Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

martedì 19 luglio 2016

Dirigenti pubblici:oltre allo stipendio,ricevono premi di migliaia di euro solo per l'anzianità.Il titolo di studio o le competenze non contano

quifinanza.it


Ogni dirigente pubblico percepisce un premio solo in base alla sua età:più è anziano,più è alto il premio. Un manager pubblico con uno stipendio di 300mila euro percepirà un premio di 30mila euro

Ogni anno finiscono nella busta paga di 48mila dirigenti pubblici 800 milioni di euro in premi, senza o quasi alcuna giustificazione reale. Al contrario, si registra un “sostanziale appiattimento dei premi erogati, il cui ammontare risulta influenzato solamente dall’età”. Più si è anziani, più si guadagna: per ogni anno di età la gratifica si alza del 6%.

A fare luce sulle cosiddette pagelle dei dirigenti pubblici, e relative conseguenze in busta paga, è uno studio condotto da due economiste della Banca d’Italia, Roberta Occhilupo e Lucia Rizzica. Il rapporto prende a campione 2.159 dirigenti ministeriali, osservando che “in media la retribuzione di risultato è pari a circa il 9% della retribuzione totale per i dirigenti di prima fascia e al 12% per quelli di seconda”.

GUADAGNI MAGGIORI AI PIU’ ANZIANI
In genere i premi vengono dati quasi nella stessa misura a tutti i manager.
Al Tesoro
tutti i dirigenti di seconda fascia ricevono 6.900 euro.
Alla Salute 11 “manager” di prima fascia su 12 prendono 32 mila euro.
Ma in qualche caso non sporadico c’è una certa differenziazione. Riceve di più chi ha più competenze tecniche? Chi ha più esperienza? Chi conosce meglio le lingue? Chi possiede un titolo post-laurea? Niente affatto. Prende di più chi è più anziano. Solo l’età – denuncia il rapporto di Bankitalia – è all’origine della diversa distribuzione di premi, quando c’è. “Ogni anno di età in più determina un aumento del premio del 6%”.

NON CONTA IL TITOLO DI STUDIO
Il possesso di un titolo di studio post-laurea, la conoscenza delle lingue straniere, le esperienze lavorative pregresse, invece, non incidono sulla retribuzione di risultato. Neanche le competenze tecniche del dirigente sembrano avere un peso: i dirigenti che ricoprono cariche nei settori affini a quello di laurea ricevono una retribuzione di risultato pari a quella degli altri”.

REGOLE RIGIDE E FARRAGINOSE
Le conclusioni della ricerca portano a parlare di “inefficacia dell’attuale sistema di valutazione”, additando tra le cause dell’insuccesso “regole rigide e farraginose che si applicano in modo indifferenziato” indipendentemente dal tipo di amministrazione, “una carente programmazione degli obiettivi strategici” e “l’insufficiente autonomia gestionale e organizzativa riconosciuta ai dirigenti”.

2 commenti:

  1. Oltre a rovinare la nazione sono nche premiati. Chi sono quegli irresponsabili che fanno questo???????? andrebbero messi alla gogan e presi a pedate nel culo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sarebbero in tanti a prenderli a pedate nelle chiappe,caro amico mio...

      Elimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie