Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

mercoledì 21 agosto 2013

Lega Nord: raccolta firme per l' abolizione del Ministero dell' Integrazione presieduto dal ministro Kyenge. No allo ius soli. Sì allo ius culturae. L' Italia è un Paese autolesionista?


Mi son fatto un giro sul sito LaPadania.net ed ho scoperto che
la Lega sta iniziando la raccolta firme per abolire il ministero dell’Integrazione. "Un dicastero che costa poco - si legge da LaPadania.net - ma serve ancora a meno. Più che gestire con iniziative concrete un grave problema come quello dell’immigrazione, sembra nato solo per fare polemiche e propagandare una certa linea politica sull’argomento".

«È ufficiale. In autunno parte la raccolta firme per chiedere l’abolizione del ministero dell’Integrazione - ha annunciato il vicesegretario federale, Matteo Salvini ( in foto ), ad Affaritaliani.it -. Saremo presenti in tutte le piazze del Nord, ma siccome riceviamo moltissime richieste anche dal Centro-Sud cercheremo di essere presenti in tutto il territorio nazionale, magari attraverso i Comuni».

L' ITALIA, PAESE AUTOLESIONISTA
Salvini prosegue
« tutti in Africa e nel mondo sanno che in Europa c’è un solo Paese autolesionista e che non fa nulla per impedire l’arrivo di clandestini - che sarebbe l' Italia - A sinistra come a destra, e penso alla Carfagna, ci sono grosse responsabilità. Il ministro Kyenge, anche lei responsabile, sta solo chiacchierando. Da quattro mesi non ha fatto assolutamente niente. Ci affidiamo alla gente e non solo agli italiani: tantissimi stranieri che sono venuti regolarmente mi scrivono tutti i giorni su Facebook dicendo che non vogliono il ministro Kyenge e le frontiere aperte per tutti ».

 «Altri 400 sbarchi di clandestini, pardon di migranti - ha scritto Salvini -. E la sciura Kyenge si preoccupa dei cori razzisti negli stadi! Povera donna, al posto sbagliato nel momento sbagliato».
Il riferimento è
alla campagna di sensibilizzazione per combattere il del razzismo negli stadi annunciata da Cecile Kyenge lunedì.
Poi Salvini riporta una dichiarazione del ministro («la terra non ci appartiene, ma è di tutti») per attribuirle il «primo premio assoluto al festival della banalità».

Salvini ricorda che « solo in Lombardia, i disoccupati sono 407.000. Nel 2013, sono 479 le aziende in crisi. Di questi “profughi italiani”, il governo se ne frega. Forse è più chic e più politicamente corretto preoccuparsi di chi sbarca a Lampedusa, piuttosto che di tutti questi italiani bisognosi. Ogni “integrazione” è impossibile in queste condizioni. Prima viene la nostra gente. Poi, se avanzano spazio e soldi, tutti gli altri... Qualcuno lo chiama “razzismo”, per me è buon senso ».

CAMBIARE LA BOSSI-FINI ? GIAMMAI! OCCORREREBBE UNO "IUS CULTURAE"


Contro la Kyenge e la sua volontà dichiarata di stracciare la Bossi-Fini, cambiare la legge sulla cittadinanza e introdurre lo ius soli interviene Lorenzo Fontana, anche lui eurodeputato della Lega Nord.
« L’impianto della legge Bossi-Fini è ottimo, ancor più il suo principio ispiratore che è quello di un’immigrazione sostenibile. In Italia entra e ottiene il permesso solo chi ha un lavoro, e i clandestini devono essere riaccompagnati alla frontiera o reimbarcati, e se scovati in acque extraterritoriali non devono proprio entrare. Piuttosto la legge va applicata meglio e in modo più stringente ».
Il presidente del Senato, Pietro Grasso, aveva affermato che per acquisire la cittadinanza italiana non basta essere nati in Italia ma occorre anche uno ius culturae, cioè l’immigrato deve imparare la nostra lingua e frequentare un corso di studio.

ITALIA, PAESE "MOLLICCIO"
Analizzando la situazione, effettivamente in Italia viene concesso troppo facilmente il transito di immigrati irregolari. Il paragone è facile se andiamo ad analizzare le regole per ottenedere la cittadinanza in Nazioni al di fuori dell' Unione Europea: scopriamo così chein molti Paesi bisogna studiare la storia della nazione, della capitale, imparare bene la lingua sostenendo uno o più esami, oppure avere persino un conto in banca e, ovviamente, un lavoro fisso.
Regole restringenti per permettere di creare residenti stranieri che possano mantenersi da soli ( almeno per un pò di anni ) senza esser un ulteriore peso per la società.
Se si concede la cittadinanza solo per esser nati in una nazione, si finirebbe con il veder incrementare in maniera esponenziale la popolazione e quindi le bocche da sfamare, i consumi, fino ad arrivare al punto di avere anche cibo non sufficiente per tutti. Un pò come Paese del Terzo Mondo.
Non è un' esagerazione. Non è razzismo. Sono misure necessarie per impedire che si crei uno Stato ( che attualmente versa in grave crisi ) con troppa popolazione e pochi servizi ( e pochi soldi ).

Io personalmente sono un tipo aperto mentalmente, ho criticato la Lega ( mai votata in vita mia ) e le loro iniziative ( che critico tuttora ). Mi sono semplicemente seduto a ragionare su cosa dicono i leghisti, per capire che situazione, con lo ius soli, potremmo avere in un prossimo futuro.
Se ci si ferma ad insultare sulla base razziale, non si conclude nulla.
Supponiamo che, ad arrivare in Italia, siano delle bellissime ragazze e dei bei fusti francesi. Lì c'è la crisi più nera, e tutti vengono qui. La popolazione aumenta, il lavoro scarseggia, e i disoccupati aumentano anch' essi. E' la stessa situazione.
Che siano neri, gialli, verdi, francesi, africani, neozelandesi, senza una disciplina ( seria ) sull' entrata di altri popoli sul territorio, la situazione potrebbe precipitare. Soprattutto perché c'è la crisi, poco lavoro, e molti imprenditori offrono lavoro a chi è disposto a sostenere condizioni lavorative più basse e degradate.

2 commenti:

  1. Ciao Daniele,
    volevi un mio parere? eccotelo ma non sarò per nulla moderato.

    1° penso che nei confronti della lega esista un autentico razzismo.Spesso hanno uscite poco eleganti e sono spesso rozzi nell'esposizione(forse troppo pratici e diretti) ma se si ascoltassero bene le parole alle volte si scoprirebbe che poi tanto pazzi e rozzi non sono.
    Giusto per portarti un esempio, anni fa Maroni propose che l'Europa si facesse carico di punti di raccolta per profughi nei paesi confinanti a quei luoghi dove guerre e carestie provocavano una fuga di persone.
    Tali punti avrebbero dovuto accogliere, valutare le richieste d'asilo e ditribuire in europa chi ne aveva diritto(ricordiamoci che non solo gli italiani fanno i furbetti!)
    Tale proposta fu accolta con una sonora risata e con un giudizio veloce "razzista!
    Oggi se si fosse applicato tale sistema(che oggi ripropongono associazioni umanitarie) non piangeremmo per ciò che è accaduto a Lampedusa!

    2° il ministro attuale è rozzo, sicuro di se e non ascolta nessuno.
    Non è il ministro dell'integrazione, è il ministro delle rivendicazioni africane in Italia.
    Non pensa a come far convivere culture differenti ma a come farci invadere da persone che abbiano tutti i diritti senza nessun dovere.
    Non valuta(o lo fa benissimo) le implicazioni delle sue parole.
    Secondo me da quando lei è ministro il razzismo è aumentato.
    Mi piacerebbe anche sapere quanto sono aumentate le donne incinta che arrivano sulle nostre coste.

    Io sono concorde con chi vuole dare la cittadinanza a chi nasce qui da genitori regolari autosufficienti.
    Dare la cittadinanza ad un bambino che è arrivato qui ...magari di passaggio mi sembra una stupidità!

    Dico solo una cosa, se si va avanti così chiederò come fare a rinunciare alla cittadinanza italiana e mi presento in comunque come extracomunitario senza documenti...probabilmente avrei + ascolto e aiuto di quanto ne possa avere oggi!
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte

    1. quella non la sapevo! Devo informarmi e leggere quella proposta.


      se devo esser sincero, appena ho saputo di un ministro di colore, l' ho vista come cosa positiva. Dopo che ho scoperto che hanno creato un nuovo ministero, beh..... un pò meno. Dopo le varie sue dichiarazioni, come lo stop al razzismo negli stadi, beh, mi son detto che potevo fare meglio io il ministro dell' integrazione.

      Suppongo quindi che sei in linea col il mio ragionamento a fine post.
      Non bisogna non soccorrere gli immigrati ( perché lo siamo stati anche noi, neii tempi bui della nostra storia ), ma bisogna evitare che qualsiasi straniero,
      anche londinese, austriaco, polacco, russo, arrivi qui, senza un soldo, ed ottenga facilmente la cittadinanza.
      Già ci sono famiglie italiane idiote che, nonostante disoccupate, fanno figli come conigli e poi passano avanti ai single disoccupati per ottenere un sostegno economico..

      Elimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie