Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

martedì 31 dicembre 2013

Lettera del bimbo rom "Diventerò maestro per spiegare agli altri come si trova un lavoro senza andare a rubare". Rinaldo,di 10 anni, continua "Se hai un lavoro,non hai bisogno di rubare"

Non sono il tipo che ama la normalità.
Infatti non vi faccio nessun augurio.
Non sono il tipo.

Vi lascio con l' ultimo post del 2013 che ha il sapore di.....un futuro MIGLIORE!
Lapenna Daniele


Da grande vorrei fare il maestro. Per imparare a non rubare”.
Rinaldo ha 10 anni e ha scritto una lettera a scuola che ha catturato l’attenzione di opinione pubblica e autorità locali. Lui, infatti, è un bimbo rom che vive con la sua famiglia in un campo abusivo della periferia di Torino, a Mirafiori. La madre cerca lavoro. Il padre invece un’occupazione ce l’ha: “Lavora al semaforo”.

La storia di Rinaldo è riportata oggi sull’edizione cartacea di Repubblica. Il bambino è arrivato in Italia nel 2012. “Abbiamo viaggiato in furgone, un giorno e una notte. Veniamo dalla Romania”.
Qui al campo molti vanno al grande magazzino a rubare, oppure rapinano borsette, telefonini”, ammette Rinaldo che, racconta la madre Giulia, ha avuto il coraggio di dire al padre che “è meglio lavorare, andare ai semafori”. Certo l’importante è imparare. E in fretta. Per Rinaldo “leggere e scrivere è importante. Serve a prendere la patente”. Ma soprattutto, “serve a trovare un lavoro. E se hai un lavoro non hai più bisogno di rubare”. Sono state queste le parole che il piccolo ha rivolto al padre, scrive Paolo Griseri.

In realtà lavorare ai semafori non è facile. Soprattutto non rende quanto andare a rubare, fa capire la mamma di Rinaldo. “Chiedere i soldi tutte le volte che diventa rosso può rendere anche 15 euro al giorno. Ma non è sicuro. E comunque non sono tanti. Certo, chi ruba guadagna molto di più”. E allora perchè andare a lavorare? Perchè chiedere alla maestra di imparare a non rubare?
Da grande voglio fare il maestro anche io. Così avrò un lavoro, non avrò bisogno di andare ai grandi magazzini. E potrò insegnarlo agli altri. Per questo ho chiesto alla maestra di insegnare a non rubare”. E se non riuscirai a fare il maestro?Allora voglio fare il poliziotto”, dice. Rinaldo sa che il campo dove vive con la mamma e il papà, ed altre centinaia di rom è abusivo: “Stiamo qui fino a quando non vengono a spaccare il campo. Così posso andare a scuola”.

lunedì 30 dicembre 2013

Ho i minuti gratis

Sitw2

domenica 29 dicembre 2013

Lavora con Facebook: il social network è alla ricerca di nuove figure professionali


Facebook, il più noto social network del mondo, è alla ricerca di nuove figure professionali da inserire all’interno delle proprie strutture italiane.

In particolare, la società fondata da Mark Zuckerberg è alla ricerca di un responsabile della policy che possa prendere possesso del ruolo nella sede milanese, e che sia in possesso dei seguenti requisiti di qualità professionale e formativa:


- Laurea;- Esperienza nel ruolo, preferibilmente in campo politico;
- Ottima conoscenza della lingua italiana;
- Ottima conoscenza della lingua inglese;
- Preferibilmente, ottima conoscenza anche di un’altra lingua;
- Familiarità nel lavorare con politici e governi ufficiali;
- Passione per i social network, Internet e Facebook in particolare;
- Ottime doti comunicative;
- Flessibilità.

Candidarsi è molto semplice. Sarà infatti sufficiente accedere alla pagina delle offerte lavorative di Facebook e compilare tutti i campi con i propri dati personali e professionali. Se invece volete cercare fortuna all’estero, è possibile accedere alla sezione Careers, con tutte le posizioni disponibili nel resto del mondo.

sabato 28 dicembre 2013

L' essere umano? Proviene da un altro pianeta diverso dalla Terra. Ecco la teoria e le tesi del dottor Ellis Silver


Secondo il dottor Ellis Silver, un ecologista impegnato nello sforzo di ripulire i detriti di plastica che affliggono l'Oceano Pacifico,
l' uomo è nato su un altro Pianeta


Nel suo ultimo libro "Humans are not from Earth: a scientific evaluation of the evidence", Ellis Silver propone una teoria sulla provenienza della razza umana davvero al confine con la fantascienza, in quanto ritiene che gli esseri umani potrebbero non essere originari della Terra, ma essere stati 'portati' dall'esterno decine di migliaia di anni fa.
A sostegno della sua tesi, Silver offre alcuni argomenti basati sulla fisiologia umana che secondo lui fanno pensare che gli umani non si sarebbero evoluti insieme alle altre forme di vita del pianeta Terra. Come egli stesso afferma nel suo libro, il lavoro si basa sulle evidenze scientifiche circa le differenze fisiologiche tra gli esseri umani e gli altri animali.
Mentre il pianeta Terra sembra soddisfare a pieno le esigenze degli esseri viventi, gli esseri umani, in alcuni casi, sembrano essere dei disadattati, in quanto soffrono di alcuni 'difetti' che rivelano che essi non 'sono di questo mondo'.

Come spiega l'articolo comparso su Yahoo News, presumibilmente, l'umanità è la specie più evoluta del pianeta, eppure è sorprendentemente inadatta e mal equipaggiata per l'ambiente terrestre: il Sole provoca delle scottature sulla sua pelle, per esempio; inoltre, il fatto che soffra di mal di schiena sembra mostrare che l'uomo sia stato concepito in un ambiente a gravità più bassa; come spiegare, poi, le difficoltà che incontrano le femmine umane nel parto? E' strano che le teste dei neonati siano così grandi, rendendo difficile il parto, fino a provocare la morte della madre e del bambino. Ed infine, perchè siamo afflitti da malattie croniche?

venerdì 27 dicembre 2013

Brescia: rifiuti tossici nascosti sotto l’A4 in zona Castegnato. “Cromo 1400 volte sopra i limiti di legge”


L’Arpa di Brescia ha scoperto scorie di cromo sotto l’autostrada A4 in territorio di Castegnato. In particolare la terza corsia autostradale sarebbe stata realizzata sopra scorie industriali altamente tossiche.

«Abbiamo fatto questo intervento sull’attraversamento della Tav, trovando cromo nei terreni analizzati» ha confermato la direttrice dell’Arpa di Brescia Maria Luisa Pastore, segnalando che «le concentrazioni di cromo sono 1400 volte oltre i limiti di legge».

Secondo il sindaco di Castegnato (Brescia) Giuseppe Orizio, il cromo non avrebbe però raggiunto le falde acquifere del paese. «L’acqua che bevono gli abitanti di Castegnato è sicura - sottolinea il primo cittadino di Castegnato - Non ci sono tracce di cromo, nonostante il nostro territorio per anni sia stato abusato di discariche illegittime».

venerdì 20 dicembre 2013

Buon Sol Invictus a tutti! Non uccidete il vostro cervello, cercate sempre la verità

di Lapenna Daniele

Lo so che il 90% delle persone cattoliche non sa cos'è il Sol Invictus ed il 99% di queste, quando dici loro "il Natale è una festa rubata" loro storciono il naso e ti urlano "blasfemo!".
Echecazzo! Siamo a Natale! Si contenga.
Però un augurio vero e sincero ve lo devo fare.

Se dite "Buon Natale", dovreste conoscere cosa festeggiate, quando e perché. Altrimenti si tratta solo di copiare gesti e tradizioni come robot ebeti e rincitrulliti senza cervello. E l' essere umano, con tutto il suo bagaglio proveniente dalla sua evoluzione, non è una persona rincitrullita, e se lo è, non è perché lo sia veramente, ma perché ce lo diventa a causa della società.

Potete credere all' esistenza di un essere sopranaturale, che sia sotto forma di spirito o sotto forma di energia oscura che permea l' universo, però le feste dettate ed imposte dagli organi religiosi ( che sono state da millenni composte sempre e solo da uomini, e non dèi ) vanno capite. Studiate.
Già l' imporre una religione qualsiasi alla nascita di un bambino è uno stupro alla sua libertà individuale, poi, se si rinuncia anche a capire perché si debbano praticare certe liturgie e festeggiare determinate feste, si pratica un omicidio al nostro intelletto.

Cercate sempre di essere dubbiosi, ma senza la presunzione di trovare le risposte.
Cercate, cercate, cercate. Se attendete la verità farete la fine dell' uomo sulla riva del fiume. Lui cercava la verità, e rimase fermo ad attenderla. La attese per anni. Decenni. Poi morì.
Attendeva la fine dell' acqua del fiume.
La verità non arriverà mai da sola, dovete esser voi stessi a cercarla, e se non volete cercarla, rimanete nella vostra ignoranza, ma non insultate o fermate chi sta ricercando la sua. Può accadere che non la troverà mai, che gli nasceranno nuovi dubbi, però creerà una sua idea.

Buon Sol Invictus ma soprattutto, buona lettura
leggi cos'è il Solstizio Invernale

Equitalia, azzerati gli interessi sulle Cartelle Esattoriali: pagamento anticipato e soluzione unica. Ecco le novità


Vi ricordate la norma inserita al Senato che azzera gli interessi dovuti a Equitalia? Alla Camera è stata proposta una modifica per anticipare il versamento della somma dovuta in un'unica rata

La Camera anticipa il pagamento del debito con Equitalia e lo prescrive in un’unica soluzione, ecco come cambia l’emendamento introdotto a Palazzo Madama.

La norma introdotta al Senato che azzera gli interessi sulle cartelle esattoriali di Equitalia era stata accolta positivamente dai cittadini vessati dalla crisi e dai debiti. La norma presentava delle problematicità,
(ad esempio valeva solo sulle cartelle emesse dopo il 31 ottobre 2013), ma rappresentava già un tentativo di apertura nei confronti dei contribuenti.
Il problema è che in discussione alla Camera, precisamente in commissione bilancio, è stato presentato un emendamento che stravolge totalmente quello introdotto al Senato, rendendo la norma per azzerare gli interessi sulle cartelle esattoriali una scatola vuota.

LA NORMA INTRODOTTA AL SENATO
Per aiutare i cittadini in difficoltà con il pagamento dei debiti con Equitalia, il Senato aveva approvato in sede di discussione della legge di stabilità la cosiddetta "rottamazione delle cartelle esattoriali". I cittadini interessati ad aderire alla rottamazione avrebbero pagato l’intero importo del debito con Equitalia compresi dazi tributi e sanzioni, ma non gli interessi di mora maturati.
La concessionaria di riscossione avrebbe avvertito il contribuente che per aderire alla rottamazione della propria cartella esattoriale, avrebbe dovuto pagare entro il 30 maggio 2014 il 50% dell’intera somma. Per il saldo completo avrebbe avuto tempo fino a settembre.
La norma era stata accolta positivamente dei cittadini, anche se non sono mancate le polemiche per il fatto che la norma prenda in considerazione soltanto gli interessi sulle cartelle esattoriale emesse dopo il 31 ottobre 2013.

LE MODIFICHE ALLA CAMERA

giovedì 19 dicembre 2013

Grecia: 350.000 famiglie senza elettricità. A causa della crisi, le famiglie si sono viste staccare per morosità la corrente elettrica.Un gruppo di volotari sfida la legge per aiutarli


"Mamma, quando torna la luce?". Sono sempre di più in Grecia le famiglie che per la crisi non riescono a pagare la bolletta.

Giorgios ed Evgenia da due anni vivono a lume di candela. Secondo una stima, sono in netto aumento le forniture sospese per morosità. E essere costretti a una vita al buio è diventato un problema sociale.
"La situazione è davvero difficile per mia moglie ed i bambini. Cerchiamo di fare le cose necessarie, come i compiti di scuola, finchè c'è la luce del sole"
Nell'Europa del ventunesimo secolo vivere senza elettricità non è una opzione da snob. Molte - e inaspettate - sono le conseguenze.
"Cucino con il gas da campeggio, e senza frigorifero per verdure e alimenti deperibili c'è il balcone. E meno male che fa freddo"

Sfidando la legge, gruppi di volontari girano per le case e le riconnettono alla rete elettrica. Per loro la corrente è un bene necessario senza il quale non si può vivere. Dunque, è fuori discussione accettare di restarne esclusi.
Gli attivisti hanno riportato la luce, illegalmente, in molte case che avevano subito un distacco per morosità.
"Voglio ringraziare questi volontari per aver riportato l'elettricità in casa. Ora posso occuparmi dei figli, fargli fare i compiti e permettergli di lavarsi".

I volontari presentano se stessi come un movimento di sfida politica, e assicurano di ricollegare alla rete di distribuzione, ogni giorno, una quindicina di case. Sanno di compiere un gesto fuori dalla legalità, ma si dicono convinti che aiutare chi ha bisogno sia una priorità.

Secondo l’operatore elettrico greco almeno 350mila contratti sono stati sospesi per morositâ nel 2013. In molti casi si è riallacciata la connessione, anche illegalmente, in altri, si è rimasti al buio”.

mercoledì 18 dicembre 2013

Guerriglia

Questa è una poesia che ho scritto descrivendo la situazione nel nostro Secolo.
Sotto il link ( è proteta da Copyright e non
posso copiarla nel post )

GUERRIGLIA
http://danielelapenna.scrivere.info/index.php?poesia=336200&t=Guerriglia

Bilderberg ed il MES: tutto ciò che le Iene di Italia1 non vi hanno detto - VIDEO

martedì 17 dicembre 2013

Lucio Chiavegato risponde a Calvani "Noi non ci riconosciamo in un governo retto da militari". Ecco perché gli organizzatori si dissociano dal leader del C.R.A.Calvani nega, ma la prima intervista rilasciata lo smentisce

Lucio Chiavegato, uno dei coordinatori del "Movimento del 9 Dicembre 2013" e leader del LIFE ( Liberi Imprenditori Federalisti Europei ), spiega perché lui e gli altri coordinatori si dissociano totalmente dal sig. Danilo Calvani, leader del partito C.R.A. ( Comitato Riuniti Agricoltori ):
"Calvani non è stato mai presente alle conferenze" ed aggiunge
"Ha parlato di un Governo provvisorio diretto dai militari:
noi non ci riconosciamo in questa ipotesi"

Nel Video, la risposta di Danilo Calvani che ribadisce come non sia assolutamente vero che lui abbia parlato di un governo retto da militari.


Al minuto 4:46 del video della sua prima intervista, però, il sig. Danilo Calvani dice qualcosa del genere in merito alle Forze dell' Ordine al governo



Del governo presieduto dalle forze dell' ordine si parla anche su Wikipedia relativamente a "I Forconi"

http://it.wikipedia.org/wiki/Movimento_dei_forconi#.22Fermiamo_l.27Italia.22

fonte dalla quale è tratta Wikipedia

http://www.ilsecoloxix.it/p/italia/2013/12/11/AQjx8mEB-forconi_eversivo_programma.shtml

Caos Tares: a Iglesias i contribuenti protestano. C'è chi ha visto la tassa salire da 500 euro a 1400 euro e chi si vede calcolato anche il sottotetto come abitazione

Kanzi, la scimmia che sa accendersi un fuoco e cucinare - VIDEO

Kanzi è un bonobo di 31 anni che è in grado di accendere un fuoco e di usarlo per cucinare. Inoltre conosce e comprende migliaia di parole di inglese ed è in grado di ricavare utensili dalle pietre come facevano i nostri antenati.

Da piccolo Kanzi assisteva, senza mostrarsi molto interessato, al programma di addestramento di sua madre Matata. La ricercatrice Sue Savage-Rumbaugh cercava di insegnarle, con poco successo, a comunicare digitando dei lessicogrammi (simboli) su una tastiera collegata a un computer.

È stato con grande sorpresa della ricercatrice che un giorno, quando Matata era assente, Kanzi ha cominciato spontaneamente a usare i lessicogrammi( il video in basso a destra ), dimostrandosi così il primo bonobo capace di fare uso di elementi linguistici, e la prima grande scimmia antropomorfa in grado di assimilarli senza un addestramento diretto.

lunedì 16 dicembre 2013

Olio: arriva la nuova etichetta. Ecco le novità e cosa c'è da sapere


Vi fermate mai a leggere l’etichetta degli alimenti che comprate e mangiate? Non è una abitudine comune, ma è molto utile per sapere quello che finisce sulla nostra tavola. Una novità arriva in questi giorni per l’olio.

Come cambia l’etichetta dell’olio?
Nella parte frontale della bottiglia devono esserci caratteristiche e origine secondo quanto stabilito dalla Commissione europea con la regolamentazione sulla trasparenza delle informazioni. Si capirà subito così se l’olio è italiano. Entro un anno ci dovrà essere la riforma dell’etichettatura: le informazioni dovranno essere riportate obbligatoriamente nello stesso campo visivo principale e in un corpo di testo omogeneo, utilizzando caratteri di dimensioni già fissati dal regolamento europeo 1169/2011 relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori.

Cosa cambia per le bottiglie di olio al ristorante?
Gli Stati membri dell’Unione possono stabilire norme a livello nazionale perché sia obbligatorio l’uso di sistemi di chiusura che ne impediscono il riempimento dopo l'esaurimento del contenuto. Non saranno riutilizzabili e quindi non si potranno riempire con olio diverso da quello segnalato nell’etichetta della bottiglia.

A cosa serve l’etichetta chiara?
La trasparenza dell'etichetta è una forma di tutela dei consumatori e anche di lealtà della concorrenza. Il ministero della Salute ricorda che l’etichetta deve essere facilmente leggibile, deve contenere la quantità, la modalità di conservazione, l’origine o la provenienza e le modalità di fabbricazione, non deve indurre in errore o attribuire al prodotto proprietà curative. Il sito "Io leggo l’etichetta" ha lanciato una petizione perché la tracciabilità resti alta e si mantenga obbligatoria l’indicazione dello stabilimento di produzione.

domenica 15 dicembre 2013

Chi c'è dietro?

fonte
ilradar.com/la-kasta-che-costa-i-politici-pesano-sulle-nostre-tasche-2-miliardi-di-euro
di Lapenna Daniele

Ho sempre pensato che dietro un uomo che appare potente, che comanda o che dirige un qualcosa, ci sia sempre un soggetto o una squadra di persone che dicano lui cosa fare.
Che sia l' ambito politico o religioso.

Premessa: se volete capire il mio ragionamento e seguirlo, vi invito ad ascoltare anche i video che allego, altrimenti poi non capite un cazzo
( già io sono confuso, poi vi ci mettete pure voi! eh no! uno schizofrenico basta e avanza! ).


LA PENSAVANO COSI'
Ascoltate Letta, l' attuale capo del governo, in un' intervista del 2011 quando era un semplice ( si fa per dire) politico appartenente al Partito Democratico: youtube.com/watch?v=IRJDY-819b8.
Ebbene: Letta era favorevole alla Sovranità Monetaria. Anche in altre interviste spiega il suo parere. Ora che è al governo però, sembra pensarla diversamente.
Stessa cosa accadde a Giulio Tremonti. Contrasti nel Pdl, e lui va via. Spiegò che lasciò il partito dopo che lesse sul "contratto" che "non avrai altro Angelino al posto di Alfano..." - che significa "Alfano è e sarà il vice di Berlusconi. Punto" ( il video di un solo minuto dove parla della questione ). Poi, nelle interviste successive, parlò persino del Signoraggio Bancario.
In questa intervista ad una Tv locale si ascolta una persona che era al governo, al ministero dell' economia, che poteva spiegare ai cittadini ciò che dice nell' intervista e quindi attuare politiche che potevano evitare il tracollo economico italiano, ma che non lo ha fatto.
Ma, come spiegato a inizio post, forse dietro di lui aveva qualcuno che impartiva ordini ( ma va? ) e quindi tra il "ciò che pensi di fare" a "quello che dovrai fare" ci passa un oceano immenso.
Questo è il link, breve, dell' intervista, DA VEDERE youtube.com/watch?v=OjiYWSaNYbM
da ascoltare anche se sapete cos'è il Signoraggio Bancario. Tremonti spiega che "L' Unione Europea decise di aiutare le banche e non le imprese".
E spiega così la differenza fra le banche e un normale cittadino
"Se una banca va alla BCE, può portare come garanzia un asciugacapelli. Lo prendono come garanzia. Se ci va lei, le chiedono come garanzia la sua casa"

ALLA FINE DI TUTTO, DIETRO C'E' SEMPRE TUTTO
Ecco perché bisogna sempre diffidare, sempre chiedersi il perché, sempre domandarsi "ma è davvero così?".
In giro c'è gente che è pronta a baciarti le suola delle scarpe per vederti seguirlo e sostenere le sue idee.
Ormai siamo come eravamo decine e decine di migliaia di anni fa: popoli selvaggi dove non vige più nessuna regola. Attendiamo il momento giusto per fare il "golpe" e quindi salire al potere. Vogliamo l' approvazione del popolo, sì, questo popolo che urla incazzato come un branco di leoni al quale gli viene rubata la preda appena catturata, questo popolo che, preso dalla rabbia estrema, sa cosa vuole - lavoro e denaro - ma non sa come e da chi ottenerlo.
Puoi avere chiara l' idea di cosa volere, ma quando non sai a chi domandarla, e soprattutto non sai come ottenerla, sei sempre nella stessa merda.

sabato 14 dicembre 2013

Rousseau e l' origine della disuguaglianza

Jean Jacques Rousseau

Uno degli scrittori politici che amo più in assoluto:
Jean Jacques Rousseau
tratto da
"Origine della Disuguaglianza", 1754

"Il cittadino è sempre attivo, suda, si agita, si tormenta continuamente per cercare occupazioni delle più faticose, lavora fino a morire, e anzi corre alla morte in condizione di vivere, oppure rinuncia alla vita per conquistare l' immortalità; fa la corte ai potenti che odia e ai ricchi che disprezza, non bada a spese per ottenere l' onore di servirli, si vanta con orgoglio della sua bassezza e della loro protezione: e, fiero della sua schiavitù, parla con disprezzo di quelli che non hanno l' onore di condividerla.

Quale spettacolo sono per un Caraibo i lavori faticosi e invidiati di un ministro europeo! Quante morti crudeli questo selvaggio indolente non preferirebbe all' orrore di una vita simile, che spesso non è neppure rallegrata dal piacere di fare del bene!

La causa di tutte le differenze è questa:
che il selvaggio vive in se stesso, mentre l' uomo socievole, sempre fuori di sè, invece sa vivere soltanto nell' opinione degli altri, ed è, per così dire, soltanto dal loro giudizio ch' egli trae il sentimento della propria esistenza."

Protesta 9 Dicembre 2013 apartitica? FALSO. I Forconi sono composti da sostenitori di estrema destra. Da Andria a Venezia, da Latina ad Avola: ecco i volti e dettagli di tutti gli organizzatori della protesta


di Lapenna Daniele

Il Movimento dei Forconi ( o più semplicemente
"I Forconi" ) nacque alla fine del 2011 come protesta popolare generalizzata contro la classe politica e l'eccessiva pressione fiscale.

La composizione del movimento dei forconi è molto eterogenea: autotrasportatori, gruppi di agricoltori, operai, venditori dei mercati e ultras. Molti degli aderenti fanno riferimento a partiti o movimenti di estrema destra, come per esempio Forza Nuova e Casa Pound, anche se nelle manifestazioni non sono stati esposti simboli di partiti o movimenti politici.

Fondatore e ideatore della protesta, con "Il Popolo de I Forconi", è Mariano Ferro, ex appartenente al Movimento per le Autonomie ( orientamento centro-destra ) Alla protesta si sono poi aggiunti diverse organizzazioni di categoria del mondo dell'agricoltura e dell'autotrasporto, associazioni civiche locali, gruppi ambientalisti, tra cui i Cobas del latte, i "Liberi Imprenditori Federalisti Europei" di Lucio Chiavegato, con base in Veneto e coordinatori del movimento nel Nord Italia, il "Movimento Autonomo degli Autotrasportatori" di Augusto Zaccardelli, che si occupa invece del Sud, e altre sigle come "Azione rurale Veneto", "Associazione Autotrasportatori Liberi" e "Comitati Riuniti degli Agricoltori" di Danilo Calvani.
Le proteste dei forconi sono rivolte principalmente contro le istituzioni e la classe politica, la globalizzazione, contro l'Unione Europea e la moneta unica europea.
Inoltre, molti mostrano come in molti gruppi regionali, ci siano pregiudicati o affiliati alla mafia.

GLI ORGANIZZATORI DEL "COORDINAMENTO DEL 9 DICEMBRE 2013"
In occasione delle proteste del dicembre 2013 i forconi e le altre sigle si sono raggruppate nel "Coordinamento Nazionale 9 dicembre 2013", denominata "Fermiamo l'Italia", con richieste specifiche al Governo italiano:
- dimissioni del Governo Letta e del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano
- scioglimento delle camere
- costituzione di un governo provvisorio presieduto dalle Forze dell'Ordine
- indizione di nuove elezioni

Gli organizzatori sono ( riportati nel loro sito ufficiale 9dicembre2013.it/coordinamento-nazionale.html )
Una nota: ce ne fosse stato uno di un partito di sinistra. Niente. Manco a pagarlo. Tutti di destra.

LUCIO CHIAVEGATO
CHI E': Leader del "Liberi Imprenditori Federalisti Europei" ( LIFE ) con il quale vogliono l' indipendenza dall' Italia. Dal sito infatti leggiamo "Da queste parti, a gran voce, non si richiedono “aiuti” di nessun genere alla Stato italiano, ma solo che si tolga dalle scatole!!!!!" ( fonte ). Presidiano in questi giorni di protesta le zone del Veneto sostenuti anche, negli ultimi giorni, dai militanti di CasaPound Italia.
Si era candidato alle elezioni nella lista della Lega Nord.
Qui una lettera sul suo sito web dove si rivolge a tutti i veneti e dove spiega che
l' unica soluzione alle oppressioni dello Stato Italiano è l' Indipendenza.
Uno stralcio della lettera
"Sto commettendo un reato? Sto incitando alla rivolta? Forse si, ma io non riconosco più la mia nazionalità italiana impostami da massoni truffatori. Mi colpiranno? Lo facciano e ne sarò onorato, Sarei onorato di essere il primo prigioniero politico Veneto. Cari amici Veneti, non datemi del pazzo o della testa calda.
Io sono un Veneto, non venetista, ed i Veneti nella storia non sono mai stati dei buoni o mona, i Veneti erano molto cattivi e decisi
".
Chiavegato nell’ultimo bilancio d’azienda ha messo debiti con le banche pari a 320.000 euro, e debiti minimi con Inps e Inail ( fonte )
La pagina Facebook del Life
Il suo sito ufficiale luciochiavegato.com
Il suo Profilo Facebook

venerdì 13 dicembre 2013

Danilo Calvani e la Lega Nord ai tempi di Umberto Bossi

Danilo Calvani - Leader del C.R.A.

di Lapenna Daniele

PREMESSA:
di solito, quando scrivo qualsiasi cosa sul mio blog  sono solito riportare le fonti, in modo da sostenere le mie tesi. Spesso attaccano me quando io riporto notizie prese da altri siti
( raggiungibili dai link allegati ), invece dovrebbero attaccarmi quando scrivo i miei pareri relativi alle informazioni riportate.

Le scritte sottolineate nell' articolo sono i link diretti alle fonti.

Da sconosciuto a personaggio famoso.
Dopo che molti sprovveduti ( son tali perché non si domandano mai "chi è Tizio? Da dove è uscito? Cerchiamo info su chi è.." ) hanno scoperto il suo nome, è iniziata la gara a chi scopre di più sulla sua vita.
Espresso scopre che è pieno di debiti e che quindi - sottolinea implicitamente - la protesta è un protesto ( bel giuoco di parole ) per rimpinguare le sue casse svuotate.
Si era candidato alle Elezioni Amministrative del 2001 al comune de Latina dove però il suo partito, Comitato Riunito Agricoli - C.R.A. -,  fece flop ( qui vi è ancora il suo programma elettorale ) sostenuto da Alba Dorata ( qui il link dell' appoggio al C.R.A. ), partito di ispirazione neonazista.
Poi è divenuto successivamente segretario del Partito Dignità Sociale ( questo il sito web con lo Statuto e la sua foto in primo piano ) guidato dall' ex colonnello Antonio Pappalardo ( un video per vedere chi è e cosa dice ), "ex" perché fu sollevato dal suo incarico di colonnello ( qui leggete l' articolo intero ).
Ecco un breve video dove Calvani si presenta assieme a Pappalardo e spiegano le loro idee che sostengono col partito Dignità Sociale.

CALVANI E LA LEGA NORD

19 Marzo 2009: La Lega Nord sbarca ad Aprilia.
Il partito di Umberto Bossi continua il progetto politico inteso a far divenire, nel volgere di qualche tempo, il partito “del Nord” in un movimento nazionale.
Alla presentazione della Lega Nord Lazio, avvenuta all’Enea Hotel, erano presenti dirigenti provinciali e membri del direttivo comunale che hanno illustrato il loro pensiero politico ai presenti.
Danilo Calvani, Alda Dalzini, Luigi Gallo, Lillia D’Ottavi, Gabriella Stella, Claudio Stampiglia e Alberto Panzarini (coordinatore provinciale) si sono succeduti attraverso brevi interventi tesi a diffondere il “vangelo leghista. I temi trattati? I soliti a dir la verità, dal problema delinquenza a quello dell’immigrazione, dalla necessità di rifondare la classe politica locale ad una “auspicabile rivoluzione dal basso per iniziare a governare da soli questa città”. In pratica vecchi cavalli di battaglia “lumbard” che però non passano mai di moda.

Danilo Calvani è il primo che punta il dito contro la vecchia amministrazione e afferma:
” Gli apriliani devono tornare padroni della propria città. Serve uno scatto d’orgoglio della popolazione. Si deve partire dal basso perché è dal basso che si fa la politica vera. La situazione attuale è drammatica perché per anni Aprilia è stata mal governata da questa classe politica. Da sinistra a destra tutti sono responsabili di aver causato danni molto gravi a questa città. Per questo i cittadini devono ribellarsi e cacciarli..... ..."

bla bla bla il resto lo leggete al link diretto della notizia
http://www.ilpontino.it/aprilia/articoli/cronaca/lega_nord_lazio_00018297.php


Che dire. Niente. Stavolta non dico proprio un cacchio! Ahaahahaha giudicate voi.
Baci baci baci

I dettagli sui debiti contratti da Calvani nel passato e informazioni sugli altri sette organizzatori del
"Movimento del 9 Dicembre 2013" li trovate a quest' altro post.

Minacce di morte a Mauro Biglino, l' auto del libro "La Bibbia non è un Libro Sacro". Nessun TG riporta la notizia

Mauro Biglino

Oggi è pervenuta negli uffici della "Uno editore" un minaccia di morte allo scrittore Mauro Biglino, autore del libro "La Bibbia non è un libro sacro", invitandolo a non presentarsi alle conferenze che lo vedranno protagonista.
Ecco il foglio con minaccia e pallottola allegata  e il post dal sito web

Il mandante firmato FLCM ha fatto arrivare una lettera presso il Centro Kundalini Yoga dove questa sera l’autore terrà una Conferenza sul suo nuovo libro “La Bibbia non è un libro sacro”.

La lettera accompagnata da una pallottola richiede che vengano sospese tutte le conferenze dell’autore da qui in avanti altrimenti provvederanno loro a farlo tacere eliminando la sua persona, minaccia estesa anche al resto della sua famiglia.

Mauro Biglino nel suo lavoro porta alla luce le realtà che emergono dalla vera Traduzione letterale dell’Antico Testamento che differisce in larga parte rispetto a ciò che da sempre la Teologia racconta, da anni tramite i suoi libri e le sue conferenze diffonde ciò che scaturisce dalla semplice lettura dell’Antico Testamento così come si manifesta senza filtri e manipolazioni, non si professa portatore di verità assolute, si limita a riportare quanto è stato scritto grazie alla sua conoscenza dell’ebraico antico, cosa che gli ha consentito di lavorare per diversi anni per conto delle Edizioni San Paolo proprio come traduttore.

Come mai si vogliono mettere a tacere tali rivelazioni? Si sta forse giungendo verso quella che è la realtà dei fatti piuttosto scomoda a chi cerca di manovrare le nostre menti e azioni?

Quello che è certo è che questo lavoro non terminerà, noi continueremo ad andare avanti, questa sera la conferenza ci sarà e con la presenza della Polizia in sala.
La verità sta venendo a galla e non è più possibile fermarla!

FONTI
https://maurobiglino.it/2013/12/quando-la-bibbia-diventa-unarma-a-doppio-taglio/
https://www.macrolibrarsi.it/speciali/minacce-di-morte-a-mauro-biglino.php

9 dicembre 2013: manifestazione organizzata da organizzazioni criminali. La polizia carica senza motivo. Ecco un video del 2010

Nel 2010 accadde questo ( parte dal minuto 1:00 ).


Sporchi luridi maiale forze dell' ordine
che attaccano e caricano SENZA MOTIVO.
Ed ora? Si tolgono i caschi?
Ancora non avete capito chi ha organizzato la pagliacciata del 9 dicembre 2013?
Risponde uno dei gestori della libreria Ubik di Savona minacciato se non chiudeva.
Non ha chiuso ed ha denunciato il fatto. Grandi!

giovedì 12 dicembre 2013

La protesta dei forconi? Organizzata da imprenditori e sostenuta da Grillo e Berlusconi

proteste dei forconi ad Andria ( Bari )

Le parole del sindaco di Bari Emiliano ( qui il video completo, sotto, parte del discorso) intervistato sulle manifestazioni che stanno imperversando dal 9 di dicembre.

«Abbiamo due importanti leader politici come Silvio Berlusconi e Beppe Grillo che per vie diverse sostanzialmente ispirano questa protesta chiedendo l'uno ai carabinieri di disobbedire ai loro comandanti e l'altro dicendo che "se mi arrestano faremo la rivoluzione"».
«La criminalità organizzata è presente, anche mie vecchie conoscenze ad Andria e Barletta. Hanno colpito anche alcune aziende come il pastificio Mastromauro ed Exprivia e la grande distribuzione. Ci saranno alcune persone in buona fede. Casa Pound e Forza Nuova sono qui sotto a protestare e sono unite nel sottolineare ciò che è evidente: i nostri governi vivono in una specie bolla romana, non vedendo cosa succede a chi viene sfrattato o non riesce più a pagare l’affitto del negozio. Servirebbero anche provvedimenti temporanei per lenire questi problemi con provvedimenti di legge». «Se c'è una sofferenza il governo se ne deve fare carico, non può lasciare la gestione di questa roba a un pregiudicato, Berlusconi, o a una persona che vuole andare subito alle elezioni, Beppe Grillo, per in qualche modo ottenere un risultato politico».

E un articolo in merito alle proteste nella provincia Barletta- Andria-Trani da leggere attentamente.

Protesta e blocco autotrasporti E' allarme nella Bat
«Possiamo fermare l’Italia»
di MASSIMILIANO SCAGLIARINI
gazzettadelmezzogiorno.it

BISCEGLIE - In strada non ci sono camion. E di attrezzi agricoli, in questi tre giorni, non ne ha visti nessuno. Solo capannelli a ogni angolo, dove è facile trovare il capetto che racconta come e perché a qualche centinaio di persone sia stato consentito di sospendere la democrazia, imporre la serrata ai negozi, far chiudere le scuole. In tutta la Bat, ieri, la calma era soltanto apparente: è qui l’epicentro della protesta pugliese, è da qui che conviene partire. A Bisceglie, piazza centrale, non c’è un bar aperto a pregarlo. Al presidio casuale sotto l’insegna del circolo Idv «Peppino Impastato» un biondino sui 25 anni spiega a un negoziante della zona perché è opportuno che stia chiuso: «Vedi - gli fa - io l’attività l’ho lasciata da lunedì, sto protestando pure per te, mica è giusto che tu ti prendi pure i clienti miei. Quindi, capisci?, dobbiamo stare tutti dalla stessa parte, perché io sto qui a parlare con te, ma magari c’è qualcuno che non perde tempo a parlare».

Vedi i 14 personaggi che carabinieri e polizia hanno identificato a Barletta per le intimidazioni fatte martedì ai commercianti: in attesa che le vittime decidano a denunciare (finora non lo ha fatto nessuno), è saltato fuori che tra loro ci sono molti pregiudicati, compresi alcuni ultras andriesi con simpatie per l’ultradestra. Profili che in ambienti investigativi definiscono «interessanti», e non è certo un complimento. Anche perché, in questa storia, la politica c’entra eccome.

Grillini credulini: o girano intorno al discorso, oppure evitano le domande

Per chi ha votato MoVimento 5 Stelle e sostiene con forza tutte le parole, anzi, parolacce, che dice Grillo, e per chi tenta di dialogare cotruttivamente con loro ma.... non ci riesce ( come accaduto a me ) ecco un mio dialogo.

NON è una vittoria, ma una sconfitta. Soprattutto per il livello a cui è giunta la nostra specie umana...

Il post è relativo a questo



Buona Lettura
( anche se non sei iscritto a Facebook, puoi leggere tutto )

https://www.facebook.com/M5SUNICASPERANZADITALIA/posts/10201981193284597?comment_id=6086265&offset=0&total_comments=3&ref=notif&notif_t=share_comment


clicca per ingrandire



Cassazione: assicurazione auto troppo cara? La polizza è da rimborsare


Negli anni che vanno dal 1996 al 2000 le assicurazioni hanno aumentato le polizze Rca del 20%, ed ora giunge la notizia dalla Cassazione che gli automobilisti che pretenderanno il rimborso per questo aumento dovranno essere accontentati.
La decisione c’è stata perché si è venuto a creare un precedente. L’avvocato Adriano L. ha fatto accogliere il ricorso di un automobilista campano che nel 2003 aveva chiamato in causa la sua assicurazione per “illecito caropolizza“. All’epoca la Corte di Napoli aveva stabilito che l’assicurazione non era in dovere di restituirgli nulla per gli anni 1997-2000 e che il diritto alla restituzione si era in parte caduto in prescrizione.

Quindi ieri un gran risultato per gli automobilisti, visto che la Cassazione ha depositato con la sentenza 27527 della terza sezione civile che stabilisce che per le cause intentate da gli automobilisti contro le assicurazioni, la data della prescrizione decorre dalla pubblicazione del provvedimento sanzionatorio dell’antitrust che funge da base al diritto al rimborso.
E così l’automobilista che vide rifiutata la sua causa ora potrà essere rimborsato di ben 1.051,85 euro ai quali dovranno aggiungersi gli interessi. Tale cifra è praticamente il 20% dei premi pagati per i tre anni richiesti, compreso il 1997 che all’epoca della causa (2003) era considerato caduto in prescrizione perché erano passati i cinque anni.

martedì 10 dicembre 2013

Danilo Calvani "Se i politici non se ne vanno, marciamo verso Roma". Oggi invece smentisce "Non è indetta nessuna manifestazione a Roma"

Ecco l' intervista di ieri sera a Danilo Calvani,
uno degli organizzatori della protesta del 9 dicembre 2013.
Ascoltate benissimo dal minuto 6:20 di
questo video
http://www.youtube.com/watch?v=luWMw-DwuGc

E lo aveva detto più volte
huffingtonpost.it

Ecco il video di oggi, invece, dove dice esattamente l' opposto
http://www.youtube.com/watch?v=gnxtM7Z9IQc

Lui stesso ha detto che partiva per Roma ed ora... dice che è una FALSITA' e non è assolutamente vero?!
E c'è gente che ancora gli crede?

I dettagli sugli organizzatori dell' evento
http://ilventunesimosecolo.blogspot.it/2013/12/attenzione-la-manifestazione-del-9.html
La verità sui poliziotti che si sarebbero tolti il casco
http://ilventunesimosecolo.blogspot.it/2013/12/poliziotti-che-si-alleano-col-popolo.html

Poliziotti che si alleano col popolo? Perché a noi operai ci avete manganellato, e davanti a questi forconi vi togliete il casco? Ecco la risposta di un operaio Fiat

Prima, posto il link che spiega la bufalata in cui è incappato anche il solito cazzarone di Grullo, ovvero dei poliziotti che si sono schierati dalla parte dei manifestanti.
http://www.giornalettismo.com/archives/1256869/la-bufala-della-polizia-che-si-toglie-i-caschi-per-unirsi-allo-sciopero-del-9-dicembre/

Questa rivolta dei forconi puzza, ed anche parecchio. Non c'è un programma, un obiettivo... NIENTE.
Si tratta di mandare via i politici e metterci "dei militari per poi indire nuove elezioni".
Militari al governo?! Ma siamo scemi? No. Siamo fascisti. Anzi, SIETE fascisti.

E poi ... nuove elezioni per votare chi? Chi ha guidato questa specie di rivolta ?
E chi cazzo vi conosce? Metti che sei un dittatore? Levo i ladri per metterci un nuovo Mussolini? Col cazzo!
Perché i poliziotti hanno manganellato altri manifestanti pacifici in altre occasioni mentre ora non manganellano e non li fanno spostare dalle strade che stanno occupando senza permesso?
Cazzo di italiani, ma perché non usate quel minuscolo cervello che avete in capoccia?


Alla pagina del blog ci sono nuovi post con video dove si vede CHIARAMENTE il SALUTO FASCISTA.

Ecco il post ( il link diretto al suo profilo Facebook dove ha postato questo suo pensiero è a fondo pagina )

Ciao poliziotto!
Sono uno degli operai
che il 15 giugno era ai cancelli di Pomigliano la fabbrica fiat, ricordi? Sono uno di quelli che cercava di spiegare ai suoi colleghi perché eravamo lì, ero io quello che insieme ai miei compagni gridava che non era giusto che in una fabbrica dove più di 1500 operai sono in cassa integrazione l'azienda comandasse i sabati di straordinario ( per di più pagati in ordinario!), ero uno di quelli che cercava di spiegare anche a te che la soluzione poteva essere la redistribuzione equa del lavoro mediante il contratto di solidarietà.
Che bella parola, solidarietà!
Ricordi?
Io ricordo tutto!
Ricordo che nella migliore delle ipotesi alle mie istanze la tua risposta era " non voglio nemmeno sentire non sono problemi miei, sono qui a fare il mio lavoro", ricordi?
Ricordi quando io è miei compagni ci fermavamo vicino ai nostri colleghi per cercare di spiegare perché eravamo lì e tu li avvicinavi ordinandogli di entrare a lavoro, ricordo quando prendesti uno di noi è lo identificasti perché ti chiedeva il perchè del tuo comportamento.
Ricordo un compagno a terra e voi attorno in cerchio con la faccia di chi non sa nemmeno perché è lì quel giorno, quasi come se non vi importasse del dramma che si stava consumando.
Io ricordo tutto, e ricordo che il casco non lo toglieste nemmeno per un momento, ricordo che i manganelli erano ben saldi nelle vostre mani.
Oggi ho visto delle scene, e mi viene spontaneo chiedermi,perché? Perché oggi si è allora no? Cosa è cambiato? Forse eravamo stati noi a non sapervi convincere? E pure non ricordo ne bombe carta e ne molotov.
Qualcuno dice che è per il colore che porto in giro con tanto orgoglio, beh forse sarà così o forse no, non lo so, ma quello che so e che a breve ci rincontreremo, perché i nostri problemi sono sempre li è la nostra voglia di lottare e sempre viva.
Ebbene quando quel giorno arriverà,e fidatevi che non aspetteremo molto, vedremo se davvero qualcosa è cambiato oppure come dicono i maligni oggi pomeriggio la differenza l'ha fatta il colore di una bandiera.

Ciro D' alessio - ex operaio Fiat Pomigliano

lunedì 9 dicembre 2013

Giorgio Gaber: il Voto

sabato 7 dicembre 2013

ATTENZIONE! La manifestazione del 9 Dicembre è organizzata da militanti di estrema destra

clicca per ingrandire
Comunicato stampa dell' Associazione
Nazionale Partigiani d' Italia

Ci hanno avvertiti: "Il 9 dicembre sarà l'inizio della fine". Il blocco totale, che trasformerà il paese mandando "tutti a casa". E, con "tutti", si intende i politici. Non tutti tutti: qualcuno, deve pur rimanere.

"Nelle rivendicazioni di Danilo Calvani, uno dei leaders del coordinamento che ha indetto questo sciopero, si parla esplicitamente di un governo retto dalle forze dell’ordine, cosa che ci fa rabbrividire": inorridisce, Rifordazione Comunista, di fronte agli slogan.
"Quella del 9 dicembre - commenta il partito - è una pagliacciata diretta dall'estrema destra sotto mentite spoglie".



"Per quel giorno - specifica Rifondazione - era inizialmente previsto uno sciopero degli autotrasportatori, che è stato in seguito revocato da quasi tutte le sigle sindacali, ma confermato da alcune sigle minori del trasporto a cui si sono aggiunte altre micro-organizzazioni dell’agricoltura. Tra di esse alcune riconducibili inequivocabilmente alla galassia dell’estrema destra. Si sono in seguito affrettate ad aderire a questa “pagliacciata” anche organizzazioni politiche dell’estrema destra italiana con simpatie neonaziste, che tuttavia nei loro comunicati di adesione raccomandano i loro militanti di mimetizzarsi tra i manifestanti senza portare bandiere di partito".

"Questa “pagliacciata” è ordita dunque, fra gli altri, da alcuni ammiratori della destra estrema, che sotto mentite spoglie tentano di incitare al blocco con proclami generici e populisti, privi di quelle prospettive ed idee che potrebbero spaventare i possibili aderenti. "

Qui le verità oscure.
Questo il sito del partito Comitato Riuniti Agricoli, con lo Statuto che cita testualmente
"il Movimento si alimenta dei valori di tutte le Forze dell’Ordine che hanno concorso alla unificazione dell’Italia ed al mantenimento del quieto vivere sociale."
Certo, perché le forze dell' ordine hanno SEMPRE mantenuto il QUIETO VIVERE SOCIALE grazie alle loro manganellate e percosse con la legge che li ha quasi sempre scagionati e rimessi ai loro posti di "lavoro".
Il signor Calvani, organizzatore dell' evento, si era candidato col suo partito al comune di Latina
( ovviamente, non vincendo ).
Ma... lui non vuole mandar via la classe dirigente del governo italiano? E lui stesso voleva fare il politico?

Il Movimento dei Forconi, riporta Wikipedia,
"è composta da autotrasportatori e legata a fermenti dell'autonomismo siciliano, si sono poi aggiunti diversi gruppi di agricoltori, operai, venditori dei mercati e ultras.
Molti degli aderenti fanno riferimento a partiti o movimenti di estrema destra, come per esempio Forza Nuova e Casa Pound, anche se nelle manifestazioni non sono stati esposti simboli di partiti o movimenti politici."

SIMBOLI FASCISTI

A me è puzzato tutto dall' inizio. A cominciare dal quel tricolore messo ovunque, quei colori al sito web
( sfondo nero e scritte bianche ) che non hanno nulla di sinistra, dai suoi discorsi che non mi quadrano, da tutto questo religiosismo, per non parlare poi della stima incredibile ( neanche fossero degli Dèi ) delle forze dell' ordine e soprattutto del numero NOVE. Sempre manifestazioni organizzate il 9.
Ho provato una buona volta a fare il complottista. E' fico fare il complottista!! AAAAAHHH
Ed ecco: 9 Maggio 1936, un discorso che cambiò la storia, ma che per fortuna fu risistemata. Anche se "sottosopra" ( ahahahaaa-a-a-a-aaaah! ).
Ecco alcuni discorsi che non hanno nulla di destra. No no... niente proprio!
http://www.youtube.com/watch?v=MZ8qB_qhHSk
http://www.youtube.com/watch?v=6NIYpBUglpk

venerdì 6 dicembre 2013

In Sardegna l' alluvione fa un' altra tragedia: un imprenditore, che ha visto la sua attività distrutta dall' acqua, si è suicidato per la disperazione. Lascia moglie e figli


Pasqualino Contu, proprietario della 3C, si è tolto la vita stamattina. Lascia la moglie e i figli.

Il dolore è stato più forte della voglia di ripartire. Pasqualino Contu ( questa l' intervista di Videolina dopo il disastro ) non ce l'ha fatta a vedere la sua attività distrutta dal fango e stamattina si è tolto la vita. La piena del fiume Cedrino aveva spazzato via intere aziende, tra cui la sua, la 3C, che costruisce prefabbricati di cemento armato. Già negli anni scorsi l’azienda, attiva dal 1980, era stata distrutta da altre due esondazioni.
Aveva chiesto dei sostegni economici, ma non è arrivato mai neanche un euro.

Duramente colpita dalla marea di fango che il 18 novembre ha sconvolto la Sardegna, in seguito al passaggio del ciclone Cleopatra aveva riportato danni per un milione e mezzo di euro.
L’imprenditore si è tolto la vita stamattina, nel giardino della sua casa a Orosei. Contu lascia la moglie e i figli.

giovedì 5 dicembre 2013

Il Vaticano ha rifiutato di consegnare all’ONU i documenti sugli abusi sessuali. La commissione per l'infanzia li aveva chiesti per verificare il rispetto della convenzione sui diritti del bambino ratificata nel 1989


Il Vaticano si è rifiutato di comunicare a una commissione dell’ONU le informazioni relative a una indagine interna sugli abusi sessuali commessi sui bambini e sulle bambine da parte dei membri del clero: ha fatto sapere che i vari casi sono di competenza dei sistemi giudiziari dei paesi in cui gli abusi hanno avuto luogo e che la prassi non prevede di rivelare informazioni se non espressamente richieste dalle autorità del paese a cui servono. La Chiesa ha poi spiegato che le sue procedure disciplinari «non sono aperte al pubblico» – questo anche per proteggere «i testimoni, gli imputati e l’integrità dell’intero procedimento» – e che è «profondamente rattristata dalla piaga degli abusi sessuali». Il Vaticano ha spiegato inoltre di aver cambiato i criteri per l’ammissione dei candidati al sacerdozio, di aver aggiornato il diritto canonico e di aver chiesto alla Conferenza episcopale di stabilire le linee guida per combattere gli abusi.

Lo scorso luglio la Commissione dell’ONU sui diritti dell’infanzia aveva chiesto informazioni dettagliate su tutti i casi di abusi sessuali noti al Vaticano dal 1995. Si trattava della prima volta che una richiesta così ampia e precisa veniva formulata da un dipartimento delle Nazioni Unite. Le domande riguardavano casi specifici e anche le omissioni e le coperture delle gerarchie ecclesiastiche, oltre alle violenze e le intimidazioni subite dalle vittime. La Commissione chiedeva di spiegare come la Chiesa aveva condotto le indagini, se le vittime degli abusi avevano ricevuto sufficiente e adeguata assistenza legale, se le persone colpevoli di reati sessuali erano state autorizzate a rimanere in contatto con i bambini e se il clero avesse l’obbligo di riferire gli abusi alla polizia.

In sostanza le domande presentate dall’ONU avevano l’obiettivo di valutare il rispetto da parte della Chiesa cattolica della Convenzione Internazionale sui Diritti del Bambino, firmata nel novembre del 1989 anche dal Vaticano. Tutte le informazioni avrebbero dovuto essere presentate entro il 30 novembre, in vista dell’audizione periodica che il Vaticano, come tutti i paesi che hanno ratificato la Convezione, dovrà sostenere di fronte al Comitato nel gennaio del 2014.

mercoledì 4 dicembre 2013

Grillo e il Referendum sull' Euro: un INGANNO. Il comico sfrutta l' odio per l' Europa degli italiani per inventarsi un Referendum abrogativo che non potrà mai essere indetto

Questo è un post di Lorenzo Cuocolo, docente di Diritto comparato, dell' Università Bocconi
il sito web ilricostituente.it
Il profilo dal sito Università Bocconi
Twitter @lorenzocuocolo

REFERENDUM SULL' EURO? UN INGANNO GIURIDICO

Sottoporre al giudizio dei cittadini un quesito sull’opportunità che l’Italia rimanga nell’ Euro è stato uno dei ritornelli che hanno accompagnato la campagna elettorale del Movimento 5 Stelle. Il referendum sull’euro, appunto.

Un inganno giuridico, né più, né meno. Vediamo perché. I referendum consentiti dalla Costituzione sono di vario tipo: abrogativi, confermativi, consultivi. Diciamo subito che il referendum confermativo è previsto per il limitatissimo caso disciplinato dall’art. 138 Cost., relativo alla revisione costituzionale. Non ci interessa. Restano quello abrogativo e quello consultivo. Vediamo:

1) l’Italia ha aderito all’euro in forza del Trattato di Maastricht, ratificato dal nostro Paese con legge n. 454 del 1992 ( per la cronaca ecco chi c' era nel 1992 al governo ). La Costituzione italiana, all’art. 75, vieta di sottoporre a referendum abrogativo le «leggi di autorizzazione a ratificare trattati internazionali» e, dunque, anche le leggi di esecuzione degli stessi. Ciò basta per dire che non è ammissibile un referendum per revocare l’adesione italiana alla moneta unica.

martedì 3 dicembre 2013

Legge di Stabilità: novità negative per i pensionati del futuro


Non solo la legge di stabilità ha fatto ben poco per riformare le pensioni nel segno di una maggiore equità. Ma all'orizzonte si intravedono nuvole grigie in virtù dell'entrata in vigore dei nuovi requisiti previsti nella legge Fornero. In buona sostanza, il sistema previdenziale diventerà più rigido e ritirarsi dal lavoro non sarà così semplice. La buona notizia è piuttosto rappresenta dal ritorno della perequazione automatica: dal gennaio del 2014, sarà previsto incremento degli assegni INPS in base all'inflazione registrata nei 12 mesi precedenti. Non ci sarà una grande crescita, ma è pur sempre un timido passo in avanti.

LE NUOVE LEGGI IN VIGORE
In base alla nuove regole in vigore, i requisiti per andare in pensione sono fissati a 42 anni e 6 mesi di contributi per gli uomini, e a 41 anni e 6 mesi per le donne. Sarà dunque necessario lavorare un mese in più per ottenere la pensione anticipata. Se dal 2018 l'età fra uomini e donne sarà equiparata a 67 anni, le norme introdotte dal precedente esecutivo stabiliscono aumenti nel privato nei requisiti anagrafici per la pensione di vecchiaia per le donne: 63 anni e 9 mesi per le dipendenti e 64 anni e 9 mesi per le autonome. Per gli uomini, in entrambe le categorie, sono di 66 anni e 3 mesi, alla stregua delle donne nel comparto pubblico. Modificata anche l'età della pensione anticipata: 42 anni e 5 mesi di contributi per gli uomini, 41 anni e 5 mesi per le donne.

CONTRIBUTO DALLE "PENSIONI D' ORO"
A ogni modo, qualcosa potrebbe cambiare con l'arrivo della legge di stabilità alla Camera dei deputati. Fra i fronti aperti, infatti, c'è anche quello delle pensioni. In particolare, uno dei punti che potrebbe essere affrontato è lo sblocco dell'indicizzazione al costo della vita degli assegni più elevati. Per il resto, il decreto approvato dal Senato prevede un prelievo aggiuntivo sulle pensioni d'oro ovvero quelle superiori a 90.000 euro per finanziare il reddito minimo garantito. Il contributo sarà prima del 6% per poi salire al 12% sopra i 128.000 euro e raggiungere il 18% per gli assegni maggiori di 193.000 euro.

domenica 1 dicembre 2013

Rimpianti e rimorsi: uomo e donna hanno idee diverse dettate dall' "involuzione" della specie



Tre ricerche condotte dalle Università della California svelano i rimpianti di uomini e donne sull' argomento sesso.
Chi di voi ha il rimpianto di non essersi portato a letto la propria compagna di banco? E chi, fra voi donne, belle e stupende donne, ha il rimorso di non aver ceduta alle advances del proprio collega di lavoro così stupendoso?
Nel classifica dei rimorsi, i primi tre rimpianti maschili sono:
  1. essere stati troppo timidi negli approcci
  2. non sessualmente coraggiosi da giovani 
  3. poco avventurosi quando erano single 
Per le donne, invece, abbiamo la seguente classifica di rimorsi
  1. avere avuto il primo rapporto sessuale con il partner sbagliato 
  2. aver avuto rapporti sessuali con uomini poco attraenti
Non c'è il terzo posto. E si vede che noi uomini siamo più complicati!
"Le pressioni evolutive spiegano probabilmente i diversi rimorsi" spiega Martie Haselton, psicologa alla Ucla university di Los Angeles, che ha diretto le indagini, e della quale non si sa che rimorsi abbia

sabato 30 novembre 2013

Isacco e Dio: la verità

CLICCA sull' immagine per ingrandirla

Quella stramaledetta odiosa Pubblicità

di Lapenna Daniele

Scrivendo una mail, mi è venuta l' ispirazione a trattare un argomento nel qual m' imbatto ogni volta che gironzolo il web: la pubblicità.

Ogni cavolo di volta che entro in un sito web nuovo provo terrore e mi posiziono sulla "x" della scheda di FireFox, pronto a cliccarla appena appaiono i popup o tutte quelle odiosissime pubblicità della pagina web.
"Fotovoltaico?", "Aggiorna il tuo browser!", "Scegli il prestito che fa per te!".

POPUP E POPUPPINI
Ricordo i primi tempi quando viaggiavo in web col computer di mia zia. Wow. Mi ritrovavo ottocentomila finestrelle aperte. Meraviglioso! Virus che non andavano via neanche col vaccino antinfluenzale.

Per quanto riguarda i siti molto visitati, un pò di pubblicità può creare anche un bell' introito, ma, per i blog, mi chiedo, a che diavolo serve riempire la pagina di queste finestrelle odiose e pericolose se non per guadagnare qualche decina di euro al mese?
Io non ho mai pensato di metterle e mai le metterò al mio blog. Pubblicità? Per due soldini dovrei creare disagio a chi legge? Far cagare sotto qualcuno facendogli pensare che il mio blog abbia dei virus? Beh, un pò è divertente, però alla lunga stuufa..
Io, nel momento in cui mi imbatto in siti che ti sparano spot dappertutto, chiudo immediatamente la pagina e ci metto una croce sopra. Quindi se TU, sì sì, proprio TU,.. no tu, ma quello dietro di te,.. sì sì TU! Cazzo tu vieni qui sto parlando con te!! Ecco...  se TU hai un blog con delle pubblicità beh... boh.. non ricordo più che cazzo dovevo scrivere!

M-MA... CHE CACCHIOSELLO E' ?!
Morale della favola: è tornato Carosello. "Che beeello Carosello. Mi ricorda i miei tempi" dice una persona che ha vissuto quel periodo. Ed io decido di vederlo. "Va bene, guardiamolo". Sigla.
"Peee pepepereppepeeeee". Carina. Non male, penso. Poi inizia la pubblicità.
"Cazzo" dico "appena inizia Carosello, e subito fanno la pubblicità!"
"Ma, Carosello E' la pubblicità" mi fa.
"C-cosa..? Cioè la Rai tira fuori dalla tomba Carosello per spararci più pubblicità di quanta ne faccia di solito?".  Mi risponde  "ma la pubblicità di una volta era meglio di quella di oggi...".
Prima si faceva poca pubblicità, c' erano pochi prodotti, ed anche se poi erano tanti, erano sempre pochi coloro che li avrebbero comprati tutti. Bei tempi. Tempi in cui la lavatrice del '15-'18 era la cosa più "sciccosa" che si potesse avere, tempi in cui una Ritmo era l' ultimo grido...
Oggi, ritirano fuori Carosello, Dallas, Andreotti ( che mi sa sia ancora vivo e nascosto da qualche parte ) ma nella sostanza, ormai tutto è cambiato. Tutto funziona al contrario. O meglio, non funziona.
Mi sa che in questo Paese, sono parecchie cose a non funzionare più come una volta...

Buon fine settimana a tutti! E fate i bravi, che Carosello è lì a spiarvi!

venerdì 29 novembre 2013

Gas metano dall'Algeria in Sardegna: rettifica della società CPL Concordia inviata al mio blog


In merito all' articolo che ho preso dal sito Tiscali.it pubblicato da Marco Mostallino ed ho piazzato pari pari al blog, ho ricevuto una richiesta di Rettifica direttamente dalla società CPL Concordia.
Riporto di seguito la mail integrale che mi è stata inviata in data 29 Novembre c.a.
I dati e le informazioni sul progetto e finanziamenti non coincidono con quelli scritti nell' articolo del blogger Marco Mostallino ( qui il suo articolo completo).

Spett.le
Daniele Lapenna, titolare del Blog d’Informazione Il Ventunesimo Secolo


in relazione all’articolo dal titolo “Gas metano dall'Algeria in Sardegna: il sogno è ormai compromesso ma la Regione continua a gettare milioni di euro. Il colosso LegaCoop chiede ed ottiene dalla Regione altri soldi grazie alla delibera del 14 novembre scorso” ( qui il link dell' articolo originale ), pubblicato sul vostro sito on line giovedì 28 Novembre 2013 a firma di Marco Mostallino (tiscali.it), la società CPL CONCORDIA Soc. Coop., capogruppo delle società Fontenergia, richiede, ai sensi delle vigenti disposizioni di legge (Legge 8 febbraio 1948, n. 47 e successive modifiche), la pubblicazione in versione integrale della seguente rettifica:

mercoledì 27 novembre 2013

Intervista a Josè Mujica, il Presidente più Povero del Mondo

L' intervista di Al Jazeera al presidente dell' Uruguay Josè Mujica
con sottotitoli in italiano.
Qui un articolo su di lui. Qui la sua biografia su Wikipedia.

Ritagliate 25 preziosi minuti del vostro tempo per ascoltare
le sue giuste e forti parole.

martedì 26 novembre 2013

Il Metodo Stamina è dannoso alla salute: ecco la testimonianza di una delle 52 vittime del metodo che sta illudendo migliaia di italiani. Perché Vannoni ha rifiutato tutti gli incontri per presentare la documentazione scientifica?

di Lapenna Daniele


Prima di leggere la testimonianza di una vittima truffata da Davide Vannoni, riprendiamo i punti oscuri della vicenda.
"La cosa peggiore" riferisce la vittima del Metodo Stamina "è che quando sono stato male, proprio Vannoni ha cercato in tutti i modi di convincermi a firmare una liberatoria. Voleva che mi assumessi io la responsabilità. Insisteva. Ho capito che erano arrabbiati con me, perché avevo parlato troppo"

VANNONI E IL RIFIUTO DI PRESENTARE LA DOCUMENTAZIONE SCIENTIFICA
La stampa riporta di come Vannoni prometta la cura di molte malattie neurodegenerative per cifre che oscillano dai 20.000 ai 50.000 euro, utilizzando metodi poco chiari e a volte con danni e conseguenze indesiderate

Nell 2013 il metodo Stamina giunge sotto i riflettori dei media in seguito ad un servizio del programma televisivo "Le Iene" ( i quali, successivamente si sono scusati per i loro servizi ) che ne mostra l'utilizzo su alcuni bambini affetti da diverse malattie neuro-degenerative.
Nel servizio si sostiene ( senza prove solide e scientifiche ) che le infusioni di staminali avrebbero generato significativi miglioramenti nello stato di questa malattia, e si suggerisce, senza alcuna evidenza, che possa modificarne il decorso fatale.
Colpa "Le Iene", gli italiani iniziano a sperare in miracolose guarigioni persino iniziando battaglie sotto il Parlamento.

Vannoni ha ripetutamente evitato di rivelare i dettagli del suo metodo al di là di quelli disponibili nella sua domanda di brevetto.Nel 2012, l'Ufficio Brevetti degli Stati Uniti aveva parzialmente respinto la domanda di brevetto, con una procedura che consente la ri-presentazione: Vannoni non l'ha più ripresentata. Il rifiuto era dovuto al fatto che la domanda aveva dettagli insufficienti riguardo alla metodologia.
Il 21 giugno 2013 Davide Vannoni avrebbe dovuto consegnare la documentazione scientifica sul suo metodo all' Istituto Superiore di Sanità, all'agenzia italiana del farmaco e al centro nazionale trapianti per permettere di elaborare il protocollo dei test, ma chiede di rinviare l'incontro, per ben due volte
PERCHE'?

Studentessa si spoglia in WebCam: "così posso comprarmi vestiti di marca e togliermi tutti gli sfizi"

foto presa a casacciaccio da Google
di Lapenna Daniele


La storia è raccontata sull' Unione Sarda in edicola ieri ed ha per protagonista una studentessa universitaria di Cagliari che di notte, dopo aver dedicato la giornata allo studio e a frequentare le lezioni, si spoglia a pagamento per i clienti on line. Professione: webcam girl. "E' come se facessi l'imprenditrice di me stessa - racconta - così riesco a comprarmi vestiti di marca. Non vedo cosa ci sia di male".

In effetti, non c'è assolutamente nulla di male. Ognuno, col proprio corpo e la propria vita può farne ciò che vuole. Giudicare è da bigotti bigottosi o da ragazze invidiose. Forse le questioni da contestare sono altre.
Dai vari commenti delle persone si intuisce che colpiscono due questioni.
La prima, è che fa questo "mestiere" ( dove non si prostituisce, ma è come fosse una spogliarellista, ma virtuale ) non per vivere, ma per togliersi sfizi. Quindi se non si spogliasse, arriverebbe tranquillamente a fine mese. Questione contestabilissima, visto che, appunto che ognuno col proprio corpo può farne ciò che vuole, di conseguenza anche con i soldi che intasca, ne fa ciò che vuole.
La seconda è giustamente contestabile: il fatto che offra una prestazione a pagamento senza fatturare.
Lo Stato impone che vengano fatturate tutte le prestazioni che facciano intascare denaro, persino le lezioni che vengono impartite privatamente: dalle recenti statistiche dell' Istat è risultato, come lavoro che evade maggiormente le tasse, le lezioni private scolastiche a domicilio. Le ripetizioni, insomma.

Dunque tu svolgi un servizio, ed evadi le tasse.
Il principio di coerenza vuole che, se pensi sia giusto evadere le tasse per arrivare a fine mese, tu sia d' accordo sia con la tipa che mostra le sue belle o brutte tette ( non so se sia piatta o meno ) in cam ( dove non sai con sicurezza se arrivi o meno a fine mese ), che con la signora che va ad effettuare pulizie a casa delle vicine per vivere. Al contrario, se non ritieni che la tipa in questione sia evasore fiscale, allora non lo è nessuno, da colui che evade 1 euro, a quello che evade i miliardi.
Purtroppo, si tratta di coerenza.

Fattosta che lei si denuda, e guadagna. Dunque, per il principio di coerenza, se i politici ci fanno rimanere in mutande, dovremmo diventare tutti ricchi!!! Olé!