Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

venerdì 16 gennaio 2015

Decreto cartelle vecchie Equitalia: quelle inesigibili saranno cancellate. Ecco come funziona l' iter di riscossione e cancellazione del debito

di Lapenna Daniele

#equitalia #leggedistabilità2015 #cartelleesattoriali
#agenziadelleentrate #fisco

A cosa è dovuta questa sanatoria del Governo Renzi sulle cartelle esattoriali ancora non riscosse?
Semplice: un risparmio di denaro.
Con il comma 688 della Legge di Stabilità 2015 verranno cancellate tutte le cartelle relative a debiti insoluti con una cifra pari /inferiore a 300 euro.

Non si dovrà fare nulla: accadrà tutto in automatico. Il contribuente dovrà solo sperare che il fisco non lo becchi in tre anni ( potrà provare a sfuggirgli, se ci riuscirà ) e veder quindi il debito cancellato per sempre.

In effetti la domanda è: quanto costa per lo Stato inseguire un contribuente evasore nel tentativo di veder corrisposta la somma di denaro non regolarmente versata?

LA PROCEDURA DI RISCOSSIONE
L' iter burocratico dello Stato per farsi corrispondere un credito è ben definito e, se lo andiamo ad analizzare, molto lungo e spesso inefficace.
La Regione di competenza invia una notifica di mancato pagamento: si tratta di un semplice avviso col tempo di 60 giorni per regolarizzare la propria situazione.
L' Agenzia delle Entrate poi, invierà la cartella esattoriale notificandola ( se ci riesce ) al contribuente sottolineando che il pagamento del debito non è ancora avvenuto. Questa procederà a iscrivere a ruolo i dati del debitore e comunicarli all' ente della riscossione.
Entra in scena Equitalia che invia le sue cartelle ai contribuenti: se non riesce a beccarli, invierà successivamente delle intimazioni di pagamento che porteranno, in caso di mancato versamento del debito entro cinque giorni, ad esecuzioni forzate per il recupero del credito.

Ovviamente, se durante i controlli si scoprirà che il debitore è nullatenente, si prenderà atto che il denaro speso per l' invio dei plichi, per il pagamento del lavoro dei funzionari e per altri costi delle notifiche, saran stati letteralmente gettati nel cassonetto.

Ha dunque senso attuare un iter così lungo e dispendioso per poi non recuperare il debito e, anzi, spendere più della cifra che si doveva esigere?

SPRECO DI DENARO
Il Governo Renzi ha inserito questa novità per le cartelle esattoriali datate 2000 e seguenti: se entro i tre anni successivi non sarà stato possibile riscuotere la somma dovuta, i dati del debitore e della cartella, che dovrà esser di importo inferiore a 300 euro, sarà definitivamente cestinata.
Questo eviterà di gettare denaro inutilmente per un debito che non sarà corrisposto o che, al suo recupero, non riuscirà a coprire i costi sostenuti per riscuoterlo.

Non so esattamente quanto si spenda per singola cartella ma, a fronte di vari vizi di forma ( che sono in pratica "situazioni che permettono al debitore di vedersi annullare la richiesta dello Stato di esigere un determinato debito" ) esistenti leggendo le sentenze delle cassazioni, penso che anche cartelle di cifre superiori a 300 euro non siano più esigibili.
Spesso, l' Agenzia delle Entrate si dimentica dell' evasore e, quando iscrive a ruolo il suo nominativo, e passa il tutto in mano ad Equitalia, si ritrova con una atto da consegnare a, per esempio, prescrizione avvenuta.

Ha senso procedere quando la cartella è divenuta già inesigibile? 
Dov'è il problema?

Tutto sta nella lentezza della burocrazia. In questo caso fa la fortuna di coloro che non hanno pagato una tassa, ma non certo aiuta le casse dello Stato. Forse bisognerebbe scandagliare tutti i dati e cancellare defnitivamente i debiti prescritti e quelli consegnati con vizi di forma che le rendono nulle.

Ancora una volta lo Stato prova a tagliare gli sprechi, e i contribuenti continuano a sudare freddo quando odono il nome di "cartella esattoriale".
La battaglia fisco-evasori prosegue.

6 commenti:

  1. Perdonatemi per la domanda forse un po' stupida, ma sono un po' in ansia...se faccio una visura da equitalia per conoscere la mia situazione debitoria (date, notifiche, ecc.) rischio di "svegliarla"? Mi spiego... so che ho diversi problemi ma ho paura che recandomi da equitalia si possa evidenziare il mio nome con la mia situazione e di lì a poco inizino ad arrivarmi le cartelle.
    Mi preoccupo inutilmente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, la possibilità di "risvegliare" il can che dorme c'è.
      Infatti ci sono sconti per chi si fa avanti e paga i propri debiti ancor prima che l' ente della Riscossione lo becchi per l' evasione fiscale.

      Dovresti avere un' idea sulle tasse non pagate così da vedere se ti conviene andarci o attendere che si faccia viva Equitalia o l' ente che gestisce la riscossione.

      Per avere un prospetto generale dei debiti, richiedono un documento di riconoscimento, e quindi registrerebbero la stampa del sunto dei mancati pagamenti e potrebbero quindi attivarsi per il recupero in caso il debitore non regolarizzi entro qualche mese.

      Elimina
  2. Ciao Dani, secondo me è una giusta cosa... per dare una bella ripulita, ma bisogna anche stare attenti ai furbi purtroppo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già. Se ci sono cartelle ormai cadute in prescrizione. non capisco perché sprecare carta e denaro per inviare questi plichi ai contribuenti.

      Ciao Marco, e grazie della visita!

      Elimina
  3. Ciao, io ho chiesto l'estratto conto online a Equitalia e dal sito risulta: "nessun debito per questo codice fiscale". Ora, io un anno fa ho vinto una causa per mancata notifica di iscrizione ipotecaria, per cui hanno cancellato l'ipoteca. Però ho anche un fermo amministrativo che (appena fatta visura al Pra), risulta attivo. E' possibile che Equitalia nel cancellare l'ipoteca abbia anche cancellato il fermo? Ma in questo caso la visura al Pra, fatta stamattina non sarebbe aggiornata. Allora la domanda in conclusione è: possibile che il sito di Equitalia non sia aggiornato? Grazie mille per la risposta.
    Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina

      a questo punto, se il fermo è stato effettuato proprio da Equitalia, dovreste richiedere la cancellazione del fermo ( o almeno le motivazioni dello stesso - potrebbero averlo messo per altre tasse non pagate ) mostrando la fotocopia della sentenza che ha permesso la cancellazione dell' iscrizione ipotecaria.

      Questo perché mi pare un pò impossibile che i dati del Pra non sia aggiornati.
      Provi a verificare dunque che Equitalia abbia veramente cancellato tutte le azioni intraprese precedentemente.

      Salutoni!

      Elimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie