Bollo Auto - Equitalia - Cartelle Esattoriali












Dopo quanto cade in prescrizione il Bollo Auto ?
Come fare un ricorso ad Equitalia ?
Ci sono aggiornamenti di Legge ? Se sì, quali ?
Queste, ed altre domande, in questa sezione dedicata alle Cartelle Esattoriali,
la loro eventuale prescrizione, come fare ricorso e come comportarsi.

Per chi volesse contattarmi in privato nel caso non vogliate postare in pubblico le vostre questioni private col fisco, se posso, nei limiti dei miei mezzi fornire un aiuto, potete scrivermi a  dankash@hotmail.it
Qui trovate una copia della Raccomandata da inviare ad Equitalia per farsi avere lo sgravio
( ovvero "annullamento della cartella esattoriale" ) sulla richiesta illegittima di pagamento
Tassa Automobilistica
caduta in prescrizione
.

Qui invece trovare un riassunto riepilogativo su
---> Come evadere le tasse legalmente usando la legge
:
usando la prescrizione e le sentenze delle cassazioni è possibile rendere nulla una cartella esattoriale.

Qui trovate dal sito di Equitalia, spiegazioni su cosa sono:
sollecito di pagamento, preavviso di fermo, preavviso di ipoteca, intimazione di pagamento

EQUITALIA ED AGENZIA DELLE ENTRATE
  1. Cartelle pazze di Equitalia? Grazie alla manovra 2013 si posso cancellare. Ecco come compilare la Raccomandata da inviare ad Equitalia
  2. Come rateizzare i pagamenti non corrisposti
  3. Annullate tutte le cartelle esattoriali antecedenti il 1999
  4. Raccomandata Equitalia è nulla se consegnata dal postino: le varie sentenze del 2012 mostrano che le richieste non consegnate da un funzionario possono essere annullate. E non solo!
  5. Termini notifica accertamento esecutivo: la nuova normativa elimina la rateizzazione
  6. Interrogazioni pagamenti effettuati e non ( link diretto all' Agenzia delle Entrate )
  7. Vuoi sospendere la richiesta di riscossione di Equitalia? Ora puoi farlo scaricando ed inviando i moduli reperibili sul sito web 
  8. Equitalia: cambia notifica cartella di pagamento. Ora non si sfugge più 
  9. Salgono al 5,22% gli interessi di mora. L' aumento effettuato dall' Agenzia delle Entrate è dovuto all' adeguamento previsto dalla legge
  10. Riscossione tributi locali. Lo Stop ad Equitalia rinviato al 30 giugno 2013 
  11. La Cassazione condanna Equitalia: il contribuente ha diritto a ricevere le cartelle esattoriali complete ed integrali 
  12. Annullabili le ipoteche Equitalia se il debito è inferiore a 8mila euro 
  13. Equitalia: ora la posizione debitoria si verifica online. Dal sito di  Equitalia è possibile controllare la posizione contributiva, eventuali debiti, cartelle esattoriali e si può anche rateizzare le cifre da pagare 
  14. Equitalia : salgono al 5,22% gli interessi di mora. L' aumento effettuato dall' Agenzia delle Entrate è dovuto all' adeguamento previsto dalla legge 
  15. Castellaneta: apre sportello Equitalia per i cittadini. Servizio assistenza gratuita 
  16. Cartelle esattoriali e poi il fermo: la sentenza della Cassazione stabilisce che prima di agire l' ente debba rispondere al contribuente
  17. Eliminate il nome sul campanello, e siete immuni dalle notifiche. Se manca il nome sul citofono o campanello rendi nulla la notifica della cartella. L' Ufficiale Giudiziario deve apporre l' avviso di mancato recapito anche sulla porta di casa: senza il nominativo sulla porta di casa, l' atto è nullo
  18. L' addio di Equitalia: dal 30 giugno non ci sarà più l' iscrizione al ruolo ma l' ingiunzione fiscale
  19. Equitalia: raccomandata senza relata di notifica? L' atto di riscossione dell' ente è nullo. Il contribuente non deve pagare. Le poste non sono soggetti abilitati alla consegna degli atti
  20. Rateazioni, pignoramenti e ipoteche: tutte le novità contenute nel nuovo decreto del governo. La prima casa non sarà più pignorabile
  21. "Scacco matto" ad Equitalia: la cartella esattoriale notificata per posta è nulla. La cartella è inesistente
  22. Decreto del Fare: le nuove regole in tema di riscossione: novità su pignoramenti, ipoteche e rateizzazione debiti per difficoltà economica
  23. Equitalia: la cassazione condanna ancora una volta l' ente della riscossione per pratiche illegittime
  24. Equitalia: l'estratto di ruolo è insufficiente. Obbligatoria anche la cartella esattoriale  
  25. Equitalia, azzerati gli interessi sulle Cartelle Esattoriali: pagamento anticipato e soluzione unica. Ecco le novità
  26. Equitalia: grazie al nuovo decreto legge, saranno possibili rateizzazioni sino a 10 anni a causa della crisi economica. Meno retrittive le norme sul mancato pagamento di alcune rate
  27. Equitalia decreto Governo Letta: ecco come saldare entro il 28 Febbraio tutti i debiti col fisco
  28. Equitalia: annullata la cartella consegnata al coinquilino. Senza un rapporto di parentela, la consegna non è ritenuta valida
  29. Quali sono i beni pignorabili?
  30. Equitalia pignora pensione di un invalido per 10mila euro: il provvedimento è illegittimo dacché non è più possibile pignorare l' intera pensione/stipendio 
  31. Equitalia torna all' attacco con pignoramenti immobiliari. Ecco cosa sapere sull' iscrizione ipotecaria della propria abitazione in caso di debiti col fisco 

 BOLLO AUTO e VEICOLI
  1. Bollo auto non pagato. Se cade in prescrizione non va pagato
  2. A quanto ammontano gli interessi e mora per il ritardo pagamento ? 
  3. Come, dove e quanto pagare
  4. Prescrizione tassa automobilistica: delucidazioni sull' Articolo 2934
  5. A quanto ammontano gli interessi di mora per ritardo pagamento ?
  6. Bollo auto: se c'è il fermo amministrativo, non va più pagato
  7. Bollo auto non pagato: tolto il fermo amminstrativo al contribuente dacché non esistono atti interruttivi inviati dall' agente della riscossione
  8. Prescrizione bollo auto: un' altra Sentenza della Cassazione conferma il termine di tre anni 
  9. Autovelox: Cassazione annulla la multa se nel cartello non è specificato se sia fisso o mobile 
  10. Ricorso Autovelox: quando la multa è illegittima e non va pagata
  11. Multe Autovelox: come fare ricorso


INFO SU TASSE E PRESCRIZIONE

  1. Prescrizione e Ricorso: ecco quanto tempo abbiamo a disposizione per un reclamo,e dopo quanto cade in prescrizione una tassa dovuta
  2. Prescrizione e decadenza dei termini: cosa è e come funziona
  3. Prescrizione cartella esattoriale di pagamento: entro quando l’Agenzia Entrate ha potere di notifica 
  4. Dettaglio Pignorabilità pensioni e stipendi: con la legge del Governo Monti saranno totalmente pignorabili nel caso di debito con lo Stato
  5. Cassazione: assicurazione auto troppo cara? La polizza è da rimborsare  
  6. AUTOVELOX NASCOSTI: la Cassazione afferma che è una truffa e ribadisce come la legge sottilinei che i dispositivi debbano essere visibili e servire per la sicurezza stradale, non per incassare denaro  
  7. Bari: pensionato riceve 18 intimazioni di pagamento da Equitalia in pochi giorni per un totale di 44.000 euro. Il pensionato riesce a vedersi accogliere la sua tesi grazie al legale dell' Adusbef
  8. Precisazioni su Prescrizione e decadenza dei termini: Irpef, Irap, Iva e tutti i tributi locali ed erariali. Scarica il documento PDF che spiega tutto sulla prescrizione delle tasse
  9. Equitalia: pignoramento su conto corrente annullato. Un ex imprenditore vince la causa dacché le tasse richieste, circa 20mila euro, erano cadute in prescrizione
  10. Termini di prescrizione: per quanto tempo devo conservare queste cartacce? Bolette, bollettini, ricevute, affitto, alberghi, banche.. ecco dopo quanti anni possono essere gettati via
  11. Risarcimento danni per incidente auto? La prescrizione è di 5 anni
  12. Treno in ritardo? Il rimborso è obbligatorio 
  13. Prescrizione cartelle esattoriali per le multe: il termine è di 5 anni e non 10 come ha tentato di sostenere Equitalia. Le recenti Sentenze hanno rigettato il ricorso dell' ente addetto alla riscossione. Ecco i dettagli della sentenza 
  14. Prescrizione contributi professioni: la Cassazione conferma i 5 anni  
  15. Decreto ingiuntivo: come funziona e cosa accade se il debitore scappa
  16. Sono nulle le cartelle esattoriali che non riportano i costi di spese postali e accertamento 

50 commenti:

  1. ciao Daniele mi chiamo francesco e ti scrivo da Olbia SARDEGNA tempo fa ti avevo scritto in merito a un consiglio di alcuni bolli che risultavano prescritti avevo inviato la lettera che tu m consigliavi facendo notare che erano passati i termini per poter chiedere gli importi, oggi mi e'arrivata la loro comunicazione dicendo che non potevano fare lo sgravio in quanto loro avevano proveduto a inviarmi comunicazione prima della scadenza dei tre anni.Ti posso assicurare che io non ho MAI ricevuto niente da parte loro.Come posso comportarmi adesso ,Grazie

    RispondiElimina
  2. Ciao Daniele sono sempre Francesco da olbia, sono andato da equitalia x chiedere copie di questi avvisi che loro sostengono di avermi inviato mi e' stato risposto che loro hanno inviato tutto il cartaceo a Roma e quindi x avere copia ci vorra'almeno un anno,mi hanno consigliato di pagare altrimenti il tutto va avanti con tutte le conseguenze.Che faccio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco.

      Non ricordo ora che bolli erano. Per caso c' erano bolli vecchissimi assieme a bolli recenti?

      Di norma, andando a Equitalia, ad esempio, loro hanno la copia sul terminale e possono mostrartela. Mi sembra strano non
      l' abbiano. Invio il cartaceo a Roma?
      Se l' avviso che ha interrotto la prescrizione è giunto a te dall' Agenzia delle Entrate di Olbia, perché inviare il cartaceo altrove?

      L' unico dubbio è che in mezzo ci siano bolli vecchi e bolli recenti ( quest' ultimi che saranno gli unici non caduti in prescrizione ) e che quindi ti abbiano risposto perché parte di essi sono legittimamente richiedibili. Di solito infatti non rispondono proprio a questa lettera ( è accaduto proprio a me per un bollo del 2005, ampiamente prescritto, e non mi hanno mai risposto né si sono fatti vivi più ).

      Siccome la legge fa sì che una tassa non dovuta vada prima pagata, per poi richiedere il risarcimento dacché fonte di richiesta illegittima, in teoria dovrebbe pagare e poi fare ricorso.
      Se è ancora nei tempi ( di norma dovrebbe avere 60 giorni prima che scada il termine per pagare tutto ) provi a contattare l' Agenzia dele Entrate di Roma oppure il numero
      verde ( che non è verde, ma costa come una normale interurbana ) 848 800 444, cercando di capire se vi abbiano detto la verità e se almeno lei possa venire a conoscenza
      se le è stata realmente notificata e quando.

      Giusto pe rricordare, i bolli, a che anno si riferivano?
      C' era riportata la data della precedente notifica così come ha sostenuto l' operatore dello sportello?
      Deve leggere se vi è scritto "notificata in data XX/XX/XXXX" e a che data si riferisce.

      Un salutone a lei

      Elimina
  3. salve Daniele sono Francesco ( olbia ).I bolli erano anno 2000 e 2002.Il primo e' stato notificato il 30/05/2008 il secondo il 16/10/2009.loro dicono che queste date di notifica sono quelle che ha fatto equitalia quindi non sono le loro,ora io dico ma se nei documenti che mi mandi io leggo questi dati dove non c'e' specificato chi ha fatto la notifica io come faccio a sapere se e'vero quello che loro dicono. Io sono certo di non aver ricevuto niente entro i tre anni perche'devo pagare un qualcosa senza avere riscontro di una copia di notifica fatta entro i tre anni come asseriscono?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco!

      Ah ecco, allora i bolli sono caduti
      ampiamente in prescrizione!

      La richiesta del 2008 era già illegittima
      dacché passati 6 anni.
      Se le cose stanno realmente così, mi sembra ti stiano
      "truffando".

      Allora se quelle richieste le ha inviate Equitalia, lei vada alla sede centrale di Olbia, richieda espressamente
      tutte le notifiche di quei bolli con la data di notifica e la visualizzazione sul terminale della ricevuta firmata e da chi
      ( a me lo fecero per una cartella vecchia: mi mostrarono proprio la scannerizzazione della notifica firmata ).
      Se loro non ce l' hanno o hanno solo l' unica notifica del 2008, allora "si attaccano al tram".

      Se prima del 2008 non ci sono notifiche ( o dicono che ci sono ma non hanno prove ) allora puoi tranquillamente ignorare il tutto perché non hanno assolutamente il diritto di richiederle.

      Elimina
  4. Ciao Daniele e molte grazie x i consigli che ci dai.Un'ultima domanda ma se io li ignoro e loro provedono a mandare avanti la pratica magari ponendomi le ganasce o altro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In teoria ed in pratica non potrebbero farlo.
      Se proveranno a far qualcosa e farai ricorso,
      lo vinceresti per come stanno le cose.

      Io purtroppo non sono un avvocato, mi informo su tutte le leggi in vigore, ma se riesci a consultare un esperto che ti sappia dire come effettuare già un ricorso, potresti diciamo
      "metterti le mani avanti".

      Ripeto, per legge quei bolli non possono richiederli. A me stesso un bollo caduto in prescrizione, dopo la lettera, non mi è stato mai più richiesto. Io sono a Cagliari, quindi non essendoci milioni di persone, se ti beccano, ... ti beccano subito. E di nuovo.

      Provi comunquead andare da Equitalia. Loro, al 100% ( salvo scorrettezze di qualche impiegato ) sapranno dirti tutto, visto che la pratica l' hanno gestita loro.

      Ciao a te e buon fine settimana!

      Elimina
  5. Grazie Daniele.Come dici tu provo a consultare un avvocato, poi piu'avanti ti faro'sapere come e' andata anche x farlo sapere ad altri' che potrebbero avere lo stesso problema

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo. Le testimonianze di tutti sono sempre utili a chiunque.
      Comunque sia, stai tranquillo che nella prescrizione ci stai.
      Ciao a te!

      Elimina
  6. Ciao Daniele,mi chiamo daniele e ti scrivo dalla provincia di padova.
    Mi è stato notificato dalla regione veneto il mancato pagamento del bollo auto risalente all'anno 2010.
    il problema è che io non ho mai posseduto tale auto,come dovrei comportarmi ?
    mi sono già rivolto all'aci i quali hanno inviato una lettera alla regione comunicando l'errore ma la risposta è stata sempre la stessa,il bollo va pagato.
    Ho cercato altre informazioni in giro ma tutte le risposte sono state vaghe.
    Cordiali Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniele!

      Beh, "il bollo va pagato"? Chi è che lavora alla Regione? Topolino?
      La tassa va pagata sempre per i veicoli intestati a proprio nome,
      anche quando il veicolo ormai non esiste più, ma la tassa risulta non pagata
      ( e non caduta in prescrizione ).

      Provi, se può, ad andare di persona alla Regione, semmai con dei documenti che attestino a chi è intestato quel veicolo. Anzi, cerchi proprio il proprietario del veicolo, così che lei possa comunicare loro il VERO proprietario e quindi il VERO contribuente evasore del bollo 2010 di quell' auto.

      Se quell' auto non è mai stata intestata a suo nome, lei NON DEVE pagare alcuna tassa per quel veicolo.

      Salutoni!

      Elimina
    2. Il problema è che mi hanno già inviato una carta con tutti i precedenti proprietari,tra i quali risulto pure io come ultimo intestatario...assurdo per una macchina che non ho nemmeno mai visto, misteri della burocrazia italiana

      Elimina
    3. E' assurdo! Dovrebbe chiedere da loro la copia di tutti i documenti
      ( con le date ) che attestino tale situazione.
      Come hanno potuto intestare un veicolo a suo nome, con tutti
      i suoi dati anagrafici?
      Che sia una truffa architettata da qualcuno e non un errore?

      A questo punto converrebbe denunciare il fatto, perché potrebbe esser una truffa come una di quelle dove intestano veicoli o altro ad ignare persone per evadere il fisco.
      Che riescano a beccare colui che ha causato tutto questo.

      Elimina
    4. salve,vorrei avere dei chiarimenti in merito ad un bollo anno 2006 regione Puglia.In data agosto 2008 ricevo dall'ACI il pagamento del bollo con le dovute sanzioni.In data 2009 ricevo atto di accertamento e contestuale irrogazione di sanzioni dalla regione Puglia.In data 2012 ricevo notifica da parte di Equitalia su incarico regione Puglia,consegnata da un postino,ho firmato solo la ricevuta.In data odierna novembre 2013 ricevo da Equitalia comunicazione preliminare all'avvio delle procedure esecutive e cautelari.Sollecito di pagamento(1).Ora gentilmente vorrei sapere come mi dovrei comportare,sono in dovere di corrispondere l'importo oppure Equitalia ci prova...??grazie

      Elimina
    5. Salve a lei!

      Quindi è accaduto solo nel 2012 di aver firmato qualcosa alla ricezione
      della cartella?
      Se è così ( ovvero se le lettere precedenti erano non raccomandate )
      allora il bollo è caduto in prescrizione dopo il 2000.
      Se gli avvisi precedenti sono stati firmati e risultano ai terminali dell' Agenzia delle Entrate o Equitalia, allora la tassa è richiedibile.

      Anche se... le ultime sentenze hanno ormai affermato come una cartella esattoriale notificata dal postino sia nulla dacché esso non è un ufficiale addetto alla consegna di tali cartelle.

      Il non aver firmato nulla o la ricezione di lettere non raccomandate equivale, anche se molti sostengono il contrario, al non aver ricevuto alcuna comunicazione.
      Altrimenti a che servirebbe la Raccomandata R/R ?!

      Un salutone a lei!

      Elimina
  7. Buongiorno,

    mi chiamo Daniele.
    Nel mese di dicembre 2013 ho ricevuto una cartella da equitalia per un bollo non pagato del 2008, regione lombardia.
    Quindi penso che sia andato in prescrizione? giusto?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buondì Daniele!

      La prescrizione si inizia a contare dal 1° Gennaio 2009 ( anno solare ),
      quindi sono 5 anni al 1° Gennaio 2014.
      Per la legge vigente ("...il terzo anno successivo a quello in cui doveva essere effettuato il pagamento..") la prescrizione c'è, ma non so se nella regione Lombardia ci siano stati cambiamenti normativi.

      Provi, se vuole, a far valere la prescrizione citando le leggi vigenti
      ( riportate nel link 1 della categoria "Equitalia e Agenzia delle Entrate" ).

      Salutoni!

      Elimina
    2. Grazie mille,

      ma come faccio a sapere se la regione lombardia ha fatto cambiamenti per quanto riguarda gli anni di prescrizione?
      Se invece non faccio niente che succede?
      Grazie mille

      Elimina
    3. Dovrebbe contattare direttamente la Regione Lombardia.
      Ricordo che tempo fa la Regione si avvalse dell' articolo 37
      della Legge N. 326 del 2003
      prorogando la scadenza del recupero dell'amministrazione
      finanziaria fino al 2005 anche per i bolli degli anni 2000 e 2001.

      Se non fa nulla, le arriveranno altre lettere in futuro sino a quando,
      se vorranno, potranno applicare un fermo amministrativo al suo veicolo.
      Ovvio, se lei è nel giusto ( e loro lo sanno sempre ) non potranno fare alcun fermo ( anche se proveranno a notificarglielo.

      Salutoni!

      Elimina
  8. Salve Daniele Le vorrei fare una domanda visto che oggi mi è accaduta una spiacevole cosa. Questa mattina il postino mi è venuto a recapitare a casa una lettere della Soget, ho firmato per prenderla e aprendola mi sono ritrovato una somma da pagare di quasi 600 per un pagamento di un bollo non effettuato (per mia dimenticanza) di una golf. Il bolla da pagare risale al 2008 mentre io l'anno successivo pago il bollo del 2009 e vendo la macchina.
    Sulla lettera della Soget vi è scritto che la data di emissione della lettera risale a giugno 2013 ma solo oggi mi è arrivata (ed in questo lasso di tempo non mi sono mai mai arrivarmi a casa lettere).
    Cosa mi consiglia di fare.. Devo pagare oppure posso evitare di regalare soldi a questi magnacci?? Grazie mille per la disponibiltà e per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buondì a lei!

      I magnaccioni sono come i funghi. Beh, iniziare così l' anno,
      non ha prezzo!

      Calcoli che la prescrizione avviene
      "il terzo anno successivo a quello in cui doveva esser effettuato il pagamento", e l' anno è inteso come anno solare ( quindi dal 1° gennaio al 31 dicembre ).
      Quello del 2008 quindi è decaduto il 31 dicembre 2012.
      Quindi sti tizi che vogliono da lei? Le patatine?

      Mandi loro la raccomandata specificando le leggi e la loro inopportuna richiesta. Veda se e cosa le rispondono.

      Salutoni e buon anno!!

      Elimina
  9. Gentilissimo Daniele, in dicembre 2013 mi è arrivata una cartella di equitalia per un bollo non pagato del 2008, mi è stato consigliato di rivolgermi all ente creditore, ovvero la regione alla quale ho chiamato e mi hanno comunicato che non è andato in prescrizione perche il novembre del 2011 avrebbero notificato della richiesta di pagamento (questa una di quelle bonarie da parte della regione) e la accettazione è stata firmata dal custode dello stabile- in realta' novembre 2011 aveva superato i 3 anni di un pagamento dovuto entro 31 gennaio 2008, penso, questo si puo considerare un iterruzione? cosa posso fare? grazie per la tua risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Katia

      il conteggio della prescrizione della tassa del 2008 inizia
      dal 1° Gennaio 2009 quindi:
      tutto 2009, tutto il 2010, tutto il 2011 sino al 31 Dicembre.
      Essa quindi cade il 1° Gennaio 2012.
      Se la notifica è stata firmata nel 2011, la richiesta è legittima.

      Dovresti avere la prova certa di averla ricevuta e se davvero in quella data. Se la notifica è esatta, allora il bollo è da pagare.

      La notifica sì, è un atto interruttivo, quindi non avrebbe senso attendere una nuova prescrizione ( che non è più "del terzo anno successivo ...." ma
      di più ).

      Se il custode dello stabile è l' addetto al ritiro poi, non si può ricorrere sostenendo che l' abbia ritirata una persona non autorizzata.

      Salutoni a lei!

      Elimina
  10. Grazie mille delle sue informazioni, Il fatto è che io mi ritrovo solo una lettera, dove dice che è stata effettuata la consegna della raccomandata n...... consegnata/1217 al portiere, ma in realtà questa raccomandata io non me la ritrovo. l'unica richiesta di pagamento con tutti i dettagli e' del 17/12/2008. Non ho proprio nessuna possibilita di poterla contestare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per avere la certezza della data dovreste recarvi all' ente che vi ha spedito la raccomandata ( Equitalia o direttamente l' ente creditore l' Ag. delle Entrate ).

      Se la data è relativa al 2011, allora la notifica è giunta per giusto tempo
      e quindi il bollo è da pagare.
      Non può attendere una nuova prescrizione perché dopo la ricezione della notifica con cartella, gli anni sono 5 o 10 ( in base al tributo ).
      Se lei è sicura che l' ha ricevuta nel 2011, allora può regolarizzare l' imposta, altrimenti deve comunicare che la richiesta è illegittima ( almeno per raccomandata )

      Elimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. la notifica dovrebbe essere della regione, ma è solo una notifica di una raccomandata che io non mi ritrovo, e la raccomandata dovrebbe essere da parte della regione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se è della Regione è lo stesso. E' la Regione che cerca i nominativi
      dei cittadini evasori, Equitalia è l' ente che riceve i dati dall' Agenzia delle Entrate ed invia le notifiche ai contribuenti.

      Se comunque la notifica è avvenuta nel 2011, allora la loro richiesta è legittima. Quello che conta è la prima notifica in assoluto ( sulla quale si può contare la prescrizione riportata nella normativa )

      Elimina
  13. Ciao Daniele,
    pochi giorni fa volevo regolarizzare due bolli che non avevo pagato, chiamando il call center pronto bollo Lombardia mi è stato detto che per l'auto in cui richiedevo informazioni non cera bollo da pagare in quanto risulta un fermo amministrativo dell'auto da 30.09.2009. Cado dalle nuvole e cerco di capire di piu....andando dal comando dei vigili ove emesso il fermo, essendo verbali troppo vecchi non riesco a darmi la doc che mi aiuti a capire e ricostruire tutta la vicenda. Si tratta di un infrazione del codice della strada del 29.08.03 Maggioli Tributi (che ha in mano la pratica) mi ha solo comunicato a voce quanto segue: riferiscono di aver inviato una prima notifica il 09.06.2008 ed un preavviso di fermo in data 23.05.2009....il tutto ovviamente ame ignaro tanto che se mi avessero fermato passavo i veri guai !!! Ora mi chiedo se è giusto se dopo tutto qauesto tempo passato devo ancora pagare la bellezza di euro 2.900,00 altrimenti il fermo non verrà tolto .!!! non ce modo almeno di rientrare nella legge si stabilità e pagare solo la sanzione senza interessi...
    Grazie di esistere .....hahaha ! Non puo capire da qaunti gorni cerco di arrivare ad una soluzione certa....!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao a te Michela!

      Beh intanto le cose dette a voce hanno la valenza del parere di una formica.
      Ci vogliono le carte scritte.
      Se l' Agenzia delle Entrate dice che lei ha un debito con lo Stato comunicatole in data X, DEBBONO avere obbligatoriamente le prove, o su carta o la scansione sui terminali delle raccomandate firmate.
      Altrimenti il tutto non ha alcuna valenza!

      Lei deve contattare l' Agenzia delle Entrate e non altri che non c' entrano. Il tributo è dovuto allo Stato e quindi sono loro da contattare.
      Vada di persona, dia i suoi dati e faccia controllare la situazione fiscale relativa alla tassa automobilistica.
      Loro sapranno dirti se c'è qualche tassa non pagata, se è stata notificata, da chi e quando.

      Se il fermo è stato fatto per errore, oppure è stato fatto per una tassa evasa della quale nessuno, neanche l' Agenzia delle Entrate, ha le prove, lei deve fare un ricorso, e stia certa che per legge è da togliere, dacché non ci sono prove che attestito il reato.

      Per la questione del regolamento con la Legge di Stabilità sì: consiste nel pagare il tutto in un' unica soluzione, senza interessi. Ma ovviamente va fatto tutto assieme.

      E comunque l' avviso del 2008 mi pare anche illegittimo...
      Prova ad andare all' Agenzia delle Entrate di persona e fammi sapere.

      Un salutone a te!! E grazie del complimento! Una ragione in più per esistere!
      ahahahaha

      Elimina
    2. Diamine forse non ti ho spiegato bene, o meglio o fatto io casino nell'esporre.
      Allora .... ho scoperto di avere un fermo amministrativo relativo a due verbali per infrazioni al codice della strada compiute nel 2003, a voce Maggioli Tributi mi ha comunicato la somma da pagare che ammonta ad € 2900,00 e giusto date di notifica "una prima notifica nel 09.06.2008 ed un preavviso di fermo in data 23.05.2009", il fermo poi risultata registrato al PRA in data 30.09.2009.
      Mi sono quindi recata al comando dei vigili che all'epoca aveva emesso il verbale ma mi hanno detto che ci vuole troppo tempo per recuperare il tutto..... Se riuscisse pero a recuperare in tempo la doc. per la questione del regolamento con la legge stabilita e se le date comunicate a me per telefono coincidono non esisitono tempi di prescrizione per il fermo amministartivo ?
      Grazie ancora

      Elimina
    3. Questo ente è l' Equitalia dell' Emilia Romagna, colei che gestisce lì i tributi.

      Pagare l' imposta tutta assieme è possibile come ti ho scritto per la nuova Legge di Stabilità.
      Il fermo amministrativo avviene dopo che non viene pagata l' imposta dopo il sollecito di pagamento ( di solito termine intorno ai 20 giorni ).

      Troppo tempo per recuperare la documentazione? Non penso sia così.
      Il comando dei vigili è una cosa, gli enti della riscossione un' altra.
      Se si rivolge all' ente ( in questo caso Maggioli Tributi ), loro son tenuti a conservare le notifiche, i dettagli e le ricevute di avvenuta consegna.
      E' impossibile non le abbiano. Se era stata Equitalia e vi si recava lì, anche per un tributo notificato nel 2005, avrebbe trovato tutta la documentazione.

      Quindi o c'è qualche errore, oppure la richiesta è lecita ma loro non hanno la documentazione. E l' assenza di questa documentazione fa decadere il tutto! E' questa la cosa più importante!

      Se vuoi fare un ricorso, per legge, in teoria dovresti prima regolarizzare il tutto, poi fare ricorso e richiedere la restituzione del debito ( si fa quindi un indebito ) ed aprire una causa ( per una cifra superiore ai 2000 euro penso si dovrebbe far difendere obbligatoriamente da un legale ).

      Se hai disponibilità economica ed uno stipendio, dovresti forse regolarizzare e poi provare il ricorso.
      Nel caso tu non avessi nulla ( oltre al mezzo che usi ) dovresti ricercare la documentazione.
      Comunque, se ti rivolgi all' ente, loro hanno tutto sui computer. Debbono averlo per forza. Almeno cerchi di capire se hai la possibilità di cancellare il debito.

      Elimina
  14. Gentile Daniele,
    Io non pago I'll bollo dal 2006 perche l'auto e' intestata al mio ex. Ora ho impiantato causa legale dal giudice di pace per l'intestazione di tale auto . Quanto dovrei pagare di bolli ammesso che I'll mio ex non l'abbia mai pagati?

    Urgente vorrei una risposta
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve Loredana.

      Le ho risposto anche all' altro commento.
      E' una domanda molto vaga, bisognerebbe vedere a quanto ammonta il bollo dell' auto in questione.
      Se i bolli non sono mai stati notificati, intanto le cadono in prescrizione dal 2006 al 2010 ( incluso ), mentre per gli altri dovrebbe applicare un interesse cadauno del 30% ( [BOLLO / 100] * 30 ) in più c'è un 3% semestrale.

      Elimina
  15. salve Daniele,
    il 29 gennaio 2014 mi è stato notificato un AG per omesso pagamento del bollo della mia auto riferito al periodo di imposta 2010 ed esattamente per il periodo tributario SETTEMBRE 2010 - AGOSTO 2011 ,premetto che abito in Molise ; vi chiedo se sono tenutoa pagare o meno. Grazie.
    Antonio P.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve a te Antonio!

      Per legge, se prima di questa notifica non ha mai ricevuto altre lettere che le comunicavano il mancato pagamento di questo bollo, allora è caduto in prescrizione. il 31 dicembre 2013.
      Invii una lettera dove comunica l' illegittimità della loro richiesta
      ( trova una copia cliccando al primo link di questo post ).
      Per quanto riguarda la modifica delle normative a me non risulta che in
      Molise il termine della prescrizione sia stato modificato, ma se vuole
      una conferma può telefonare all' Agenzia delle Entrate della sua regione,
      giusto per esserne sicuro.

      Salutoni!

      Elimina
  16. Salve Daniele,

    Volevo regolarizzare i bolli della mia auto che da poco ho scoperto che non sono stati mai pagati dalla persona che se ne sarebbe dovuta occupare dal 2011 (anno di acquisto della macchina 9/2011).
    In quanto residente in sardegna fino a pochi giorni fa (ho fatto il trasferimento di residenza in provincia di latina a seguito di acquisto casa il 03/02) non mi era possibile utilizzare il pagamento online.

    Intento a voler regolarizzare la cosa, mi sono recato ad uno sportello ACI, che mi ha comunicato che presso di loro era possibile pagare solo il bollo relativo al periodo da aprile 2013 ad aprile 2014, mentre per gli altri non potevano fare nulla e non sapevano darmi indicazioni.

    come mi devo comportare? anche perchè è da saldare pure il primo bollo e non vorrei ne avere problemi di cartelle che arrrivano in seguito ne problemi in caso di vendita auto in futuro.

    Grazie

    Daniel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve a te Daniel!

      Intanto puoi e devi regolarizzare gli ultimi, in modo da evitare interessi altini
      ( dopo l' anno volano al 30% ).
      Per quelli vecchi devi rivolgerti all' ente che riscuoteva il bollo quando eri nella vecchia residenza, ovvero l' Agenzia delle Entrate in Sardegna.
      Se non puoi recarti nell' isola, prova a contattare direttamente la sede provinciale in Sardegna e chiedi di farti inviare le copie delle cartelle al tuo nuovo indirizzo.
      Non penso che la sede dove sei ora abbia le relative cartelle, perché esse sono gestite in base alla provincia.

      In che provincia risiedevi?

      Elimina
  17. Ciao Daniele e grazie della risposta,

    ero residente nella provincia di Olbia-Tempio, ed essendo il trasferimento di residenza avvenuto da pochissimo sicuramente non hanno nulla qui.

    Quindi mi consigli di contattarli direttamente al telefono o anche via mail (non potrò andare in sardegna prima dell'estate)?
    Poi dovrò recarmi all'agenzia dell'entrate io o si potrà fare il pagamento online?

    Scusa l'ignoranza, ma speravo di fare tutto all'aci all'inizio.

    Grazie

    Daniel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniel

      I contatti del distretto che ho trovato son questi
      http://www.orari-di-apertura.it/agenzia-delle-entrate-olbia-tempio.htm.

      Sì, contattali, ma non perché ancora debbono trasferire la documentazione, ma perché la gestione delle pratiche è relativa alla provincia di residenza.
      Contattali prima via mail indicando i tuoi dati anagrafici, codice fiscale e targa del veicolo, poi contattali telefonicamente.

      Penso che sia possibile anche on line, ma cerca di sentire da loro come muoverti, non vorrei effettui un pagamento errato e poi ti vengano a cercare in futuro per errori di pagamento.

      Non preoccuparti, sinché posso esserti d' aiuto ne son felice.

      Un saluto da Cagliari!

      Elimina
  18. Ciao Daniele,
    ho bisogno di un tuo aiuto....ho un fermo amministrativo sull'auto dal 2009 con un importo di €2900,00 da saldare in modo che venga eliminato. Purtoppo lo ho scoperto da poco tempo e volevo sapere se è emesso dal "comando della polizia locale del comune di Bollate" (MI), rientra in questa "agevolazione" della legge di stabilità ? O è solo per cartelle emesse da equitalia ?
    Grazie molte e Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao a te Simone.

      Per effettuare un fermo, la procedura è ben definita:
      - viene inviata una cartella esattoriale
      - il debitore non paga entro un termine di tempo
      - preavviso di fermo
      - fermo

      Secondo questa procedura, il tuo atto è iscritto al ruolo e quindi puoi usufruire del Decreto del Governo che permette sino al 28 Febbraio di regolarizzare i propri debiti col fisco.

      La cosa che però non mi torna è:
      hanno seguito esattamente questa procedura?
      Se la risposta è no, allora il fermo può esser contestato. Saltare anche un passo di questa procedura porta all' annullamento del loro fermo.

      Un salutone a lei e buon fine settimana!

      Elimina
  19. Buongiorno signor Daniele,
    desidero unsuo parere riguardo un fatto accaduto pochi giorni fa:
    Io vivo da più di tre anni in provincia di Roma e sono iscritta dal 2011 presso il Comune dove ho richiesto la residenza (quindi per ogni cosa o motivo da parte di privati o pubbliche amministrazioni la residenza è riconducibile alla mia persona)
    bene! una mattina mi chiama mia sorella che abita in Sicilia, esattamente dove era la mia vecchia residenza e mi comunica che dentro la sua cassetta postale, vi è un avviso lasciato dal postino di un atto depositato presso l'ufficio postale di tale Comune,nella quale si precisa che a partire del 10 giorno dell'avviso l'atto sarà notificato,e la sua giacenza per il ritiro è di 6 mesi.
    Da parte mia è impossibile recarmi all'ufficio postale per il ritiro (inoltre non vi è riportato neanche la possibilità di delega) e capire di cosa si tratta, premetto che su tutti i miei documenti anche di auto ecc...vi è il nuovo indirizzo, e come già detto su, per (multe, cartelle esattoriali,bolli ecc.....) avrebbero dovuto inviarli presso la MIA RESIDENZA ATTUALE.
    Inoltre il postino è da anni che sa che io non risiedo più lì, gli è stato detto (inoltre avevo nel 2011 effettuato il "seguimi" con la posta per un anno, sino a quando la mia residenza diveniva ufficiale.
    Come devo comportarmi in tale situazione? questa notifica di qualunque cosa sia è nulla?
    La ringrazio per la sua cortese attenzione (spero di aver esposto bene il problema)
    Distinti Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buondì Sara

      Guardi, lei può fare una cosa semplicissima.
      - Innanzi tutto vada al Comune dove ha preso la residenza immediatamente
      dopo quella che aveva in provincia di Roma. Si segni esattamente la data di accoglimento della sua domanda di cambio residenza.
      - poi cerchi di sapere in che data è stata effettuata la spedizione di codesta cartella nella sua vecchia residenza in Sicilia.

      SE la data in cui è stata cancellata la sua residenza in provincia di Roma
      ( e quindi è stata accolta la nuova residenza ) è antecedente la data di notifica di quella cartella nella sua vecchia residenza in Sicilia
      - quindi la cartella è giunta al suo vecchio indirizzo quando ormai lei aveva di fatto la residenza in Sicilia - quella notifica è del tutto NULLA.
      L' ente addetto alla riscossione avrebbe dovuto rilevare l' errata residenza, ricercare la nuova, e spedire lì la stessa notifica. Cosa che, a quanto scrive, non ha fatto.

      SE invece la notifica di tale atto è avvenuta quando ancora non vi era stato il cambio di residenza - quindi lei risultava ancora residenza in Sicilia - allora la notifica è legittima, e quindi bisognerebbe contare su prescrizione, vizi di forma vari per cercare di annullarla.

      In che situazione si trova? Se non lo sa, cerchi di reperire le date di questi avvenimenti, così sarà certa al 100% se lei si trova al sicuro o meno.

      Un salutone a lei, resto a sua disposizione

      Elimina
    2. La ringrazio nuovamente per la sua sollecita risposta.
      l'avviso di notifica è arrivato la settimana scorsa, mentre il cambio di residenza dalla Sicilia a Roma è avvenuto nel mese di Aprile 2011, ma ciò che è strano e non capisco perchè tale atto parte da Roma Capitale u.o notifiche,per comuicarlo al vecchio indirizzo.....
      Io preso la decisione di non ritirare nulla (anche perchè impossibilitata dal ritiro visto che vivo a Roma) il problema a questo punto diventa Loro che non sanno fare bene il proprio lavoro
      Cordiali saluti

      Elimina
    3. Aaah e allora! Lei, non abitando più lì, non è neanche a conoscenza della posta che giunge al vecchio indirizzo!
      Lei non deve ritirare nulla perché lei ora vive in un' altra residenza e non può sapere se al vecchio indirizzo giungono delle lettere.

      Di norma, il postino dovrebbe segnare che lei non è più residente lì, comunicarlo all' ente al quale ritorna l' atto, poi questi ricerca il suo indirizzo nuovo e spedisce di nuovo la lettera.
      Se nel frattempo passano anni e la tassa cade in prescrizione beh.... problema loro!
      Lei ora vive in tutt' altra parte, e le interessa solo la posta che giunge al suo attuale indirizzo.
      Mi raccomando non faccia l' errore di ritirare una lettera ad un indirizzo al quale lei non risulta residente.

      Un salutone a lei!

      Elimina
  20. Buonasera Daniele.
    Mi rivolgo a lei per un consiglio.
    In data odierna (29/05/2014) ci è stata recapitata una cartella riferita al mancato pagamento del bollo auto per l'anno 2008. Questa è la prima volta che ci viene notificata, perciò volevo sapere se è possibile chiedere un annullamento della cartella per prescrizione. Se si, come possiamo muoverci? Volevo precisare, per correttezza di informazione, che il bollo non pagato si riferisce ad un'automobile che ormai è stata demolita e che apparteneva a mio padre, purtroppo deceduto nel 2001. (Automobile che noi abbiamo continuato ad usare anche dopo la sua scomparsa, pagando regolarmente tutti gli anni, escluso il 2008 per una svista, fino alla demolizione nel 2010).
    Spero in una sua risposta, ringraziandola anticipatamente per il tempo che deciderà di dedicare a me e alla mia famiglia.
    Grazia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve a lei Grazia!

      Se è la prima notifica, sono passati ben 6 anni e quindi la tassa richiesta è ampiamente caduta in prescrizione. Non è da pagare.
      Al link sotto
      http://ilventunesimosecolo.blogspot.it/2013/02/cartelle-pazze-di-equitalia-grazie-alla.html
      trova la copia della raccomandata oppure, visto che non costa nulla, la mail
      ( segnando sempre la spunta su "notifica di ricezione" e "notifica di lettura" e salvando la mail nella cartella posta inviata ) da inviare ad Equitalia o Agenzia delle Entrate ( in base a chi vi ha inviato
      l' atto ) per sostenere che la tassa automobilistica dell' anno richiesto è caduta in prescrizione.

      Anche se è stata demolita, la tassa può essere richiesta tranquillamente perché in quell' anno l' auto c' era. In questo caso però sono trascorsi parecchi anni e quindi non dovete pagare la tassa richiedendo quindi lo sgravio ( annullamento ) della stessa.

      Un cordiale saluto a lei e buon fine settimana!

      Elimina
  21. Buongiorno Sig. Daniele,
    in data 10.10.2012 ahimè sono passato da un varco ztl nel comune di Sassari.
    Il giorno 21.11.2012 arriva la classica busta verde dal comando di polizia locale con un bollettino da pagare di €91,00 che pago in data 30.01.2013 quindi in ritardo di 10 giorni.
    Ieri 17.06.2014 il corriere Nexus mi pare, mi consegna una cartella di Equitalia per un importo di €94,52!!
    Stamattina chiamo al numero verde il comando di polizia locale di Sassari per sapere il perchè della cartella e mi rispondono dicendomi che anche per 10 giorni di ritardo nel pagamento è previsto il doppio della sanzione!!
    A questo punto mi chiedo se sia vero o no che la legge dica questo!
    Mi può aiutare?
    Grazie anticipatamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buondì Simon,

      e in effetti, non è una cosa prevista dalla legge, a quanto ne sappia.
      Probabilmente, avendo pagato in ritardo, quel pagamento è come se non fosse stato effettuato: in pratica ha pagato nel momento in cui doveva pagare la multa con gli interessi. Pagando solo la multa senza interessi ( nel giorno in cui sarebbero già stati applicati gli interessi ) le hanno recapitato la stessa multa più dei piccoli interessi.

      Ad esempio, su un sito di un comune leggiamo
      "Il cittadino che ha ricevuto un preavviso di violazione al Codice della Strada (foglio di colore verde trovato sotto il tergicristallo del proprio veicolo) può pagarlo, entro 10 giorni, presso un qualsiasi Ufficio Postale mediante l'apposito modello di versamento di conto corrente.
      Se non si provvede al pagamento di un preavviso entro 10 giorni, al proprietario del veicolo verrà notificato a casa, entro 150 giorni dalla data dell'accertamento il verbale: questo atto va a sostituire il preavviso, ne riporta i dati dell'infrazione commessa e prevede, oltre all'importo per l'infrazione stessa, le spese di notifica e di procedura (attualmente €.15,70).
      "

      La fonte
      http://www.piazzalta.it/Engine/RAServePG.php/P/25761FAB0300/M/27431FAB0300

      Dovrebbe informarsi presso il suo comune e chiedere a che articolo di legge si riferiscono. Non possono sostenere che la multa raddoppia dopo soli 10 giorni senza neanche citare un articolo o una legge!

      Per me, è falso. A meno che la regione o comune abbia modificato a suo piacimento la legge in vigore.
      Provi a chiedere con prove e senta che le rispondono.

      Salutoni!

      Elimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro,
cliccate su "inviami notifiche"
I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
l' iscrizione ( ovviamente ) è gratuita.

Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...