Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

venerdì 21 ottobre 2016

La storia di Jeanne,la donna francese vissuta 122 anni che vendette pennelli a Van Gogh e fumò sino ai 118 anni

bergamopost.it


Jeanne Calment, detiene il record mondiale di longevità: nacque il 21 febbraio 1875 alle 7 del mattino ad Arles (Francia) e morì il 4 agosto 1997 a 122 anni e 164 giorni.
Confermata dall'atto di nascita, tale longevità fu accuratamente documentata dagli studi scientifici sul suo caso, e la verifica richiese un dispiegamento di mezzi senza precedenti per un riscontro del genere. Condusse una vita estremamente attiva, tanto che cominciò a praticare la scherma a 85 anni, e a 100 anni andava ancora in bicicletta. Inoltre fumò fino ai 118 anni.

Ultima di quattro figli,Antoine (1862-1866), Marie (1863-1865) e François (1865-1962),Jeanne nacque quando nel cielo vagavano ancora mongolfiere e dirigibili. Già, perché il primo aeroplano vide la luce nel 1903, quando i fratelli Wright fecero spiccare il volo ad una sorta di aliante, dotato di un motore da 16 cavalli nella Carolina del Nord. Fra il 1881 e il 1886 frequenta una scuola privata elementare in Place de la République. Quando morì Victor Hugo, il primo giugno 1885, la piccola Jeanne era a Parigi e partecipò assieme alla sua famiglia al funerale del secolo, a cui la Francia intera partecipò per dire addio al suo “poeta sovrano”.
Tre anni dopo,nel 1888,conosce Vincent van Gogh nel negozio di suo padre, una bottega dove si poteva trovare l’occorrente per dipingere. «Brutto come la fame, sporco, mal vestito e sgradevole. Ma tanto gentile con me». Con queste parole Jean ricorda l’incontro con il pittore dei Girasoli.


L’8 aprile 1896 nella chiesa di Saint-Trophime in Place de la République ad Arles sposò il cugino di secondo grado, Fernand Nicolas Calment (1868-1942). Pochi anni prima di morire, a chi le chiedeva se si ricordasse di suo marito, Jeanne rispondeva: «Mi portava al cinema dei fratelli Lumieres e la Tour Eiffel era ancora un mozzicone d’acciaio. Fernand è morto nel 1942, mi sembra ieri». Appena sposati vanno a vivere in un appartamento situato in Rue Gambetta e gestiscono il negozio Nouveautés – Calment che si trovava all’angolo tra Rue Gambetta e Rue Saint Estève. Dal loro matrimonio nacque una figlia, nel 1900, che però morì di polmonite a soli 34 anni.

Jeanne Calment ha visto nascere il cinema e assistito alla conquista della Luna. È passata da un mondo che poteva comunicare solo tramite il telegrafo a uno connesso dalle reti wireless. Ha attraversato due guerre mondiali e ha assistito al crollo del muro di Berlino. Quando era una bambina, si viaggiava in carrozza e l’automobile era un’invenzione ancora di là da venire. Insomma, è stata la testimone di due secoli.

Jean ha trascorso i suoi ultimi anni in una casa di riposo per anziani, conducendo una vita scandita da orari precisi: sveglia alle otto, colazione e una mattinata trascorsa a sonnecchiare sulla sedia a rotelle. Il pomeriggio qualche chiacchierata. La sera niente cena, e a letto prestissimo, alle sette e mezzo. Il personale della struttura ricorda la cura nel vestirsi e la sua soddisfazione nel sentirsi coccolata da tutti.

Per i medici, la longevità di Jeanne Calment resta un mistero: ha avuto una vita normale e fino a 118 anni fumava due sigarette al giorno e qualche cigarillo. Jeanne è comunque un caso unico, tanto che le sono stati dedicati ben tre libri. Alla sua longevità non aveva creduto nemmeno un notaio di Arles, che nel 1965 cercò di speculare su di lei: le acquistò la casa, lasciandogliela in usufrutto e garantendole un vitalizio mensile di 2 mila 500 franchi. Un cattivo affare per il notaio, dato che fu stroncato da un cancro al colon nel dicembre 1994. Lasciò l’obbligazione in eredità alla vedova, che versò la cifra convenuta fino alla morte della signora Jeanne.

2 commenti:

  1. Ciao mi chiamo Lorellatempo fa ho scritto sul tuo blog ..di sicuro nn lo ammetterai..cmq ora ho letto questo..ha vissuto x così tanti anni..mi chiedo dove abbia trovato la forza x superare i dispiaceri...ho perso da poco una persona ...si è suicidato...e nn riesco a trovare la forza per andare avanti mi sembra d impazzire..nn ho parole ..risposte ..da darmi..mi manca da morire..nn riesco a rassegnarmi...scusami..ma mi sentivo sola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ciao Lorella! Sì,ti ricordo,hai commentato più volte al mio blog,ricordo sul post sull'olio di palma,dove c'era un altro utente,un certo Dart,che aveva discusso con noi.

      Non preoccuparti del commento,ci mancherebbe pure.

      Da qui e su due piedi,in una frase di qualche riga senza un discorso approfondito e dove può anche prendere un senso diverso da quel che vorrei dargli,posso solo dirti che in quelle situazioni,non riusciamo a trovare delle spiegazioni,e il tempo è il primo facile alleato che abbiamo per cancellare o diminuire il dolore che proviamo.

      Ognuno è diverso da un altro e quindi ognuno metabolizza e reagisce in maniera diversa.

      Comunque per qualsiasi cosa,ho una mia mail dove puoi scrivermi.Ovviamente se vuoi.

      Un abbraccio forte

      Elimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie