Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

venerdì 18 novembre 2011

Internet : USA , legge sulla censura farà strage in rete. Tra i siti a rischio anche YouTube e Wikileaks



Preoccupazione in tutta la Rete per la legge su Internet che il Congresso USA sta discutendo in queste ore. Si parla di censura che si potrebbe ripercuotere sull'intera rete mondiale, visto che alcune estensioni di domini sono posti su server statunitensi.

Secondo questa nuova legge gli Stati Uniti potrebbero costringere i fornitori di servizi Internet a bloccare qualunque sito sospetto di violare il diritto d'autore o la legge sulla registrazione dei marchi con la creazione di una lista nera che potrebbe includere YouTube e Wikileaks.





I difensori della libertà di espressione negli Stati Uniti hanno lanciato l'allarme ed alcuni membri del Congresso si stanno battendo in difesa della libertà di espressione e chiedono il supporto internazionale degli utenti della rete.

"Per anni il governo americano ha condannato paesi come la Cina e l'Iran per il loro blocco di internet. Ma ora l'impatto delle nuove leggi censorie americane potrebbe essere di gran lunga peggiore, perché di fatto bloccherebbe i siti a tutti gli utenti internet in giro per il mondo", sostengo i membri della community Avaaz.

Lo scorso anno una legge simile era stata stralciata prima di arrivare al Senato, ma ora è tornata, anche se in una veste nuova. Come denuncia l'Huffington Post, entrambi i partiti americani lodano il nuovo progetto di legge tanto criticato invece dagli internauti, che accusano il congresso di essere succube dei poteri economici di Hollywood.

Negli Stati Uniti le leggi sul copyright già esistono e fanno il loro corso nell'apparato giudiziario:
"Ma questa nuova legge si spinge oltre, garantendo al governo e alle multinazionali poteri enormi per costringere i fornitori e i motori di ricerca a bloccare i siti internet soltanto sulla base di supposte violazioni. Il bello è che non ci saranno né processi né condanne per crimini di nessun tipo!" concludono gli attivisti di Avaaz.


fonte
http://www.osservatoriosullalegalita.org/11/note/11nov2/1722internet.htm

2 commenti:

  1. Adesso capisco da dove avevano preso l'idea quelli del (ex) governo italiano.
    Sarà dura che riescano a bloccare davvero tutto, però.

    RispondiElimina
  2. Beh se fanno una legge che ad esempio
    preveda una chiusura del server che mostra
    film o spezzoni di film, ci sarà una strage!
    E' come colpire al bowling un birillo e quello fa cadere tutti gli altri.
    Il punto a favore del web è che di server ce ne sono a milioni!
    Rischiano i grossi come YouTube perchè sono i più famosi ed in vista.

    RispondiElimina

Scrivi la tua opinione, ma sempre nel rispetto di tutti

►Per visualizzare gli ultimi post, cliccate su "Carica altro..."
►Per proseguire nella lettura dei post precedenti, clicca su "Post più vecchi"

► Per rimanere aggiornato sui nuovi commenti in risposta al vostro, cliccate su
"inviami notifiche". I nuovi commenti arriveranno direttamente alla vosta mail.
Potrete cancellare l'iscrizione con un click alla mail che riceverete (su annulla iscrizione).
L'iscrizione (ovviamente) è gratuita.

► Mi scuso per aver riattivato, ancora una volta, la MODERAZIONE COMMENTI, ma purtroppo ci sono aziende che pagano utenti per riempire i post dei blog con decine e decine di commenti spam ogni giorno.
Il vostro commento, se non è spam pubblicitario, sarà SEMPRE pubblicato.
Grazie