Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

lunedì 4 luglio 2016

Pazienti trascurati e curati con preghiere:psichiatra indagato

lanuovasardegna.gelocal.it

Il medico, in servizio al Centro di Salute mentale della Asl 8 di Cagliari, è stato interdetto dall’esercizio della professione per un mese

Trascurava i pazienti e si assentava dal suo posto di lavoro senza strisciare il cartellino: queste le accuse per E. L., psichiatra 56enne di Cagliari, interdetto dall’esercizio della professione per un mese. Al medico, in servizio al Centro di Salute mentale della Asl 8, la pm di Cagliari Marco Cocco, che ha richiesto la sospensione poi disposta dal gip Cristina Ornano, contesta i reati di rifiuto d’atti d’ufficio, abbandono d’incapace e truffa aggravata. Inoltre, stando a quanto emerso dall’indagine, il medico era stato più volte formalmente richiamato dai suoi superiori per aver organizzato e guidato dei gruppi di preghiera con i pazienti, da lui definiti e considerati come «psicoterapie di gruppo».

Sono diversi gli episodi al centro delle indagini sullo psichiatra che, in un’occasione, si sarebbe anche rifiutato di autorizzare un Tso, trattamento sanitario obbligatorio, senza nemmeno verificare le condizioni del paziente o suggerire un percorso di cura alternativo. Drammatiche, in alcuni casi, le conseguenze del mancate cure: una donna aveva tentato il suicidio, mentre un’altra aveva brutalmente aggredito un medico, finito al centro del suo delirio. Secondo quanto ricostruito dalla procura, nel primo caso la paziente aveva chiesto insistentemente l’aiuto dello psichiatra con 25 telefonate in due giorni, ma il medico non l’aveva mai richiamata nè ricevuta.

Nel secondo caso il professionista si era rifiutato di somministrare un farmaco senza il consenso della paziente che, completamente scompensata, era convinta di stare bene e rifiutava le terapie. Dalle indagini è anche emerso che il medico cagliaritano era stato più volte oggetto di richiami e provvedimenti disciplinari da parte della struttura, sia per i suoi frequenti allontanamenti non autorizzati sia per i gruppi di preghiera caratterizzati da una «forte commistione tra profilo clinico e religioso». Pratiche mai accreditate come attività di psicoterapie e organizzate nonostante i richiami e la contrarietà dei vertici del centro.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie