Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

lunedì 28 marzo 2011

Forum: finta aquilana "L'Aquila è ricostruita".Il copione scritto dal programma dice il falso coprendo il lavoro non fatto dal governo Berlusconi

Una finta aquilana titolare di un negozio inesistente
a Forum dice che L'Aquila è ricostruita.
E' accaduto nella puntata del 25 Marzo scorso.

Gli autori del programma hanno scritto
il copione degli attori della causa descrivendo
la situazione nella città dell' Abruzzo come
se tutto fosse stato risolto ( ricordiamo che il governo
che se n'è occupato è quello in carica, di Berlusconi,
e ricordiamo che Berlusconi è il loro capo).
La realtà è un' altra. Come dicono gli stessi aquilani
e la stessa ex presidente provinciale dell' Aquila.

Una telespettatrice aquilana che stava seguendo
il programma, inorridita ha telefonato alla redazione
per esprimere il suo disappunto.
Dalla Mediaset una risposta che sottolinea
ancora una volta di come il padrone della loro azienda
influenzi tutto e tutti
"La sua è solo una protesta politica"

Sotto al video c'è la lettera inviata da Stefania Pezzopane,
ex presidente della Provincia di L'Aquila
al programma di Mediaset.
"Tra qualche giorno ricorre il secondo anniversario
del sisma e potrà prendere visione lei stessa della
situazione in cui versa realmente la nostra città.
Potrà farsi raccontare dai veri aquilani e non da comparse pagate,
non aquilane, quante attività commerciali
hanno riaperto in centro storico (si contano sulle punta delle dita)
quanti lavoratori sono ancora in cassa integrazione
potrà verificare quante persone vivono
ancora in case provvisorie (circa 23mila)
quante sono ancora sfollate
negli alberghi della costa (quasi 2mila)
e quante vivono nelle caserme.
Potrà verificare lo stato di disagio sociale
in cui versano soprattutto bambini, anziani e i giovani.
Parli con i medici che seguono la popolazione,
per vedere qual è lo stato di depressione.
Le diranno che l’uso degli psicofarmaci è aumentato del 30%.
"



Leggi la lettera inviata a Rita Dalla Chiesa
da Stefania Pezzopane

Striscia la Notizia:un servizio "bufala" a favore del Nucleare?Un servizio di Laudadio per rilevare le (false) inefficienze delle energie rinnovabili



La news è tratta dalla fonte a fondo pagina.
Riporto per dovere di cronaca.
Striscia ha anche risposto alle accuse
( lettera di risposta a fondo pagina )



Su Striscia la Notizia è andato in onda un servizio.
Laudadio intervista un sedicente “esperto di energia”,
tale Massimo Burzi.
Il servizio di Striscia ( clicca per vedere il video )
è tutto orientato a screditare le fonti rinnovabili
e a sostenere subdolamente la scelta scellerata
di investire sul nucleare in Italia. Il servizio di “Striscia”
attacca il fotovoltaico denunciando
la possibilità di manomettere
i contatori Enel, in modo da dichiarare
una produzione di energia maggiorata
e percepire un incentivo statale più alto


Ovviamente l’intervista è tarocca e la fantomatica truffa non è assolutamente possibile perché una delibera dell’AEEG (88/07, 89/07, 90/07) prevede che se un impianto produce dal 30% in più di quanto previsto in base alle tabelle UNI 10349 è immediatamente sottoposto a controllo.

Ma chi è Massimo Burzi,
il personaggio spacciato per “Esperto di Energia”?
Si tratta di un amico intimo di Antonio Ricci (regista di Striscia)
e di tutto lo staff della trasmissione, messo lì per recitare un copione
( vedi le foto ).

"Striscia la Menzogna", dunque, scende in campo a favore delle lobbies del nucleare e del proprio padrone (Berlusconi), reclutando comparse e cercando di screditare un settore (quello delle energie rinnovabili) che in Italia dà occupazione a circa 150.000 persone.
Stronchiamo questo tentativo di manipolazione di massa a favore del nucleare.

Per protestare chiamate il numero verde di Striscia: Numero verde: 800 055 077
Oppure scrivete al Fax: 02 21023666 alla mail: gabibbo@mediaset.it


LA REPLICA DI STRISCIA LA NOTIZIA

“Vostre accuse infondate”

Vi scriviamo in risposta al vostro post odierno
che moltissimi telespettatori, seguendo il vostro invito, ci hanno girato.

Ci teniamo a precisare, in primo luogo, che le vostre accuse e illazioni sono del tutto infondate e sinceramente incomprensibili. Il fatto di denunciare una truffa è la cosa più normale per Striscia la Notizia: lo abbiamo sempre fatto, nei settori più disparati, e non vediamo perché questa volta dovrebbe essere diversa da tutte le altre. Siamo favorevoli alle energie rinnovabili e non c’è in noi il minimo intento di fare campagna a favore del nucleare: vi invitiamo a rivedere il Tapiro consegnato ieri da Staffelli al ministro Romani (filmato), e l’intervista di Cristina Gabetti a Jeremy Rifkin (filmato), trasmessa il 1° gennaio 2011.

Domani, inoltre, abbiamo già programmato la messa in onda di un servizio in cui si darà spazio e risposta a tutte le obiezioni sollevate nei confronti del servizio di Max Laudadio e sarà data voce a chi opera nel settore del fotovoltaico.

Precisiamo infine che Massimo Burzi è un imprenditore attivo da molto tempo nel campo dell’energia e quindi assolutamente titolato a dire la sua sull’argomento. Il fatto che conosca personalmente Antonio Ricci è quindi del tutto irrilevante nello specifico dell’inchiesta.
A questo proposito potrete trovare sul nostro sito http://www.striscialanotizia.mediaset.it/ ulteriori chiarimenti.

Vi invitiamo quindi a seguire i nostri prossimi servizi sull’argomento.

Cordiali saluti

La Redazione di Striscia la Notizia


fonte news
http://violapost.wordpress.com/2011/03/24/esclusivo-striscia-la-notizia-assolda-comparse-a-favore-del-nucleare-ecco-le-prove-foto/

sabato 26 marzo 2011

Attenzione alle chiamate dal numero 0961021502 Una truffa che arriva da Catanzaro



E' capitato e capita da giorni di ricevere
delle chiamate da un numero di telefono fisso:
lo 0961021502.
La prima volta che non ho risposto non ho
fatto caso a chi possa essere ( non avendo a che fare
con qualcuno che abbia quel numero ),
ma dopo un' altra chiamata ho risposto.

Appena si apre la chiamata si sente un rumore che sembra
un fax e l' addebito è di 0.19 centesimi.
E' una cifra irrisoria, ma sa di truffa visto che neanche
nel web risulta questo numero e chi ha chiamato
non ha ricevuto risposta, ma solo la telefonata
che si chiudeva da sola.
E' successo ad un inglese ( o americano non si sa visto che scrive
in inglese ) che dice su di un forum:

"Calls all the time. Does not leave any message"
( Mi ha chiamato più volte. Non lasciano alcun messaggio )

"I keep getting calls from this number.
Someone can tell me who he is?
No one speaks when I answer the call and after a bit 'put down"
( Continuo a ricevere telefonate da questo numero.
Qualcuno può dirmi chi è?
Nessuno parla quando rispondo alla chiamata
e dopo metto giù
)

Il prefisso 0961 è della provincia di Catanzaro.
Il numero non si sa di chi sia,
ma questo basta per creare almeno dei dubbi.
Potrebbe trattarsi della solita truffa
delle chiamate, dove chi risponde perde
del credito telefonico senza udire nessuno
parlare dall' altro capo del telefono.
I numeri sono generati da un apparecchio
che chiama i numeri seguendo un elenco
casuale. Il malintenzionato intasca i soldi
di chi risponde e di chi, vedendo la chiamata persa
sul cellare decide ( a sue spese e a sua inconsapevole
incoscienza ) di chiamare il numero, spendendo
così moolto di più dei 0.19 centesimi.

Oppure può essere altro...

UTENTE V.
"This number has phoned me too on my mobile phone, and I've just discovered 0961 is the code number of Catanzaro (south Italy). Probably it's a Catanzaro advertising society that use direct marketing strategies to promote something and phones to random numbers. This could explain why nobodies reply when calling back and why the phone number can not be found on internet (these phone numbers are not made known)."

( Questo numero mi ha telefonato anche sul mio cellulare,
e ho appena scoperto che 0961 è il numero di codice
di Catanzaro (Sud Italia). Probabilmente è una società
di pubblicità di Catanzaro che utilizza strategie
di
direct marketing per promuovere qualcosa
e telefoni a numeri casuali. Questo potrebbe spiegare
perché
nessuno risponde quando si chiama di nuovo
e perché il numero di telefono non può essere trovato
su internet ( questi numeri non vengono resi noti ).
)

Ci facciamo riconoscere anche all' estero,
come sempre eh?


Articolo di Lapenna Daniele

giovedì 24 marzo 2011

Nube tossica Fukushima: le pasticche NON sono efficaci.Ecco i rischi per la salute e le sostanze fuoriuscite dalla centrale



Prima i governi hanno sottovalutato il problema.
Ora anche il governo italiano si sta "armando"
di pillole per prevenire tumori e leucemie.
Ma sono veramente necessarie?
Se la nube tossica si mischia con le nuvole
e cada pioggia radioattiva su bacini acquiferi
e quindi su frutteti, verdure, acque bevute da animali,
non avremo carni, verdure, frutti radioattivi ?
Esiste veramente una protezione contro
questo enorme disastro ambientale mondiale ?
Ovviamente i governi non precisano a chiare parole
che le pastiglie di iodio RIDUCONO
il rischio di tumore alla tiroide

e quindi non prevengono al 100% da questa malattia.


Intanto andiamo a capirci qualcosa di più
sulle conseguenze sulla salute.
Ci accompagna nella comprensione dei rischi per la salute
il dottor Michele Lagioia, direttore medico
di presidio dell'Istituto Clinico Humanitas di Rozzano (Mi)


RISCHI PER LA SALUTE

I rischi per la salute nel caso di esposizione
a radiazioni vanno distinti in acuti e cronici.

Nell’immediato, se esposti a radiazioni eccessive,
si avrà arrossamento cutaneo, perdita di capelli,
sindrome acuta da esposizione ionizzante.
È importante sottolineare che la fase acuta,
legata all’energia radiante e termica, interessa
solo gli individui che si trovavano sul luogo
al momento dell’incidente o che vi si trovano
tutt’ora nella gestione della catastrofe.
Questa fase coinvolge meno o affatto il resto della popolazione.

I rischi definiti cronici invece sono legati
all’interferenza delle sostanze radioattive
con il DNA. L’unico riferimento a questo proposito
è ciò che accadde in Giappone nel 1945
(la catastrofe di Chernobyl del 1986 è ancora
troppo recente):
entro i dieci anni da quella tragedia si registrò
un aumento dei casi di leucemia,
e a più di dieci anni dall’esposizione si registrò
un aumento delle altre forme tumorali, con eccezione
per il tumore della tiroide.

La situazione viene gestita in maniera efficace
dal governo giapponese, per ridurre i rischi è importante
limitare il consumo di vegetali, latte e derivati prodotti
nelle vicinanze della zona interessata.


PIOGGE RADIOATTIVE

Occorre però tenere conto della grande influenza
della meteorologia: una pioggia radioattiva può
contaminare anche una zona distante un centinaio
di chilometri. Anche l’Italia, così come altri
Paesi europei, ha preso misure precauzionali:
è stata infatti bloccata l’importazione di prodotti
alimentari dal Giappone, una misura importante
e largamente preventiva.

Il governo nipponico ha inoltre fornito consigli generici,
ma estremamente preziosi:
chiudersi in casa, chiudere i sistemi di ventilazione,
non tenere in casa gli abiti che si indossavano al momento
dell’incidente, consumare senza paura gli alimenti sigillati,
che non possono essere stati contaminati.


LE SOSTANZE RADIOATTIVE: EFFETTI E RIMEDI

La centrale nucleare rilascia cesio e iodio
ed è proprio per questo che alla popolazione
colpita vengono somministrate le pastiglie di iodio.

Lo iodio radioattivo a contatto con l’organismo
colpisce come unico organo la tiroide, possiamo
dunque prevenire il tumore alla tiroide saturandola
in iodio e rendendola non captante.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità precisa
che si può ridurre ( e sottolineamo RIDURRE IL RISCHIO
NON eliminarlo al 100% )
il rischio di tumore tiroideo
a lungo termine se le pastiglie vengono assunte prima
o immediatamente dopo. Nel caso giapponese
è evidente che, se il prima non è stato possibile,
l’immediatamente dopo è quello su cui si sta lavorando
in maniera eccellente.
Le autorità sanitarie giapponesi stanno
dimostrando un efficiente controllo della catastrofe.

Si viene a contatto con iodio e cesio per inalazione
o per ingestione. L’inalazione viene prevenuta stando
a distanza dalla zona coinvolta, il raggio di distanza
si calcola misurando la radioattività particellare sospesa.
Per quel che riguarda l’ingestione, occorre evitare
ciò che può entrare nell’organismo mediante l’alimentazione.

fonte
http://www.sanihelp.it/news/12378/rischi-salute/1.html
http://www.sanihelp.it/news/12377/esposizione-iodio-cesio/2.html

mercoledì 23 marzo 2011

Radiazioni Centrale Fukushima: a cosa serve la pasticca di iodio?



Dalle ultime notizie si viene a sapere che il governo
sta preparando pasticche di iodio contro la sostanza
sprigionata dalla centrale nucleare di Fukushima.
Ma a cosa serve? Come si somministra?

In primo luogo è importante sottolineare, per il conforto di tutti, che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha recentemente chiarito in un decalogo gli aspetti più importanti a proposito dell’esposizione alle radiazioni. Occorre poi evidenziare come possano esservi diverse tipologie di esposizione: le radiazioni rilasciate da una bomba atomica sono profondamente differenti da quelle che interessano la centrale di Fukushima. La centrale rilascia cesio e iodio ed è proprio per questo che alla popolazione colpita vengono somministrate le pastiglie di iodio.

Lo iodio radioattivo a contatto con l’organismo colpisce come unico organo la tiroide, possiamo dunque prevenire il tumore alla tiroide saturandola in iodio e rendendola non captante.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità precisa che si può ridurre il rischio di tumore tiroideo a lungo termine se le pastiglie vengono assunte prima o immediatamente dopo. Nel caso giapponese è evidente che, se il prima non è stato possibile, l’immediatamente dopo è quello su cui si sta lavorando in maniera eccellente. Le autorità sanitarie giapponesi stanno dimostrando un efficiente controllo della catastrofe.

Si viene a contatto con iodio e cesio per inalazione o per ingestione. L’inalazione viene prevenuta stando a distanza dalla zona coinvolta, il raggio di distanza si calcola misurando la radioattività particellare sospesa. Per quel che riguarda l’ingestione, occorre evitare ciò che può entrare nell’organismo mediante l’alimentazione.

fonte
Il dottor Michele Lagioia, direttore medico di presidio dell'Istituto Clinico Humanitas di Rozzano (Mi)
intervistato su http://www.sanihelp.it/

giovedì 17 marzo 2011

Veronesi contro i tumori ma a favore del nucleare



Mentre il ministro dell' ambiente Prestigiacomo
spara in un fuori onda
"Basta, non possiamo perdere le elezioni per il nucleare",
e ha il coraggio di dire
"non siamo insensibili a ciò che sentiamo dal Giappone,
noi ci teniamo alla salute degli italiani,
e quindi AVANTI COL NUCLEARE",
Veronesi ( senza l' appellativo "dott." )
si permette di aggiungere cazzate su cazzate:


Veronesi ha dettato una lunga dichiarazione:

"Le gravi vicende dei quattro reattori
giapponesi impongono inevitabilmente (..)
di mettere da parte lo sgomento e prendersi
una pausa di riflessione profonda.
Le caratteristiche di eccezionalità
degli eventi giapponesi, dove al terremoto
si è associato lo tsunami e poi l'incidente atomico,
ha risvegliato in tutti noi paure ataviche
e visioni apocalittiche, oltre che dolore
e solidarietà sincera per la gente e per gli eroi,
tecnici e scienziati, che tentano in ogni modo

di salvarla.

Io rimango convinto che il mondo non può fare a meno del nucleare per sopravvivere, tenendo conto che petrolio, carbone e gas hanno i decenni contati e che sono nelle mani di pochissimi Paesi, che stiamo avvicinandoci ai 7 miliardi sul Pianeta con bisogni sempre maggiori di energia, e che le altre fonti di energia non sono attualmente sfruttabili in modo tale da assicurare la copertura del fabbisogno.


Mi dispiace amici miei,
ma per la prima volta non riesco a trattenermi.
Dott. Veronesi, ma che CAZZO DICE???

L' eolico, il solare, sono energie pulite,
ma sporcate da mafia, dallo Stato, e dallo
sporco sporchissimo denaro di merda
che esiste in questo mondo.
Altrimenti la, anzi LE soluzioni ci sarebbero!
In Giappone è bastato un gran terremoto
a far vedere quanto sia pericolosa una centrale nucleare.
In Italia non può succedere?
Peccato che questa mappa dice il contrario.
Il nostro Paese è a rischio sismico elevato.
Prof. Veronesi, si continui ad occupare del
suo lavoro, perchè non so nel campo dell' oncologia,
ma per quanto riguarda le fonti di energia,
non ci capite un CAZZO.


Articolo di Lapenna Daniele

Facebook: vuoi proteggere la privacy delle tue foto? Chiedi aiuto ai tuoi amici.Ecco come fare



Ancora Facebook. Ancora problemi di privacy.
Ma come si possono proteggere le proprie
foto in modo che altra gente che non conosciamo
le veda, le salvi e ne faccia un uso proprio?
Il metodo migliore sta nel non caricarle affatto.
Ma l' altro è nelle mani dei nostri amici,
i quali hanno nelle vostre mani la sorte
delle loro foto.Come? Andiamo a vedere.


PROTEZIONE DELLA BACHECA

Come ho già ampiamente scritto e spiegato
nei precedenti post
( Privacy su Facebook e
Foto e Video rubati e sparsi nel web ),
se un tuo amico
che ha la bacheca visibile "a tutti"
invece che "solo amici" commentasse
una tua foto, un altro utente estraneo
cliccando sulla parolina foto
( "Tizio ha commentato la FOTO di Caio" )
visualizzerebbe la vostra foto.

Per evitare questo inconveniente
e proteggere le vostre foto basta
chiedere a tutti i propri amici
di impostare la bacheca in
"visibile solo ad amici".
Loro possono chiederlo di farlo a loro volta
a tutti i loro amici così da poter
proteggere le proprie foto,
e a loro volta proteggendo le proprie
grazie all' aiuto degli altri.


COME FARE

Basta andare in alto a destra

Account --> Impostazioni sulla Privacy
--> Personalizza impostazioni ( IN BASSO )
su Elementi che condivido
--> Post pubblicati da me
mettere SOLO AMICI.

Anche se consiglio di mettere tutto
su SOLO AMICI.
Così come in basso a
"Modifica le tue impostazioni sulla privacy
per gli album fotografici esistenti".
Cliccate e modificate in modo da farli
visualizzare solo a chi volete voi.

Inoltre andando a

Account --> Impostazioni sulla Privacy
--> Connessione su Facebook
Controlla le informazioni di base che i tuoi
amici useranno per trovarti su Facebook.
Visualizza le impostazioni

potete modificare altre informazioni
come città, amici visualizzati ed altro.

Invece a

Account --> Impostazioni sulla Privacy
--> Applicazioni e siti Web
Modifica le tue impostazioni relative
all'uso di applicazioni, giochi e siti Web.
--> Rimuovi le applicazioni indesiderate o che inviano spam

visualizzerete le migliaia di applicazioni
che avete usato sin ora su Facebook.
Cliccate su RIMUOVI e dopo aperta la pagina,
su MODIFICA IMPOSTAZIONI sulla destra.
Leggerete cose stupende come
"Questa applicazione può:
accedere alle tue informazioni di base
alle tue foto
ai tuoi video..."
eccetera eccetera...

Ecco come ve lo mette in quel posto
Farmville, Calendar, Hearts,
e tantissime altre applicazioni.

Buona privacy a tutti!


Articolo di Lapenna Daniele

************ ENGLISH ************

Even Facebook. Yet privacy issues.
But how can you protect your
photo so that other people do not know
see them, to save them and make it a personal use?
The best method is to not load at all.
But the 'other is in the hands of our friends,
who have the fate in your hands
their foto.com? Let's see.


PROTECTION OF THE WALL

As I have written extensively and explained
in the previous post
(Facebook and Privacy
Photos and videos stolen and scattered around the web)
if your friend
bullet in board that has visible "to all"
rather than "just friends" comment
a picture of, another person outside
clicking on the little word pictures
("Tom said the PHOTO of Jack")
would display your photos.

To avoid this
and protect your photos just
ask all your friends
Set the bulletin board
"Visible only to friends"
They may ask to do it themselves
to all their friends so they can
protect their photos,
protecting themselves and their
thanks to 'help from others.


HOW DO

Just go to the top right

Account -> Privacy Settings
-> Custom settings ( ON DOWN )
elements of which I agree
-> Post published by me
FRIENDS ONLY place.

Although the board to put everything
FRIENDS ONLY on.
Just as in the lower
"Change your privacy settings
to existing photo albums".
Click and modified to make them
only to those who want to see you.

Also going to

Account -> Privacy Settings
-> Connect on Facebook
Check the basic information that your
friends use to find you on Facebook.
Display settings

other information can change
as a city, friends and other displays.

Instead,

Account -> Privacy Settings
-> Applications and Web sites
Change your settings
use applications, games and Web sites
-> Remove unwanted applications and which send spam

will see the thousands of applications
who have used since now on Facebook.
Click on the REMOVE and then open the page,
Change settings on the right.
Read wonderful things as
"This application can:
access to your information base
your photos
your video ... "
etc. etc. ...

Here's how you put it in that place
Farmville, Calendar, Hearts,
and many other applications.

Good privacy at all!


Article by Daniele Lapenna

lunedì 14 marzo 2011

Animali: baciare cani e gatti fa male alla salute?



Gli animali domestici sono sempre un’ottima compagnia. Per molti di noi sono addirittura di più di semplici bestiole, c’è infatti chi tratta cani e gatti come componenti veri e propri della propria famiglia facendoli dormire nel letto, comprandogli accessori di svariato tipo e addirittura baciandoli in bocca. Questo ultimo comportamento da parte dei padroni, però, potrebbe rivelarsi dannoso per la salute umana. Come spiega il dott. Paolo Maza, vice-direttore del college di Medicina Veterinaria presso la Cornell University, se non trattati adeguatamente, i baci del proprio cane e gatto possono diventare nocive poiché la salute dell’uomo è più vulnerabile di quella animale

Tra l’uomo e l’animale domestico ci sono molti batteri del cavo orale che sono in comune. Se però cane e gatto non sono puliti e curati in maniera idonea, le “leccatine” possono trasmettere diverse malattie. E’ importante mantenere curata l’igiene orale del proprio pet lavandogli i denti e pulendogli la bocca. Con questi accorgimenti, la bocca di un amico a quattro zampe può diventare persino più igienizzata di quella di un uomo.

Per esempio, per le persone con una bassa difesa immunitaria affette da HIV o altre malattie, ma anche per soggetti deboli e a rischio come gli anziani, dovrebbero evitare di baciare i propri animali domestici perché la resistenza del loro organismo è molto bassa e sono più facilmente sottoposti a infezioni batteriche o da germi.

Se poi non riuscite proprio a rinunciare a questi
gesti affettuosi dei vostri amati animali, allora non dimenticatevi di:
lavare bene la bocca del vostro animale;
non fare mangiare loro gli avanzi della spazzatura
e pulire regolarmente le ciotole di cibo e acqua!

fonte
http://www.ecoo.it/articolo/animali-baciare-cani-e-gatti-fa-male-alla-salute/12813/

domenica 13 marzo 2011

Piano casa in Liguria:il mostro dell' edilizia mangiasuolo. Da nord a sud le modifiche delle Regioni distruggi-ambiente



L' invenzione straordinaria del premier berlusconi
ha dato linfa vitale all' edilizia, e quindi
al denaro in circolo a causa delle crisi
economica degli ultimi anni.
Peccato però che il piano casa ha l' obiettivo
di eliminare le ormai poche zone non cementificate
nelle regioni.

La legge stupenda ideata dal premier permette
di distruggere in totale libertà ( ecco perchè
"popolo delle libertà" ) tutto l' ambiente circostante.
I presidenti di Puglia, Lazio, Piemonte ed altre
regioni d' Italia hanno già attivato i loro
super cervelli per modificare il piano casa
a loro piacimento.

Prendiamo il caso orribile della Liguria.

"Il nuovo provvedimento, le cui disposizioni
saranno in vigore fino al 31 dicembre 2013,
mira a promuovere l'adeguamento funzionale,
architettonico e ambientale degli edifici
anche attraverso l'applicazione di nuove
tecnologie per la sicurezza antisismica,
l'efficienza energetica e la sostenibilità
ambientale (?!?!) degli edifici
"

Belle idee ma vediamo in dettaglio
le modifiche.

Ampliamenti anche per gli immobili parzialmente condonati

La nuova legge prevede la possibilità di un ampliamento
del 20% della volumetria anche per gli immobili
parzialmente condonati, sottraendo però la volumetria
già condonata.
Ricavare un vano in una cantina da attrezzi agricoli,
o chiudere un sottoscala per metterci le patate
sono condoni di tipo 1.
In Liguria
–sottolinea il presidente della Regione Claudio Burlando-
non ci sono stati grandi abusivismi.
Aprendo agli edifici oggetto di minimi condoni,
consentiamo, per la stragrande maggioranza
a case di campagna, di aggiungere un vano

Demolizioni e ricostruzioni

Il disegno di legge consente inoltre un aumento
di cubatura fino al 35% per gli edifici residenziali
che vengono demoliti e ricostruiti.
Possono essere abbattuti e ricostruiti
solo gli edifici incongrui e fatiscenti, nel rispetto
delle destinazioni d'uso previste dagli strumenti
urbanistici comunali. Per quanto riguarda il
concetto
di “sito per la ricostruzione”, viene stabilito
che la ricostruzione può avvenire entro 25 metri
dal perimetro dell'edificio esistente,
anziché entro 5 metri come fissato in precedenza.


Quota a favore dell'Erp

Infine, viene previsto che il 20% degli edifici
non residenziali demoliti e ricostruiti sia destinata all'edilizia residenziale pubblica (Erp);
è inoltre ammessa la monetizzazione e la somma corrisposta al Comune dovrà essere destinata
all'edilizia convenzionata.

A molti forse non fregherà una beata mi...ia
ma in alcune regioni c'è lo schifo.
Ad esempio in Sardegna si è stabilito che
non si può costruire sul mare ( che bello! )
perchè si va a deturpare il paesaggio stupendo,
ma a un tot di km ( era fissato a 2 km ).
Chi rispetta la legge e costruisce più lontano dal mare
ha come un bonus, può costruire aumentando
la zona dove immettere cemento.
Come dire "Io costruisco a 5 km, e posso fare
un hotel grande il doppio di quello che avevo
in progetto".

Grazie piano casa.
Grazie premier.
Addio natura..


Articolo di Lapenna Daniele


fonte news Piano casa Liguria
http://www.casaeclima.com/index.php?option=com_content&view=article&id=6746:piano-casa-la-liguria-ha-una-nuova-legge&catid=1:latest-news&Itemid=50

giovedì 10 marzo 2011

FOTO, VIDEO e TESTI personali "rubati" e sparsi nel web: ecco come i nostri personali file multimediali varcano le norme della privacy



Dopo aver parlato della privacy di Facebook
che permette ad altri di accedere alle nostre
foto,ora parliamo più in generale includendo
qualsiasi sito web.
L' articolo ha l' intento di mettere in guardia
qualsiasi utente che usa il web e che si
indispettisca quando scopre che le sue foto
possono essere divulgate a sua insaputa.


FILE RUBATI: QUALI ED IN CHE MODO VENGONO RUBATI?

Iniziamo a parlare di quali file possono
essere "rubati".Ed anche in che modo.
In generale sono tutti i file multimediali,
dalle foto e video sino ai documenti PDF o articoli
su blog e siti web.
L' esempio per far capire come sia facile rubarli,
è scrivere su Google Immagini una parola qualsiasi
( ad esempio cascata ) e guardare le tantissime immagini
che escono dalla nostra ricerca.
Noteremo diverse foto tra le quali però tante
UGUALI ma avente nome diverso e situati in siti diversi.
Secondo voi quella foto che vedete più volte
nella vostra ricerca da chi è stata "rubata"?
Il proprietario di quella foto ha concesso l' uso
della sua immagine?
Oppure lui è all' oscuro di tutto?
Anche se scrivete ad esempio "uomo" troverete
delle foto che potrete salvare e farne l' uso che volete
senza sapere se il proprietario della stessa,
o peggio ancora il soggetto della foto sia daccordo
nell' uso smoderato della sua immagine.
Può essere che non lo sia ( diventa così famoso in web )
o che lo sia.
Così allo stesso modo le vostre foto possono essere
copiate.

Per Facebook ho spiegato nel post precedente come
si possono copiare le foto, ma anche per altri siti
è più o meno la stessa cosa.
Ad esempio il sito Flickr.com che permette
il caricamento di foto, protegge la copia delle stesse
bloccando l' opzione "Salva con nome" dal tasto destro
del vostro mouse. Ma il metodo semplicissimo
per copiarle ugualmente consiste nel premere
il tasto "STAMP" presente a destra della tastiera
sopra il "CANC" ( spesso è riportato sullo stesso tasto
"STAMP - RSIST" ), aprire il programma Paint,
e fare dal menu sovrastante "MODIFICA -> INCOLLA".

E lo stesso vale per i Video.
Esistono ormai migliaia di programmi ( ed anche
siti web ) che permettono di scaricare i video
da YouTube o da altri siti che danno la possibilità
di caricare video in rete.
Dopo aver scaricato un video, chiunque può farne
l' uso che vuole, anche recriminare che sia opera
sua e non del proprietario originale.
YouTube in questo senso permette anche di nascondere
un video caricato a tutti gli utenti web e di
condividerlo solo con chi decidiamo noi.
Ma altri siti non agiscono allo stesso modo.

Anche le opere presenti su siti di poesie
possono essere copiate. Il proprietario
del sito può anche bloccare i tasti destro e sinistro
del mouse con il quale si può copiare un testo,
ma esistono altri stratagemmi per effettuare le copie
di testi.
Uno è quello dello STAMP sopracitato, l' altro
è ovviamente lo scrivere di sana pianta il testo
che si sta leggendo, l' altro nell' accedere al testo
andando nel codice sorgente della pagina che,
se viene bloccato il tasto destro, può essere visualizzato
premendo, quando si è nella pagina web, il tasto
"della finestrella con la freccetta" ( vedi immagine sotto )
situato a sinistra del "CTRL" presente alla destra della
tastiera, vicino alle quattro freccette.



IL SISTEMA DEI TERZI

Come spiegavo, Facebook ( e molto probabilmente
altri siti web ) permettono la copia di file
utilizzando la "visualizzazione a terzi".
Tu sei UNO, Facebook è il DUE, e il TERZO è un utente
che vede ad esempio il tuo VIDEO, lo scarica,
mette la sua firma e lo spaccia per suo.
Oppure vede la tua foto, la salva
e la mette come immagine del profilo
spacciandosi per TE.
O potrebbe usare la tua foto per fare dei video,
per metterle a siti web o per altri usi che tu
non concedi DIRETTAMENTE ma INDIRETTAMENTE.

COME POSSO PROTEGGERE I MIEI FILE ?

Il web è un mondo pieno di gente astuta che riesce
ad aggirare tutti i blocchi ed arrivare al
suo obiettivo. Come gli hacker che riescono
ad accedere ai siti dei governi senza alcun problema.
Le licenze di protezione del copyright
che possono essere ottenute da alcuni siti
sono la soluzione successiva, quando c'è il reato
di appropriazione di materiale senza consenso
del proprietario. Si può procedere ad esempio
ad una denuncia.
Ma forse il metodo migliore sta nell' evitare
di caricare le nostre foto od altri file
se li riteniamo strettamente personali,
ed inviarli via mail se vogliamo farli vedere
solo a determinate persone.
Denunciare costa denaro, e se proprio le nostre foto,
video, poesie o articoli non valgono denaro,
ignoriamo la cosa e teniamo le foto personali
solo sul nostro PC.


Articolo di Lapenna Daniele

domenica 6 marzo 2011

Privacy su Facebook: lo sapevi che le foto e i video che carichi diventano proprietà del Social Network?



A fondo pagina un esempio
pratico per vedere
come le vostre
foto vengono diffuse a vostra insaputa nel MONDO


Chi di voi non ha caricato sul social network
più famoso al mondo le proprie foto?
Tutti.
E quanti sanno che ogni foto caricata diventa
proprietà dello stesso Facebook?
No?

Prima di confermare l' iscrizione al sito, Facebook
vi invita a leggere le Normative sulla Privacy
e vi sottolinea come iscrivendovi accettate le stesse.
Se non vi sta bene qualcosa ovviamente
non vi iscrivete.
Ma quanti di voi ha "perso" tempo a leggere
tutto quel popò di roba che il sito ci invita a leggere?
Nessuno.
Ecco cosa dice in merito alle foto caricate sul sito:


2. Condivisione dei contenuti e delle informazioni
L'utente è il proprietario di tutti i contenuti e le informazioni
pubblicate su Facebook e può controllare in che modo
possono essere condivise mediante le impostazioni
sulla privacy e le impostazioni delle applicazioni.

Inoltre:


1. Per quanto riguarda i contenuti coperti da diritti
di proprietà intellettuale, ad esempio foto e video ("Contenuti IP"),
l'utente concede a Facebook le seguenti autorizzazioni,
soggette alle impostazioni sulla privacy e delle applicazioni:
l'utente fornisce a Facebook una licenza non esclusiva,
trasferibile, che può essere concessa come sotto-licenza,
libera da royalty e valida in tutto il mondo,
che consente l'utilizzo di qualsiasi Contenuto IP pubblicato
su Facebook o in connessione con Facebook
("Licenza IP").
La Licenza IP termina nel momento in cui l'utente elimina
i Contenuti IP presenti sul suo account, a meno
che tali contenuti non siano stati condivisi con terzi
e che questi non li abbiano eliminati.


2. Quando l'utente elimina Contenuti IP,
questi vengono eliminati in modo simile
a quando si svuota il cestino del computer.
Tuttavia, è possibile che i contenuti rimossi vengano
conservati come copie di backup per un determinato
periodo di tempo (pur non essendo visibili ad altri).

Leggi la pagina delle Normative sulla Privacy su Facebook

Le piattaforme esterne di cui Facebook non è responsabile,
e che possono trasmettere informazioni personali a terzi
sono ad esempio le applicazioni dove si inviano gif
( come gli Hearts ) e ovviamente i giochini.
Un utente che non è vostro amico sul sito
può ad esempio visualizzare la vostra foto del profilo,
età o altre informazioni che sono passate grazie a queste
applicazioni che non appartengono a Facebook
ma sono create da utenti del sito.

E S E M P I O

Se nessuno usa le applicazioni di Facebook
( come gli Hearts o i giochini tipo Farmville )
non si condividono le informazioni personali,
ma le foto e video SI.
Ad esempio cari amici,
provate a fare questo esperimento e capirete come sono
visibili le vostre FOTO nel MONDO.

Trovate un profilo di un qualcuno che
NON avete fra gli amici e che abbia impostato
la BACHECA visibile a TUTTI.
Bene, se questo tizio COMMENTA
una foto ( la sua o di un suo amico ),
voi vedete sulla sua bacheca
"Tizio ha commentato la FOTO di Caio"
e sapete che SE CLICCATE su FOTO
visualizzerete la foto di Caio,
un utente che non conoscete,
del quale non avete neanche amici in comune?
Ecco l' esempio papale papale
della condivisione globale delle vostre FOTO.


La soluzione per difendere le vostre foto e i vostri video
da terzi?
Nessuna. Anzi una c'è.
Non iscrivetevi al sito e così non divulgherete le vostre informazioni.
Perchè secondo voi MySpace che fa?
Badoo che fa?
Leggete quei papiri lunghi 10 kilometri
prima di iscrivervi a qualche sito.
Perchè dopo che cliccate il bottone accettato,
siete fregati!!


Articolo di Lapenna Daniele

giovedì 3 marzo 2011

Verona: vietati piu' di due animali in casa. Insorgono ingiustamente gli animalisti


immagine tgcom.mediaset.it

La notizia è balzata da un blog all' altro scandalizzando
animalisti ed amici degli animali.
Ho inserito nel titolo del post la parola "ingiustamente"
perchè la protesta è del tutto infondata.

Il sindaco di Sorgà Giovanni Bazzani ha imposto
il tetto massimo di due animali domestici
( due cani, due gatti o un cane e un gatto ) per ogni abitazione.

Bazzani, 52 anni, un'impresa di costruzioni e due figli,
si dichiara grande amico degli animali
( possiede tre cani, quattro cavalli e tanto spazio
dove tenerli)
"Non mi sono inventato niente.La materia è già
regolamentata dalla Regione, che stabilisce
il numero massimo di animali d'affezione che possono
essere tenuti in una 'civile abitazione'.
Massimo cinque cani e dieci gatti. Va bene,
ma io mi chiedo: cosa si intende per 'civile abitazione'?
Se uno tiene cinque alani in un appartamento di 60 metri
quadrati, come sindaco devo preoccuparmi o no?".

E infatti il suo discorso non fa una piega.
Avevo già affrontato l' argomento in un altro post
( Amico cane: meglio in giardino o in appartamento? )
dove parlavo di come sia impossibile tenere
animali in casa dove soffrono dacchè è un ambiente
non adatto ad un animale.

C'è chi dice "io porto il mio cane fuori casa ogni giorno"
ma la domanda è "Quando il cane è dentro casa,
vi siete chiesti se viva bene o soffra?".
Madre Natura ha creato noi uomini e gli animali
per vivere sulla terra e non su mattonelle dure.
Ostinarsi a sostenere che un cane stia benissimo
dentro casa e tenere quindi troppi animali
in un piccolo appartamento equivale ad essere
un nemico degli animali, e non un amico.

E questo, l' egoista essere umano
non riesce proprio a capirlo.


Articolo di Lapenna Daniele

mercoledì 2 marzo 2011

Vodafone e le truffe delle ADSL a 10 euro



Come sapete cari amici, il sottoscritto
è affetto dalla nascita da una grave forma
di diffidenza ( come anche altri ),ed è proprio
grazie a questa che ho fatto scoperte eccezionali.

Ecco una delle ultime: la ADSL Vodafone a 9 euro al mese.
Vodafone ADSL Flat Ovunque.


DOV' E' LA SOLITA FREGATURA ?

Sul sito vodafone.it ci colpisce immediatamente la scritta
Navighi senza limiti 24 ore su 24 con l'ADSL fino a 7 mega (1)

Vediamo i costi che riporta il sito

Contributo di attivazione del servizio:
- con richiesta di portabilità del tuo numero fisso:
GRATIS in promozione (invece di 49 €).

- con richiesta di attivazione nuova linea telefonica:
49,50 € in promozione (invece di 99 €).


Contributo mensile:
- con richiesta di portabilità del tuo numero fisso:
19 € per dodici mesi (invece di 34 €).

- con richiesta di attivazione nuova linea telefonica:
19 € per sei mesi (invece di 34 €).

Il contributo mensile è gratis fino all'attivazione della linea ADSL1.


Ecco le belle note poste a piè pagina

1. Il contributo mensile è gratis per un massimo
di due mesi a partire dall'attivazione della SIM.

Dopodichè ecco il primo pacco:
pagamento mensile di 34 euro. E infatti Vodafone ci dice
che con loro non paghi il canone telecom. Certo ma
paghi 34 euro a loro! E' sempre un canone
e pure più alto.

Ma ecco la parte più interessante.
I costi possono essere camuffati ma all' utente
interessa la qualità del servizio.
Ovvio, pago quant'è ma l' importante ho una connessione
a 7 mega come dicono e un servizio impeccabile.
Ma ne siete sicuri?


VELOCITA' "TAPPATA"

Nota N. 2

2. Fino a 1.8 Mbps con 1GB/mese incluso
con la Internet Key della Vodafone Station
inserita nel PC.
Superata la soglia di 1 GB la velocità di navigazione
sarà ridotta a 64 Kbps fino al mese successivo.

Perbacco!!
E 1 GB ( 1000 Mb ) di traffico è un niente per l' utente,
visto che guardare un video su YouTube
può andare dai 13 Mb ai 40 Mb.
Leggiamo in dettaglio prima di commentare la nota
sovrastante.


NAVIGAZIONE

L'effettiva velocità di connessione a 7 Mbps
in ricezione e 512 Kbps in invio dipende dalla capacità,
dal grado di congestione della rete
e dal server da cui ci si collega.

Il servizio di connettività viene offerto tramite
tecnologia ADSL e prima dell'attivazione dell'ADSL,
in tecnologia radio HSPA. Il tempo medio indicativo
di attesa per l'attivazione del servizio ADSL
è di circa 20 giorni dal momento della richiesta
e dipende in ogni caso dalle attività a carico
del proprio operatore di provenienza.

SUCCO: la Adsl ( velocità massima di 7 mega )
non sarà impostata immediatamente alla firma
del contratto, ma ci vorrà minimo un mese,
tempo nel quale la vostra connessione
sarà mediante HSDPA ( un pò meno veloce della ADSL )

Con Internet e Telefono Flat Ovunque
e Tutto Flat Ovunque potrai navigare e telefonare
fin da subito, ancor prima che la linea ADSL venga
attivata, grazie alla rete mobile Vodafone.
Vodafone salvaguarda la qualità del servizio dati
a vantaggio dei clienti per consentire a tutti di navigare
su Internet in libertà e senza problemi.


Per questo motivo, soltanto prima che la linea ADSL
venga attivata, Vodafone potrà limitare la velocità
di connessione per applicazioni che permettono
lo scambio di file di grandi dimensioni
e che quindi possono congestionare la rete
(ad es. peer to peer e file sharing, ovvero scambi
di file su Messenger, download di file dal web
come da programmi tipo Emule, ecc...).
Queste limitazioni, solo in orari di picco di traffico
(tra le 7 e le 24) PRATICAMENTE SEMPRE!
e solo per il tempo necessario, prevedono una velocità
massima di 64Kbps sia in invio(upload)
che in ricezione (download).
Inoltre, qualora i clienti superino la soglia
di 10 GB di traffico in un mese, Vodafone potrà applicare,
per i 30 giorni successivi, le stesse limitazioni sulla velocità
anche alle altre tipologie di applicazioni/traffico internet.

Ecco il bellissimo epilogo:

DURATA

L'offerta ha una durata contrattuale di 24 mesi
e prevede un costo di disattivazione di 40 euro
in caso di recesso anticipato ( come ogni contratto
che si rispetti ).
Inoltre, in caso di recesso anticipato,
Vodafone si riserva la possibilità di richiedere
un contributo di 129 euro commisurato al valore
della Vodafone Station ceduta in sconto merce
al momento della sottoscrizione dell'offerta.


Quindi, io Vodafone ti cedo in regalo la Vodafone Station,
poi tu mi tradisci interrompendo il contratto?
E io ti faccio pagare ciò che ti ho concesso a gratis.

Tutto regolare.
Basta LEGGERE.

E per finire ecco di nuovo ( avevo già postato sul blog
questo link utile ), il link per controllare
la vostra velocità di connessione.
Hai una 20 Mega Telecom Italia?
Lo sapevi che invece stai navigando
a 12 Mega?? Non lo sapevi?
Ecco, clicca e vedi il tuo conta chilom...anzi
contabyte che ti dice.




Articolo di Lapenna Daniele

martedì 1 marzo 2011

Smog: ogni cittadino perde 9 mesi di vita. Milano, Roma, Torino e Brescia le città più inquinate



ROMA -
Continua l'allerta salute per le maggiori città italiane colpite da smog. Critica la situazione per le emissioni di polveri sottili da trasporto urbano: ogni cittadino perde in media 9 mesi di vita per esposizione al particolato. A lanciare questo nuovo allarme è il Centro europeo ambiente e salute dell'Oms.

Secondo dati recenti, nel 2010, 48 capoluoghi di provincia hanno superato il limite giornaliero di 50 microgrammi per metro cubo di polveri sottili oltre i 35 giorni consentiti dalla legge. La conferma arriva anche dalle stime dell'Agenzia europea per l'ambiente che riporta 17 città italiane tra le prime 30 città europee più inquinate, con Torino, Brescia e Milano ai primi posti della classifica.

E a Roma anche nei parchi la concentrazione media annua di polveri sottili rilevata è di oltre 30 microgrammi per mc, più alta della media europea (a 15) pari a 24,6.
"Il Pm emesso dal trasporto su strada
-
afferma Marco Martuzzi, responsabile impatto ambientale
sulla salute del Centro europeo ambiente e salute Oms -
rappresenta la principale fonte di emissione di particolato
ed il suo impatto continua a rappresentare un problema di sanità pubblica
".

Gli impatti si riscontrano in "morti premature e malattie croniche ed acute, diminuzione dell'attesa di vita e della capacità produttiva, costo di migliaia di ricoveri ospedalieri" che indeboliscono "il nostro sistema sanitario".

fonte
http://www.ansa.it/web/notizie/canali/energiaeambiente/rifiuti/2011/02/24/visualizza_new.html_1583813072.html

19enne crea virus su Facebook: Zuckerberg lo assume. Il virus modifica il profilo dell' utente a sua insaputa



ATLANTA –
Infastidisce Facebook e viene assunto dalla società.
Non sapendo cosa fare, il 19enne Chris Putnam,
studente dell’Università della Georgia, ha creato
un virus ‘worm’ in grado di infastidire il social network
creato da Mark Zuckerberg.

Dopo le lamentele degli utenti, ovvero dopo meno di 24 ore,
il giovane, attraverso codici e algoritmi ha attirato
l’attenzione del miliardario più giovane del pianeta
ed è stato assunto dal colosso di Palo Alto.
Ad aiutare il 19enne sono due amici, Marcel Laverdet
e Kyle Stoneman, ma il protagonista è lui.

COME FUNZIONA IL VIRUS

Il virus si diffonde su Facebook con il suo nome,
una richiesta di amicizia, e la modifica
del profilo dell’utente che accetta.
Da lì in poi la possibilità di intervenire sul profilo dell’utente.
Putnam riesce ad infettare anche i profili di alcuni
dipendenti della sede di Palo Alto. Moskovitz,
fondatore di Facebook insieme a Zuckerberg,
rintraccia il ragazzo e lo contatta,
dimostra di stare al gioco, e Putnam esce allo scoperto
definitivamente e rivela i punti deboli individuati
nel social network.

La promessa dell’assunzione era stata una trappola
per un altro hacker, arrestato per aver infiltrato
un virus in MySpace.
Sarò sempre grato a Facebook e alla sua passione
per gli ingegneri stravaganti e con un passato da hacker
“,
ha detto Putman iniziando la sua avventura. Oggi lavora
insieme al suo amico Marcel Laverdet insieme allo staff
del Social Network più famoso del mondo.

fonte news
http://www.leggonline.it/articolo.php?id=109229