Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

venerdì 7 marzo 2014

Apre osteria senza oste: l' Agenzia delle Entrate lo multa per 62mila euro. Il titolare "Non mi arrendo"


VALDOBBIADENE (TREVISO) -
«Non mi arrendo!». Cesare De Stefani, l'oste che non c'è, multato di 62.000 euro dal Fisco
ha già avviato le pratiche per ricorrere contro la sanzione.
A fine ottobre, quando il postino le ha suonato alla porta con quattro buste verdi in mano si immaginava il contenuto?
«Un pò sì perchè avevo in piedi un rapporto delicato col fisco».
E adesso?
«Farò ogni resistenza possibile per tenere in vita questa esperienza».
L'Agenzia delle Entrate l'aveva contattata prima di multarla?
«No. Nessuno mi ha mai chiesto dei dati. Mi sono arrivate quattro buste e mi è stata pure affibbiata una partita Iva che non ho. Se il fisco mi avesse chiamato avrei chiarito tutto».
Come è nata l'osteria senz'oste?
«Era il 2005. Capitava spesso che i miei amici, passando di lì, mi rimproverassero il fatto che non c'ero e che li lasciavo a bocca asciutta. Così un giorno ho deciso di mettere sul tavolo della cucina, la cui porta era ed è sempre aperta, tre bottiglie e sei bicchieri. Se erano di più avrebbero dovuto bere a turno. Un'emozione di cui nel tempo si sono impossessati non solo i miei amici ma anche tanta altra gente che passava di lì. Un fenomeno inaspettato».
L'osteria senz'oste rimane una casa privata?
«Sì. È di proprietà mia e di mia moglie che fin dall'inizio non ha mai condiviso molto questa mia idea e che ora si è trovata coinvolta nella vicenda. Quel locale io lo uso per rappresentanza: porto i clienti e qui faccio assaggiare i miei salumi. Avevo deciso di lasciare tutto pronto per me e i clienti: piatti, bicchieri e tovaglioli. Poi è l’ho lasciato anche a disposizione degli altri. E molte persone vengono accompagnate qui anche da altre cantine per fare degustazioni ed esposizioni di prodotti».
Cos'è oggi l'osteria senz'oste per Valdobbiadene?
«Ha contribuito a raccontare non solo la nostra Valdobbiadene ma tutto il territorio trevigiano e la sua comunità. È diventata un simbolo dell'accoglienza, del rispetto e della responsabilità».
Chi non ci fosse mai stato fa ancora in tempo a visitarla?
«Certo. La possibilità rimane. Anche dopo la multa. Io non mi arrendo».

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie