Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

sabato 23 novembre 2013

Equitalia: l'estratto di ruolo è insufficiente. Obbligatoria anche la cartella esattoriale


Quando viene impugnato un atto di Equitalia, ad esempio un preavviso di fermo amministrativo o un'iscrizione di fermo amministrativo, spesso l'agente della riscossione, ovvero Equitalia, è solito depositare l'estratto di ruolo per dimostrare l'avvenuta notifica della cartella di pagamento. La cartella di pagamento, anche detta esattoriale, è l'atto presupposto su cui si basa una eventuale e successiva azione di Equitalia. I successivi atti, che sono spesso delle ingiunzioni di pagamento o delle misure cautelari come il preavviso di fermo ed iscrizione di fermo amministrativo sul veicolo, possono essere tutte singolarmente impugnate dinanzi all'autorità competente.

Quindi, se nell'elenco degli addebiti - che è sempre allegato all'atto ricevuto (sia esso il preavviso e l'iscrizione di fermo, sia un'ingiunzione di pagamento, o altri atti) – sono indicati tributi erariali, allora la competenza sarà della Commissione tributaria; invece, se trattasi di sanzioni amministrative sarà competente il Giudice di Pace o il Tribunale a seconda dell'importo da pagare e del tipo di atto.

Dunque, nella eventualità in cui venga impugnato uno di questi atti sopra elencati, Equitalia per dimostrare che il credito vantato è effettivamente dovuto dal contribuente, deve necessariamente depositare la copia dell'avvenuta notifica della cartella di pagamento, la quale è un atto presupposto che deve essere sempre notificato prima di qualsiasi atto successivo. Per prassi, invece, Equitalia deposita solo ed esclusivamente l'estratto di ruolo e, al massimo, la copia dell'avviso di ricevimento della precedente cartella da parte del contribuente.
Tuttavia, di recente sono intervenute diverse pronunce giurisprudenziali che hanno sancito l'obbligo per il concessionario della riscossione (cioè Equitalia, Soget, ecc.) di esibire al giudice anche il contenuto di quell'estratto di ruolo e di quegli avvisi di ricevimento: vale a dire devono essere depositate le cartelle di pagamento per ritenere provata la notifica della stessa. Anche una recentissima sentenza della Commissione Tributaria Regionale di Milano (sentenza n. 63/14/13 del 21.06.2013) ha ritenuto fondamentale, in sede giudiziaria, l'esibizione del titolo (cartella di pagamento) su cui si basa la pretesa creditoria.

Leggi anche
"L’estratto di ruolo non prova la notifica della cartella di pagamento"

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie