mercoledì 27 giugno 2018

Sono parlamentari ma anche consiglieri comunali: poco presenti in aula, sono assenteisti dal doppio incarico

di Lapenna Daniele

Anche se molti non lo sanno, tra i 630 deputati e i 315 senatori, ce ne sono molti che hanno anche un altro incarico a livello comunale.

Parliamo di quei politici che erano (o sono diventati) consiglieri comunali ma, adesso, sono anche in Parlamento. 
Sono 155 parlamentari (108 deputati e 47 senatori) e percepiscono, dunque, doppi stipendi e, sia perché non possono sdoppiarsi, sia perché sono assenteisti di loro, sia perché sono personaggi di spicco dei loro partiti, accade che siano poco presenti nelle aule.
Vediamo chi sono.

CONSIGLIERI ASSENTEISTI
Matteo Salvini (Lega Nord)

attualmente in Senato della Repubblica  (vai alla scheda)
è Ministro dell' Interno
Consigliere Comunale di Milano (vai alla scheda)
e Europarlamentare (incarico terminato il 23 marzo 2018)

Matteo Salvini è stato presente, in aula comunale di Milano, solo 32% delle sedute ed ha partecipato solo al 7% delle votazioni. Quindi, è stato assente nel 93% delle votazioni (dettagli).
A questo link, i dettagli sui suoi stipendi e dichiarazioni reddituali.


Giorgia Meloni (Fratelli d'Italia)

attualmente in Camera dei Deputati (vai alla scheda)

Giorgia Meloni, in un anno e mezzo (da metà 2016 a dicembre 2017) ha presenziato a neanche il 30% delle sedute in aula comunale.
Come si evince dai documenti gratuitamente scaricabili dal sito del Comune di Roma, la leader di Fdi è il politico che ha totalizzato più assenze.
Dal luglio a dicembre 2016 ha presenziato a 18 sedute mentre, gli altri consiglieri, sono stati presenti per un totale di almeno 30 presenze.
Da gennaio a giugno 2017, se la maggior parte dei consiglieri ha presenziato dalle 33 alle 41 sedute comunali, la Meloni è stata presente solo in 7 sedute.
Da luglio a dicembre 2017, se gli altri consiglieri hanno un numero di presenze dai 24 ai 40, la Meloni scende addirittura a 5 presenze in aula.

Roberto Giachetti (Partito Democratico)

attualmente alla Camera dei Deputati (vai alla scheda)

Eletto anch' egli al consiglio comunale di Roma. Ha totalizzato una media di 63 presenze, superiori a quelle della Meloni, ma sempre inferiori alla media degli altri consiglieri la quale si aggira sulle 301.


Mariastella Gelmini (Forza Italia - Berlusconi Presidente)

attualmente alla Camera dei Deputati (vai alla scheda)
Mariastella Gelmini è, dal 2016, nel consiglio comunale di Milano. Ha partecipato solo allo 8,46% delle sedute comunali come si evince dai dati del sito Comune di Milano.
Si tratta di 98 presenze che, a confronto con le 1.103 presenze dei più presenti e le 600 circa dei meno presenti, risulta una dei consiglieri più assenteisti.




Maria Rosaria Carfagna (Forza Italia - Berlusconi Presidente)

attualmente alla Camera dei Deputati (vai alla scheda)

È in parlamento dal 2006 e dal 2016 fa parte del consiglio comunale di Napoli.
Nel 2016 anno ha totalizzato solo due assenze mentre, l'anno successivo ha totalizzato il più alto numero di assenze con il 38% (9 su 24) di tutto il consiglio comunale.




Alessandro Morelli (Lega Nord)

attualmente alla Camera dei Deputati (vai alla scheda)
Appena eletto consigliere comunale Milano.
I pochi dati a disposizione mostrano una presenza che arriva sino al 54% nei primi mesi dell' anno ma, nei mesi a seguire, scendono: a marzo ha un 15% di presenze mentre, ad aprile, lo 0% di presenze in aula.



ALTRI POLITICI CON DOPPIO INCARICO
L' elenco (incompleto dacché lungo) prosegue con


  • Stefano Fassina (Liberi e Uguali)
    Camera dei Deputati (scheda)
    Consiglio Comunale di Roma
  • Valeria Valente (Partito Democratico)
    Senato della Repubblica (scheda)
    Consiglio Comunale di Napoli
  • Piero Fassino (Partito Democratico)
    Camera dei Deputati (scheda)
    Consiglio Comunale di Torino
  • Osvaldo Napoli (Forza Italia - Berlusconi Presidente)
    Camera dei Deputati (scheda)
    Consiglio Comunale di Torino
  • Lucia Borgonzoni (Lega Nord)
    Senato della Repubblica (scheda)
    Consiglio Comunale di Bologna
    Sottosegretario ai beni e attività culturali e turismo del governo Conte

I DATI: I PARLAMENTARI DELLA LEGA IN CIMA ALLA CLASSIFICA INCARICHI
Dal Caricometro di questa XVIII Legislatura, creato in maniera chiara e dettagliata (con i vari grafici) dal sito OpenPolis, apprendiamo che su 183 seggi assegnati alla Lega, ben 87 sono occupati da parlamentari che hanno anche altri incarichi politici sul territorio. Con questa percentuale (il 47,54% degli eletti) la Lega è di gran lunga la lista con la quota più alta, quasi tre volte la media del parlamento. 
A seguire gli eletti con Fratelli d’Italia (30,61%), di Liberi e uguali (22,22%) e di Forza Italia (21,12%). Molto più distanti invece gli altri principali partiti come Partito democratico (7,78%) e soprattutto il Movimento 5 stelle (0,30%), con pochi parlamentari aventi altri incarichi.

COSA DICE LA LEGGE ?
Purtroppo, però, come ben spiegato da questo articolo, è legale poter avere due incarichi, l'importante che si rispettino gli articoli che pongono dei limiti.
In merito ai doppi incarichi, ci sono diversi articoli della Costituzione che spiegano quali incarichi sono incompatibili. Non si può essere parlamentare e contemporaneamente:
  • Presidente della Repubblica art. 84
  • Membro del consiglio superiore della magistratura  art. 104
  • Membro di giunta regionale, Consigliere Regionale, Parlamentare europeo  art. 122 
  • Membro della Corte Costituzionale art. 134 
  • Sindaco di un paese con oltre 15.000 abitanti legge n.56 del 7 aprile 2014 

FONTI E LINK UTILI

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.