Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

lunedì 7 luglio 2014

L' inquinamento atmosferico causa autismo e schizofrenia


L’esposizione all’inquinamento atmosferico durante le prime fasi di vita produce veri e propri mutamenti nel cervello che possono causare disturbi nello sviluppo neurologico portando ad autismo e schizofrenia

La maggior parte dell’inquinamento atmosferico è causato da particelle di carbonio prodotte dalla combustione dei carburanti ( industrie, autoveicoli, ecc.) ma le particelle non sono tutte uguali, hanno diverse dimensioni e particelle di dimensioni diverse hanno effetti diversi sull’organismo.
Un nuovo studio del Dipartimento di Medicina Ambientale e Genetica Biomedica dell’Università di Rochester (USA) descrive come l’esposizione all’inquinamento atmosferico durante le prime fasi di vita produca veri e propri mutamenti nel cervello dei topi che possono causare disturbi nello sviluppo neurologico e l’ingrandimento di un’area cerebrale che, negli esseri umani, è implicata nei casi di autismo e schizofrenia.

LO STUDIO
Per la ricerca sono stati scelti topolini, sia maschi che femmine, appena nati, poiché le prime settimane di vita sono cruciali per lo sviluppo cerebrale. I topi sono stati esposti per 4 ore al giorno, per un periodo di 2-4 giorni, a livelli di inquinamento simili a quelli che si possono rilevare nelle città statunitensi di media grandezza all’ora di punta.
I topolini sono stati esaminati dopo 1, 40 e 270 giorni dall’ultima esposizione. Il loro cervello presentava una evidente infiammazione e un’alterazione cellulare, in più in tutte le rilevazioni il problema perdurava indicando che il danno cerebrale era permanente e irreversibile.
I ricercatori sono quindi arrivati alla conclusione che un’alta concentrazione ambientale di particelle ultrafini (CAPS) influenza negativamente lo sviluppo del sistema nervoso centrale con alterazioni nelle citochine e nei neurotrasmettitori.
In più, nei topi maschi, si è riscontrata una ventricolomegalia ( dilatazione del ventricolo laterale ) neuropatologica associata proprio a un ridotto sviluppo neurologico, all’autismo e alla schizofrenia.



I risultati sono coerenti con diversi recenti studi che collegano l’esposizione a inquinamento con effetti neurologici e comportamentali negativi (aumento del rischio di autismo, declino cognitivo, attacco ischemico, schizofrenia e depressione), sia nei bambini che negli adulti. Questo studio, oltre a confermare il legame, spiega anche il meccanismo sottostante.

Attualmente l’Agenzia di Protezione Ambientale (EPA) regola l’emissione di grandi particelle, tuttavia queste sono le meno dannose poiché vengono espulse tossendo. Le particelle ultrafini, invece, sono molto più pericolose perché sono abbastanza piccole da poter penetrare attraverso i polmoni ed essere assorbite dal flusso sanguigno producendo così effetti tossici in tutto l’organismo.
Studi come questo sono dunque importanti non soltanto per conoscere meglio le neuropatologie ma anche e soprattutto per regolare gli attuali standard e garantire la qualità dell’aria in un’ottica preventiva.

3 commenti:

  1. E poverini topolini >_<
    Comunque non mi stupisco affatto della notizia: respiriamo più smog che altro..ce ne accorgeremo quando vivremo sommersi da nubi tossiche!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. Sono così teneri.... che si tagliano con un grissino! :O

      Mi sa che non arriveremo a quando "vivremo sommersi da nubi tossiche" perché non penso che ci saranno ancora esseri umani in quel futuro..

      Ciao Stella!

      Elimina
  2. Sono sempre di più gli stati che corrono ai ripari con piani urbanistici e reti di trasporto ecososstenibili. Un esempio tra tutti è quello svedese con i suoi autobus elettrici. Ma l'attenzione verso le tecnologie ecossostenibili e una mobilità green è sempre di più sia da parte dei consumatori che da parte delle imprese. La NASA sta addirittura progettando un aereo elettrico. I dati di vendita dei veicoli elettrici sono in crescita. Tutti questi fattori fanno ben auspicare per un futuro ecosostenibile.

    RispondiElimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie