Visita la Homepage di tutti i blog

Visita la Homepage di tutti i blog
segui anche la pagina FB

sabato 26 giugno 2010

Facebook Twitter e Youtube a pagamento in estate?




Su Facebook era apparso un gruppo
"No a Facebook a pagamento nel 2010!",
e come si può facilmente ( mica tanto ) immaginare,
il numero degli iscritti era salito oltre il milione.
In realtà era un gruppo bufala, ma ora
forse non potrebbe essere più così.

Ning, la piattaforma che per lungo tempo
ha conteso il primato di utenti registrati
a social media come Youtube, Facebook, Twitter
e MySpace chiuderà entro l'estate
tutti i servizi gratuiti.
Per chi ha realizzato un social network con Ning
non resta che piegarsi a una delle tre
soluzioni a pagamento previste dai proprietari
o trasmigrare su altre piattaforme gratuite.

La chiusura dei servizi gratuiti potrebbe
risultare un evento apocalittico per
molti utenti socialnetwork-dipendenti del web.
Infatti cosa accadrebbe se un giorno
Facebook e Google decidessero di fare
pagare l'accesso ai propri account?
Pagare per pubblicare un video o mettere dei post?
L'era dei servizi free sta forse per finire?


Articolo di Lapenna Daniele


fonte notizia
mensile Idea Web anno X N.7 Luglio 2010

Download MP3 foto e video dal web direttamente da Google in un click



Ormai ci sono mille metodi per scaricare mp3 dal web, ma pochi conoscono il modo di usare Google per spulciare file pubblici.

Nel web gli utenti caricano i loro file rendendoli
spesso disponibili, come foto, video e mp3.
Vediamo come.



Mettiamo caso vogliamo trovare la canzone Ciao di Ciccio Pasticcio.
Andiamo su Google e scriviamo la seguente stringa nella casella di ricerca

intitle:index.of "parent directory" ciao ciccio pasticcio mp3

e premiamo ricerca.
Ci appariranno le cartelle degli utenti che contengono il file suddetto con quel nome. Ci basterà entrare in un sito dell' elenco, andare sul link fare tasto destro "salva oggetto con nome" oppure "salva destinazione con nome".

Unico accorgimento:
controllare che al passaggio del mouse sul link, appaia sotto il nome del file ".mp3". A volte i link sono a pagine html spesso con virus presenti. Se passando il mouse, all' uscire della manina appare sotto al
vostro browser "ciccio-pasticcio.HTML" cambiate sito. Se appare "ciccio-pasticcio.MP3"
allora salvate il file tranquillamente.

La ricerca può essere fatta anche per foto e video. Basta cambiare l'oggetto della stringa.
Ad esempio

intitle:index.of "parent directory" ciccio pasticcio mpg

troverà il video corrispondente.
Con

intitle:index.of "parent directory" ciccio pasticcio jpg

troverete le immagini.

Ovviamente sostituendo il termine con altro ( paesaggi, case, sfondo, ecc.. ) trovere altri generi.

AVVISO
Non mi assumo alcuna responsabilità se gli utenti scaricano materiale illegale. Ci sono foto pubbliche rese tali per poterle salvare ed usare gratuitamente. Se si sceglie di salvare un file protetto da copyright, la responsabilità è di chi decide di salvarlo.


BUON DOWNLOAD!

domenica 20 giugno 2010

Il pedone è responsabile anche se l'incidente è sulle strisce pedonali



Il pedone? È l’unico colpevole, in caso di incidente,
anche se ha attraversato sulle strisce pedonali.
A decretarne l’esclusiva responsabilità è il rapido
attraversamento.
Parola di Cassazione (sentenza 14064/10) che ha respinto
la protesta di una signora milanese, investita da un motociclista
mentre attraversava sulle strisce riservate ai pedoni.

La signora chiedeva di essere risarcita per le lesioni riportate.
Per la Suprema Corte, che ha negato il risarcimento dei danni,
il fatto che la signora fosse sulle strisce non la esime
dall’essere l’unica responsabile dell’incidente.

Infatti «il pedone il quale attraversi la strada di corsa
sia pure sulle apposite strisce pedonali immettendosi
nel flusso dei veicoli marcianti alla velocità imposta
dalla legge, pone in essere un comportamento colposo
che può costituire causa esclusiva del suo investimento
da parte del veicolo».
Il pedone, è l’unico colpevole se l’investitore
«dimostri che l’improvvisa ed imprevedibile comparsa
del pedone sulla propria traiettoria di marcia
ha reso inevitabile l’evento dannoso, tenuto conto della
breve distanza di avvistamento, insufficiente per operare
un’idonea manovra di emergenza».
In questo modo,la Cassazione ha confermato
la decisione della Corte d’appello di Milano,
del novembre 2005.

http://www3.lastampa.it/i-tuoi-diritti/sezioni/responsabilita-sicurezza/news/articolo/lstp/243822/

sabato 12 giugno 2010

Rai: Richiesta Antidemocratica Incivile. "Mamma Rai" chiede aiuto ai cittadini




E' la tivù pubblica. Veniva chiamata ai primi
tempi negli anni '70 "Mamma Rai".
Oggi questa mamma è parecchio invecchiata e ha parecchi
debiti. E ai noi "figli" tocca il compito di pagare
i suoi debiti, come nella migliore famiglia che si
rispetti.

La Rai ha intascato nell' ultimo anno 1,6 miliardi
di euro dal Canone Tv ( nonostante i tantissimi
e ammirabili evasori ), che rappresenta il 55%
dei ricavi totali della tivù pubblica.
In Europa la Rai detiene il record di incassi da
pubblicità: questa permette alla Rai di arrotondare
le entrate ( anche se una tv pubblica dovrebbe trasmettere
pochissima o nessuna pubblicità ).
Purtroppo il bilancio è in negativo, e il divario fra
ricavi e costi di gestione del servizio pubblico è di
420 milioni di euro, che aumenterà dopo questi mondiali
a causa del costo delle partite della competizione
calcistica più attesa dal Mondo.
Infatti la Rai non compra tutte le partite del Mondiale
di calcio, ma solo alcune ( tra le quali tutte quelle
dell' italia ovviamente ) per via dei costi.

Ed ecco qui la geniale idea sorta già durante il governo
assurdo di Prodi da parte del direttore Rai
"Mettere il pagamento del canone tv nella bolletta
dell' energia elettrica".
ASSURDO!
E si sa già che se si opterà per una simile decisione,
nessuno e dico nessuno dovrà pagarlo. Sapete già con i miei
articoli
quanto sia assurdo pagare questa tassa.
Lo Stato se proverà davvero a fare una cosa del genere,
farà veramente scoppiare una rivoluzione.

Anche se aiutare mamma è doveroso, per fortuna
possiamo farne a meno.
Passeggiamo al parco che fa molto meglio..


Articolo di Lapenna Daniele

Tivu Sat: in chiaro gratis tutti i canali? FALSO!



Riprendiamo il discorso sul Digitale Terrestre.

Mentre guardavo un programma in prima visione
dal decoder satellitare in mio possesso,
all' improvviso esce la pubblicità di Tivù Sat,
che oscura così la visione del programma in prima Tv.
La pubblicità dice che con TivuSat si possono vedere
tutti i programmi Mediaset, Rai e La7 in chiaro.
E GRATIS.
Non vengono cioè oscurati.
Straordinario! Mi reco così appena ho tempo ad
un negozio UniEuro, cerco negli scaffali e lo trovo.
Eccolo! E' lui.Il decoder satellitare TivuSat.
Il decoder che finalmente mi farà vedere
CSI, mi farà vedere le partite dei Mondiali e film in
prima Tv senza che io abbia un abbonamento,
direttamente dal satellite con la mia parabola.

Chiedo al commesso e lui, esperto e gentilissimo
mi stupisce dicendomi
"No, non è affatto vero. Devi abbonarti a Rai.
Loro ti danno così il codice abbonamento e tu
inserendolo lo sblocchi, vedendo tutti
i programmi in chiaro."
Cazzo mi hanno preso per il culo!
L' avessi comprato avrei speso denaro a cavolo!
Continuando mi dice "Ma se hai a casa ancora la vecchia
antenna, ti basta collegarla ad un Decoder Digitale
Terrestre e vedi tutto".

Tornato a casa ci provo ( ho un DTT vecchio ).
E non funziona. Esce scritto sui programmi "Bloccato".
Mi arrendo. Hai vinto Rai. Hai vinto Mediaset.
ma per favore, ti chiedo solo un favore,
cavolo non mi oscurare i Simpson!!!

Da Wikipedia si legge

"Per aderire a Tivù Sat è necessario l'acquisto
di un kit composto da un decoder e da una carta
di accesso Tivù Sat. In alternativa, a partire
da fine febbraio, è possibile richiedere alla RAI,
per gli utenti in regola con il pagamento
del canone TV la sola smart card.

Articolo di Lapenna Daniele

I condomini sono contro il tuo cane? Nessuna legge vieta di tenerlo in casa




Cercare casa è un problema oggigiorno, vuoi per i costi
troppo alti, vuoi per il comportamento di chi non
sopporta gli animali.
Chi possiede un cane lo sa.
Chi abita in un condominio vede ogni giorno i suoi
vicini storcere il naso alla vista dell'animaletto
peloso in possesso e spesso viene attaccato
con vili supposizione a carattere razzista-antianimalista
"Devi levare quel cane! Ti denuncio alla polizia".

Nel caso tutti i condomini siano in accordo in merito
all' inaccessibilità del vostro cane nel palazzo,
voi non dovete assolutamente dar loro retta
perchè non esiste alcuna legge che vieti il possesso
di animali in appartamento.
Anche fosse l' amministratore di condominio a suggerirvi
di far sloggiare il vostro amico a quattro zampe.

Ovviamente dovete evitare che faccia bisogni per le scale
e che non disturbi troppo la quiete pubblica, ma per
il resto nessuno ha il diritto di toglierci il nostro
amico peloso solo perchè loro non li amano.

Infatti quando si stipula un contratto, il proprietario
o l'agenzia immobiliare è tenuto, se vuole e nel caso
se ne ricordi, di annotare nelle varie clausole che
"il proprietario non può portare nell' appartamento
nessun cane". In questo caso il non rispetto
del contratto potrebbe ( se il proprietario è davvero
fiscale e poco umano ) vedervi fuori di casa.
Voi e il vostro cagnolino.

Personalmente penso che bisogna venirsi in contro,
poi se la gente non ama proprio i nostri amici pelosi,
beh come diceva un proverbio "Chi non vuol bene agli
animali non vuol bene neanche alle persone",
teniamoli alla larga.
I nostri animali capiscono e sono intelligenti.
A differenza di questa gente.


Articolo di Lapenna Daniele

Intercettazioni: violenze sessuali a gogò e privilegi per la Chiesa




Non sentiamo parlare d'altro. DDL Intercettazioni.
Ma a noi cittadini cosa cambierà quando questa
assurda fascista e dittatoriale legge verrà approvata
( aldilà dei pettegolezzi sulla gente indagata
che diverranno impossibili ) ?

NON STUPIAMOCI

E' inutile che ci stupiamo, tutti noi sappiamo che
i politici sono a braccetto con la mafia e tramano
alle spalle del cittadino sfruttando la loro
posizione privilegiata. Il Governo ha creato in
fretta e furia questa legge appena sono partite
le inchieste sugli appalti e sui casi degli
appartamenti ceduti a vantaggio dei politici.
Berlusconi infatti ha chiamato un comma della
legge bavaglio proprio "Comma D'Addario", così
da proteggersi in cao porti a casa prostitute,
siano esse minorenni o maggiorenni.
Se i berlusconiani da oggi diranno "non è vero che
il premier fa leggi ad personam", io inizierò a credere
in Dio, e per un ateo come me è davvero un evento
storico. Perchè se è possibile farsi una legge
per tutelare le proprie porcate, allora esiste
un dio, esistono gli ufo e gli asini volano.


NIENTE INTERCETTAZIONI NEI LUOGHI PRIVATI

Infatti la legge vieterà d'ora in poi
di effettuare intercettazioni nei luoghi privati,
mentre in quelli pubblici ci dovranno essere
chiari indizi di reato. Quindi la D'Addario se
avesse registrato la sua conversazione col premier
oggi, sarebbe potuta finire in galera.
In futuro così, in caso di abusi sessuali in luoghi
privati non si potranno effettuare intercettazioni,
così come nei reati di spaccio ( che non avvengono
in luoghi pubblici ) e tutti quei reati satelliti
della mafia, come lo smaltimento abusivo di rifiuti.
C'è tutela solo per i giornalisti, e quindi dovrebbero
esserci dentro anche quelli delle "Iene" e
"Striscia La Notizia".
Infatti forse il premier aveva scordato che se
la sua Mediaset va a gonfie e vele è merito
di questi programmi che hanno smascherato truffe e
truffatori ( vedi le intercettazioni video e audio fatte
da Striscia a Wanna Marchi ), e quindi ha tutelato
i giornalisti, sennò questi programmi chiuderebbero
i battenti e le sue reti perderebbero ascolti.

IL PDL PROTEGGE SEMPRE LA CHIESA
Se l'intercettato è un prete o comunque un appartenente
alla Chiesa Cattolica sapete che accade?
Chi deve effettuare intercettazioni deve avvisare il prete,
i suoi superiori e anche la Santa Sede, ovvero il Vaticano.
Quindi così i reati di abuso sessuale dei preti verrà
debellato. Uno schifo!

Il premier Berlusconi sostiene
"La stragande maggioranza degli italiani
vivono nell' angoscia

di essere intercettati".
Sì, ma solo chi ha da NASCONDERE QUALCOSA,
proprio come voi.

Il PDL è il Popolo delle LIBERTA', sì ma io di libertà
vedo solo quella dei politici. E di popolo nessuno.
Visto che noi popolo non contiamo un CAZZO.

Scusate per la parolaccia.
Ma se il premier può dire in diretta mondiale
"Chi vota comunista è un COGLIONE" (ricordate?)
allora io posso dire una parolaccia.


Articolo di Lapenna Daniele

sabato 5 giugno 2010

Prete pedofilo abusa di un 17enne: il giovane lo ricatta «O paghi o mando in giro il filmino hard»



Il giovane all'epoca aveva 17 anni:
è accusato di estorsione.
Il sacerdote avrebbe consegnato 2 mila euro

Lo minacciava di diffondere un filmato girato
con un cellulare, filmato in cui si vedono
atti sessuali. In questo modo un prete
di Bologna veniva ricattato da un diciottenne
rumeno e da due suoi familiari,
che gli avrebbero chiesto denaro
in cambio di silenzio.

LA DENUNCIA - A metà febbraio il religioso
- che ha 69 anni - si è rivolto alla polizia e,
dopo alcuni mesi di indagini, intercettazioni
telefoniche e il sequestro del filmato
in questione, per il ragazzo è arrivato
un provvedimento di custodia cautelare
del Tribunale per i minorenni.

LE ACCUSE - Il giovane, che all’epoca
dei fatti aveva 17 anni, è accusato
di estorsione e tentata estorsione e,
su disposizione del gip, sarà collocato
in una comunità di accoglienza.
Per gli stessi reati sono indagati dalla
Procura ordinaria anche il padre e
la convivente dell’uomo che, secondo
le indagini della squadra Mobile,
avrebbero partecipato all’estorsione.

LA RICOSTRUZIONE - I fatti, secondo la
ricostruzione della polizia, sono avvenuti
in una chiesa del centro di Bologna,
dove si svolgono attività assistenziali
rivolte a minori, immigrati e famiglie
in difficoltà. Dopo settimane di minacce
di denunciarlo e di fargli del male,
il prete avrebbe consegnato 2.000 euro
alla famiglia di rumeni, che vive
a Zola Predosa, nell’hinterland.
Quando si è sentito chiedere altri soldi
(500 euro) ha deciso di andare in Questura
a raccontare tutto. Le richieste estorsive,
intercettate dalla polizia, sono proseguite
fino a marzo:
«Vi ho dato 2000 euro, io soldi non ne ho più, lasciatemi perdere»,
dice il religioso al telefono. Nei giorni scorsi la polizia, in una

perquisizione,
ha sequestrato il filmato girato dal giovane
con il telefonino, e che sarebbe stato
utilizzato per ricattare il religioso.
A quanto si è appreso, l’indagine avrebbe
chiarito che non si è trattato di abusi,
ma di atti sessuali consensuali.

fonte
http://corrieredibologna.corriere.it/bologna/notizie/cronaca/2010/4-giugno-201
0/sacerdote-ricattato-un-ragazzo-rumeno-o-paghi-o-mando-giro-filmino-hard-1703
139863896.shtml




Ma rimane il fatto che il prete è e rimane un PEDOFILO.
Nella notizia non appare la condanna al prete (!?)

Manovra governo Berlusconi, allarme degli oncologi "A rischio la cura dei tumori"

ROMA -
La manovra finanziaria abbasserà la qualità di cura
per i malati di tumore nel nostro paese.
Non solo: le strutture già pesantemente in sofferenza,
soprattutto al sud, correranno il rischio di chiudere
e cresceranno i 'viaggi della speranza'.
E' l'allarme che l'Associazione Italiana di Oncologia Medica(AIOM)
lancia dal Congresso ASCO di Chicago, il più importante
congresso mondiale di oncologia che si è aperto ieri.

"Il nostro ruolo è offrire soluzioni
-
afferma il prof. Carmelo Iacono, presidente AIOM -
e la risposta è creare un sistema di rete, in modo
che un centro possa supplire alle eventuali carenze
dell'altro. Il vero risparmio in oncologia si ottiene
lavorando sull'organizzazione: riducendo la sola
migrazione sanitaria, otterremo un risparmio minimo
del 10 per cento. Una quota che potrebbe essere
reinvestita sul territorio".

Gli oncologi individuano alcune grandi criticità nella manovra.
La prima è il taglio trasversale del personale.
"Dai dati del nostro 'libro bianco' sappiamo che oggi
la media dei reparti è di circa 6 medici oncologi strutturati
e 13 infermieri professionali. Ma esistono situazioni
ben peggiori, dove un'ulteriore riduzione si tradurrebbe
inevitabilmente in un blocco delle attività.
Questo mette a rischio anche l'importante investimento
compiuto negli anni scorsi nel parco tecnologico nazionale:
risonanza magnetica (RM), tomografia (Pet) e scintigrafia
sono rispettivamente presenti nel 90%, 32% e 61%
delle strutture di oncologia medica italiane.
E' illogico acquisire ulteriori nuovi macchinari in carenza
di organici ma serve, quanto meno,
far funzionare al massimo quelli che già abbiamo".

fonte
http://www.repubblica.it/economia/2010/06/05/news/manovra_allarme_degli_oncologi_a_rischio_la_cura_dei_tumori-4592136/?rss

venerdì 4 giugno 2010

E' vero che il colpo di freddo provoca il raffreddore ?



No. Il raffreddore non è provocato dal freddo,
ma bensì sempre da un virus.
Senza virus infatti si può rimanere al freddo
fino ad assiderare senza mai ammalarsi.
Anche se a basse temperature è più facile esser
preda di virus.
Primo perchè quando fa freddo ci si è sempre
in luoghi chiusi ( in casa o a scuola si chiudono
le finestre ) dove è più facile trasmettersi
il raffreddore.
E secondo a causa delle basse temperature.
Infatti se il virus si introduce nelle vie
respiratorie quando fa caldo, in genere viene
annientato dalla reazione immunitaria del corpo.
In inverno invece le basse temperature provocano
un indebolimento delle difese immunitarie a causa
di una vasocostrizione dei vasi sanguigni del naso,
e favoriscono l' entrata del virus nel nostro
organismo.

fonte news Focus N.212

martedì 1 giugno 2010

Riduzione numero consiglieri a Roma: la straordinaria mente dei politici



Per ora è soltanto una bozza, consegnata in via
informale agli uffici del sindaco di Roma
Gianni Alemanno.
La bozza prevede di ridurre il numero dei
consiglieri comunali da 60 attuali a 48.
Visto il consistente taglio, lodevole in una città
sull' orlo della bancarotta, i consiglieri
si aumenteranno però lo stipendio:
da 1.600 a 2.000 euro.

Attualmente con 60 consiglieri
con uno stipendio di 1.600 € abbiamo un
totale di 96.000 euro.
Con questa proposta invece,riducendo il numero
a 48 consiglieri con uno stipendio di 2.000 €
avremo un totale di 96.000 euro (?)

Certo che quando vogliono il pareggio in bilancio
lo sanno fare!

fonte
il Foglio anno XV N.127