Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

martedì 18 giugno 2013

La lavoratrice contesta la data di assunzione: spetta a lei dimostrare l’ errore


La data in cui è nato il rapporto di lavoro subordinato tra una donna e una Farmacia:
questo è il nodo affrontato dalla Cassazione con la sentenza 5146/13.

Dalla sussistenza del rapporto di lavoro subordinato tra le parti sin dal 16 agosto 2003, e non dal 17 settembre dello stesso anno, doveva essere accertata, secondo la lavoratrice, l’illegittimità dei licenziamenti a lei intimati.
Da quando si è instaurato il rapporto di lavoro subordinato?
All’esito dei due giudizi di merito, però, non essendo emersi elementi sufficienti a dimostrare né la diversa data di inizio del rapporto di lavoro, né la prestazione di lavoro straordinario svolto che l’appellante chiedeva di imputare a ferie, né il possesso dei requisiti per potere accedere alla indennità di disoccupazione ed a quella di malattia, le richieste della donna venivano rigettate perché ritenute inammissibili o infondate.
Per quanto riguarda la sussistenza del rapporto di lavoro subordinato a partire dall’agosto 2003 e non dal mese successivo, la Cassazione concorda con i giudici di merito nel ritenere che le prestazioni lavorative presso la farmacia per circa 10 giorni di agosto avessero carattere saltuario.

La lavoratrice, infatti, non ha fornito alcun elemento idoneo a dimostrare la natura subordinata della prestazione lavorativa svolta in quel periodo «in cui la frequentazione da parte sua della farmacia nei giorni immediatamente precedenti il matrimonio era stata del tutto saltuaria ed occasionale». Pertanto, il ricorso viene rigettato.

4 commenti:

  1. Risposte
    1. Daje commenta!
      La Cassazione va giudicata
      è_é

      Elimina
  2. La Cassazione non è nuova a sentenze alla caxxo, però in questo caso mi pare logico che se non puoi dimostrare il tuo diritto a qualcosa, non te lo daranno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti. Poi c'è chi non può dimostrarlo, e gli va bene.
      Le Sentenze delle Cassazioni sono così divertenti.
      Si imparano molte cose...

      Elimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie