venerdì 15 dicembre 2017

La Terra emette un rumore costante impercettibile di ignota origine

supereva.it

La Terra emette un rumore, anche se noi non riusciamo a sentirlo. Se improvvisamente spegnessimo ogni dispositivo e tutto si fermasse per qualche secondo, potremmo (forse) sentire il suono del nostro Pianeta. Un rumore molto particolare, che è sempre stato circondato da un grande mistero e che solo di recente gli scienziati sono riusciti a registrare per la prima volta.

Si tratta di un rumore bassissimo, ma costante. Una sorta di ronzio che è stato definito dagli esperti “oscillazione libera”. L’unico modo per ascoltarlo è stato sul fondo dell’Oceano, dove una recente ricerca ha consentito di catturarlo. La Terra infatti è protagonista di una vibrazione che non ha nulla a che vedere con quella delle placche terrestri che provocano i terremoti. Si tratta di un suono perpetuo avvolto dal mistero e di cui da sempre si cerca l’origine. Il segnale a bassa frequenza è difficile da catturare ed è stato scoperto solamente di recente.

I primi studi su questo tema sono iniziati alla fine degli anni Novanta, quando alcuni scienziati giapponesi hanno dimostrato la sua esistenza, senza però riuscire a registrarlo. L’impresa è riuscita in questi giorni grazie al team di studiosi guidato da Martha Deen, professoressa dell’Istituto di Fisica della Terra di Parigi. Lo studio, pubblicato sulla rivista “Geophysical Research Letters” dell’American Geophysical Union, ha permesso di registrare per la prima volta il rumore della Terra nelle profondità dell’Oceano Indiano. Tutto grazie ad un’attrezzatura sofisticata, costituita da quasi 60 sismometri oceanici e strumenti che hanno consentito di rimuovere i suoni dell’acqua e altre fonti di disturbo. In questo modo gli scienziati hanno scoperto che la vibrazione della Terra è costante.

Ogni 30 secondi infatti si verifica questo “sussurro”, con frequenze tra 2,9 e 4,5 mHz. Anche se il rumore del Pianeta è stato registrato ciò non significa che i suoi misteri sono finiti. Gli studiosi infatti non sono ancora riusciti a comprendere quale sia la sua origine.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.