Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

mercoledì 4 dicembre 2013

Grillo e il Referendum sull' Euro: un INGANNO. Il comico sfrutta l' odio per l' Europa degli italiani per inventarsi un Referendum abrogativo che non potrà mai essere indetto

Questo è un post di Lorenzo Cuocolo, docente di Diritto comparato, dell' Università Bocconi
il sito web ilricostituente.it
Il profilo dal sito Università Bocconi
Twitter @lorenzocuocolo

REFERENDUM SULL' EURO? UN INGANNO GIURIDICO

Sottoporre al giudizio dei cittadini un quesito sull’opportunità che l’Italia rimanga nell’ Euro è stato uno dei ritornelli che hanno accompagnato la campagna elettorale del Movimento 5 Stelle. Il referendum sull’euro, appunto.

Un inganno giuridico, né più, né meno. Vediamo perché. I referendum consentiti dalla Costituzione sono di vario tipo: abrogativi, confermativi, consultivi. Diciamo subito che il referendum confermativo è previsto per il limitatissimo caso disciplinato dall’art. 138 Cost., relativo alla revisione costituzionale. Non ci interessa. Restano quello abrogativo e quello consultivo. Vediamo:

1) l’Italia ha aderito all’euro in forza del Trattato di Maastricht, ratificato dal nostro Paese con legge n. 454 del 1992 ( per la cronaca ecco chi c' era nel 1992 al governo ). La Costituzione italiana, all’art. 75, vieta di sottoporre a referendum abrogativo le «leggi di autorizzazione a ratificare trattati internazionali» e, dunque, anche le leggi di esecuzione degli stessi. Ciò basta per dire che non è ammissibile un referendum per revocare l’adesione italiana alla moneta unica.

2) Un’altra norma costituzionale, introdotta con la cd. riforma del Titolo V del 2001, prevede che le leggi italiane debbano essere conformi «ai vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario». Anche questo è un elemento che sembra impedire un atto di legislazione negativa (quale è il referendum abrogativo) contrastante con il contenuto di un atto del diritto comunitario originario (appunto un Trattato).

3) Ci sarebbe, dunque, il referendum consultivo. Anzitutto, come dice la parola, è “consultivo”. E, in ogni caso, è previsto dalla Costituzione solo in relazione a limitatissimi casi, disciplinati dall’art. 132. Si tratta della fusione di più Regioni, della creazione di nuove Regioni, o del passaggio di Province e Comuni da una Regione ad un altra. Insomma, anche questo non ci interessa.

4) È vero che nel 1989 si fece un referendum consultivo sull’Europa. Più precisamente sull’opportunità di affidare al Parlamento europeo un ruolo “costituente”. Per far ciò, tuttavia, si approvò un’apposita legge costituzionale, la n. 2 del 1989. Oggi non sembra che il MoVimento disponga delle maggioranze richieste dall’art. 138 Cost. per approvare una legge costituzionale…

5) Resterebbe, dunque, il referendum regionale. La strada, cioè, sarebbe quella di celebrare, in ogni regione, un referendum consultivo sull’euro. Al di là della difficile realizzabilità pratica, anche questa strada appare illegittima: è vero, infatti, che le Regioni possono prevedere negli Statuti i referendum consultivi, ma questi devono vertere su materie di interesse regionale. Qui, invece, l’interesse è addirittura sovranazionale!

6) Si legge in alcuni blog che Grillo vorrebbe fare il “referendum” on-line. Se è così, è tutta un’altra storia: non si tratta nemmeno lontanamente di un atto giuridico, bensì di un semplice sondaggio, privo di qualunque conseguenza. Se si vuole trasmettere una più corretta informazione, dunque, è meglio scegliere attentamente le parole: il referendum è un istituto del mondo del diritto, capace di produrre conseguenze giuridiche ben precise. I sondaggi, per contro, sono strumenti di tutt’altra natura, senza alcuna capacità di incidere in via diretta sul mondo delle regole. Quello del diritto appunto. Nessun sondaggio, dunque, anche qualora fosse eseguito secondo la migliore scienza (il che è tutto da verificare…) potrebbe – ipso iure, come si dice – portare l’Italia fuori dall’euro. E per fortuna.

uesto è il risultato ottenuto mostrando l' articolo ai deputati del MoVimento 5 Stelle:
- Fico, Di Battista, la pagina di Grillo né del MoVimento 5 Stelle hanno risposto.
Le uniche risposte che ho ricevuto sono state DELUDENTI
Eccole.

2 commenti:

  1. Se uno ha bisogno che gli vengano spiegate certe cose è segno che non capirà la spiegazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho il sospetto che molti sostenitori di Grillo non leggeranno neanche il tutto...
      ..come molti di loro fanno spesso!

      Elimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie