Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

venerdì 9 ottobre 2015

Reddito di Cittadinanza: il primo a chiederlo fu Romano Prodi. L' Europa chiede di adeguarsi dal 1992

di Lapenna Daniele

#beppegrillo #prodi #pd #m5s #RDC #redditodicittadinanza #ue #unioneeuropea #matteorenzi

Lo ammetto: non lo sapevo, ma non è stato il Movimento 5 Stelle il primo partito a proporlo.
É il Reddito Minimo Garantito per i nuclei famigliari in situazione economica disagiata.

Una curiosità-utilità: se leggete qualche legge ma non riuscite a trovarla, potete consultare il sito www.normattiva.it/ricerca/semplice e ricercarla per verificare se effettivamente esiste, e cosa riporta.

La Commissione Economica Europea invitò i Paesi membri ad adeguarsi, e via via con gli anni molti attuarono misure per aiutare i cittadini in difficoltà. Io personalmente analizzai solo la situazione in Germania
( con questo articolo dettagliato "Reddito di Cittadinanza: la riforma che elimina la disoccupazione ma crea precarietà" ), ma diversi Paesi si sono adeguati, tranne Grecia e Italia ( questi sono quelli attuati nelle altre nazioni europee ).

IL REDDITO MINIMO GARANTITO DEL GOVERNO PRODI
Il primo però, come scritto sopra, fu Prodi con il Decreto Legislativo n. 237 del 18 giugno 1998 ( qui il testo completo D.lgs n.237/98 ) inserito nella Finanziaria 1999, che riportava infatti « è   una   misura   di  contrasto  della  povertà  e dell'esclusione  sociale  attraverso  il  sostegno  delle  condizioni economiche   e   sociali  delle  persone  esposte  al  rischio  della marginalità  sociale ».
L' intervento veniva attuato nei confronti di coloro che avevano un reddito mensile inferiore alle 500.000 lire ( importo che aumentava in base al numero dei componenti del nucleo famigliare ). Oggi questa cifra corrisponderebbe a 258 euro, ma ovviamente, chi ha vissuto gli anni '90, sa che 500.000 lire superavano il potere di acquisto delle 300 euro d' oggi, ma comunque era sempre una soglia di povertà estrema.
I destinatari dovevano attivarsi poi nella ricerca attiva di un lavoro e dovevano rendersi disponibili ad effettuare corsi di formazione.



NULLA DI FATTO
Purtroppo, come sempre accade in Italia quando appare qualche legge potenzialmente utile, non fu realizzato. Successivamente salì al Governo Berlusconi, il quale abbandonò la proposta del governo precedente e tentò di attuarne un' altra, anche se alla fine non se ne fece nulla.
All' approdo del M5s al governo, il Reddito Minimo Garantito è tornato alla ribalta: i grillini proposero non solo la cifra da destinare ai nuclei in difficoltà economiche, ma anche le fonti da dove reperire i fondi ( qui il link alla proposta di legge sul Reddito di Cittadinanza ).

IL REDDITO, ... IN ULTIMO
Come ho spiegato nell' articolo sul sostegno economico creato in Germania, secondo il mio parere, in Italia, prima di attivare una proposta del genere, è necessario che si sistemino molte altre cose, altrimenti la cifra elargita non creerà lavoro, ma solo nuclei sostenuti dallo Stato che diverrebbero dei pesi per l' economia.

Le riforme debbono partire dalla base:
- eliminare i primi due anni dei 5 passati alle superiori o accorparli ai tre delle medie
- far sì che alle superiori, nel ramo della specializzazione, si possa fare pratica direttamente in azienda, con convenzionni Statali volte anche all' assunzione degli stessi, anche con paghe orarie basse. Così facendo gli studenti usciranno dalla scuola ed avranno comunque un impiego che non dovrà esser necessariamente uno stipendio per vivere, ma soprattutto un' esperienza nel campo lavorativo e soprattutto un' esperienza da poter allegare per i lavori futuri.
- utilizzare il personale dei Centri Servizi per il Lavoro facendo sì che, a costo di contattare egli stessi le aziende, propongano i disoccupati di lunga data includendo soprattutto in primis coloro che hanno esperienze non dimostrabili e coloro che non posseggono titoli di studio minimi richiesti ( come il diploma di scuola superiore )
- creare fondi per istituire corsi gratuiti  - o pagati a rate nel momento in cui si trova un impiego ( scalati direttamente dalla busta paga ) - per formare coloro che non sono in possesso di referenze
- attuare altre riforme che non incentivino a non lavorare, ma facciano sì che ogni disoccupato sia propenso a cercare un impiego lasciando il guscio della propria famiglia d' origine e scartando il più possibile i sussidi forniti dallo Stato.

Perché spendere soldi per un Reddito di Cittadinanza, un reddito che va "rattoppare"il momento più basso della vita di un cittadino, anziché evitare a priori questa situazione cercando di formare i giovani e far sì che, le qualità di una persona prevalgano sulle richieste di referenze controllabili?

Possono interessarti
- Reddito di Cittadinanza in Italia
- RDC: L' Europa lo chiede dal 1992

4 commenti:

  1. Non conosco la situazione negli altri paesi, ma ti posso confermare che le tue fonti riguardo l'UK sono completamente sbagliate: la JSA e' un reddito per chi cerca lavoro e rientra in canoni particolari. In ogni caso, non dura piu' di sei mesi. L'Income Support e' riservato a ragazze madri o a badanti che si prendano cura di qualcuno a tempo pieno. In UK il reddito di cittadinanza non esiste, non e' mai esistito e non si e' mai parlato di metterlo in atto dato che il welfare e' gia' una spesa enorme. Check your facts, please.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi la fonte del Fatto Quotidiano non dice il vero?
      Ho trovato fonti che dicono che solo la Grecia e l' Italia non lo hanno, ma difficilmente analizzano bene in che modalità vengono elargiti i sostegni mensili che danno ai nuclei famigliari.

      Comunque se trovi link che riportano la situazione reale, postali pure.
      Gli articoli sono aperti a modifiche in caso di link errati o notizie non affidabili.

      Elimina

    2. Basta seguire il link "Income Support" per essere portato al sito ufficiale del welfare inglese, che spiega chiaramente quali sono i requisiti per accedere a tale ammortizzatore sociale. Vedo che hai gia' tolto il link, ma onestamente ti consiglierei di linkare Lercio.it, e' piu' informato del fogno quotidiano. Fra parentesi, e' buona pratica anonimizzare i links con anonym.to, soprattutto quelli verso i blog-fogna che campano di clicks. Mi hai capito, spero.

      Elimina
    3. ma onestamente ti consiglierei di linkare Lercio.it, e' piu' informato del fogno quotidiano
      ahahahahahahahah

      No il link non l' ho tolto. Però dev' essere in italiano, o quantomeno una traduzione in italiano. Sai com'è,.. già che metto i link, la gente non ci clicca, poi se è in inglese,.. fugge via come un bambino davanti al clown IT

      Non conoscevo il sito anonym.to. Sì so che campano con i click, ma non vorrei che alla fine non leggendo il link completo, un tizio sia diffidente e non vada a leggere le fonti. La penso così perché sono io stesso superdiffidente e ai link del tipo "cahgt.bf" non ci clicco manco se mi pagano.

      Elimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie