Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

mercoledì 2 maggio 2012

Donna 67enne muore: resuscita in obitorio dopo 12 giorni. Senza bere nè mangiare non ha riportato alcun danno fisico


la signora Victoria Babatunde


LA STORIA

Una donna di 67 anni muore il 7 Gennaio di quest'anno dopo una lunga malattia
a Akure ( Nigeria ), ma i loro parenti a causa di uno sciopero dei benzinai
non riescono a raggiungerla per partecipare ai suoi funerali, e quindi chiedono
di tenere il corpo in condizioni da poter celebrare i funerali dopo qualche giorno.
Viene quindi portata in obitorio, dove per mantenere il cadavere in condizioni
"accettabili" gli iniettono un acido ( cluorophene ) e se ne dimenticano.
Purtroppo ( o per fortuna ) lo scipero si è protratto per quasi 10 giorni, e
mentre i suoi parenti si recano finalmente da lei per seppellirla, lei starnutisce,
apre gli occhi mentre l'addetto dell'obitorio si stava prendendo cura del suo corpo,
visto che vi erano i suoi parenti nell'altra stanza.

RITORNO NEL MONDO DEI VIVI

L'addetto all'obitorio, terrorizzato corre fuori dalla stanza e si rifiuta di rientrarne
invitando i loro parenti ad andare a prendere la loro "nonna".
Lei era seduta sul letto continuando a starnutire, ma per ben tre giorni
non ha aperto bocca
, nè per parlare nè per mangiare, tanto da aver fatto
dubitare della sua effettiva buona salute.
Poi al terzo giorno, a 12 gg dalla sua morte ( con certificato medico )
il 20 gennaio si è rivolta a suo fratello maggiore e gli ha chiesto
di portargli da bere e da mangiare, riprendendo la sua vita "normale".
Si e' saputo solo ora di questo evento perchè l'operatore dell'obitorio
ha caldamente sconsigliato di dare pubblicità alla notizia per evitare che si istaurasse
tra la gente la fobia di poter essere sepolti vivi, come stava succedendo
a questa signora di 67 anni.

RESUSCITATA E IN SALUTE

E' stata sottoposta infatti successivamente a svariate analisi che l'hanno dichiarata
perfettamente in salute.
I medici non riescono a capire come si possa ritornare perfettamente in vita dopo
che per 12 giorni tutte le funzioni vitali del corpo si erano interrotte.
In altri casi simili ( di morte apparente ) chi "ritornava in vita" subiva delle menomazioni:
o rimaneva cieco, o sordo, o parzialmente paralizzato, ma in questo caso nulla
di tutto ciò è successo.
La signora nigeriana, ha realizzato un bel quadretto col suo certificato di morte
e l'ho ha appeso nella sua camera da letto, mostrandolo fiero agli amici e parenti
che in questi giorni continuano a farle visita.

LA TESTIMONIANZA
A chi le ha chiesto che cosa ha provato
o sentito in quei giorni di morte apparente lei ha raccontato un'esperienza incredibile:

"Sono andata in cielo e visto Gesù seduto alla destra di Dio. Gesù mi ha portato all'inferno e ho visto quelli che erano stati all'inferno per più di mille anni e venivano tormentati giorno e notte. Ho visto anche gli angeli e cantavano in cielo e le porte e le strade del cielo erano rivestite di oro puro. In seguito, Gesù mi ha detto di tornare nel mondo e raggiungere il mio scopo sulla Terra e di informare gli altri cristiani circa quello che ho visto."

Commentando la testimonianza della mamma, il Pastore Ozoemena ha detto:
"Se una donna (vedova) di 67 anni, ha ancora qualche scopo da realizzare,
credo che questo sia un campanello d'allarme per noi ed un monito a tutte
le generazioni più giovani di lei".

ALTRI RESUSCITATI DELLA STORIA

I casi di morte apparente son piu' frequenti di quello che si pensa: Nel VII secolo, Celso scriveva:
"Democrito, un uomo di ben meritata celebrità, ha dichiarato che, in realtà, non c'è nessuna sufficientemente certa caratteristica della morte su cui il medico possa basarsi".
Montgomery, facendo rapporto sull'evacuazione del Cimitero di Fort Randall, dichiara che quasi il 2% dei cadaveri esumati erano stati sepolti vivi.
Molta gente nel XIX secolo, allarmata dalla frequenza dei casi di sepolture premature, richiese, come parte delle ultime cerimonie, che fossero praticate ferite o mutilazioni per assicurarsi che non si sarebbero svegliati e l'imbalsamazione ricevette un considerevole incentivo a causa della paura di una sepoltura prematura. Si arrivò anche al punto di installare campane all'interno delle bare ( vedi foto ), nel caso il sepolto si fosse risvegliato.

Ai nostri giorni si da molto più affidamento alla scienza medica
e alla sua capacità di diagnosticare quando una persona è "clinicamente morta",
ma a quanto pare anche la nostra scienza sbaglia.
Un monito che dovrebbe indurre a ripensare a molte leggi che girano intorno
a questi "cadaveri" ma ancora vivi, non ultime quelle sugli espianti degli organi.

fonte
http://www.antikitera.net/news.asp?ID=11591

8 commenti:

  1. Già il fatto che, dicono, sia stata 12 giorni senza bere e che stia benissimo, mi fa pensare a una bufala.
    Se poi ha visto Gesù, con tutti gli annessi e connessi, per me il discorso è chiuso: l'affidabilità di quel che dicono riguardo la signora è pari a meno di zero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah beh, i credenti convinti vedono Gesù,
      la Madonna e tutti gli angeli in colonna anche
      nella bottiglia della Coca Cola.
      Però i casi di morte apparente esistono e sono esistiti.
      Quando muore il cervello ma il fisico no.
      E non credo ci sia di mezzo qualche divinità...

      Elimina
  2. Sono completamente d'accordo sul commento qua sopra.

    Dai ragazzi, non facciamoci ingannare così come dei deficienti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però è divertente come storia!
      Ecco perchè le metto.
      ahahahaha
      Ricordiamo però dove è ambientata la storia,
      in un Paese di certo non paragonabile ad uno qualsiasi
      di quelli industrializzati.
      Quindi il rischio di esser dichiarato morto c'è.

      Hai sentito di quell' anziana dichiarata morta?
      E' accaduto in un paese qui in Italia.
      Il medico l' aveva dichiarata morta sostenendo che ormai
      era nella fase del trapasso, ma il carabiniere
      notò che ancora respirava, anche se in modo quasi impercettibile.
      Infatti era viva, seppur in condizioni gravi.
      Ed è stata ricoverata.

      Elimina
  3. DOPO LA MORTE L ANIMA NON MUORE MAI,O VAI IN INFERNO O PARADISO O CI CREDI O NO IN UN LUOGO CI ANDRAI,QUINDI PRIMA DI MORIRE TI CONSIGLIO DI CREDERCI E PREGARE E SALVARTI L ANIMA,UNA VOLTA MORTO NON COMANDI PIU' SULLE TUE SCELTE MA DI QUELLO CHE HAI FATTO IN VITA,SE PENSI CHE NON ESISTA NULLA DOPO LA MORTE ALLORA NON ESISTI TU,NON ESISTE IL MONDO E I PIANETI IN ARIA,NON ESISTE LA FORZA DI GRAVITA,IMMAGINA QUANTO SEI MICROSCOPICO RISPETTO ALL UNIVERSO DAL PIANETA PIU LONTANO NON VEDREBBERRO NEMMENO LA TERRA FIGURATI TU,NON ESISTE L ANIMA,NON ESISTE IL MALE E IL BENE,E POI CHI HA CREATO LA TERRA I PIANETI E L UNIVERSO?UNO SCIENZIATO MICROSCOPICO O QUALCOSA DI MOLTO PIU GRANDE DELL UNIVERSO? PENSACI IGNORANTE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto, buongiorno a lei.

      Né lei né io siamo sicuri al 100% di cosa ci sia dopo la morte.
      Lei si affida alle parole dei testi sacri, degli uomini religiosi, ma non ha e non avrà mai la certezza di quel che dice. E neanche io dicendo che oltre la morte non c'è nulla.
      Lei mi dà dell' Ignorante solo perché sostiene le sue tesi che non hanno alcuna prova tangibile. Neanche gli scienziati ce l' hanno. Quindi siamo in tanti ad essere ignoranti.

      A me sinceramente di ciò che ci sarà dopo la morte non interessa, a me interessa cosa c'è adesso. Se devi fare del bene, devi farlo per te e per gli altri e non perché dopo la morte ci sarà - forse - qualcosa.

      Cerchi di non attaccarsi troppo ai dogmi, ma soprattutto non cerchi di convincere gli altri che lei sta dicendo e facendo la cosa giusta perché, alla fin fine, neanche lei è sicuro della verità di ciò che dice.

      Un salutone e buon inizio di settimana

      Elimina
  4. Io credo a questo racconto eppoi soprattutto credo in Dio, ma c e una cosa che mi angoscia : il fatto che si può esser seppelliti da vivi perché magari per i medici si e ritenuti morti ed invece si tratta di morte apparente o in un certo senso ritorno alla vita ma cosa si può fare per evitare che si tratti di morte apparente ???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti è un bel problema.
      Per fortuna almeno nell' occidente si riesce a capire se c'è una morte cerebrale o arresto cardio-circolatorio.
      Nei Paesi poveri è più facile che si incappi in questi problemi.

      É capitato che delle persone abbiano avuto arresti cardiaci e, dopo ripetuti tentativi, il cuore abbia ripreso a battere.
      Visto che crede in Dio, deve sperare che dia qualche segno ai medici quando il corpo è pronto a riprendere vita! :D

      Elimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie