Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

giovedì 28 maggio 2015

Lo Stato Italiano apre coltivazioni di cannabis per uso terapeutico curate dall' esercito

#cannabis #marijuana #farmaci #salute #medicina

La cannabis terapeutica funziona. Per questo il governo ha deciso di farla coltivare in Italia. Dall'esercito. Il mensile Focus è andato a visitare le serre del governo. L' articolo completo sul numero 272 del mese di giugno.

In Italia l’uso terapeutico della cannabis è previsto dal 2007, ma nella pratica per i pazienti non è mai stato semplice procurarsi i medicinali, sia per la lunga trafila burocratica necessaria, sia per i costi: i farmaci a base di cannabis devono essere importati dall’estero ed erano, fino a poco tempo fa, interamente a carico del paziente.

Nel 2014 un decreto legge n. 36/2014 ha semplificato le cose, consentendo ai medici di base di prescriverli, e undici regioni (Toscana, Puglia, Veneto, Liguria, Marche, Friuli- Venezia Giulia, Abruzzo, Sicilia, Umbria, Basilicata, Emilia-Romagna) hanno introdotto leggi specifiche sui medicinali a base di cannabis, accollando i costi al servizio sanitario regionale per l’uso in alcune patologie.
È in questo contesto più favorevole che si è deciso di partire con una produzione made in Italy e “di Stato” della cannabis medicinale, affidandola all’officina farmaceutica militare di Firenze che Focus ha visitato.

Quanto agli effetti collaterali, nell’uso medico sono irrilevanti. Diverso il caso dell’abuso di cannabis. Spiega Maurizio Bifulco, dell’Università di Salerno: «I possibili danni legati all’uso ricreazionale di cannabis sono notevoli nei ragazzi: problemi neurocognitivi, disturbi della memoria, dell’apprendimento e della plasticità neuronale. Per gli adulti invece non sembrano esserci rischi neurocognitivi a lungo termine».

6 commenti:

  1. E' assolutamente ridicolo ... negli Stati Uniti, il paese che circa 60 anni fa convinse l’occidente a mettere fuorilegge la cannabis con il pretesto che era una droga, mentre intendevano semplicemente impedirne l'uso perchè è una potente medica che cura quasi tutte le malattie. In Italia si va in carcere, negli USA, la mettono persino nelle torte dei bambini. E’ un vero paradosso. Noi italiani sotto l'influenza USA siamo diventati sudditi, e per di più stupidi. Il mondo marcia a ritroso. Altro che progresso ed emancipazione .....
    http://arteeanima.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marco,
      beh dagli States abbiamo copiato così tante cose che pare assurdo ricordare che loro discendono proprio da noi europei.
      Sembra proprio che noi non abbiamo un cervello.
      La paura del grande Zio Sam.
      tsk...

      Elimina
  2. E' assolutamente ridicolo ... negli Stati Uniti, il paese che circa 60 anni fa convinse l’occidente a mettere fuorilegge la cannabis con il pretesto che era una droga, mentre intendevano semplicemente impedirne l'uso perchè è una potente medica che cura quasi tutte le malattie. In Italia si va in carcere, negli USA, la mettono persino nelle torte dei bambini. E’ un vero paradosso. Noi italiani sotto l'influenza USA siamo diventati sudditi, e per di più stupidi. Il mondo marcia a ritroso. Altro che progresso ed emancipazione .....
    http://arteeanima.blogspot.it/

    RispondiElimina
  3. ehi comandante, passami una cartina che devo prendere le medicine! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Agli ordini! Segni sulla cartina, direzione "Isola delle follie"!

      Elimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie