Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

lunedì 15 aprile 2013

Condannato sacerdote per favoreggiamento personale aggravato: il prete aveva invitato una donna a non denunciare un suo confratello che abusò della figlia


Il sacerdote che consiglia alla madre di una vittima di pedofilia di non denunciare un confratello commette il reato di favoreggiamento personale aggravato. La particolare influenza che un sacerdote può esercitare su di un fedele comporta infatti che il suggerimento rappresenti non soltanto un innocuo consiglio, ma un reale impedimento alla giustizia.

Lo ha affermato la Corte di Cassazione con la sentenza N. 574/2013 che ha condannato un sacerdote dopo aver consigliato una signora di non denunciare gli atti di pedofilia compiuti da un altro prete sulla figlia. In particolare, il sacerdote aveva avvertito la fedele che denunciare tali fatti era un atto contrario alla Chiesa.

E vediamo se c'è ancora chi difende questa parte marcia del nostro Paese. Una categoria da estirpare.

2 commenti:

  1. Da sopprimere, meglio.
    Anche con la forza, se necessario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sbatterlo insieme alla maestra nelle miniere.
      A 2mila metri di profondità.

      Elimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie