fecero spiccare il volo ad una sorta di aliante, dotato di un motore da 16 cavalli nella Carolina del Nord. Fra il 1881 e il 1886 frequenta una scuola privata elementare in Place de la République. Quando morì Victor Hugo, il primo giugno 1885, la piccola Jeanne era a Parigi e partecipò assieme alla sua famiglia al funerale del secolo, a cui la Francia intera partecipò per dire addio al suo “poeta sovrano”.
Tre anni dopo,nel 1888,conosce Vincent van Gogh nel negozio di suo padre, una bottega dove si poteva trovare l’occorrente per dipingere. «Brutto come la fame, sporco, mal vestito e sgradevole. Ma tanto gentile con me». Con queste parole Jean ricorda l’incontro con il pittore dei Girasoli.

venerdì 14 ottobre 2016

La commissione del ministro Lorenzin e la nomina di Rossi:coinvolto in un caso di corruzione si salvò grazie alla prescrizione del reato

Lapenna Daniele

Al programma Report del 10 ottobre scorso hanno raccontato la vicenda di Pasqualino Rossi (in foto).
Un inviato del programma di Rai Tre ha chiesto al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin se conoscesse il passato giudiziario di Rossi.
La ministra,dopo aver spiegato di averlo scelto come rappresentante italiano per la sicurezza alimentare e dei farmaci in base ad una consultazione interna,si è poi defilata senza commentare la domanda relativa al fatto se fosse a conoscenza dell'indagine che vide protagonista Rossi sette anni fa.

Cosa ha fatto di grave Pasqualino Rossi?
Oh beh,... niente di grave,se non esser stato ripreso mentre riceveva del denaro per far sì che l'azienda produttrice del farmaco Aulin potesse continuare a commercializzarlo in Italia nonostante fosse stato sospeso in altri Paesi per i suoi gravi effetti collaterali.

Come è andata a finire la vicenda?
È stato ammesso il reato di corruzione (filmato e fotografato) ma grazie alla prescrizione,tutto è caduto in nulla di fatto ancora prima della prima udienza che si sarebbe dovuta tenere dopo 7 anni dal reato.

Dunque...
- Rossi ha commesso un reato di corruzione quando era rappresentante dell'Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco);
- Rossi ammette il reato commesso (grazie alle prove);
- l'accusa cade a causa della prescrizione;
- il ministro Lorenzin,nel 2015,nomina Rossi come rappresentante fisso dell'Italia in UE proprio per le relazioni riguardanti i farmaci (oltre che la sicurezza alimentare)

La domanda è:
il ministro sapeva del passato giudiziario di Rossi?
E se non lo sapeva lo ha saputo oggi con la domanda del giornalista,quindi..come mai non lo ha rimosso dall'incarico?

Certo,in base alla legge è innocente,ma il reato lo ha commesso e lo ha ammesso.
Secondo voi è giusto che sia stato ri-nominato per lo stesso impiego pubblico?

Qui c'è un link all'articolo del Corriere della Sera che spiega la vicenda di Rossi
http://www.corriere.it/cronache/16_ottobre_05/dirigente-prescritto-corruzione-rappresenta-italia-ue-433b79b8-8a6e-11e6-8935-fd9af6958684.shtml
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...