Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

mercoledì 6 maggio 2015

I brilli del 1° Maggio


Non sempre gli ubriachi viaggiano in auto o in moto ( per fortuna ), spesso vanno a piedi e creano situazioni buffe, con o senza danni per gli altri.

È successo di tutto nelle notti decisamente ad alta gradazione del ponte del Primo Maggio dove nel mirino dei carabinieri di Pesaro sono finite persone reduci dalle feste di venerdì scorso.

Cominciamo da un 35enne di Vismara che, barcollante, ha suonato al campanello della vicina pensando fosse il suo. L'uomo si era spogliato pronto per andare a letto quando la donna ha aperto e lo ha visto in mutande. A quel punto, ha chiamato i carabinieri che lo hanno condotto nel letto giusto.

A Montelabbate un marito tanto distratto quanto alticcio, invece, prima di uscire ha chiuso a chiave in casa la moglie rimasta "prigioniera" per tutta la sera. Verso mezzanotte, la donna, preoccupata, ha chiamato i carabinieri che, rintracciato l'uomo, lo hanno rimesso sulla retta via.


Poi c'è lo studente di 17 anni che, all'una della notte tra domenica e lunedì, si era addormentato per terra, davanti al portone di casa. Con lui c'erano alcuni amici che hanno chiamato la madre. La donna, però, quando ha svegliato il figlio, è stata assalita con tale violenza da finire in ospedale. La peggio l'ha avuta il ragazzo che, tra i fumi dell'alcol, ha rotto il vetro del portone e di una finestra ferendosi alle mani.

E ancora. Faceva un pisolino steso sul guardrail della banchina del porto dopo aver fatto una passeggiata scalzo e sotto la pioggia, un 25enne uscito da una festa. Erano le 21.30 del primo maggio. Notato dalla pattuglia, è stato svegliato e riconsegnato agli amici prima che finisse dritto in mare.

E sempre la sera del primo maggio, un 45enne ubriaco, è stato accompagnato a casa dai militari chiamati da alcuni genitori che assistevano a una partita di basket dei propri ragazzi a Soria. L'uomo, infatti, si era avvicinato al campo con fare molesto. Alla vista dei carabinieri ha urlato: «Ora vi stendo con la mossa del drago», ma è stato subito calmato.

Sembrava svenuto, invece, il 25enne che si era addormentato, alle 2 di notte, seduto al posto di guida della sua auto ferma in centro storico. Riverso per metà fuori dall'abitacolo, è stato notato dai residenti e soccorso dai carabinieri che lo hanno riportato a casa.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie