Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

venerdì 14 settembre 2012

Fa scrivere all'alunno 100 volte «sono un deficiente»: confermata la condanna per la prof



Il "bullismo" non si combatte con una analoga prova di forza da parte
dell'insegnante. È questo il senso della sentenza 34492 di oggi della Cassazione
che ha confermato la condanna alla reclusione, per abuso dei mezzi di correzione,
nei confronti di una professoressa di una scuola media statale di Palermo, che,
per punire un alunno di 11 anni, l'aveva costretto a scrivere per cento volte
sul quaderno la frase «sono un deficiente». Così facendo, però, secondo
gli ermellini non si fa altro che «rafforzare il convincimento che i rapporti
relazionali (scolastici o sociali) sono decisi dai rapporti di forza o di potere».

ASSOLTA IN PRIMO GRADO

In primo grado l'insegnante era stata assolta perché il fatto non sussiste.
Secondo il giudice, infatti, il comportamento della insegnante fu "adeguato"
e motivato con l'intento di interrompere, con un "intervento tempestivo ed energico",
la condotta "bullistica" dell'alunno che avrebbe tenuto un "comportamento derisorio
ed emarginante" verso un compagno di classe.

IN APPELLO SCATTA LA CONDANNA AD UN MESE
Di tutt'altro avviso la Corte d'Appello di Palermo che ricostruendo la vicenda
ha escluso il comportamento bullistico e anche il "tentativo di emarginazione",
concludendo che l'insegnate aveva manifestato «un comportamento afflittivo
ed umiliante, trasmodante l'esercizio della sua funzione educativa»
costringendo il minore, davanti a tutta la classe, «ad insultarsi»
e «imponendogli di far firmare il compito a genitori».

Una tesi sposata dalla Cassazione che, richiamando la riforma del diritto di famiglia
e la Convenzione delle Nazioni unite sui diritti del bambino (ratificata nel 1991
dall'Italia), ricorda come il termine "correzione" vada reinterpretato nel senso
di "educazione" del bambino, per cui nel processo formativo va eliminato
«ogni elemento contraddittorio rispetto allo scopo ed al risultato».

LA VIOLENZA NON E' MAI EDUCATIVA
Dunque, «Non può ritenersi lecito l'uso della violenza, fisica o psichica,
distortamente finalizzata a scopi ritenuti educativi», afferma la Cassazione,
«e ciò sia per il primato attribuito alla dignità della persona del minore, ormai
soggetto titolare di diritti e non più, come in passato, semplice oggetto di protezione
(se non addirittura di disposizione) da parte degli adulti».
E sia perché - prosegue la sentenza -
«non può perseguirsi, quale meta educativa, un risultato di armonico sviluppo
di personalità, sensibile ai valori di pace, tolleranza, convivenza e solidarietà,
utilizzando mezzi violenti e costrittivi che tali fini contraddicono».
Perciò , la risposta della scuola deve essere «sempre proporzionata alla gravità
del comportamento deviante dell'alunno» e in ogni caso «non può mia consistere
in trattamenti lesivi dell'incolumità fisica o afflittivi della personalità del minore».

I Supremi giudici, però, hanno concesso alla prof. uno sconto di pena di 15 giorni
- rispetto alla condanna d'appello pari a 30 giorni di reclusione - eliminando
l'aggravante di aver provocato nell'adolescente un "disturbo del comportamento",
ipotesi avanzata dallo psicologo, ma non provata con certezza.

fonte
http://www.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2012-09-10/scrivere-alunno-volte-sono-170451.shtml?uuid=AbrvzTbG

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie