Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

mercoledì 21 maggio 2014

Sardegna: continuano a imperversare i ladri di sabbia. Nonostante le multe, i turisti continuano a portarsi via i "ricordi" della vacanza


Ogni anno sulla cronaca regionale della Sardegna si da ampio risalto ai ladri di sabbia, turisti che portano via dalle nostre spiagge bottigliette o secchielli di sabbia, il più delle volte sono modiche quantità, solo per ricordo. Eppure non solo è vietato ma si rischiano forti multe – come i 100 euro per una bottiglietta come capitato a una coppia di turisti tedeschi – e controlli a tema vengono effettuati anche negli aeroporti, senza contare che la popolazione è ormai altamente sensibilizzata e con gli smartphone è solita immortalare i colpevoli, per poi chiamare le forze dell’ordine. Perciò considerando che la legge non ammette l’ignoranza della stessa, considerate questo articolo anche come una forma di prevenzione e/o come un’informazione utile.

La motivazione sta nel fatto che seppure la sabbia può sembrare tanta, essa non è infinita, le spiagge si sono formate in milioni di anni ed ora sono quasi tutte in arretramento (per fenomeni di solito indotti dall’uomo), se milioni di turisti ogni anno ne prelevassero anche solo una bottiglietta per ricordo, potete immaginare da soli il depauperamento che ciò provocherebbe.

Poi ci sono i casi limite come i turisti che qualche anno fa, da veri vandali, furono scoperti nel tentativo di portare via non solo 8 chili di sabbia ma persino pezzi di stalattiti rimossi da qualche grotta e condannati a 30 mila euro di multa ( leggi la notizia ), oppure la coppia romana oggetto di questo articolo la quale, nell’estate 2007, furono scoperti dalla Capitaneria del porto di Olbia con quantitativi di sabbia non certo irrisori, 1 chilo lei e ben 16 chili lui, che furono immediatamente sequestrati mentre per i presunti ladri scattò una denuncia. La sabbia pare fosse stata portata via da una delle spiagge di Cala Gonone.

Dopo 7 anni, con i soliti tempi lunghi della giustizia italiana, il pubblico ministero, Giorgio Bocciarelli ha chiesto una condanna a sei mesi per i due turisti (mentre l’avvocato della difesa ha chiesto l’assoluzione).

2 commenti:

  1. Capisco la boccettina con qualche granello di sabbia come ricordo, sai, come quelli che si portano una pietra per ogni posto visitato, o cose così, ma....16 kg?Che cacchio ci devi fare, la spiaggia privata in salone?xD E dove li nascondi?Parti col bidone da casa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche con una boccetta per ogni turista, pian piano, sparirà tutto. Considerando i milioni di anni che ci vogliono per crearla...
      Non so proprio che se ne facciano di 16 kg. Forse volevano crearsi una spiaggia a casa in modo da immaginare d' esser in Sardegna anche d' inverno.

      Penso la mettano nei pannolini del bambino. Dicono che è pupù e se la svignano! XD

      Elimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie