Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

martedì 6 gennaio 2015

Soppresse le mucche "naziste": erano troppo aggressive. Tentarono di uccidere il loro allevatore


Avevano tentato più volte di uccidere i loro allevatori: così le super mucche "naziste" del Devon, Inghilterra occidentale, sono state macellate.

Tramonta il discutibile sogno dell’allevatore britannico Derek Gow di cercare di riportare a pascolare la razza cosiddetta "Heck" creata da due zoologi della Germania hitleriana che sognavano di far rivivere gli animali selvatici protagonisti della mitologia ariana.

Gow è stato costretto ad abbattere sette dei 13 dei suoi esemplari per la loro intrattabilità.
«Sono di sicuro gli animali più aggressivi con cui abbia mai avuto a che fare», ha detto l’allevatore.

Le imponenti mucche dalle lunghe corna arcuate e dall’ispido manto color ruggine, devono la loro "resurrezione" a due fratelli, Lutz e Heinz Heck, che all’epoca del Terzo Reich setacciarono l’Europa alle ricerca delle razze bovine più primitive e le incrociarono tra loro nella speranza di ottenere il loro comune antenato: l’uro, il cui ultimo esemplare - si narra - morì in una foresta polacca nel 1627.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie