Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

giovedì 13 febbraio 2014

Cassazione: vietato esporre gli alimenti all' aperto. Condannato un commerciante che ha esposto la merce ai gas di scarico delle auto


La Corte di Cassazione con la Sentenza del 10 febbraio 2014 n. 6108, la Cassazione ha esaminato il caso di un commerciante, condannato dal Tribunale di Noia alla pena dell'ammenda riconoscendolo colpevole della contravvenzione di cui all'art. 5, lett. b) della legge 283/1962, per aver detenuto per la vendita tre cassette di verdure di vario tipo in cattivo stato di conservazione.
Nello specifico l'uomo aveva esposto fuori dal proprio negozio una cassetta di verdura senza preoccuparsi che, così facendo, avrebbe messo in contatto gli alimenti con le sostanze nocive rilasciate dai gas di scarico delle auto.

Per la Cassazione, che ha ricordato alcune precedenti sentenze delle Sezioni Unite, il caso in questione configura "un reato di danno, perché la disposizione è finalizzata non tanto a prevenire mutazioni che nelle altre parti dell'art. 5 legge 283/1962 sono prese in considerazione come evento dannoso, quanto, piuttosto, a perseguire un autonomo fine di benessere, assicurando una protezione immediata all'interesse del consumatore affinché il prodotto giunga al consumo con le cure igieniche imposte dalla sua natura. Conseguentemente, si è escluso che la contravvenzione si inserisca nella previsione di una progressione criminosa che contempla fatti gradualmente più gravi in relazione alle successive lettere indicate dall'art. 5, perché, rispetto ad essi, è figura autonoma di reato, cosicché, ove ne ricorrano le condizioni, può anche configurarsi il concorso (in senso conforme, Sez. III n. 35234, 21 settembre 2007; difforme Sez. III n. 2649, 27 gennaio 2004)".

Secondo Piazza Cavour dunque, "ai fini della configurabilità del reato, non vi è la necessità di un cattivo stato di conservazione riferito alle caratteristiche intrinseche delle sostanze alimentari, essendo sufficiente che esso concerna le modalità estrinseche con cui si realizza, che devono uniformarsi alle prescrizioni normative, se sussistenti, ovvero, in caso contrario, a regole di comune esperienza (conf. Sez. III n. 15094, 20 aprile 2010; Sez. III n. 35234, 21 settembre 2007, cit.; Sez. III n. 26108, 10 giugno 2004; Sez. III n.123124, 24 marzo 2003; Sez. IV n. 38513, 18 novembre 2002; Sez. III n. 37568, 8 novembre 2002; Sez. III n. 5, 3 gennaio 2002)".

In altre parole, riguardo alla contravvenzione in esame non si richiede la produzione di un danno alla salute, poiché l'interesse protetto dalla norma è quello del rispetto del cd. ordine alimentare, volto ad assicurare al consumatore che la sostanza alimentare giunga al consumo con le garanzie igieniche imposte per la sua natura.

4 commenti:

  1. Geniali quelli della Cassazione.
    Secondo questa sentenza, tutti i mercati all'aperto, vicino a una strada aperta al traffico, sono da chiudere.
    Ma per piacere!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti... Che poi la frutta comunque viene LAVATA, non è che uno se la mangia così com'è..

      Elimina
  2. A dire il vero c'è anche il rischio che i cani fanno la pipì sulle cassette , se non sono sollevate dal suolo ... ad altezza garantita dal buon senso! basta una distrazione ... e voilà il cagnetto la fa senza ma ... e senza se!

    Grazie Daniele
    per i tuoi preziosi contributi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, su quello son d' accordo, ma sostenere che il cibo non debba stare a contatto coi gas di scarico dei veicoli, oppure multare per un non uso dei guanti per maneggiare la frutta e verdura, mi pare eccessivo.
      Fino a prova contraria, almeno ad esempio nel caso dei frutti come le arance, la buccia si toglie, quindi toccarlo con delle mani sporche non crea danno al frutto interno.

      Grazie a te Paolo, un salutone!! :D

      Elimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie