giovedì 24 gennaio 2019

Glifosato nei pannolini per neonati: 10 su 12 prodotti testati contengono residui tossici


di Lapenna Daniele


I controlli effettuati nel 2017 rilevarono, nei pannolini, tracce di glifosato, il pesticida usato da Monsanto-Bayer. Le ultime analisi hanno riscontrato, in 10 dei 12 prodotti testati, la presenza di residui tossici.
L' allarme segue quello dell' ottobre 2018 quando, in diverse zone della Francia, ci furono diversi bambini nati senza braccia. Fu esclusa una causa genetica e fu ipotizzata una contaminazione da sostanze chimiche, quali il glifosato il cui utilizzo è stato rinnovato sino al 2023


Ancora pesticidi nei pannolini per neonati. La notizia appare sui quotidiani francesi dopo un altro controllo effettuato dall' associazione "60 milioni di Consumatori".
Sembra incredibile ma nei pannolini è stata rilevata la presenza del fitofarmaco glifosato, lo stesso che è contenuto nel pesticida Roundup  RangerPro, prodotto dapprima da Monsanto e oggi da Bayer (che ha acquisito la Monsanto nel giugno 2018).

DAL 2017 LA SITUAZIONE È PEGGIORATA
I primi controlli che diedero questi preoccupanti risultati furono effettuati in Francia nel febbraio 2017: in quell' occasione, 10 dei 12 prodotti per bambini testati risultavano contenere residui tossici.
Il Centro di prova dell' Istituto nazionale dei Consumi mostrano tendenze contrastanti secondo i marchi: 
  • gli strati più importanti del mercato di Pampers, che sono stati bloccati nel 2017, ora hanno "buoni risultati";
  • il marchio Mots des enfants di Leclerc, che si è distinto per assenza di residui tossici nel 2017, ha cambiato subappaltatori e ora contiene composti organici volatili;
  • l'altro marchio valutato nel 2017 che ha ottenuto buoni risultati, Love and Green, ha anche cambiato composizione e ora contiene tracce di glifosato, così come Lotus Baby, Pommette (Intermarché) e Lillydoo;

NON CI SONO RISCHI PER LA SALUTE DEI BAMBINI (?)

L'Agenzia francese per la Sicurezza Alimentare e Ambientale (Anses) ha chiesto ufficialmente alle aziende produttrici di prendere le dovute misure per rimuovere questi residui che superano i livelli di sicurezza.
 « Abbiamo trovato una dozzina di sostanze in una concentrazione superiore alle soglie sanitarie » spiega Gerard Lasfarguer, amministratore di Anses « Queste sostanze hanno a che fare con il profumo che l'industria aggiunge intenzionalmente nei pannolini, principalmente per ragioni di marketing, o sostanze che appaiono durante il processo di produzione dei pannolini ».
« Voglio rassicurare i genitori » risponde Agnes Buzyn, ministro della Salute francese, dopo le richieste di vederci chiaro da parte dei genitori « l'Agenzia per la Sicurezza afferma che non ci sono rischi immediati per la salute dei bambini, lo vedremmo perché tutti i bambini del mondo indossano pannolini, quindi non esiste alcun rischio immediato ».
La rivista "60 milioni di Consumatori" però riporta
« In tutti i casi, il contenuto di sostanze indesiderabili rimane molto basso. Il rischio per la salute sembra quindi minimo a priori. Ma non può essere escluso, specialmente per il glifosato , sospettato di agire come un disgregatore endocrino, dice la rivista. È necessario un controllo più severo »
Nel proseguo dell' inchiesta si evidenzia un rammarico per non poter visualizzare, sul pacco della confezione, l' esatta composizione dei prodotti:
« Per raggiungere il residuo tossico zero negli strati, indipendentemente dalle materie prime utilizzate o dal subappaltatore è richiesto un controllo più rigoroso dei processi di produzione oltre a regolamenti più severi »
La rivista, inoltre, ha esaminato 143 prodotti per l'igiene del bambino (acqua, latte, creme,etc...): mentre la maggioranza sta mostrando buoni risultati, "ci sono ancora preoccupazioni per alcuni marchi che continuano a usare il fenossietanolo, un conservante che si sospetta sia tossico" . 

Questo allarme segue quello esploso a fine 2018 a causa dell' elevato numero di bambini nati senza braccia le cui cause sono ancora ignote.


ARTICOLI DEL BLOG INERENTI L' ARGOMENTO

In diverse zone della Francia sono stati rilevati venti casi di bambini nati senza braccia. Si tratta di anomalie non riconducibili a cause genetiche. L' ipotesi è di contaminazione da sostanze chimiche. Un mese fa, la denuncia degli abitanti dell' Ariège alla Bayer, all' UE e al governo francese: nelle loro urine fu rilevata una percentuale elevata di glifosato, il noto erbicida prodotto dalla Monsanto

Urine dei bimbi piene di arsenico: colpa del riso. La sostanza tossica è contenuta nei pesticidi
L’allarme della FDA: il riso assorbe l’arsenico dal terreno più degli altri cereali. E aumenta l'esposizione dei neonati a tale elemento nocivo. Meglio avena, l'orzo e grano



Grazie ai voti della Germania (Italia e Francia hanno votato contro), l' uso del glifosato nelle colture è stato promulgato sino al 2023.
In Francia, i cittadini hanno denunciato la multinazionale Monsanto-Bayer perché sono state rilevate tracce di pesticidi nelle loro urine mentre in Canada, in Germania, ma anche in Italia ci sono troppi alimenti che hanno quantità di fitofarmaci superiore alla soglia consentita. Un' inchiesta di Le Monde, invece, ha mostrato che gli scienziati furono corrotti per impedire la diffusione dei dati reali sulla pericolosità di certi pesticidi, come il glifosato  


Glifosato e tumori: Monsanto condannata a pagare 300 milioni di dollari.Ottomila le denunce

Un giudice della California ha condannato la multinazionale Monsanto, acquisita dalla Bayer nel giugno scorso, a pagare un risarcimento di 289 milioni di dollari ad un giardiniere dacché colpito da un tumore causato dall' uso degli erbicidi a base di glifosato.
La sentenza riporta che non solo "la Monsanto era consapevole della pericolosità dei suoi prodotti" ma che abbia anche "minacciato gli scienziati che proclamavano i danni possibili causati dal glifosato".
Le analisi di laboratorio, inoltre, hanno rilevato il glifosato anche nei cereali per bambini

Processo a Monsanto per il glifosato: tribunale riduce indennizzo al giardiniere. Intanto, la Bayer crolla in borsa
La condanna è stata confermata, ma il risarcimento al giardiniere è stato ridotto da 300 a 68 milioni di dollari.
La Bayer dovrà pagare il risarcimento al giardiniere che si ammalato di cancro (qui l' articolo) a causa dell' uso dell' erbicida prodotto dalla multinazionale Monsanto, da giugno 2018 acquisita dalla tedesca Bayer per 63 miliardi di dollari. In borsa, intanto, i titoli di Bayer crollano. A vedere il grafico, sembra che, dopo l' acquisizione della Monsanto, la multinazionale farmaceutica tedesca abbia visto cadere in picchiata i propri titoli. La differenza tra i mesi prima e dopo l' acquisto della Monsanto è evidente nel grafico della borsa.


Leggi gli altri articoli su "Salute, Alimentazione e Ambiente" dalla sezione del blog "NEW - Articoli più letti"
https://ilventunesimosecolo.blogspot.com/p/articoli-piu-letti.html#salute




FONTI E LINK UTILI
  • L' inchiesta della rivista francese "60 milioni di consumatori"
    https://www.60millions-mag.com/2018/08/23/couches-bebe-encore-trop-de-residus-toxiques-11972
  • La notizia dal quotidiano francese LeMonde
    https://www.lemonde.fr/consommation/article/2018/08/23/du-glyphosate-et-des-residus-toxiques-toujours-presents-dans-les-couches-de-bebe_5345379_1652812.html
  • https://www.lanuovaecologia.it/francia-pannolini-allarme-diossina/
  • https://www.my-personaltrainer.it/Cosmesi/Ingrediente/Phenoxyethanol.html

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"
► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su "inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta casella di posta elettronica.
Potrete cancellare l' iscrizione con un click nella mail che riceverete ("annulla iscrizione").
L' iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per attivato, ancora una volta, la moderazione commenti ma gli utenti fake e quelli che postano Spam inondano il blog di commenti pubblicitari e/o link a siti malevoli.
Ringraziandovi per il vostro supporto, provvederò all' eliminazione dei commenti sgradevoli.

Grazie e rispetto per tutti