domenica 31 marzo 2013

Il M5S un' arma per attaccare Berlusconi: condannato a pagare 50mila euro all' ex premier,Grillo inserisce nel suo programma una legge "ad personam",in perfetto stile Berlusconi

ilgiornale.it e it.wikipedia.org

Beppe Grillo accostò l' immagine della Fininvest alla Parmalat. Berlusconi si offese, lo denunciò e, dopo varie lotte processuali, la sentenza definitiva: Grillo pagherà 50mila euro di danni più le spese processuali.
E così, ha deciso di creare un programma del MoVimento 5 Stelle inserendo leggi per colpire l' ex premier e mettendo anche una legge "ad personam". Imitando dunque lo "psiconano" ( come viene da lui definito ) per quanto riguarda le leggi per sè stessi.

PREMESSE:
- non patteggio per alcuno di questi due: nel blog potrete trovare news buone e cattive su entrambi, dacché io prendo i fatti, e li riporto nel blog con le varie fonti. Le news senza fonti non le posto
- non sono di destra
- non è un attacco al MoVimento 5 Stelle ( così come non erano attacchi gli articoli fatti quando era al governo Berlusconi ) ma è un reportage di fatti, documenti ed opinioni

LA VICENDA
Partiamo da cosa è successo a Gennaio 2013:
"Diffamazione, Grillo pagherà 50mila euro a Berlusconi
La Corte d'appello condanna il comico per un articolo del 2004 comparso su Internazionale"

I giudici della prima sezione della Corte d'appello del tribunale di Roma hanno infatti ribaltito una sentenza di primo grado per diffamazione a mezzo stampa, condannando Beppe Grillo a risarcire per danno patrimoniale Silvio Berlusconi e a pagare le spese processuali.

Parte lesa nella vicenda era la Fininvest Spa, diffamata da Grillo. L'articolo al centro del procedimento, intitolato "
Il caso Parmalat e il crepuscolo dell'Italia", comparve nel <! -- more --> 2004 su Internazionale. Gli avvocati del Cav avevano chiesto per la vicenda un risarcimento maggiore, pari a 500mila euro. I giudici hanno però stabilito una cifra differente, di molto inferiore, basando la propria decisione sulla bassa tiratura della rivista che ospitava il pezzo.
I legali di Grillo avevano chiesto che fosse riconosciuto l'intento satirico dell'articolo. Che non è sembrato però così evidente ai giudici che parlano di un "tono serio e mesto", privo della "volontà di provocare il riso".


GRILLO, DIFFAMATO CRONICO
Giudici non comunisti dunque. Grillo paragona la Fininvest alla Parmalat, riceve una denuncia da Berlusconi, e gli tocca pagare danni e spese processuali. Ma il comico non è nuovo a condanne del genere.

Nel 2003, patteggiò una causa per diffamazione intentata contro di lui da Rita Levi-Montalcini. Durante uno spettacolo, Beppe Grillo chiamò "vecchia puttana" la signora (allora 94enne) vincitrice del Premio Nobel 1986 in Fisiologia o Medicina e senatrice a vita della Repubblica Italiana (2001-2012).
Nel 2012 in appello Grillo è stato condannato per aver diffamato a mezzo stampa la Fininvest in un suo articolo pubblicato nel 2004 sulla rivista "Internazionale". Il risarcimento del danno patrimoniale, pari a 50.000 euro, oltre alle spese processuali, è stato stabilito dai giudici della prima sezione della corte d'appello del tribunale di Roma

GRILLO E LA LEGGE "AD PERSONAM"
le modifiche al programma
del M5s

Quindi: 2003 prima causa. 2004 causa contro Berlusconi. Ed il MoVimento 5 Stelle quando nasce?
Durante questi processi: il 4 Ottobre 2009 ( fonte Wikipedia ).
Il partito M5S è stato fondato da Beppe Grillo e da Gianroberto Casaleggio sulla scia dell'esperienza del movimento Amici di Beppe Grillo, attivo dal 2005 e presentatosi alle elezioni a partire dal 2008 con diverse Liste Civiche a Cinque Stelle ( dove non raggiunge risultati rilevanti ).
Ma ciò che ci interessa è un punto del programma del partito.
Andiamo a leggerlo. Dirigiamoci nella sezione Informazione. Leggiamo il penultimo punto
"Depenalizzazione della querela per diffamazione e riconoscimento al querelato dello stesso
importo richiesto in caso di non luogo a procedere ( importo depositato presso il tribunale in anticipo in via cautelare all' atto della querela )
"

UN PROGRAMMA POLITICO ANTI-BERLUSCONI...
Nel programma, inoltre, potrete divertirvi a trovare i punti che sono stati messi per colpire in modo particolare Silvio Berlusconi ( e non solo lui, ma soprattutto lui ), come ad esempio:
- "divieto per i parlamentari di esercitare un' altra professione durante il mandato"
- "nessun canale televisivo con copertura nazionale può esser posseduto a maggioranza da alcun soggetto privato, l' azionariato deve essere diffuso con proprietà massima del 10%"
E via discorrendo...

...E CON POCHE BUONE IDEE
Con ciò, non voglio assolutamente difendere Berlusconi. Sia chiaro. Voglio solo sottolineare che, per il mio modesto parere, una persona che si batte per aiutare i cittadini, per salvare le aziende, creare lavoro, non può mostrare un programma politico che su 130 punti circa - divisi per Economia, Trasporti,
Salute, Istruzione, Stato e Cittadini, Energia, Informazione - abbia:
solo 4 punti che riguardino la questione del lavoro in modo concreto e immediato
-"Favorire le produzioni locali"
-"Sostenere le società no profit"
-"Sussidio di disoccupazione garantito"
-"incentivazione dei mercati locali con produzioni provenienti dal territorio"


27 punti che vanno per l' abolizione di privilegi, politometro, giornalisti, emittenti Tv, uno "ad personam"
una decina sull' informatizzazione dei servizi ( come il punto che prevede l' eliminazione totale del libri scolastici in formato cartaceo creando libri solo elettronici gratuiti ).
Nessun punto per quanto riguarda i diritti delle coppie gay.
Nulla
sul testamento biologico.
Nulla sull' aborto
( temi trattati invece nel punto 3 del programma politico di Rivoluzione Civile ) e nulla sulla laicità dello Stato in generale.

Spero che qualche attivista del MoVimento mi chiarisca cosa lo ha colpito del programma.
Sarei curioso di conoscere la risposta.

sabato 30 marzo 2013

Grillo "Il candidato 5 Stelle si eleggerà on line". Votaranno però solo coloro che si sono iscritti al sito web entro il 31 Dicembre 2012. I pareri degli utenti ( ed i commenti cancellati dal blog )

A partire da ieri, tutti gli iscritti al sito del MoVimento 5 Stelle potranno scegliere il loro candidato per la carica di Presidente della Repubblica.
Unico inconveniente: bisogna esser iscritti al sito ( dove si forniscono i propri dati personali ed una copia del documento d' identità ) entro il 31/12/2012.

Eleonora Bechis, parlamentare del M5S, ha scritto su Facebook: “Venerdì partirà la comunicazione per le modalità di voto per il Presidente della Repubblica” ( il suo messaggio completo a sinistra ).
Perché ( clicca sull' immagine per ingrandire )  si sono dovuti incontrare con Casaleggio se lui non risulta nello Statuto del MoVimento 5 Stelle e quindi, almeno su carta, non c' azzecca nulla col partito?

Di certo questa restrizione non è democrazia. Se Grillo voleva tagliare fuori i commentatori che lui definisce trolls, poteva scegliere come data anche il giorno prima delle elezioni. La data stabilita non ha senso, perché un impostore e non sostenitore del  Mvimento può anche essersi infiltrato da mesi.
Questa, non è democrazia. E quando sostiene che comanda il cittadino beh, mi sembra dica una grossa boiata perché, a quanto si sta vedendo sino ad ora, sembra comandi.... qualcun altro.

Di seguito i commenti degli utenti. Vi sono i commenti presenti al post ed i commenti invece cancellati da Grillo ( visibili a questo link cliccando al post "Elezioni on line per il Presidente della Repubblica" ).

Alcuni dei ( conteggio aggiornato sino alle 15:14 )  commenti cancellati

Carlo S.
La struttura democratica del Movimento 5 stelle (uno vale uno) :
Primo gradino : i circa 9 milioni di votanti
Secondo : circa 1 milione di frequentatori del blog.
Terzo :       i 250.000 iscritti al movimento
Quarto :   40.000 identificati con diritto di voto
Quinto :   gli iscritti ai MEETUP
Sesto :     gli eletti al parlamento, sindaci, assessori o comunque eletti
Settimo :  due sole seggiole uguali ma diverse
Una per Grillo e l'altra per Casaleggio.

camillo-v.
Pensi sia giusto che io non possa votare e scegliermi il presidente, solo perchè non mi sono iscritto entro il 31.12.12 ?
Bell'esempio di democrazia diretta. grazie beppe e grazie casaTAleggio. Ma va la'.

Licenziamento legittimo se pausa caffé troppo lunga


Licenziamento legittimo se il dipendente si allontana dal posto di lavoro per una pausa caffè, soprattutto se produce rallentamenti nell’attività lavorativa. Ad affermalo la Corte di Cassazione, sezione lavoro.


La massima origina da un contenzioso tra la banca di Credito Emiliano e un impiegato che si era allontanato dal posto di lavoro per andare al bar, incurante della presenza di ben quindici clienti in fila.


Il caso è stato sottoposto al giudizio per ben due volte ai giudici.
Nel 1998 il dipendente era stata licenziato perchè si era rifiutato di effettuare un’operazione complessa richiesta da un cliente, e poi dopo sei giorni, aveva lasciato la cassa aperta ed i soldi incustoditi poichè era andato al bar senza registrare l’ultima operazione. Una volta reintegrato, il caso è stato sottoposto alla Cassazione che aveva avuto modo fi affermare che “la giusta causa di licenziamento di un cassiere di banca, affidatario di somme anche rilevanti, dev’essere apprezzata con riguardo non soltanto all’interesse patrimoniale della datrice di lavoro ma anche alla potenziale lesione dell’interesse pubblico alla sana e prudente gestione del credito”.
Gli Ermellini hanno dato ragione al Credito Emiliano che aveva licenziato il dipendente. Dice la Corte che è un comportamento negligente quello del cassiere di banca che, incurante della fila di quindici clienti in attesa, lascia la cassa aperta per andare in pausa caffè e definisce senza rilievo l’esistenza della prassi aziendale invocata dal lavoratore, poichè non incide sulla valutazione della negligenza della condotta accertata in secondo grado.

Castellaneta: apre sportello SOS Equitalia, un servizio gratuito per i cittadini che subiscono richieste illegittime da parte di Equitalia

                                                http://vivicastellaneta.it

Il meet-up a cinque stelle Castellaneta aperta, in collaborazione con alcuni professionisti, tra avvocati e commercialisti, ha istituito a Castellaneta, lo sportello gratuito denominato "S.o.s. Equitalia".
Scopo dell'iniziativa è quello di fornire a quei cittadini, che abbiano subito, illegittimamente, la notifica di una cartella esattoriale o l'iscrizione del proprio nome presso una centrale rischi, assistenza legale, giudiziale o stragiudiziale, gratuita.
Uniche spese a carico degli utenti saranno quelle per l'acquisto, ove necessario, del contributo unificato e della marca da bollo.

Chi volesse far parte del pool di professionisti, così come chi volesse esporre la propria problematica, potrà contattare l'indirizzo email equitalia.sos@gmail.com oppure seguirci all'indirizzo http://www.meetup.com/castellaneta-aperta.

Telecom firma l' accordo: nessun licenziamento


La trattativa è durata tutta la notte del 27 marzo, ma ha dato buoni frutti. È stato firmato infatti l'accordo con i sindacati per salvaguardare i livelli occupazionali in Telecom attraverso il miglioramento della produzione e sono stati scongiurati i licenziamenti.
STABILIZZARE OCCUPAZIONE
Dei 3 mila esuberi individuati in Telecom Italia Spa, 2 mila 500 saranno gestiti con contratti di solidarietà mentre 500 lavoratori lasceranno la società per andare in pensione, avendo maturato i requisiti necessari. Altri 350 lavoratori di Telecom IT saranno gestiti con analoghi ammortizzatori sociali.
L'azienda e i sindacati, nell'accordo prevedono nei prossimi anni una forte 'internalizzazione' del lavoro. In questo modo punterebbero a rendere stabile la tutela dei livelli di occupazione.

giovedì 28 marzo 2013

Fiorella Mannoia "Il M5S non ha vinto per merito di Grillo, ma per demerito della sinistra in questi anni". La cantante sottolinea dal suo profilo FB come "bisogna dialogare per salvare il Paese"

Dalla bacheca Facebook di Fiorella Mannoia.
Ecco il pensiero della cantante sull' incontro di ieri fra Bersani ed i rappresentanti del MoVimento 5 Stelle.
Quello che le donne non dicono. Anzi, lo dicono!

"Ho aspettato, ho aspettato di vedere che cosa succedeva, ho lasciato passare un po' di tempo per vedere se, passata l'euforia e lo stordimento del risultato elettorale, si potesse finalmente ragionare sulle sorti del paese con responsabilitá e senso dello Stato. Sono convinta che l'avvento di Grillo abbia costretto la sinistra ad affrettarsi a riprendere il suo ruolo, appannato da questi anni di torpore e di appiattimento alle logiche della politica.
Ho ripetuto, e lo sostengo ancora, che il successo del M5S non é dovuto ai meriti di Beppe Grillo, che pure ha un grande talento di comunicatore, ma per demerito della sinistra che non ha saputo cogliere il malessere che pervadeva il Paese, incapace di rinnovamento, con scarsa attenzione alla comunicazione della quale oggi volente o nolente non si puó prescindere, della perdita di contatto con i cittadini, della sua ambiguitá..tutte cose che ho giá spegato su queste pagine. ( anche la presidenza della Camera a Laura Boldrini, non so se sarebbe stata cosí scontata senza questo ciclone che si é abbattuto, ma questo é un mio pensiero)
Per questo sono convinta che tutto questo non puó fare che bene a questo paese che si ritrova ad affrontare temi sopiti come la scuola pubblica, i costi degli armamenti, della politica degli sprechi il conflitto d'interessi, la legge elettorale ecc...
Detto questo ora é il momento di agire, il M5S é andato al governo, "ci vediamo in Parlamento" diceva Grillo, bene, ora ci sei andato! ora che cosa si fa? Si sta a guardare il paese andare a fondo o si dialoga? Io penso che sia meglio dialogare con l'unica forza con la quale si puó pensare di trovare un accordo che é quella del PD. Almeno per un anno e poi tornare semmai ad elezioni.
Questo non é tradire il movimento, cari Grillo e Casaleggio, questo é senso della responsabilitá che i cittadini hanno riposto nelle vostre mani. Voi troverete divertente vedere il PDL cercare di formare un governissmo con il PD e stare a guardare che cosa succede! Noi no. Noi non ridiamo affatto, i cittadini vogliono che qualcuno si adoperi per risolvere i problemi del paese adesso, anche se si trattasse di scendere a qualche compromesso, non per stare a guardare vederlo affondare per poi dire "vedete che fine hanno fatto? Noi siamo piú bravi".
No, caro Beppe, mi dispiace ma non sono d'accordo, e ti assicuro che ci sono molte persone che la pensano come me, piú di quante immagini. Non é tempo di vendette e soddisfazioni personali. Se pensi che il "tanto peggio, tanto meglio" ti porti ad avere, se si tornasse ad elezioni, il 100% dei voti ( e Dio non voglia) penso che ti sbagli di grosso, perché tutto l'elettorato di sinistra, che é la percentuale piú alta del tuo, ti volterá le spalle"

Twoorty, il social network che batterà Facebook. Si ricevono post solo di ciò che ci interessa

Ho scoperto Twoorty ( twoorty.com ) grazie al caro amico Tim ( che lo saluto con la manina ).
Da come lo descriveva mi era sembrato diverso dal Facebook ed ho voluto iscrivermi.
Beh, vi dico che il risultato della partita è
Facebook Twoorty  1-2

SOLO INTERESSI COMUNI
Con Facebook, se ci iscriviamo ad esempio ad una pagina che tratta di politica, nel caso questa pagina inizi a pubblicare link, post o immagini che non riguardino la politica, noi continuiamo a riceverli. Accade ad esempio che una pagina da un giorno all' altro inizi a mettere link di notizie strane o bufale che si rivelano spam ( o link diretti a virus o worm ).
Con Twoorty, invece, si scelgono solo gli argomenti che ci interessano ( ce ne sono circa 80 - dal cibo alla politica, dalle arti alla musica )  e riceviamo post, foto e notizie solo di quell' argomento. E gli spam non ci sono. Se qualcuno posta link di spam, basta segnalarli oppure semplicimente bloccare l' utente e non si ricevono più.

SPARGERE LINK E' MOLTO PIU' FACILE
Se pubblicate un link di una notizia che parla di politica, ad esempio, selezionate che la news parla di "politica" scegliendo tra le 80 categorie, e così chiunque abbia selezionato tra i suoi interessi la politica, riceverà l' aggiornamento.
La potenza di questo social network è davvero grande. Testandola, ho notato che

goo.gl: con Google Shortener gli indirizzi url vengono ... accorciati

Girovagando in web, ma soprattutto in Facebook, si incappa in link strani, molto brevi, che fino a poco tempo fa non ci si abbatteva.
Sarà la moda di Twitter che impone una restrizione a 140 battute, ma il servizio Google Shortener è diventato molto usato in rete.


Il servizio permette di accorciare l' indirizzo web creandone uno nuovo ma molto più corto.
Basta inserire nella casella l' url e poi premere il tasto. Dopodiché lo si copia e lo si usa.

Personalmente penso non sia un servizio così utile.
Ho notato che passando il mouse sopra questi link "trasformati", il vero indirizzo url non appare.
A questo punto il link potrebbe nascondere tranquillamente un indirizzo pericoloso ( simile agli indirizzi spam o che contengono virus che giungono alle nostre caselle di posta elettronica ) e noi, cliccandoci, possiamo subire dei danni.





mercoledì 27 marzo 2013

Battiato e le troie





Un' occasione persa

Domanda del giornalista:
"Ma...  un eventuale governo a Cinque Stelle non avrebbe i numeri".
Crimi: "Beh, poi sta alla responsabilità degli altri partiti"


Subito dopo, Vito Crimi scrive i perché sulla sua pagina ufficiale.

Non c'è altro da dire: hanno gettato via un' occasione.
Alle prossime elezioni se il MoVimento ( come accadrà ) perderà consensi e non entrerà in Parlamento, si mangeranno le unghie per il resto della vita.
Loro guardano continuamente al passato, ai 20 anni di governo dei soliti, ma peccato che con la coerenza e con il passato il futuro non si cambia.
Il futuro si cambia con il presente.
Non hanno valutato cosa accadrà con le loro scelte.

Prendere solo 5mila euro di stipendio, è da umili.
Desiderare tutto il governo, non lo è.

Questo è il link diretto allo status Facebook di Crimi sulla sua pagina, con tutti i commenti degli utenti.
Un commento di un utente al post di Crimi che,

ESCLUSIVO: i commenti cancellati dal blog di Beppe Grillo. Un sito raccoglie tutti i pareri di alcuni utenti che sono stati eliminati senza un perché

Nel suo ultimo post, alla fine, Grillo scrive

P.S.:
Si ricorda è nuovamente possibile per gli autorizzati segnalare i commenti dei troll o degli utenti che contravvengono alle regole del blog. Partecipate numerosi!

Incredibile però come Grillo ( o chi gestisce il sito ) abbia il tempo di cancellare i commenti andandoli a scandagliare attentamente mentre invece non ne abbia per rispondere alle domande poste dagli utenti, sul blog che su Facebook.
Eppure - per non è su Facebook - posta le robe continuamente. Vito Crimi aggiorna lo status tenendo aggiornati tutti in tempo reale ( questa la sua pagina )!
Posta immagini, documenti, notizie, link ma... NON risponde a nessuno!
E non ditemi che non abbia tempo perché il tempo per cercare un' immagine, postarla e commentarla, ce l' ha! Come lo ha Grillo che scrive continuamente sul social network.

Si sa che quando si esprime un parere contrario, per Grillo, o si è un troll oppure un patteggiante di un altro partito.
Come accade ad un tizio che pubblica un post sul Forum del MoVimento parlando della foto in cui viene ripreso Vito Crimi che dorme in aula: c'è addirittura chi lo difende dicendo che "la foto è stata scattata nel momento in cui ha chiuso gli occhi mentre batteva le palpebre come un comune essere umano".
Peccato che per guardare, essendo in posti alti, bisogna stare con la testa in giù e NON tutto il cranio gettato all' indietro poggiandolo sullo schienale. Poi, il silenzio dello stesso Crimi, può portare a diverse conclusioni.

I COMMENTI CANCELLATI
Il sito nocensura.eusoft.net  riporta tutti i commenti cancellati dai post del blog di Beppe Grillo.
Un esempio
"Caro Beppe parliamo di cose serie: il vero binario morto è quello sul quale stai conducendo
il movimento dopo il successo elettorale.  Sei molto intelligente e la discussione in atto sul blog dovrebbe farti riflettere.
Ho un dubbio: non è che l’assunzione di responsabilità non fa parte in nessun caso del programma 5 stelle?
".
Risposta:
"Io un binario te lo darei volentieri sulla capoccia - babbeo!".
L’intervento ritenuto meritevole di rimozione, ovviamente, è stato il primo.

Seil sito non va, potete usare la cache di Google andando a questo indirizzo del sito
http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:jA0_XyWXuTYJ:nocensura.eusoft.net/&hl=it&gl=it&strip=1

Pubblicità ingannevole: Kilokal è alla sesta censura. E ci sono anche Uliveto e Rocchetta

La nuova Islanda: la rivoluzione politica in stile MoVimento 5 Stelle

martedì 26 marzo 2013

MoVimento 5 Stelle: il primo sonnellino parlamentare di Vito Crimi

E Fiorello ironizza
"Era in collegamento telepatico con Grillo e Casaleggio"

Il laser che salva la vista in 60 secondi: il nuovo macchinario potrà curare i disturbi della vista in modo veloce e non invasivo


Milano - Si tratta di un laser unico al mondo che consente di correggere miopia, astigmatismo, presbiopia e ipermetropia in modo meno invasivo e in meno di 60 secondi. Il nuovissimo macchinario è da due mesi in funzione presso il Centro oculistico dell'Istituto clinico Humanitas. I ricercatori hanno lavorato per un anno al macchinario tedesco trasformandolo in uno strumento che può essere un'alternativa ai trapianti di cornea

La chirurgia refrattiva modifica la curvatura della cornea in modo che i raggi luminosi vengano focalizzati correttamente sulla retina. Paolo Vinciguerra, a guida dell'équipe di ricerca, ha spiegato: "Con le tecniche laser utilizzate finora la superficie della cornea veniva scolpita e ne usciva sì modificata ma stravolta. Oggi, la luce laser tamburella sulla cornea, modificandola con precisione sub-micrometrica e lasciandola identica a una forma fisiologica. Così si risparmia tessuto corneale e l'intervento dura meno di 60 secondi".

Nella macchina, il fascio di luce si muove mille volte al secondo e riesce a inseguire l'occhio del paziente in tutti i suoi possibili movimenti involontari. Non solo spostandosi nello spazio, ma modificando anche la potenza. L'oftalmologo ha precisato: "Se l'occhio si avvicina alla fonte di luce questa diminuisce la sua potenza, se si allontana l'aumenta, assicurando interventi estremamente rapidi e ancora più precisi".

Questo laser possiede anche un sofisticato sistema Otc (tomografia ottica a radiazione coerente) che consente di avere immagini dell'occhio ad altissima risoluzione. Grazie a questo dispositivo è possibile controllare in ogni punto e in tempo reale l'esatto spessore della cornea. L' estrema precisione permette anche trattamenti alternativi al trapianto di cornea, o vaporizzando solo la parte malata del tessuto o creando una base per un innesto lamellare.

Un'altra applicazione, sviluppata sempre in Humanitas, infine, consente di combinare l'utilizzo di questo laser al cross linking per la cura del cheratocono (sfiancamento centrale della cornea che assume forma conica), rinforzando la struttura corneale ed evitando anche in questo caso il trapianto.

Attacco a Beppe Grillo: ieri sera dalle 21:00 un' ondata di commenti ha riempito la bacheca Facebook dell' ex-comico con tanti schizzi di m...a

 Leggiamo cosa scrive una delle pagine Facebook che ha commentato sulla pagina di Beppe Grillo.
Riporto esattamente ciò che scrive in un post:
La pagina "Siamo la gente Il potere ci temono"
P.S.:
il post è stato scritto dagli autori esattamente in questo linguaggio

- per visualizzare le immagini in grande cliccare sopra

L'ANALISI POLITIKA DELLAGGENTE
domenica 24 marzo 2013:
Il grande PeppeCrillo in questiggiorni ci ha insegnato che secondo lui se sei pregiudicato non puoi essere eletto al pallamento MA PUOI lo stesso andare da Nappoletano a fare le consultazioni, ma ora c'ha la scusa pronta: è presidente del m5s nello Statuto (mica il non-statuto... quello era una robba finta!!1!). Avvisate Silvio che se lo dikiarano ineleggibile può lo stesso andare da napolitano per prendere l'aperitivo!!1!! E intanto Bersano non ci ha mika la fiducia mi sa.... meglio, così Silvio tira in ballo il legittimo impedimento per 3 mesi di consultazioni,poi ci sono nuove elezioni,la campagna elettorale e il cenone di feragosto sai ... il tempo passa!11!!

Peppe oggi dikiara guerra ai troll. Apparte che ha sbagliato il termine, il troll non è quello che va su e critica peppe, ma quello che va

Antonio Gramsci, il fascismo e Beppe Grillo

"Il fascismo si è presentato come l’anti-partito, ha aperto le porte a tutti i candidati, ha dato modo a una moltitudine incomposta di coprire con una vernice di idealità politiche vaghe e nebulose lo straripare selvaggio delle passioni, degli odi, dei desideri.
Il fascismo è divenuto così un fatto di costume, si è identificato con la psicologia antisociale di alcuni strati del popolo italiano
"

Antonio Gramsci, L’Ordine Nuovo, 26 aprile 1921

lunedì 25 marzo 2013

Leghisti: digiuno in classe per i bambini morosi. "Spezzeremo le gambe ai genitori che non pagano". Mensa sospesa per i genitori che non pagano la retta scolastica


È successo sulle sponde pavesi del Ticino, dove governa la Lega e il sindaco Andrea Sala ( nella foto a sinistra ) non fa sconti ai 129 bambini di Vigevano esclusi dalla mensa scolastica: «Solo così si recuperano i denari delle rette», stabilisce ricordando i suoi propositi non del tutto miti: «Spezzeremo le gambe ai genitori che non pagano, li stiamo già stanando, ci sono stranieri che devono essere educati e ci sono italiani ricchi che fanno i furbi...». Ed era successo cento chilometri più in là, nel cuore della Franciacorta, con Danilo Oscar Lancini sempre della Lega Nord, che ad Adro aveva negato il pranzo ai figli di chi non versava il dovuto: «Ha funzionato, pur di non far brutta figura ora chi può paga».

Esattamente come aveva fatto qualche tempo prima un'altra giunta padana, quella vicentina di Montecchio Maggiore, che aveva scelto per la scuola elementare la soluzione differenziata: pasto per chi paga, panino per chi non paga.
Domanda: politica leghista, dunque? Risposta: non solo.
Perché ai tempi dei <! -- more --> grandi tagli provvedimenti analoghi spuntano silenziosi e imbarazzanti anche fra le decisioni di alcune amministrazioni del centrosinistra.
È il caso di un paese della vallata del Lambro, Landriano, dove l'assessore ai Servizi sociali e alle politiche giovanili di una lista civica appoggiata dal Pd, Morena Taffarello, parla di «pena» della sospensione dei buoni pasto: «Siamo stati rigidi nei confronti di coloro che non sono disposti a sanare i debiti».
Che è un po' l'orientamento della brianzola Cavenago dove rischiano il pasto 120 bambini mentre il primo cittadino Sem Galbiati, orecchino casual e due mandati, vede grigio: «Quando 120 su 600 sono inadempienti noi possiamo poco». Da Vigevano il consiglio è uno solo: «Usando il pugno di ferro le famiglie pagano».

Esperimento, quello del pressing, provato anche a Padova dal sindaco democratico Flavio Zanonato che ha forzato la mano delle famiglie indebitate da oltre cinque anni. «A luglio abbiamo spedito 1.200 lettere minacciando l'intervento di Equitalia - spiega l'assessore alla Pubblica istruzione, Claudio Piron -. Alla fine molti hanno pagato. Ma sia chiaro: Padova non ha mai negato il pranzo a nessuno». Che poi è quel che succede a Rho, in provincia di Milano, dove la giunta del centrosinistra è alle prese con 600 casi di insolvenza e così ha dichiarato guerra ai morosi, «ma senza toccare i bambini» come tiene a precisare Alessia Bosani, assessore alla Scuola e istruzione: «Faremo una campagna di sensibilizzazione perché tutti paghino il servizio, poi passeremo al recupero coattivo del credito».
Insomma, il problema è generale e si sta allargando a macchia d'olio. Per tutti l'obiettivo è quello: recuperare i crediti. C'è chi usa il fioretto e chi la clava, chi bussa alla porta e chi toglie il piatto.
Mentre Napoli ha risolto a modo suo: servizio di refezione sospeso dappertutto. E come fanno? Alla scuola Baracca dei quartieri spagnoli ci pensano le mamme: un po' loro, un po' la rosticceria della zona e qualcosa di caldo non manca mai. Sala sorride: «Bisogna stanare e pignorare».

Equitalia: ora la posizione debitoria si verifica online

fonte 01net.it

Il nuovo servizio Estratto conto online consente di controllare la propria posizione a partire dall’anno 2000, potendo verificare l'eventuale piano di dilazione richiesto o la presenza di provvedimenti emessi. E' anche consentito il pagamento via Internet.

E'disponibile sul sito internet di Equitalia il nuovo servizio "Estratto conto online" che permette di verificare dal proprio Pc se si ha qualche debito nei confronti della società di riscossione. Per accedere al servizio, si possono usare le credenziali fornite, dopo la registrazione, dall'Agenzia delle Entrate o dall'Inps. Oppure si può anche usare la Carta Nazionale dei Servizi.

Cliccando sulla sezione "Estratto conto" dalla homepage del sito www.gruppoequitalia.it, si può sapere se ci sono cartelle da pagare, con il dettaglio degli interessi e delle altre spese. In particolare, il cittadino può consultare documenti, cartelle e avvisi di pagamento ancora non pagati, pagati parzialmente, interamente saldati od oggetto di sgravio totale a partire dall'anno 2000.

Si può, inoltre, verificare l'eventuale piano di dilazione richiesto o la presenza di provvedimenti emessi (sgravi, sospensioni, ipoteche, fermi amministrativi). Il servizio permette anche il pagamento online.

Per ogni ulteriore chiarimento, si può accedere sul sito di Equitalia, a una Guida illustrata che spiega tutti i passaggi del percorso di consultazione.

Crisi: si prostituisce a 71 anni perché non ha soldi per pagare le bollette. Il raid della polizia ferma la 71enne ed una 50enne, entrambe italiane



PESCARA - Due donne di una certa eta' sono state sorprese sul marciapiedi dai carabinieri di Montesilvano (Pescara) durante un controllo antiprostituzione effettuato ieri sera in citta', sul lungomare e nella zona della pineta, oltre che a Citta' Sant'Angelo.

Una delle due ha 71 anni, l'altra ne ha 50 e la loro presenza in strada la dice lunga sugli effetti devastanti della crisi, che ha spinto le due a vendersi pur di portare a casa i soldi per andare avanti.
La 50enne ha spiegato di essere stata lasciata dal marito e di non avere i mezzi per mantenersi. La piu' anziana ha raccontato ai carabinieri, coordinati dal capitano Enzo Marinelli, di non avere i soldi per mangiare, per pagare le bollette e l'affitto e di essere sola. Il marciapiedi, quindi, e' apparso l'unica soluzione ad entrambe, che vivono a Montesilvamo.

Le due, peraltro, erano le sole italiane in strada. Da tempo la prostituzione viene esercitata, in questa zona, solo da straniere e ieri sera i militari dell'Arma ne hanno contravvenzionate otto (dovranno pagare 310 euro ognuna), nei confronti delle quali e' stata riscontrata la violazione di una ordinanza emessa dal Comune per arginare il fenomeno del sesso a pagamento. I carabinieri informeranno i servizi sociali di Montesilvano, per capire se e' possibile fornire alle due donne un sussidio.

Il capogruppo del MoVimento 5 Stelle Vito Crimi contestato in Val di Susa



Il M5S è di destra o di sinistra? Se il MoVimento accetta chiunque, i comunisti sia quelli di Casapound, quando discuteranno ad esempio sui matrimoni gay? Il gruppo si spezzerà in due?
Una persona se è di destra, è di destra. Se è di sinistra, è di sinistra.
Non esiste e non esisterà mai un movimento che raggruppi tutti, perché l' idea di Grillo
"che bello un movimento fatto dai cittadini, né di destra, né di sinistra" è solo utopia....

Non sei palestrato? Non sei snella? Allora non lavori

Divertente ( sto ironizzando, ovvio ) annuncio di lavoro trovato in web

"COMMESSI
Azienda cerca commessi e n.3 commesse di bella presenza ( quindi ragazzi palestrati e ragazze almeno 1,70 snelle per negozio di una apertura"

( clicca l' immagine per ingrandire )

domenica 24 marzo 2013

Grillo "Pagano trolls per spammare due-tremila commenti al giorno sul blog". Il comico offende i commentatori definendo i loro pareri contrari "schizzi di merda digitali". Ecco dal web le risposte dei Non-Trolls e le stranezze di Grillo

"Qualcuno paga i trolls per spammare dalla mattina alla sera". E' questo ciò che scrive Grillo nel suo ultimo post del suo blog.
E, dal suo titolo, offende tutti coloro che hanno postato dei commenti che non vanno in linea con il modo di pensare del MoVimento:  i commenti di chi non è d' accordo sono solo "schizzi di merda digitali".

E' indubbio che nei mesi antecedenti le elezioni il blog di Beppe Grillo ricevesse massimo 1200 commenti a post.
Vi basta ancdare a questo link http://www.beppegrillo.it/2013/02/ e modificare gli ultimi due numeri dove
l' ultimo rappresenta il mese( da 01 a 12 ) e l' altro, l' anno. Vedrete così l' elenco dei post di ogni anno e, aprendo i link di ognuno, vedrete il numero di commenti relativi.
In web tutti si scatenano poiché, coloro che hanno espresso un parere opposto, si sentono etichettati come "merde".
E' stato già aperto un evento con un' ondata di SPAM proprio per domani, intorno alle 21:00, sulla Pagina Facebook di Beppe Grillo.



DA 60 COMMENTI A 3000. TROLLS? FORSE NO
Spulciando grossolanamente si può notare che

sabato 23 marzo 2013

Il matrimonio gay fa bene al bambino


Secondo l’American Academy Pediatrics, i bambini, per vivere sereni, hanno bisogno di una famiglia stabile sia dal punto di vista economico che affettivo, indipendentemente dal sesso dei genitori.
Sono altri i fattori critici: la discriminazione e l’instabilità della coppia. I pediatri americani si schierano così al fianco delle coppie gay, spiegando che non è l’orientamento sessuale a determinare la crescita sana di un bambino.
L’attenzione dei giudici quando si occupano di adozioni e affidamento – spiega Benjamin Siegel – coautore della ricerca, dovrebbe concentrarsi sulla “competenza genitoriale” perché è quella che determina lo sviluppo della capacità emozionali, sociali e cognitive dei figli.

Annullate tutte le cartelle esattoriali antecedenti il 1999


L' art. 1, comma 527 della legge di stabilità, promulgata nel dicembre scorso, dispone che,
decorsi 6 mesi dall'entrata in vigore della legge,
i crediti fino a 2.000 euro, comprensivi di capitale, interessi e sanzioni, iscritti in ruoli resi esecutivi sino al 31 dicembre 1999 sono annullati.

La norma non chiarisce se l'annullamento avvenga in via automatica, cioè direttamente per effetto della legge, ovvero se sia necessaria una apposita istanza dell'interessato.

La norma, per altro, fa riferimento in generale agli "agenti della riscossione", per cui la "rottamazione" dovrebbe riguardare non solo le cartelle Equitalia, ma i ruoli in gestione anche presso altri enti/società di riscossione ( Soris, Soget, Duomo, ecc.).

Lo sportello è a disposizione per qualsiasi ulteriore informazione o chiarimento.

Qui l' estratto della Legge

Generazione Technology

"Temo il giorno in cui la tecnologia andrà oltre la nostra umanità: il mondo sarà popolato allora da una generazione di idioti”.

Albert Einstein

Le tre scimmiette ... post elettorali


Colpisci Peppe Grullo quando dice parolacce

Avreste mai pensato che Beppe Grillo potesse esser preso a pesci in faccia? Ecco un gioco del sito Flashgames.it dove è possibile schiaffeggiare Peppe Grullo, politico del partito GodiMento 5 Stelle, ogni qual volta ai suoi comizi dice una parolaccia.

"Peppe Grullo ha rappresentato un vero e proprio Tsunami per la politica italiana.
Un cambiamento epocale come quello in corso, necessita però che al leader del movimento venga data una piccola 'raddrizzata'! :P
Caro Peppe Grullo, non sei più un comico ma un politico, quindi devi smetterla di dire parolacce nei tuoi comizi! :)
Aiutate il povero Peppe a non dire parolacce... intervenite con un bel ceffone quando si comporterà male, ma non toccatelo se ciò che dirà sarà corretto altrimenti perderete via via le vostre preziose 5 stelle"

Il link diretto al gioco, gratuito, non pesante, si gioca on line, e sinceramente, è un pò 'na stupidata.
Buono per coloro che odiano Peppe Grullo.

venerdì 22 marzo 2013

Giovanni Paolo Vanoli "L' omosessualità è una malattia causata dai farmaci e va curata". Il giornalista ed attivista del MoVimento 5 Stelle continua "l' unico modo per curarsi è l' urinoterapia. Io l' ho praticata per 4 anni"

Giovanni Paolo Vanoli, questo è il suo nome. Ed è un attivista del Movimento 5 Stelle.
Sul web la notizia si è sparsa a macchia d' olio tra lo stupore ed indignazione generale.

AGGIORNAMENTO:
"Paolo Vanoli deve andare via da solo"La riunione dei grillini e le parole di Vanoli.

Tra le domande dell' intervista, leggiamo

I vaccini ti fanno diventare gay?
VANOLI. Quando il vaccino viene introdotto nel bambino, questo poi cresce e cerca di trovare una propria personalità, e se questa viene inibita dal mercurio o dalle sostanze vaccinali che si introducono nel cervello diventa gay. Il problema lo sentiremo soprattutto nelle prossime generazioni, perché quando abbiamo un omosessuale che genera una figliolanza questi si porteranno dietro il DNA dell’ammalamento del genitore. Perché l’omosessualità è una malattia, anche se l’OMS ha deciso che non lo è. Chissenefrega!
La realtà è che è così. Ogni vaccinazione produce omosessualità, perché impedisce la formazione della personalità. È una microforma di autismo, se vogliamo. Lei vedrà quanti omosessuali ci saranno nelle prossime generazioni, sarà un disastro.

Ma c’è qualcosa che possiamo fare intanto per curarci?
VANOLI: L’urinoterapia.
Può essere più specifico?
VANOLI: Per quattro anni ho bevuto la mia urina. Non la prima della giornata, la seconda. Un bicchiere, ogni dì. E posso dire che alla mia età, ho 72 anni, è stata davvero una terapia eccezionale.

Peccato che l' omosessualità esiste dai tempi dell' antica Grecia.
Caro Vanoli, i greci usavano vaccinarsi?

Questo è il "Curriculum" del sig. Vanoli
Questo il suo profilo su MeetUp, del Movimento 5 Stelle Lombardia

Il Movimento 5 Stelle di Segrate ha preso subito le

giovedì 21 marzo 2013

Ecco i documenti in PDF del Movimento 5 Stelle: Statuto ed Atto Costitutivo. Il Non-Statuto non vale più


Nel dicembre 2012, in Via Ceccardi a Genova, davanti al notaio Filippo d'Amore, veniva formalizzato l' Atto Costitutivo dell'associazione “Movimento 5 Stelle” ( qui l' allegato in Pdf )

Nell'Atto Costitutivo si legge che “tra i signori Giuseppe GRILLO, Enrico GRILLO ed Enrico Maria NADASI è costituita un'Associazione non riconosciuta denominata “MOVIMENTO 5 STELLE”.” che “l'Associazione ha sede in Genova... via Roccatagliata Ceccardi 1/14” e ancora che “potranno essere istituite sedi secondarie ovunque sarà opportuno su determinazione del Consiglio Direttivo”.

Questo lo Statuto del partito





Tra gli Articoli interessanti, c'è il 5
Articolo 5:
Il patrimonio dell'Associazione è costituito da:
- dalla quota annuale versata dagli associati;
- dai contributi volontari di persone fisiche, Enti Pubblici e Privati;
- da sovvenzioni dello Stato, della Regione o di Enti sopranazionali;
- da eventuali proventi derivanti dalla fornitura di servizi;
- da donazioni e lasciti testamentari”.

Cile: migliaia di gamberetti morti spiaggiati. La causa viene attribuita agli scarichi delle centrali limitrofe


Migliaia di gamberetti morti si sono spiaggiati sulle coste cilene, a Coronel Town, a 540 km da Santiago. I residenti sostengono che la morìa sia dovuta all'inquinamento provocato dall'acqua gettata in mare, usata per raffreddare due centrali termoelettriche che si affacciano sulla spiaggia


Skype e Messenger si uniscono: ecco i primi problemi riscontrati, e come risolverli

fonte answers.microsoft.com

Come forse sapranno tutti gli utenti di Hotmail, a partire dall' 8 aprile 2013 
le utilissime funzionalità di Messenger andranno ad aggiungersi a quelle di Skype, inclusi la messaggistica istantanea e l'elenco dei contatti. L'8 aprile sarà il primo giorno utile per effettuare l'aggiornamento a Skype.

La mail dela Microsoft continua così..

Sappiamo quanto siano difficili gli addii, ma non preoccuparti. Non solo tutti i tuoi contatti di Messenger verranno visualizzati su Skype una volta effettuato l'aggiornamento ed eseguito l'accesso, ma potrai anche riscattare un regalo di benvenuto ( 1 mese di chiamate gratuite verso tutti ). Segui le istruzioni riportate di seguito per usufruire di chiamate verso numeri di rete fissa e mobile in tutto il mondo, videochiamate di gruppo, condivisione dello schermo in gruppo e tanto altro. È tutto gratis per un mese. Ti ringraziamo di essere un cliente Messenger e siamo felici di darti il benvenuto su Skype!

Alcuni hanno già effettuato l' aggiornamento ma... ci sono dei problemi.
Leggiamo la domanda di questo utente e la risposta data dal Forum del sito di Microsoft.
  • Buongiorno....sono esasperato dal fatto che dopo aver associato il mio account msn con l'account di skpe... i contatti msn spariscono di continuo e non vengono riconosciuti da skype!! ogni volta devo andare sul profilo web e ripristinare i contatti oppure reinserire i contatti spatiti uno ad uno...se mi collego da msn tramite cellulare ci sono e me li carica se invece entro da skype col mio account msn mi mette il punto interrogativo e non li riconosce....vado sul profilo web e non ci sono ...oppure sono bloccati da soli... non so ... è già 10 volte che devo fare ste manovre... pure ad altri amici capitata la stessa cosa ossia di trovarsi con molti contatti dispersi e hanno dovuto ripristinare... si prega di trovare una soluzione perchè non cè più verso....
La risposta

Grazie per avere contattato il Forum dedicato all’assistenza clienti di Microsoft.
Abbiamo ricevuto

mercoledì 20 marzo 2013

Anonymous abbattono i siti di Forza Nuova e Fiamma Tricolore. Prosegue la battaglia degli anonimi della rete contro il fascismo


fonte tomshw.it

Dopo l'attacco a Casa Pound, Anonymous ha preso di mira Forza Nuova, Lealtà-azione e Fiamma Tricolore. I tre siti di riferimento - forzanuova.org, fiammatricolore.com e lealta-azione.it - risultano nel momento in cui scriviamo ancora irraggiungibili.

Il collettivo continua così quella che definisce "la battaglia contro il fascismo".

Nel lungo intervento sul proprio blog Anonymous Italia, oltre a rilanciare la petizione indirizzata al Presidente Della Repubblica per far chiudere CasaPound, usa parole molto crude e nette per spiegare le motivazioni di questa operazione.

"Siete gli stupratori di Democrazia, Libertà e Uguaglianza, i complici del revisionismo e della cattiva informazione", si legge in un passaggio. Si citano casi di violenza specifica ricondotti a militanti di Forza Nuova, CasaPound e più in generale esponenti di estrema destra, ma si parla anche di "ferocia e indole fascista delle forze dell'ordine".

La lotta politica si sta spostando dalle piazze alle strade digitali.
A chiudere il post sul blog, il classico motto del gruppo di hacker:
"We Are Anonymous, We Are Legion, We Do not Forgive, We Do not Forget, Expect Us".

Francia: alta corte annulla licenziamento per velo islamico. La donna fu licenziata perché aveva rifiutato di togliersi il velo


Era stata licenziata perché aveva rifiutato di togliere il velo islamico mentre era nell'asilo privato in cui lavorava: oggi la corte di Cassazione francese ha annullato quel licenziamento che costituisce, secondo i giudici, "una discriminazione legata a convinzioni religiose".

La vicenda riapre in Francia un dibattito, molto sensibile, sulla libertà o meno per le donne musulmane di portare il foulard sui posti di lavoro. La decisione dell'alta giurisdizione francese è stata fortemente criticata dal ministro dell'Interno. Secondo Manuel Valls, essa "rimette in causa la laicità".

I fatti risalgono al dicembre 2008. All'epoca, la dipendente dell'asilo privato Baby-Loup di Chateleoup-les-Vignes, nella regione di Parigi, rientrando dalla maternità, aveva comunicato ai superiori la sua intenzione di conservare il velo islamico durante le ore di lavoro. La direttrice dell'istituto aveva rifiutato, avanzando il principio di "neutralità filosofica, politica e confessionale" previsto dal regolamento interno. La dipendente era stata dunque licenziata. Quel licenziamento, dice oggi la più alta giurisdizione francese, è stato abusivo: "poiché si tratta di un asilo privato, il licenziamento - hanno spiegato i giudici - costituisce discriminazione per convinzioni religiose e quindi deve essere dichiarato nullo".

Gli occhiali di Silvio Berlusconi

Ecco un pò di fotomontaggi che gironzolano in web su Silvio Berlusconi
ed i suoi magici occhiali anticongiuntivite


clicca sull' immagine per ingrandirla





Autogrill MyChef: cintura elettronica per controllare che i dipendenti non facciano pause superiori a 90 secondi. L' azienda non smentisce, ma la funzionalità dello strumento resta confusa


Un dispositivo elettronico, da indossare sulla cintura, in grado di monitorare i movimenti e segnalare un’eventuale pausa superiore al minuto e mezzo, imposto ad alcuni dipendenti dell’autogrill MyChef. La notizia arriva da oltreconfine, dal giornale francese Le Monde, ma porta dritto dritto in Italia. E più precisamente all’area di servizio autostradale che si trova all’uscita Pioppa Ovest, sull’autostrada A14, Bologna-Taranto.

Secondo il quotidiano transalpino, nel bar, gestito dal gruppo francese Elior, i lavoratori sono stati costretti a mettere una sorta di cintura capace di trasmettere segnali elettronici a una centrale operativa. Il sistema riesce a rilevare la posizione dei dipendenti e a mandare un avviso quando una persona resta senza muoversi, per un periodo superiore ai 90 secondi. Un sistema di controllo a distanza, insomma.

Pubblicato il 18 marzo, in poche ore l’articolo di Le Monde è rimbalzato in Italia. E anche tra i tavoli del MyChef qualcuno lo ha letto. “Non si tratta di un vero e proprio braccialetto elettronico come scrivono – precisa un dipendente al fattoquotidiano emilia romagna, mentre dà il resto di un pacchetto di caramelle – ma di un dispositivo agganciato alla cintura, con un sistema gps integrato”. È pomeriggio, il cassiere non lo indossa: “Ce l’hanno solo quelli del turno di notte. Hanno detto loro che serve per garantire la sicurezza, dato che con il taglio del personale qui sono rimasti solo in due a lavorare dopo mezzanotte”.

Nessuno però conosce esattamente il funzionamento. Le informazioni sono confuse. Alcuni lo definiscono “simile a un

Sardegna: la giunta regionale riduce indennità assessori a 1 euro



Cagliari, 19 mar. - Come aveva preannunciato giovedi' scorso il presidente della Regione Sardegna, Ugo Cappellacci, nel corso della presentazione della nuova giunta regionale, l'esecutivo ha deliberato stamane la riduzione dell' indennita' degli assessori, circa 1000 euro, alla stessa cifra gia' stabilita nel 2011 per il presidente: 1 euro.

"E' un segnale concreto e dovuto - ha dichiarato il presidente della Regione - per significare che l'Autonomia sarda non e' solo difesa e rivendicazione di diritti, ma e' anche e soprattutto assunzione di responsabilita'. Un segnale anche per dire che la politica non e' un mestiere, una carriera o una rendita di posizione, ma e' essenzialmente servizio, passione, senso di appartenenza e partecipazione alla vita pubblica della comunita'".

Ci chiediamo come mai l' abbia fatto proprio adesso, e perché proprio in questi mesi se ne sia uscito fuori con l' idea di far diventare la Sardegna Zona Franca.
Trascurabilissimo dettaglio: il suo mandato sta per scadere. Manca ( se non ho sbagliato i conti ) circa un annetto, e leggendo le accuse che ha a suo carico, possiamo trovare la risposta di tutte queste belle cose che voglia fare: lasciare la poltrona ( il più tardi possibile per lui ) con la coscienza pulita.

Venezia: arriva container pieno di carta igienica con sopra stampata la faccia di Berlusconi


La sorpresa è stata tale che è stata inviata un'informativa alla Procura. Alla fine il carico è stato lasciato andare per "rifornire" gli interessati

Un container pieno di carta igienica con sopra stampata la faccia di Silvio Berlusconi. Questo il carico che si sono trovati davanti agli occhi i funzionari dell'ufficio Dogane del Porto. Lo "smarrimento" è stato tale che subito dopo è partita un'informativa alla Procura della Repubblica.

Come dovevano comportarsi? Sequestrare tutto? Non certo per il "prodotto" in sé, ma c'era la possibilità che, per esempio, ci fossero tra i fogli simboli contraffatti o coperti da diritto d'autore. Avrebbe potuto essere nascosta anche merce di contrabbando, come sigarette o capi d'abbigliamento. Niente di tutto ciò. Per questo quindi il container è stato lasciato andare, per rifornire coloro che vogliono accaparrarsi questo strano gadget. La spedizione sarebbe stata bloccata solo nel caso in cui lo stesso Silvio Berlusconi avesse in precedenza sporto querela nei confronti del produttore.

martedì 19 marzo 2013

Se la casa in comunione è pignorata, al coniuge non debitore va metà del ricavato della vendita


Pignorabile la casa familiare anche se è in comproprietà dei due coniugi e solo uno dei due è debitore; tuttavia poi il ricavato andrà restituito, per metà, al coniuge non debitore

Se i coniugi sono in comunione dei beni e uno dei due è debitore di un terzo soggetto, quest’ultimo può ipotecare e mettere all’asta tutta la casa familiare. Lo può fare, infatti, anche se il coniuge non debitore è comproprietario al 50% dell’immobile. Tuttavia, in questo caso, metà della somma lorda ricavata dalla vendita dell’immobile dovrà essere consegnata proprio al coniuge non debitore. E questo perché si verifica uno scioglimento della comunione solo con riferimento alla casa venduta (tutto il resto, invece, rimane in comunione). È quanto ha ricordato la Cassazione in una recentissima sentenza [Sentenza della Cassazione n. 6575/2013 del 14.03.2013 ].

Dunque, il creditore può pignorare l’intera casa, anche se è inserito nella comunione legale. Quindi, anche il contitolare dell’abitazione deve sopportare l’esecuzione forzata e non può opporsi solo sostenendo di essere proprietario del 50%.
Poi, al momento della vendita dell’immobile, si potranno avere due soluzioni diverse:

a) se la casa viene venduta, metà del prezzo incassato dovrà essere restituito al coniuge non debitore;
b) se invece il creditore che ha proceduto all’esecuzione forzata ha chiesto l’assegnazione diretta della casa (ossia abbia chiesto di diventarne lui stesso proprietario, senza quindi metterla all’asta), allora egli sarà obbligato a versare di suo, sempre in favore dell’altro coniuge, metà del valore dell’immobile.

Equitalia : salgono al 5,22% gli interessi di mora. L' aumento effettuato dall' Agenzia delle Entrate è dovuto all' adeguamento previsto dalla legge

fonte zazoom.it


L' Agenzia delle Entrate ha deciso di aumentare del 15%
il tasso di interesse sugli interessi di mora
da applicare ai ritardatari per quanto riguarda le imposte di competenza statale: Iva, Irpef e Irap. Dunque l'interesse passerà dall'attuale 4,55% al 5,22% a partire dal prossimo primo maggio


Come funziona Equitalia?
Una volta che un cittadino riceve una cartella esattoriale ha 60 giorni di tempo - dalla data della notifica - per pagare la cifra indicata - salvo richiedere, sempre entro 60 giorni, la rateazione - se i 60 giorni trascorrono ed il pagamento non è stato ancora effettuato, l’importo da pagare aumenta con addebiti ulteriori che prevedono le spese inerenti le procedure di riscossione coattiva, i compensi di riscossione aggiuntivi e gli interessi di mora che vengono calcolati giorno per giorno dalla data di notifica della cartella.

Proprio questi interessi di mora aumenteranno e metteranno in ulteriore difficoltà persone con situazioni pendenti nei confronti del Fisco. Ma l'aumento del 15% degli interessi di mora applicato alle cartelle esattoriali in caso di ritardato pagamento è conseguenza, precisa Equitalia, di una espressa previsione legislativa. L'art. 30 del dpr 602/1973 prevedere l'adeguamento annuale dei tassi di interesse. Equitalia precisa di non avere alcun margine di discrezionalità riguardo all'adozione del provvedimento di adeguamento dei tassi di interesse.

lunedì 18 marzo 2013

Grillo Hartman si incazza


Per chi non lo conoscesse, vedere questo video "Discorso Sergente Hartman" ed ascoltare direttamente al minuto 1:34

Alza quel finestrino!


Cipro: Banca centrale blocca tutti i trasferimenti di denaro. In futuro sarà più difficile portare i capitali esteri nell' isola

Video da EuroNews.it

Il piano di salvataggio disposto dall' Eurogruppo per Cipro rappresenta l'inzio di una nuova strategia da parte dell'Eurozona: agli aiuti si aggiunge un contributo forzoso dei privati che hanno depositi nelle banche dell'Isola.

In attesa del voto del parlamento, la Banca Centrale di Cipro ha bloccato i trasferimenti di denaro e i pagamenti. Ai risparmiatori verrà imposta una tassa 'una tantum' sui depositi del 6,75% per somme fino a 100.000 euro, e del 9,9% oltre questa cifra. Le banche avrebbero già provveduto a congelare tali percentuali sui conti correnti. La tassa, che dovrebbe dare un gettito di 5.8 miliardi di euro, colpirà in modo più duro i non residenti che sono soprattutto russi.
E a Mosca, secondo gli analisti, questa crisi potrebbe rivelarsi utile per far rientare i capitali sfuggiti al fisco:

"Dal punto di vista del governo russo, la situazione ha degli aspetti positivi - spiega l'esperto di affari politici, Nikolai Petrov - diventerà più costoso e inutile depositare capitali a Cipro. Una situazione in sintonia con la promessa di scovare i capitali off-shore fatta da Putin molto tempo fa".

La Russia non fornirà aiuti, dopo il prestito di 2,5 miliardi del 2011. E a Cipro cresce la rabbia alla notizia che in sette giorni sono espatriati capitali per quasi 4,5 miliardi.

Usa: giudice vieta a padre di 9 figli di averne altri “il buon senso impone che non dovresti avere figli che non ti puoi permettere"

fonte notizie.delmondo.info


Un elogio al bravo giudice del Wisconsin che ha vietato ad un uomo, il 44enne Corey Curtis, di avere altri figli. Curtis ha generato finora nove figli (con sei donne diverse), ma il problema è che avrebbe una forte tendenza a “dimenticare” di pagare gli assegni di mantenimento per i figli, lasciando in arretrato quasi 50.000 dollari.

Per questo motivo, diverse madri dei suoi figli lo hanno portato in tribunale per avere i soldi che spettavano loro per fare crescere i figli. Curtis si è difeso spiegando che la sua non era malafede, né voleva essere un cattivo genitore, ma semplicemente che non aveva i soldi necessari a pagare il dovuto.
Il giudice ha però comunque condannato l’uomo a pagare gli alimenti arretrati, più altri 40.000 dollari di interessi, e anche a tre anni di condizionale, con un vincolo piuttosto insolito: se avrà altri figli nei prossimi tre anni, infatti, finirà dietro le sbarre.
Il giudice, Tim Boyle. infatti ha detto che “il buon senso impone che non dovresti avere figli che non ti puoi permettere”.

Invece in Italia ci sono famiglie che, a causa dell' ignoranza ( poveri, non è colpa loro ) e dell' ottusità della religione ( ricordiamo la famiglia di Cagliari con 15 figli dove il padre diceva "ce li manda Dio"), continuano a sfornare figli come fossero focacce.
E' il caso della famiglia di Ferruccio e Alessandra Calo', genitori di 13 figli che, a breve, avranno anche il 14esimo. La famiglia è stata intervistata da un programma Rai e, la mamma, oltre a sfornare figli, sforna anche frasi idiote del tipo "ci unisce l' amore", dimenticando di aver chiesto aiuto a giornali e Tv dacché il marito aveva perso lavoro tempo fa. Eppure, ecco in arrivo il 14esimo figlio
''E' un bambino cercato, tanto - ha spiegato la donna - perche' ci e' sempre rimasta la voglia di un altro figlio''.
Propongo che il governo devolga qualche milione di euro per curare le malattie mentali di queste persone, perché, non trovo giusto aiutare economicamente una famiglia che sforna figli in continuazione senza esser plurimiliardari. 

domenica 17 marzo 2013

I grillini hanno votato per Grasso? No, per la Democrazia

Partiamo dal messaggio scritto da Beppe Grillo appena dopo concluse le votazioni che hanno eletto Pietro Grasso
( Pd ) al Senato.

"Nella votazione di oggi per la presidenza del Senato
è mancata la trasparenza
. Il voto segreto non ha senso, l'eletto deve rispondere delle sue azioni ai cittadini con un voto palese. Se questo è vero in generale, per il MoVimento 5 Stelle, che fa della trasparenza uno dei suoi punti cardinali, vale ancora di più. Per questo vorrei che ogni senatore del M5S dichiari come ha votato.

Nel "Codice di comportamento eletti MoVimento 5 Stelle in Parlamento" sottoscritto liberamente da tutti i candidati,
al punto Trasparenza è citato:

- Votazioni in aula decise a maggioranza dei parlamentari del M5S.
Se qualcuno si fosse sottratto a questo obbligo ha mentito agli elettori, spero ne tragga le dovute conseguenze."

GRILLO, PER REGOLAMENTO, NON PUO' CACCIARE NESSUNO

Ricordando che, come riportato nel Codice di comportamento del M5S
"Il parlamentare eletto dovrà" e quindi, potrà solo "dimettersi obbligatoriamente se condannato, anche solo in primo grado, nel caso di rinvio a giudizio sarà invece sua facoltà decidere se lasciare l’incarico" e che l' espulsione avviene solo nella seguente modalità
"I parlamentari del M5S riuniti, senza distinzione tra Camera e Senato, potranno per palesi violazioni del Codice di Comportamento, proporre l’espulsione di un parlamentare del M5S a maggioranza. L’espulsione dovrà essere ratificata da una votazione on line sul portale del M5S tra tutti gli iscritti, anch’essa a maggioranza"
capiamo che Grillo non possa decidere chi cacciare dal Movimento.
Le parole del capogruppo Vito Crimi ( qui il video da YouTube dove spiega le votazione poche ore dopo l' elezione di Grasso - 5min33sec ) sono chiare: "dovevamo scegliere tra Schifani e Grasso, quindi siamo stati per la linea di non votare Schifani".
Ha vinto dunque la democrazia.

FRANCESCO CAMPANELLA, M5S: "SI, HO VOTATO PER PIETRO GRASSO"

Francesco Campanella ( questa la sua biografia - molto interessante, da leggere attentamente  ), senatore siciliano del MoVimento 5 Stelle, ha votato per Pietro Grasso come presidente del Senato. Lo dice a Emanuele Lauria su Repubblica, forse ancora inconsapevole della fatwa nei confronti dei votanti che ha lanciato Beppe Grillo:

« Sì, ho votato Grasso. E con me altri. Perché la distanza con il personaggio Schifani era ed è enorme. Ma sia chiaro: