Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

giovedì 8 giugno 2017

Crocifisso nei luoghi pubblici:dopo otto anni,respinto il ricorso degli atei

di Lapenna Daniele

Il 27 novembre 2009 misi la notizia anche in questo blog: "Mandas, il sindaco obbliga a mettere il crocifisso in tutti gli uffici pubblici. Multe ai trasgressori".

In quel di novembre 2009, il sindaco Umberto Oppus di un piccolo comune della Sardegna, con l’ordinanza n.21 del 23 novembre 2009, impose il crocifisso in tutti i luoghi pubblici e, per i trasgressori, preveva multe sino a 500 euro. L' ordinanza riportava: «È disposta, l’immediata affissione del crocifisso in tutti gli edifici pubblici».

IL CROCIFISSO RESTA: L' UAAR PERDE LA BATTAGLIA
Notizia di oggi, il Tar della Sardegna ha respinto il ricorso presentato dall'Uaar, l' Unione Atei ed Agnostici Razionalisti, i quali si erano opposti a questa ordinanza.
In realtà, dopo il ricorso dell' Uaar, il sindaco revocò l' ordinanza, che fu quindi tolta. L' unione degli atei, però, decise comunque di intentare una causa per il "non si sa bene qual motivo".

I giudici hanno specificato che
"la Grande Camera della Corte europea per i diritti dell'uomo, nel 2011, ha assolto l'Italia dall'accusa di violazione dei diritti umani per l'esposizione del crocefisso nelle aule scolastiche, affermando che la cultura dei diritti dell'uomo non deve essere posta in contraddizione con i fondamenti religiosi della civiltà europea, a cui il cristianesimo ha dato un contributo essenziale. La Corte ha evidenziato inoltre che, secondo il principio di sussidiarietà è doveroso garantire ad ogni Paese un margine di apprezzamento quanto al valore dei simboli religiosi nella propria storia culturale e identità nazionale e quanto al luogo della loro esposizione; in caso contrario, in nome della libertà religiosa si tenderebbe paradossalmente invece a limitare o persino a negare questa libertà, finendo per escluderne dallo spazio pubblico ogni espressione".
In questo senso il crocifisso non viene considerato dai giudici di Strasburgo
"un elemento di indottrinamento, ma espressione dell'identità culturale e religiosa dei Paesi di tradizione cristiana".


FONTI E LINK UTILI

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie