Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

sabato 30 agosto 2014

Sentenza Cassazione shock: la raccomandazione è legale


D’ora in avanti, quello che è sempre stato additato come una malcostume tipicamente italico avrà patente di legalità. Sembra quasi un pesce d’aprile, ma la notizia che scuote la pubblica amministrazione in questo scorcio di fine estate è davvero confermata.

La Cassazione, tramite sentenza, ha sostanzialmente reso legale la raccomandazione negli enti pubblici, mentre i governi cercano spesso vanamente di combattere favoritismi e clientele, per affermare la meritocrazia in una sempre più acciaccata cosa pubblica.
E’ tutto scritto nella sentenza N. 32035 ( che potete leggere qui ), emanata da piazza Cavour lo scorso 21 luglio, nella quale la Suprema Corte ha ritenuto di nessun peso le intercettazioni che aveva pizzicato il Comandante di una stazione di Carabinieri intento a “consigliare” il nome della propria figlia a un assessore comunale, in relazione a un bando di selezione pubblica tramite graduatoria.

Il processo vedeva coinvolti per abuso d’ufficio e falsità in atto pubblico il Presidente, i membri della Commissione, l’assessore stesso e il segretario comunale: la pronuncia finale ha sollevato gli imputati dalle accuse. Vediamo come.
Riguardo l’abuso d’ufficio, infatti, la Corte ha certificato come per il concorso morale non sia sufficiente la mera “raccomandazione”, ma devono intervenire comportamenti positivi o coattivi che incidano sull’operato del pubblico ufficiale. Secondo quanto scritto nella sentenza, infatti, la raccomandazione è un atto che lascia libero il soggetto di aderire o meno, senza alcuna efficacia diretta sul suo operato.



E’ stato così accolto il ricorso del Comandante dei Carabinieri comparso nelle intercettazioni per intervenuta prescrizione “in presenza di una causa estintiva del reato, il proscioglimento nel merito deve essere privilegiato quando dagli atti risulti, come nel caso in esame, la prova positiva dell’innocenza dell’imputato”. Insomma, una prescrizione che somiglia molto a un’assoluzione.
Del resto, la stessa Corte ha sottolineato come la formula assolutoria sia da preferire a quella declaratoria, anche in caso di scelga di considerare la raccomandazione come realizzata dal Comandante in qualità della funzione rivestita.
Nel dispositivo, si trova scritto che per configurare un reato la raccomandazione “deve realizzarsi attraverso l’esercizio del potere per scopi diversi da quelli imposti dalla natura della funzione attribuita per cui difettando l’esercizio del potere, come nella fattispecie in esame in cui la richiesta di “raccomandazione” esula dalle funzioni tipiche connesse al ruolo graduato dell’arma dei Carabinieri rivestito dall’imputato, viene meno anche la possibilità di configurare il reato di abuso d’ufficio.”

E poi ci sono persone come Marco, laureato in edocrinologia, che sbattendo la faccia contro le raccomandazioni decide di inviare il suo Curriculum in Svizzera trovando finalmente un lavoro grazie alla meritocrazia ( qui la sua storia ). L' immagine dell' articolo linkato è molto forte, e forse vera:
"La Svizzera non è un Paradiso, ma solo un Paese normale"

2 commenti:

  1. Lasciamo perdere!!!!!!!!
    Quelli che dovrebbero collaborare, uno fa le leggi e l'altro le fa rispettare, si remano sempre contro.
    Le leggi in Italia non si leggono ma si interpretano. Adesso, ho c'è troppo libero arbitrio oppure sono confuse. O tutte e due!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L' interpretazione delle leggi farebbe rivoltare nella tomba anche Cesare Beccaria! Se la legge è quella, dev' esser applicata.
      Tutto verte sulla diversa importanza in base alla gerarchia nella società.
      Accade dai tempi più antichi...

      Elimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie