Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

martedì 17 febbraio 2015

Disoccupato: o accetti il lavoro, o addio sussidio


Trento - Un più ampio impiego dei lavori socialmente utili, a beneficio dei lavoratori in cassa integrazione straordinaria o in mobilità, negli enti pubblici, in particolare Comuni e Provincia: questo quanto stabilisce una delibera approvata oggi dalla Giunta su proposta del vicepresidente e assessore allo sviluppo economico e lavoro Alessandro Olivi, che modifica la disciplina vigente, semplificandola, e che al tempo stesso rafforza il cosiddetto "principio di condizionalità".

In pratica, se prima l'accettazione di un lavoro socialmente utile era lasciata alla volontà dell'interessato, ora essa viene resa obbligatoria, accertate ovviamente alcune precondizioni, in particolare l'idoneità del lavoratore stesso rispetto alla mansione richiesta dall'ente. In caso di rifiuto, il regime di disoccupazione, con i relativi sussidi, decade

"E' un passaggio importante - sottolinea il vicepresidente Olivi - che attendevamo da tempo. Nonostante infatti esista già una normativa nazionale che prevede l'adozione del principio di condizionalità, essa di fatto è stata finora pochissimo utilizzata. Vogliamo andare nella direzione di un welfare sempre più moderno, proattivo, responsabile, dove ciascuno è chiamato a fare la sua parte. La disponibilità del lavoratore che pure si trova in una condizione oggettivamente difficile, avendo perso il lavoro, di mettersi al servizio della propria comunità, in qualche modo restituendo quello che da essa riceve, ci sembra importante non solo sotto il profilo della tenuta complessiva del sistema ma anche sul piano valoriale: lavorare per la comunità aiuta a non sentirsi passivi".

4 commenti:

  1. In altri tempi ; il disoccupato per avere la continuità del diritto alla disoccupazione era d'obbligo presentarsi all'Uff Collocalemento ed essere presente tutti i giorni nelle ore lavorative. ... in attesa che chiunque avesse avuto bisogno di un lavoratore. Il disoccupato poteva rifiutare il tipo di lavoro ,... Il rifiuto fatto per tre volte - ad altri lavori- a distanza di tempo . - perdeva il diritto alla disoccupazione . -
    Al SUD si è proprio rovesciato "La disoccupazione".? Una Mucca carolina!!!. Gli "Zappaterra" riescono a racimolare 51 giornate lavorative - da "benevoli" consnzienti ecc... ecc... i "contributi" di vario genere, li pagano loro . e non il presta/Nome. ecc... e prendono la disoccupazione per l'intero anno.! "Pagano i Coglioni di chi realmente lavora". iL DISOCCUPATO Và A FARE IL LAVORO NERO.!
    NELLA MODIFICA DELLA NORMA "LEGGE" PER L'AMBIENTE DI LAVORO E' STATO PREVISTO QUESTO FATTO MORALE.... DEL L A V O R O N E R O .?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed era una buona cosa! La disoccupazione è un sussidio necessario il tempo per trovare un nuovo lavoro, non una nuova retribuzione che si sostituisce alla busta paga lavorativa.

      Il lavoro nero c'è sempre stato, c'è e ci sarà. C'è chi lo fa perché così non rinuncia al sostegno economico dello Stato, e c'è chi è costretto a farlo perché non vogliono assumerlo. Dovrebbero controllare e pedinare non solo i falsi invalidi, ma anche chi prende questo sostegno ecnomico per verificare non svolga altri lavori.

      Elimina
    2. CHIACCHIERE INUTILI E VUOTE.!

      Elimina
    3. Ammappete che commento intenso.
      Se spieghi anche il motivo, e ci illumini,.. forse tentiamo di capire il perché.

      Elimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie