Segui la pagina Facebook


Io NON sto con i ristoratori

 


Tralasciando per un attimo il movimento degli imprenditori che vogliono riaprire che sono diretti da un politico, parliamo dei ristoratori che sono la categoria più in vista, quella che sta chiedendo da mesi di riaprire, quelli che sembrano i più colpiti dalle chiusure per l'emergenza covid.

Quel che fa riflettere è che i ristoratori hanno ricevuto i ristori nonostante siano state le uniche delle poche attività che sono rimaste aperte e attive anche in lockdown.
Praticamente sono gli unici che possono lavorare praticamente SEMPRE grazie all'asporto.
I ristori del governo Conte avevano previsto soldi per attività sino a 5 milioni di euro di fatturato eppure... hanno proseguito a lamentarsi.

I locali della ristorazione sorgono quasi sempre perlopiù nei centri delle città, ovvero in zone dove gli affitti dei locali vanno dai 1.000 euro al mese in su, spesso anche 6.000 euro al mese, costi proibitivi senza entrate cospicue mensili o conti correnti sostanziosi.
D'estate il lavoro aumenta, ed ecco che assumono giovanissimi con GaranziaGiovani o Tirocini regionali dove l'importo mensile, spesso un rimborso spese e non uno stipendio (come accade per i tirocini regionali) che comunque è pagato con soldi pubblici.

Attività che, con il decreto ristori hanno visto pochi soldi per via delle false dichiarazioni dove mostravano meno guadagni di quel che realmente avevano. E hanno anche avuto il coraggio di protestare.

E poi abbiamo tutte le altre attività che non possono fare asporto, e che debbono comunque stare chiuse.
Poi c'è chi vive del prodotto che vende, come gli ambulanti, e i lavoratori che sono sempre gli ultimi e che, seppur hanno visto il blocco dei licenziamenti, sono sempre a rischio sia perché il datore di lavoro può abbassare loro il salario per via della crisi da co-vi-d, sia può licenziare perché, in barba alle leggi, e grazie al Jobs Act di Renzi e la riforma Rornero, è impossibile riessere ammesso sul posto di lavoro anche se si viene licenziati senza GMO (giustificato motivo oggettivo).

Insomma, pare che ci siano sempre fazioni diverse, lotte intestine e approfittatori che sfruttano il malcontento popolare per raccogliere consensi, poi ci sono coloro che gestiscono l'emergenza in un modo insensato e infine quelli presi per folli che però indovinano quasi sempre, perché se oggi sei considerato un folle, domani sarai un eroe.

Sino al 2018 erano tutti (giustamente) contro i ristoratori che sfruttavano i lavoratori assumendoli a nero, con falsi contratti part-time, ma oggi.... sono tutti dalla loro parte?
Le persone hanno memoria corta.

Commenti

  1. La vedo esattamente come te.
    Capisco le difficoltà, ma allora io cosa dovrei dire? E non mi lamento né alzo la serranda gridando #ioapro.
    Sai perché, comunque, nonostante i ristori non va bene? Perché i ristori sono dati a seconda di quanto fatturato e dichiarato... ehee...

    Moz-

    RispondiElimina

Posta un commento

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"
► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su "inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta casella di posta elettronica.
Potrete cancellare l' iscrizione con un click nella mail che riceverete ("annulla iscrizione").
L' iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per attivato, ancora una volta, la moderazione commenti ma gli utenti fake e quelli che postano Spam inondano il blog di commenti pubblicitari e/o link a siti malevoli.
Ringraziandovi per il vostro supporto, provvederò all' eliminazione dei commenti sgradevoli.

Grazie e rispetto per tutti

Attenzione

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono reperite in internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio. L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
Se possiedi il copyright di qualche immagine presente nel blog, basta che tu mi invii una mail con i dettagli ed io provvederò ad eliminarla.

Potrebbe interessarti

Post più letti