domenica 17 giugno 2018

Il "Governo del cambiamento" e la totale ignoranza sulle Ong e sui migranti

Un po' di cose in fila. Tendenzialmente di buon senso

1.
Le ONG sono Organizzazioni Non Governative, quindi non sono proprietà "dei governi"
2.
Battono una bandiera nazionale perché il diritto internazionale marittimo impone vengano registrate in un Registro Nazionale e siano quindi soggette alla giurisdizione di quello Stato.
Ma non sono DI quello Stato.

3.
La mission delle navi delle ONG è salvare vite umane in mare. Quindi navigano in mari dove c'è alta probabilità di salvare vite umane.

4.
Uomini, donne e bambini (trafficati, sfruttati, abusati) DEVONO attraversare quel mare se vogliono salvarsi la vita 

5.
No, non possono prendere l'aereo e atterrare a Fiumicino o a Linate. Non c'è modo di entrare legalmente in Italia (e in molti paesi d'Europa) se non sei molto ricco
6.
Gli scafisti, le mafie e i trafficanti di esseri umani lo sanno e guadagnano pozzi di soldi dal traffico di esseri umani, che siano salvati o no dalle navi delle ONG. I soldi li prendono PRIMA della partenza, non dopo. La vita di coloro che imbarcano vale poco DOPO la partenza.
In USA con il protezionismo si è ingrassata la mafia italiana e la gente continuava a bere più di prima. Però in quel caso le casse di whiskey valevano all'arrivo, non alla partenza. Con gli esseri umani è il contrario, sono loro che pagano per salvarsi. E tra morire sicuramente in un carcere libico e forse salvarsi nella traversata, si sceglie il forse.
7.
Più si proibisce l'accesso più si ingrassano le mafie dei trafficanti di esseri umani. Eliminare le navi delle ONG significa mettere un cerotto sulla gamba di legno o decidere, scientemente, di far morire migliaia di persone
8.
Il soccorso in mare di naufraghi è regolato dal diritto internazionale

9.
Si da il caso che L'Italia sia una penisola circondata dal Mare Mediterraneo più o meno dal distacco dei continenti
10.
Così come Il Mediterraneo è il mare che collega il sud dell'Europa con il Nord dell'Africa più o meno dal distacco dei continenti
11. Il dicastero responsabile dei porti e della navigazione è quello dei Trasporti, al momento rappresentato dal Ministro Toninelli
12.
Il nostro "Ministro della Paura" non dispone della Marina (se non in minima parte) e dell'esercito e nemmeno dei Carabinieri che dipendono dal Ministro della Difesa, attualmente la Ministra Trenta (andatevi a leggere il suo CV)

ERGO:
1. Il ministro della Paura le spara grosse per sola unica cinica propaganda.
2. Gli altri ministri e il Premier lo lasciano fare e in alcuni casi condividono
3. Intanto si moltiplicano atti di violenza verbale e fisica contro gli immigrati in tutte le città (ieri a Corsico, la testa di maiale, eccetera)
4. Imbarbarisce la vita quotidiana di tutti noi e la violenza cresce (di tutti contro tutti)
5. Gli sbarchi continueranno se non cambia la legislazione europea, il contesto geopolitico mondiale, tra cui l'influenza della Francia in Africa e in Libia in particolare, il Trattato di Dublino e la politica estera europea
6. La Paura aumenterà e il Ministro della Paura raccoglierà


FONTE

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.