Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

lunedì 20 ottobre 2014

La multa è sbagliata, ma deve pagare la multa di 400 euro


SASSARI. Lo “Zerinolflu” più caro della storia.
Il noto medicinale è costato infatti a un insegnante di musica sassarese la bellezza di circa 400 euro. L’importo della multa che si è visto recapitare con due anni di ritardo trasformata nella cartella Equitalia d’ordinanza. Multa elevata, ha scoperto il 50enne dopo una visita al comando della polizia municipale, per accesso non consentito nella Ztl alle ore 00.39 del 19 luglio 2012.

Contestazione alla quale il signor Pinna si è detto subito certo di poter rispondere. L’insegnante infatti si ricordava benissimo di quella notte del 2012, del terribile attacco allergico che gli impediva di respirare e della decisione di saltare in macchina e andare in farmacia.

«Mi ricordo anche – sottolinea – di aver chiesto al farmacista come comportarmi per la ztl, istituita da poco. Lui mi diede quella sorta di giustificazione che si usava allora, che dopo pochi mesi non sarebbe stata più necessaria. “Se arriva la multa” mi disse “porta questa e la tolgono».

Detto fatto, il pezzo di carta chiaramente non salta fuori, ma nella farmacia di Largo Brigata Sassari sono gentilissimi, e con data e medicinali acquistati riescono a risalire all’acquisto e stampare una ricevuta con tanto di ora. «Perfetto, ho pensato – racconta l' uomo –. E veramente soddisfatto di me sono subito andato al comando a chiedere giustizia».
Qui la doccia gelata. 

«Al Comando mi hanno detto che avevo ragione – racconta l’incredulo insegnante – ma che i termini per fare ricorso erano scaduti». Difficile da credere, considerando che l’insegnate la multa l’aveva vista per la prima volta nel 6 maggio del 2014, ma giustificato da un inoppugnabile documento che il comando dei vigili tira fuori: «Mi hanno detto che un messo comunale aveva tentato la consegna a casa mia nel 2013. E, non trovando nessuno, aveva lasciato un avviso di giacenza. Avviso che io non ho visto, trovato, ricevuto. Ma che il messo dichiara di aver lasciato».

Da quel momento i tempi macinano inesorabili e la multa segue il suo iter, depositata in Comune, appesa in busta chiusa, a disposizione negli uffici. «Insomma – chiude Pinna – il suo periodo di giacenza si è compiuto. Nessun ricorso è più presentabile. Il fatto che io abbia inopougnabilmente ragione è secondario. Devo pagare». Unica via: denunciare il messo che sostiene di aver depositato l’avviso.
«Ma non lo farò – chiude Pinna – anche se non ho intenzione di fermarmi. Pago e vado avanti. Perché esistono cose giuste e sbagliate e non solo giacenze. Il Comune sa che io ho ragione. Dovranno ammetterlo prima o poi. Forse».

1 commento:

  1. Io, invece, avrei denunciato assolutamente! Non si può pagare per errori altrui. Anche solo per principio.

    RispondiElimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie