Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

venerdì 6 maggio 2016

Bollo auto: nessuna Regione può aumentare la prescrizione della tassa automobilistica la quale resta di 3 anni. Chiarimenti sulla prescrizione del bollo auto

di Lapenna Daniele

#bolloauto #tassaautomobilistica #regionepiemonte #regionelombardia
#piemonte #lombardia #cassazione
#cortecostituzionale






«La Corte Costituzionale cancella la Legge della Regione Piemonte e della regione Lombardia con la quale la stessa aumentò a 5 anni il termine prescrizionale della tassa automobilistica stabilito dalla Legge nazionale a 3 anni».


Si tratta di una sentenza del 2003, ma è bene ricordarla.
Il Consiglio regionale (giunta Enzo Ghigo) del Piemonte promulgò la Legge regionale n. 20 del 5 agosto 2002 (qui il testo completo) attuando delle modifiche alla legge vigente.
La regione Lombardia (giunta Formigoni) fece lo stesso con la Legge regionale n. 17 del 5 agosto 2002 (qui il testo).

All' articolo 5 comma 1 leggiamo
Art. 5
"(Riordino sanzioni in materia di tributi regionali ed estinzione crediti tributari di importo minimo)
1. A decorrere dal 1° gennaio 2003 il termine di prescrizione per l'accertamento e il rimborso della tassa automobilistica e' fissato, ai sensi dell' articolo 20 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 (Disposizioni generali in materia di sanzioni amministrative per le violazioni di norme tributarie, a norma dell' articolo 3, comma 133, della legge 23 dicembre 1996, n. 662), nel termine di cinque anni dalla data della commissione della violazione o del versamento oggetto del rimborso"
Il ricorso n. 74 depositato il 15 ottobre 2002, disposto dal Presidente della Corte costituzionale cancellò di fatto gli articoli 1, 2 e 4 ( e quindi anche il 5 ) dichiarandoli illegittimi.

Nel bollettino ufficiale n.42 del 16/10/2003 (successivamente con la Sentenza della Corte Costituzionale n.296 del 2003) infatti leggiamo



raccomandata della Regione Piemonte
che sottolinea l' aumento illegittimo
a cinque anni del termine prescrizionale
del bollo auto

( clicca per ingrandire )
"In riferimento all’art. 119, co. 2, in relazione all’art. 117 co. 3 Cost., l’art. 4 in esame - nel riferirsi genericamente al “recupero” delle indicate tasse e prorogando di un anno il relativo termine in scadenza al 31 dicembre 2002 - appare chiaramente porsi in difformità rispetto al principio fondamentale enunciato nella Legge n.212 del 27 Luglio 2000 «...» secondo la quale i termini di prescrizione e di decadenza per gli accertamenti di imposta non possono essere prorogati (art. 3, co. 3 cit. legge). 
La norma de qua eccede chiaramente, in quanto in contrasto con l’or ricordato principio fondamentale posto alla legislazione statale concorrente, i confini nel quale poteva esercitarsi la potestà legislativa regionale.
In riferimento, poi, all’art. 117, co. 2 lett. 1) della Cost., che rimette alla potestà legislativa esclusiva dello Stato, la materia dell’"ordinamento civile", non pare dubbio che, anche nel rapporto intersoggettivo con il contribuente, avente ad oggetto la pretesa creditoria tributaria, la disciplina delle cause di estinzione del diritto per mancato esercizio per il tempo determinato dalla legge (prescrizione) o entro il termine dalla stessa fissato (decadenza) è riservata esclusivamente alla legislazione statale, senza che sia consentito al legislatore regionale  - come invece ha fatto con la denunciata norma  - modificarne il termine attraverso la previsione di una sua proroga rispetto a quello già previsto"

BOLLO AUTO: IMPOSSIBILE AUMENTARE LA PRESCRIZIONE


Dunque la Sentenza n.296 del 2003 della Corte Costituzionale ricordò come ci fosse già una Legge che impediva l'aumento del periodo prescrittivo e che in quel caso non fu rispettata. La legge in questione che lo stabilisce è proprio l'articolo 3 comma 3, della Legge n.212 del 27 Luglio 2000 ("Efficacia temporale delle norme tributarie") il quale riporta che "I termini di prescrizione e di decadenza per gli accertamenti di imposta non possono essere prorogati"


La prescrizione della tassa automobilistica dunque rimane di 3 anni: il conteggio parte dal 1° gennaio dell'anno successivo a quello in cui doveva esser effettuato il pagamento. Questo perché in Italia l'anno fiscale va da Gennaio a Dicembre (come potete vedere in questa tabella).

Quindi se ad esempio il bollo del vostro veicolo scadeva a Marzo 2016, la prescrizione si conterebbe in questa maniera:
  1. Anno:  1° Gennaio 2017 - 31 Dicembre 2017
  2. Anno:  1° Gennaio 2018 - 31 Dicembre 2018
  3. Anno:  1° Gennaio 2019 - 31 Dicembre 2019
    • Gennaio 2020, debito prescritto. 

Ovviamente, se riceveste un atto interruttivo da un qualsiasi ente in una data compresa fra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2019, la prescrizione verrebbe azzerata e il conteggio ripartirebbe però da tale data e non dal 1° gennaio dell'anno successivo.

Il riferimento di legge per la prescrizione del bollo auto è l'art. 5 del Decreto Legge n.953 del 30 Dicembre 1982 (convertito in Legge, con modificazioni,dalla Legge 28 Febbraio 1983 n. 53, e alla sentenza del 28 Febbraio 1997 n. 3658 della Corte di Cass., Sez. I Civ), il quale trasformò la suddetta tassa da tassa di circolazione a tassa di possesso.

2 commenti:

  1. Buongiorno. In merito a quanto da lei esposto, è mai accaduto che qualcuno si cimentasse in un ricorso al Giudice di Pace?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buondì Alex!

      Non mi sono capitate sentenze dei giudici in merito a questa prescrizione. Dovrò verificare.
      Se non ci sono state, è perché o il contribuente ha pagato il bollo prescritto pensando che il rialzo a 5 anni della prescrizione fosse legittimo, oppure che lo sgravio è stato concesso dalla Regione in base proprio alla sentenza n.296 del 2003 della Corte Costituzionale che ha confermato la già esistenza del succitato articolo 3 comma 3, della Legge n.212 del 27 Luglio 2000.

      Un salutone!

      Elimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie