Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

giovedì 28 agosto 2014

Pubblicare foto altrui sui social è reato anche senza riportare il nome della persona


Pubblicare la foto di un'altra persona sui social network come Facebook e Twitter è reato.
Lo hanno ricordato i giudici della Corte di Cassazione in una recente sentenza facendo riferimento al reato di sostituzione di persona: basta quindi solamente la pubblicazione di una foto altrui, tesa a trarre in inganno gli utenti per commettere una grave violazione del codice penale.

"Integra il reato di sostituzione di persona ( art. 494 codice penale ), la condotta di colui che crei ed utilizzi un "profilo" su social network, utilizzando abusivamente l'effige di una persona del tutto inconsapevole, al fine di comunicare con altri iscritti e di condividere materiale in rete", hanno fatto presente i giudici della suprema corte.

Fulvio Sarzana, uno dei massimi esperti italiani di tematiche legate ai diritti fondamentali e rete Internet, ricorda dalle colonne del suo blog come non sia la prima volta che viene assunta una decisione simile.
In questo caso, però, il soggetto condannato non aveva utilizzato il nome e cognome del terzo ma si era "limitato" a pubblicare una sua foto sul profilo utilizzando però un nickname che in qualche modo richiamava la vera identità dell'altra persona. Alla foto pubblicata sul social network era stata poi abbinata una frase irrispettosa.

In passato la Cassazione aveva sanzionato un individuo che aveva registrato una casella di posta elettronica specificando i dati di un terzo, del tutto all'oscuro. Più di recente, nel 2013, i giudici hanno invece ritenuto colpevole un utente che, per ritorsione contro l'ex datore di lavoro, ne aveva pubblicato online numeri telefonici ed altri dati identificativi.

2 commenti:

  1. Beh,.... tutto sommato che ci siano un po' di regole mi pare giusto. Farsi passare per qualcun altro e poi magari offenderlo pure non è civile!
    Mi auguro solo che non sia una cosa all'italiana. Vale a dire che per un po' se ne parla a manetta e si beccano tutti quanti e poi finisce nel dimenticatoio e tutti riprendeno a fare quello che facevano prima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh certo, perché Internet non è fatto per esser soggetto a delle leggi.
      Se una persona vede il furto della sua identità, allora si interviene se l' utente se ne accorge e denuncia.
      Qui il reato colpisce anche chi pubblica una foto senza autorizzazione e senza immettere il nome della persona ritratta.

      Bisognerebbe fare un sondaggio...

      Elimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie