Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

mercoledì 29 gennaio 2014

Il latte fa male alla salute, ed è anche inutile al corpo umano

di Lapenna Daniele

I medici ammoniscono dal togliere il latte dalla propria dieta dacché è un alimento ricco di proteine, vitamine, grassi buoni e soprattutto di calcio. Eppure, negli ultimi decenni, sono nati studi alternativi che hanno sostenuto e, a loro dire, dimostrato la dannosità del latte animale.
Ma il latte è pericoloso per la salute umana?

Ecco una ricerca abbastanza accurata che ho svolto sull' argomento.Come al solito vi prego di leggere tutto. Se volete commentare senza aver letto tutto l'articolo,vi invito a tornare nei vostri ovili.

IL LATTOSIO
Quando il lattosio finisce nell' intestino, come ogni altra proteina complessa ingerita, viene scomposto in elementi più semplici grazie agli enzimi che si attivano per trasformare le sostanze in elementi più semplici.
In questo caso agiscono gli enzimi lattasi che scindono (metaforicamente parlando è come se spezzettassero il lattosio in parti più piccole e semplici da digerire) i due zuccheri che lo compongono:
il galattosio ed il glucosio.
Se un organismo non ha o non possiede un numero di enzimi lattasi sufficiente a digerire quella quantità di lattosio (è quindi intollerante al lattosio), questa sostanza non viene digerita, così esso si accumula richiamando liquidi e dando, a livello gastrointestinale, meteorismo seguito da diarrea.e nausea.




IL PARERE DEGLI ESPERTI
Su "Giornalettismo.com" ho trovato un' intervista (eccola qui) ad un nutrizionista, Andrea Ghiselli che, alla domanda se il latte faccia male, risponde
"Ma no, è falso. Se i nutrizionisti di tutto il mondo dicessero che il latte fa male, perché le linee guida di tutto il mondo direbbero che il latte è un alimento consigliato? Addirittura, ciò che è consigliato è un’assunzione di latte di 2 o 3 porzioni al giorno". Ma certo! Facciamoci anche la doccia col latte (che tra l' altro è anche molto sexy da certi punti di vista).
Qui non c'è bisogno di commenti perché sappiamo che spesso si raccomandano determinate cose solo per scopi che di certo non riguardano la nostra salute.
Alla domanda successiva si parla di intolleranza al lattosio. Alla domanda "perché alcuni digeriscono il latte e poi, divenuti adulti, non lo si digerisce più come prima?". Il nutrizionista risponde
"Mah, io ho 57 anni e lo digerisco perfettamente " - siamo contenti per te - "Ci sono alcune razze e alcune persone che perdono la capacità di digerire il latte in età adulta; questo però non significa che il latte gli faccia male: avranno dei problemi se ne bevono troppo, ma possono assumere tranquillamente yogurt o latticini che hanno una percentuale di lattosio molto più bassa."
Il problema è che le persone realmente intolleranti al lattosio non hanno tutti la stessa carenza di enzimi lattasi i quali vengono persi anche con scariche di diarrea frequenti. Questi enzimi si trovano nell' intestino e quindi, infiammazioni come proprio la colite, causano la diminuzione di questi enzimi.
Ci sono persone che hanno problemi a digerire correttamente anche yogurt e latticini, dunque non è vero che ogni intollerante al lattosio può mangiarli.

IL LATTE RIDUCE IL CALCIO NELLE OSSA ED AUMENTA RISCHIO TUMORI
Gli studi che sostengono come il latte sia un pò dannoso o comunque non porti giovamento alle nostra ossa sono davvero tanti. Tutti spiegano come le proteine contenute nel latte abbiano un alto grado di acidità e ciò significa che, per quanto il latte possa fornire calcio e vitamina D, provocherà in molti soggetti anche delle reazioni fisiologiche volte a tamponare l'acidità provocata dall'assorbimento delle suddette proteine con conseguente impoverimento dei depositi di calcio contenuti nelle ossa.
Inoltre gli studi hanno mostrato che l' eccessiva assunzione di alimenti ricchi di calcio portassero ad una maggiore incidenza (sino al 66%) di malattie tumorali negli individui.
Lo studio però si focalizza sull' alimento che per eccellenza contiene più calcio come il latticino o latte, ma il calcio è presente anche in altri alimenti non animali come i legumi. E se la causa non fosse nel calcio, ma in qualch' altra sostanza contenuta nel latte?
Questo studio dunque va preso con le pinze.

LATTE? INUTILE. C'E' SOLO PER NECESSITA'

Il punto sul quale molti vegani battono molto è il fatto che l' uomo sia l' unico animale del pianeta che continui a bere latte dopo lo svezzamento. Non sono vegano, ma ho provato a ragionarci su.
Una cagna partorisce e fa dei cuccioli. Le sue mammelle producono latte perché i cuccioli non sono autosufficienti, non posso procurarsi da soli del cibo e soprattutto non hanno ancora denti che permettano loro di cibarsi di ciò che si ciba la loro mamma. Quindi si cibano del suo latte ricco di grassi utili a fornire energia necessaria all' organismo per crescere, proteggersi dal freddo e nutrirsi.
Arrivati ad una certa età ( il numero di mesi dipende dalla razza ) è la stessa mamma ad allontanarli, anche a causa dei dentini che fanno la loro comparsa, spesso però è proprio l' istinto: ancor prima che il cucciolo si attacchi, la mamma lo respinge.
Nell' essere umano non c'è solo l' istinto, ma c'è una cosa in comune con tutti gli animali: ad un certo punto le mammelle non produrranno più latte.
Se la mammella non produce più latte sino ad una nuova gravidanza, non significa forse che la natura dica
"ora il tuo cucciolo è grande, può iniziare ad imparere a cacciarsi cibo da solo. E' autosufficiente"?
Forse perché il latte non è necessario all' organismo?
Chi non è d' accordo con questa teoria dovrebbe spiegare perché, se il latte è indispensabile per l' uomo dacché evita l' osteoporosi e fornisce il calcio, le mammelle della mamma non continuano a produrre latte per tutta la vita?

LA SOCIETA' IMPONE, ANCHE SBAGLIANDO
pera cocomerina
www.peracocomerina.it


La natura ci ha creato con delle caratteristiche (l' evoluzione ne ha modificato alcune) che non possiamo evitare di non tenerne conto. Quando cade qualcosa dall' alto, noi d' istinto poniamo le mani in protezione e socchiudiamo gli occhi. Perché? Per difesa. Per istinto. Perché chiudiamo gli occhi quando starnutiamo? Perché la pressione dello starnuto (l' aria arriva ad una velocità di oltre 100 km/h) potrebbe danneggiare i dotti lacrimali. L' istinto è importante anche nell' uomo.
La colazione consigliata da sempre è: una brioches o biscotti, un frutto e una tazza di latte oppure uno yogurt. Chi dice che la colazione debba per forza contenere del latte?
L' uomo ha trovato buono il latte animale, lo ha iniziato a lavorare ed ha creato un nuovo alimento. Non è detto che sia una "moda" corretta.
L' organismo umano si è dovuto adattare a cambiamenti drastici, a volte anche pericolosi, a mutamenti del clima, dei cibi, della loro lavorazione, dell' aria, dell' acqua ma, di base, il corpo umano è formato da elementi chimici che non muteranno mai, ognuno nelle sue quantità, ognuno proporzionato in base agli elementi presenti in natura.
Oggi le giganti aziende internazionali ci hanno costretto negli anni a determinate alimentazioni che loro giudicano corrette: hanno stabilito i frutti e gli ortaggi coltivando terreni solo con certa verdura, togliendo dal commercio determinati alimenti commestibili ma difficili da vendere.
Provate a cercare voi stessi e troverete tantissimi cibi e frutti in natura commestibili, ma dei quali nessuno se ne ciba più ( l' Arca dei frutti dimenticati ). Non conviene. Non conviene soprattutto per soldi.

E QUINDI?
Quindi, dopo un' analisi attenta (ma sempre aperta a nuovi studi ed opinioni - con fonti) posso dire che se negli ultimi decenni è aumentata la popolazione intollerante al lattosio, è perché l' organismo ne sta abusando, ed ora corre ai ripari (l' istinto e l' evoluzione) rigettando l' elemento che non serve.
Ormai il latte è ovunque: nei biscotti, nelle brioches, perfino nel salame, nel prosciutto, nei dolci, in tutti i prodotti confezionati. Siamo circondati dal latte!

L' essere umano si è adattato a digerire il latte anche da adulto ma forse, adesso, il nostro organismo non lo sopporta più, ne assumiamo troppo, e quindi sta subendo una nuova evoluzione invitandoci a smetterlo di assumerlo, oppure a moderarne il consumo.

POSSONO INTERESSARTI


fonti articolo

32 commenti:

  1. Essendo io munita di parecchi enzimi lattasi, continuo a godermi il latte (e tutto quello che lo contiene).
    Tiè!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buona fortuna ,stai commettendo un grave attentato al tuo corpo,e di sicuro non sei munita di alcun enzima lattasi perchè esso scompare subito dopo in età post allattamento,bere il latte vaccino è un insulto al nostro corpo ed è contaminato con ormoni della crescita androgeni e steroidi anabolizzanti e da piu di 50 tipi di antibiotici e dalla merda OGM che danno da mangiare agli animali,acidifica e ruba calcio alle ossa,1 litro di latte contiene circa 800.000 cellule somatiche cioè (PUS) e piu di ventimila batteri patogeni che la pastorizzazione non uccide ma disinfetta soltanto e perfino tracce di feci e tantissimi inquinanti che la mucca espelle col latte,il latte vaccino è il principale indiziato di molte malattie degenerative e tumorali(tumore al seno e alla prostata)la caseina sostanza stratumorale detta anche colla per falegnami intasa i vili intestinali e impedisce l'assorbimento di sostanze indispensabili alla nostra salute,e non per ultimo se mangi latte e formaggio lo rubi al vitellino che anche a causa tua andra dritto al macello,se non sei una zombi informati su cio che stai facendo

      Elimina
    2. Peccato che anche le verdure siano tutte ogm e piene di fertilizzanti.

      Che io sappia, l'attività della lattasi si riduce tra i 2 e i 12 anni. Si riduce, non è che scompare, altrimenti tutte le persone avrebbero una scarica di diarrea fulminante appena bevono mezzo bicchiere di latte.
      La percentuale di persone nelle quali si riduce è molto alta, oltre il 70%.

      L' eliminazione o la riduzione consistente dell' assunzione di alimenti con lattosio aumenta il deficit. Una "prova" è il gran numero di intolleranti al lattosio in oriente dove il latte animale è poco usato ( o almeno sino a decenni fa ).

      Qual è la tua dieta? Sei vegano?

      Elimina
  2. Ora... non voglio fare bastian contrario, ma il tuo principio che "l'organismo ha sempre ragione" è un pochino eccessivo. E' vero che se ci cade qualcosa in testa, per istinto, cerchiamo di proteggerci, ma è pur vero che "noi non siamo perfetti, e il nostro organismo è fallace". Lo dimostrano i casi estremi di persone allergiche all'ossigeno (eppure noi siam fatti per respirare ossigeno e campare di quello), quelli che nascono con due teste, senza mani, o senza piedi, e via dicendo. Il DNA non è una lista della spesa perfetta. Può contenere degli errori genetici... ciò porta - ovviamente - all'evoluzione della specie, ma non perché c'è un continuo miglioramento grazie a queste mutazioni, piuttosto perché solo chi ha le mutazioni giuste per adattarsi all'ambiente, sopravvive.
    Appare ovvio che la nostra società, grazie alla ricerca scientifica, alla medicina, al miglioramento delle condizioni di vita, ha pressoché eliminato il principio di evoluzione del nostro organismo. Se non abbiamo più una pelliccia a proteggerci non è che l'organismo si è adattato a un clima più caldo, piuttosto perché abbiamo cominciato a vestirci con la pelliccia di altri animali - prima - e con tessuti provenienti dall'agricoltura e sintetici - poi.
    Oggi ci sono più intolleranti al latte rispetto a un tempo perché oggi "aiutiamo chi ha dei problemi", mentre molto tempo fa, chi aveva problemi, moriva molto presto e non si riproduceva. Questa era ed è la legge della selezione naturale. Ma noi homo sapiens l'abbiamo sfangata con la ricerca scientifica...
    Non è un caso che la vita di persone affette da sindrome di down, oggi, abbia una vita media ben più lunga di un tempo.

    Per cui il tuo metodo deduttivo ha parecchie falle... e nessun fondamento scientifico a parte qualche articolo letto su wikipedia (che a volte riporta anche informazioni non del tutto veritiere, e di esempi eclatanti ce ne sono tanti) e Focus... che, be', non è che abbia una valenza scientifica pari a riviste accreditate come "Le Scienze".
    Si tratta di un Tuo ragionamento personale perché del resto Tu hai dei problemi col lattosio.

    Bisognerebbe, di conseguenza e a mio parere, fare un'inchiesta ben più approfondita.

    Note a margine:
    Manca il link all'intervista che citi.
    Per una inchiesta seria, oltre a link che seguono il tuo ragionamento, dovresti produrre anche prove a confutazione del tuo ragionamento. Così come la poni tu, sembra una verità assoluta... e invece le medaglie, di solito, hanno due facce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS.
      Non è per nulla vero che la "colazione consigliata" (da chi, poi) è da sempre latte e biscotti. Anche qui, dipende dalla cultura che prendi in esame. Ci sono paesi in cui si fa colazione con Bacon, uova e salsiccia; altri in cui si fa con il tè e pasticcini; in altri si fa colazione addirittura con le aringhe; e c'è pure chi fa colazione con una sorta di zuppa di funghi... quindi?

      http://www.piusanipiubelli.it/alimentazione/prima-colazione-usi-abitudini-nel-mondo.htm

      Elimina
    2. D' accordo con l' adattamento all' ambiente.
      I casi fuori norma infatti sono mutazioni imperfette
      ( tipo il quadrifoglio, visto che in Natura c'è il Trifoglio ).

      Il link dell' intervista c'è prima del nome del nutrizionista in grassetto!
      Spe te lo rimetto qui sotto
      http://www.giornalettismo.com/archives/149919/il-latte-fa-male-che-idiozia/

      Però.... non hai toccato l' unico punto che invece è dubbio e che ha creato dubbi anche a me stesso. E-EH-EH!
      Io ho sempre bevuto il latte ( mattina - pranzo - sera - notte ), mi piaceva più dell' acqua!

      Perché una mamma, che sia uomo o animale, produce il latte solo per il periodo che serve al "cucciolo". Se il latte fa bene e, come dicono i nutrizionisti, è INDISPENSABILE - fonte di calcio importante per le ossa - perché la natura non ha previsto che una mamma produca latte dalle mammelle anche dopo che il pargolo cresce?
      Per il semplice fatto - forse - che lui può cercarsi il cibo da solo che non sia latte ( a meno che non si attacchi alla mammella di un' altra madre che ha partorito da poco ).

      Come la spieghi?

      Elimina
    3. Be'... Mettiamola in questo modo: In natura, quando un piccolo è svezzato, questo viene lasciato al suo destino da parte dei genitori. Sono davvero poche le specie che mantengono un legame genitoriale per decine d'anni dopo lo svezzamento... Per cui - in teoria - il pargolo svezzato dovrebbe trovare il cibo per i fatti suoi.

      Elimina
    4. PS. Soccia, son cieco! Non mi ero accorto che il testo era linkato. Chiedo scusa :)

      Elimina
    5. Senza contare che il nostro organismo è "progettato" per campare sì e no 30 anni (solo un secolo fa si avevano figli a 14 anni, con una vita media di 40; mentre oggi l'età delle mamme si avvicina sempre più ai 40 e la vita media si attesta attorno agli 80) e che solo la medicina e la tecnologia ci ha permesso di arrivare a età notevoli. E' quindi probabile che la nostra genetica non preveda un allattamento duraturo perché... non ce n'era bisogno!
      E se la tecnologia corre velocissima, l'evoluzione naturale - invece - richiede millenni per delle mutazioni visibili.

      A ogni modo è un argomento complesso e, più che certezze, si hanno per lo più ipotesi.

      Elimina
    6. Eh-E... non hai risposto alla domanda! ;D

      Perché, se il latte è indispensabile al corpo umano perché contiene calcio che fa bene alle ossa ( e tante altre sostanze buone ) la mammella della mamma non continua a produrre il latte?

      Risposta 1
      - Perché la natura ha fatto sì che il "cucciolo" ne abbia bisogno solo per il periodo in cui la cura la madre e basta ( gli enzimi lattasi dell' organismo servono a digerire il latte nella fase 1 della vita e basta )
      - ... ?

      Elimina
  3. Io adoro i formaggi di qualsiasi tipo, provenienza e fattezza, quindi spero di non diventare mai intollerante! A parte questo, io non ho una mia idea su quest'argomento. So che esiste nel neonato l'enzima che serve a far assorbire il latte e che poi si perde con l'età, provocando spesso difficoltà nella digestione del latte (quando non una vera e propria intoleranza). E so anche che dopo una certa età (diciamo la "terza") quest'enzima normalmente ritorna perché il corpo ha bisogno nuovamente di più latte. non chiedermi perché né dove l'ho letto, ma forse me lo ha detto un mio cugino medico, a cui però non posso più ricorrere perché ha deciso qualche anno fa che era meglio abbandonare questa valle di lacrime per un posto più tranquillo. Ora se questo è vero (dell'enzima che ritorna, cioè) ci sarà un motivo. Penso che ogni cosa nella vita abbia un suo perché, anche nella natura. Pensa solo alla frutta: d'estate, quando si suda molto e si perdono più liquidi, c'è tutta frutta piena d'acqua (uva, meloni, angurie, pesche... ) mentre d'inverno in cui il corpo ha bisogno di più calore, la frutta è più piena di zuccheri e calorie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente. La Natura!
      Io non riescoa credere che la Natura abbia sbagliato, ma penso siamo noi umani a sbagliare nei nostri comportamenti.

      Io ho sempre amato il latte, bevevo tazzoni di latte sempre, ad ogni ora ne avessi la possibilità. Anche formaggi, latticini, ed alimenti con lattosio come merendine e biscotti... sinché alla fine il corpo ha detto basta.

      Mi piacerebbe discutere con un esperto in medicina ( non essendo io un esperto di quel settore ) per capire ancora meglio il comportamento
      dell' enzima nel corpo umano ed in quello animale.

      Io penso che se il cucciolo viene provvisto ad un certo punto di denti,
      se ad un certo punto la mammifera allontana il proprio cucciolo quando lui vuole attaccarsi alla mammella nonostante i piccoli dentini,
      se la mamma così non produce più il latte,
      significa che la Natura dice "basta, ora dovrai cercarti il cibo da solo".
      Il fatto della certa età che ricrescono gli enzimi devo informarmi. E' una cosa che non sapevo.

      Per il calcio, come ho scritto nell' articolo, ce l' ho persino più alto di chi beve latte e mangia formaggi. Io mangio abbastanza legumi, che contengono calcio, e quindi questo potrebbe indurre a pensare che molte sostanze utili al corpo si possono ricercare il altri cibi.

      Forse siamo veramente nati come individui frugivori..

      Elimina
    2. MI avete convinto: da domattina farò colazione con la grappa!

      Elimina
    3. Evvai! Quella sì che fa bene.
      Conosco anziani di 80 anni che coltivano ancora il proprio orticello, e di mattina fanno colazione con un pezzo di pane e un bicchiere di vino.
      La grappa è il digestivo di metà mattina.

      Buona colazione!

      Elimina
  4. Oh Cielo...
    sappi che adesso che ho finito di leggere questo post sono seduta per terra, con una coperta fin su la testa a guardarmi attorno sospettosa, e ad ogni rumore mi aspetto con terrore che salti fuori una bottiglia di latte pronta ad uccidermi..

    Comunque io ho una spiegazione ineccepibile per cui il latte non uscirà mai dalla mia vita: il latte è contenuto nel cioccolato al latte. Il cioccolato al latte scorre nelle mie vene al posto del sangue. Io non posso vivere senza.

    Però, lo sai, è un'osservazione intelligente: perché non produciamo latte tutta la vita ma solo fino lo svezzamento?
    Ci penso, se mi do una risposta DAVVERO accettabile te la scrivo..Sennò scusa, ma continuerò a scolarmi il latte come se non ci fosse un domani :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io c' ho le mozzarelle assassine dietro la porta di casa!!!
      é_è

      Cioccolato al latte NOOO!!! Mi manca dannatamente la cioccolata calda
      dell' inverno.

      Sì è un quesito incredibile. Fa paura. Forse la natura ci invita ad usare i denti ed esser indipendenti.
      Tutte le ipotesi sono accette! La attendo con ansia come si attende la cioccolata con latte che esce dal distributore in pieno inverno..
      :-Q_

      Elimina
    2. Beh, dai, la cioccolata calda la puoi fare anche con l'acqua...oddio, è un po' orripilante ma bevibile.
      In mancanza d'altro, poi...
      Comunque su una cosa ho riflettuto già: non sia mai che un giorno diverrò anche io intollerante al lattosio o comunque impossibilitata a mangiare cioccolata..ma se dovesse succedere avrei già scelto la mia morte xD

      Elimina
    3. Sì, infatti bevo l' acqua col cacao zuccherato in polvere.
      L' orzo solubile con l' acqua, invece, fa veramente schifo D-:

      ahahahahahha io non te lo auguro....
      il giorno in cui, dopo aver bevuto un pò di latte, avrai la cacarella,...
      dovrai iniziare a progettare la tua morte!
      o___o

      Elimina
    4. PERFAVORE SMETTILA TUTTI QUANTI DI SCRIVERE CAZZATE ED INIZIATE A PENSARE CON IL VOSTRO CERVELLO SENZA SEGUIRE LE PECORE CHE CI METTONO IN TESTA SOLO COSE SENZA SENSO , COME IL LAVAGGIO DEL CERVELLO.
      NOI SIAHA MO ERBIVORI, NON DOBBIAMO MANGIARE CARNE , PESCE, LATTE E UOVA . CHI SCRIVE LA NATURA SBAGLIA NON HA CAPITO NIENTE . L UOMO PER EGOISMO E BUSINESS HA INIZIATO L USO DI ANIMALI COME CIBO, AMMAZANDO ANIMALI TERRESTI E MARINI , VIOLENTANDO MUCCHE STRANPPANDOLI IL LORO BAMBINO . IMPRIGIONANDO ANIMALI LEVANDOLI LA LIBERTA CHE TUTTI GLI ANIMALI DOVREMMO AVERE . UCCIDERE ANIMALI PER FARCI GIACCHE SCARPE , PIUMINI QUALSIASI COSA . STIAMO SCHERZANDO . SIAMO TUTTI FUORI DI TESTA .
      DIAMO IMPORTANZA AD ALCUNI ANIMALI ED ALTRI LI UCCIDIAMO E LO FACCIAMO PASSARE COME QUALCOSA DI NORMALE E CHE ABBIAMO BISOGNO , INGANNANDO LA GENTE CO LE PUBBLICITA DI PERSONE FELICE CON UN ANIMALE MORTO IN UN PIATTO , ANIMALI FELICI CHE VANNO A MUORIRE , SPERO CHE TUTTA QUESTA VIOLENZA FINISCA IL PRIMA POSSIBILE .
      QUALSIASI PERSONA CHE LEGGO QUESTO , PERFAVORE INIZIATI AD INFORMARE PER CONTA TUO !!!

      Elimina
  5. Solo un appunto...
    le mammelle smettono di produrre latte se il "cucciolo" non ciuccia più. In caso contrario continuano a produrne. Ho allattato mio figlio per più di tre anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, ho posto la domanda per approfondire l' argomento.
      Ho cercato ma non sono riuscito a trovare esattamente se è così
      oppure la mammella smette da sè di produrlo.

      Il cucciolo dopo che mette i denti penso provochi dolore e fastidio
      ( oltre al fatto che lui stesso forse non riesce a prenderlo bene ).
      Quindi alla fine la natura, che sia a un anno o tre anni, fa staccare il cucciolo dalla mamma.
      L' uomo ha perso l' istinto, ma gli animali ce l' hanno ancora.
      Ricordo quando la cagna che ho partorì i cuccioli: quando uno dei piccoli mise i primi denti, lei stessa lo allontanava persino ringhiando.
      La natura.. comanda!

      Grazie per il suo commento.

      Elimina
  6. Ho molti dubbi su queste affermazioni,io continuerò a mangiare latte e latticini!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono vari studi in merito, ma prendendo certi dubbi che si creano, spesso si rimane un pò dubbiosi.
      É un pò come il consiglio di bere almeno 2 litri di acqua al giorno. Io ad esempio non ci sono mai riuscito, e per loro dovrei avere calcoli grossi quanto un cinghiale ma... non li ho. Ecco perché spesso i consigli degli Organi Importanti mi sembrano più "costrizioni velate" che veri studi scientifici confermati.

      Ciao Olgi!!

      Elimina
  7. ESALTARE.:su come crescono i cuccioli gli animali ..non è esattamente come lo facciamo noi UMANI ....perche ci avvaloriamo non solo dell'istinto bensì della cultura e dell'etica...NOI il cucciolo debole non lo facciamo morire ma lo tuteliamo più degli altri...siamo persone che devono rispettare tutti gli esseri viventi ..e lo possiamo fare solo perche abbiamo l'ETICA che il mondo animale non conosce

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo un animale, quando il suo piccolo sta male, non sa cosa abbia, e se possa esser curato. E come. Quindi può leccarlo, annusarlo, spingerlo per tenerlo sveglio, ma se poi sembra morto, non può far altro che andarsene via.

      Se gli animali avessero il pensiero per parlare e ragionare, penso che cercherebbero a fondo i motivi del malore, cercando di curare il proprio piccolo perché in natura, un individuo morto, seppur nella catena alimentare, è una perdita grande per il gruppo e la stirpe della razza dell' animale.

      Ciao a te!

      Elimina
  8. CALCIO NEL LATTE E VITAMINA B 12 DUE BUFALE

    Il calcio per essere assorbito deve essere organicato, cioè legato a sostanze organiche, il calore lo rende non organicato e non assorbibile, chi dice il contrario spieghi perchè i paesi del nord Europa, in particolare la Finlandia, forti consumatori di latte hanno anche la più alta incidenza di osteoporosi.

    Vitamina B12, un altro errore in cui incorrono anche persone serie è di dire che i vegani hanno carenza di questa indispensabile vitamina per cui consigliano in moderazione la carne, costoro spieghino perchè la natura che ci ha costruito come mangiatori di vegetali, come provato da tutte le scienze biologiche, che ha messo nei vegetali tutti i nutrienti di cui necessitiamo si è dimenticata di questa vitamina. Non si è dimenticata nei vegetali la troviamo ad esempio c'è nelle carote.

    Chi nega quanto ho detto meglio farebbe informarsi meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il commento.
      Ci vorrebbe anche dei link dove attingere informazioni.

      Un saluto

      Elimina
    2. hai detto tutto ma la gente cogliona dorme e si avvelena e poi corre dai medici per farsi assassinare ancora< di piu

      Elimina
    3. Quando hai un' influenza grave con cosa ti curi?
      Se ti esce un ulcera, chi chiami?
      Dubito che tu non ricorra ad un medico.
      Anche io stesso non vedo di buon occhio i medici e le medicine, ma bisogna esser coerenti. Quindi se si scrivono certe cose, e si fosse coerenti, si morirebbe alla prima influenza grave.

      Elimina
  9. LE PERSONE SONO PECORE INCONSAPEVOLI
    Bisogna considerare che è ben provato che fin dalla nascita si viene ammaestrati come i cani, attraverso punizione o ricompensa, la cosa è così potente che poi ci si ammaestra da se, le persone nemmeno immaginano che è assolutamente provato che la quasi totalità dei pensieri, emozioni, convinzioni, credenze, atteggiamenti non sono propri ma appartengono a qualcun altro.

    Per cui se il risultato finale è umanipecora non ci si deve stupire. La via della libertà interiore è sofferenza perchè nessuno vuole dirsi avevo torto, meglio dormire.

    Viene detto: Nessuno è più schiavo di chi pensa di essere libereo ma non lo è.

    Una prova

    La fede religiosa è una esperienza di seconda mano, una esperienza del divino che ha fatto qualcun altro e non vale nulla perchè è basata sul sentito dire e non sul vedere Dio.. Nello sciamanesimo il vedere è la base, la fede viene lasciata agli imbecilli.

    RispondiElimina
  10. Troppe persone "ginius" qua. Sono esterrefatto...

    RispondiElimina
  11. Voi dovete svegliarvi. L'uomo è onnivoro. è una stronzata quella che l'uomo è erbivoro. E a chi dice di informarsi dovrebbe farlo lui e non nei siti del cazzo dove arriva mister illuminato che spara minchia te una dietro altra. Ora non sto qui a spiegare i motivi perché non ha senso con chi è chiuso al dialogo cmq,parlate tanto di tutti gli esseri viventi che vengono uccisi, anche le piante sono essere viventi e ogni pianta che mangiate è un essere vivente morto! Ogni cosa che cresce e si riproduce è vivente. Uniche cose non viventi sono la pietra e gli elementi! Se non volete uccidere per vivere mangiate sassi

    RispondiElimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie