Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

venerdì 7 giugno 2013

Cellulari, la Cassazione: via la tassa dalle bollette La sentenza ribalta il precedente orientamento. Vale 5,16 euro al mese


La tassa di concessione governativa sui cellulari in abbonamento è legittima?
La disputa è ancora aperta. Stiamo parlando del contributo a carico dei titolari di contratti di telefonia in abbonamento, che ammonta a 12,91 euro mensili per le utenze business e a 5,16 euro per i clienti privati. Un’imposta su cui si concentra, ormai da anni, l’avversione degli utenti di telefonia e l’attenzione della giurisprudenza, visto che la vicenda vale complessivamente vale per l'erario circa 2,4 miliardi di euro.

In attesa della sentenza a sezioni unite
A cambiare il vento per l'ennesima volta è una sentenza della sezione tributaria della Cassazione. Stando a quanto riferisce l'associazione dei consumatori Aduc, a maggio i giudici, investiti per l’ennesima volta del caso, hanno ribaltato il precedente orientamento dei colleghi. La Corte ha infatti emesso una nuova ordinanza in cui dichiara che non esisterebbe alcun presupposto per poter esigere l’imposta di concessione governativa. Visto che ormai sulla questione si registrano opinioni discordanti, la sezione tributaria ha preferito girare la patata bollente alle Sezioni Unite della Cassazione: ora si attende da queste la sentenza definitiva che decreti, si spera una volta per tutte, la legittimità o meno della tassa.

Telefonia: un mercato liberalizzato
A ribellarsi contro la tassa sono le associazioni dei consumatori, almeno dal 2009: esse ritengono indebita l’applicazione di un tale contributo in un mercato ormai privatizzato e liberalizzato come quello della telefonia mobile. La vicenda ruota intorno al fatto che, con la privatizzazione, si sia passati da un atto amministrativo tipico del diritto pubblico, in cui la pubblica amministrazione detiene una posizione di superiorità rispetto all'operatore, ad un contratto privato tra il cliente e la compagnia telefonica, che presuppone una situazione di parità tra le parti. Con queste motivazioni, dal 2009, i verdetti pro-contribuenti in sede di Ctp e Ctr sono stati ben il 95% del totale.

La sentenza della Cassazione, dicembre 2012: imposta legittima
Ma a spegnere gli entusiasmi dei consumatori è intervenuta, il 14 dicembre 2012, la Corte di Cassazione, che ha decretato che i consumatori debbano continuare a pagare la tassa di concessione governativa, e che i verdetti di rimborso a loro favore debbano essere impugnati. La motivazione? Secondo la Cassazione, nonostante la liberalizzazione della telefonia, la fornitura di servizi di comunicazione elettronica resta “soggetta a un'autorizzazione generale, che consegue alla presentazione della dichiarazione, resa dall'interessato, di voler iniziare la fornitura e costituente denuncia di inizio attività”. Adesso, però, si ricomincia daccapo.

2 commenti:

  1. Fai una giravolta, fanne un'altra, guarda in su, guarda in giù, dài ragione a chi vuoi tu.

    RispondiElimina

  2. Spesso la violenza sulle donne inizia proprio dalle chiamate anonime, e si arriva all'abuso vero e proprio. Oggi la tecnologia ci offre un servizio totalmente GRATUITO che è whooming. Per attivarlo basta una semplice registrazione al sito www.whooming.com ed automaticamente il servizio sarà attivo sul numero indicato, fisso o mobile che sia. Noi donne siamo le vittime più mirate...proprio per questo non facciamoci trovare impreparare...PREVENIAMO!!

    RispondiElimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie