Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

mercoledì 29 maggio 2013

"Max 20": Max Pezzali festeggia 20 anni di carriera con un disco che vede la collaborazione con Mauro Repetto, come ai tempi degli 883


Vedi Max Pezzali e il ricordo è subito a quella cassetta che girava nel mangianastri e che cantava “Sei un mito”. Giacca di jeans, camicia rossa, ciuffo in testa e Pezzali che saltella sul palcoscenico del Festival Bar. Altri tempi, un’altra Italia. Eppure le sue canzoni non sono mai tramontate.

Quando incontriamo Max il ciuffo è diventato un taglio corto e il ragazzo degli anni ’90 che ha scalato le classifiche con successi come “Sei un mito”, “Senza averti qui”, “La regola dell’amico”, ha lasciato spazio ad un cantautore consapevole del mondo che lo circonda e del suo lavoro. Lo ritroviamo infatti, mentre celebra i suoi suoi vent’anni di carriera con un album ricco di collaborazioni, dove i suoi successi diventano duetti con i big della musica italiana.
Dopo i rapper - con i quali ha collaborato l’anno scorso per l’album che festeggiava il ventennale di “Hanno ucciso l’uomo ragno” e che definisce «i cantastorie di oggi» - ora è toccato al mondo del pop.

«Ho chiamato le persone che hanno condiviso con me un percorso - spiega Max
con il cappellino da baseball appena tolto dalla testa -, gli amici e i colleghi che sono stati fondamentali per la mia formazione e con i quali c’è un rapporto di amicizia vero».

E nel disco, che uscirà il 4 giugno e si intitola semplicemente "Max 20", torna un’altra collaborazione importante: quella con Mauro Repetto, segnando nuovalmente la reunion degli 883 (era già successo per l'album precedente). Insieme hanno scritto due brani inediti: «si è ricreata l’antica magia. Mauro mi fa vedere il mondo con altri occhi e questo mi piace molto. Ci siamo incontrati un giorno a Roma, è venuto a trovarmi con un portatile in mano e nient’altro. La sera è ripartito. E’ un uomo imprevedibile ma lavorare con lui mi è piaciuto molto, c’è la condivisione delle idee. Quando si lavora da soli, dopo un pò, ci si annoia».
Un disco insomma, dove trovate il Max Pezzali che vent’anni fa ha fatto cantare tutta Italia con “Come mai” ma che guarda anche al futuro: «Per il 2014 vorrei pubblicare un nuovo album di inediti. Credo che sia il momento giusto per convogliare queste nuove energie. Mi piacerebbe lasciare spazio alla mia parte più irrazionale e emotiva senza farmi influenzare dal “dover fare un album come ce lo si aspetta”».

Intanto un bilancio di questi ultimi vent’anni è d’obbligo: «Ho sempre avuto una certa rassegnazione nei confronti del destino. Credo che alcune cose sono andate come dovevano andare o potevano andare peggio. Mi reputo comunque fortunato, ho attraversato anni in cui molti nella musica sono stati falciati».
Sulla copertina dell’album un’ immagine che riassume bene il cuore di quest’album: il Max di vent’anni fa e il Max di adesso a confronto. L’unica cosa certa? «I jeans a vita alta non torneranno mai più».

2 commenti:

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie