domenica 28 febbraio 2010

Check-up GRATUITO per cani e gatti Arriva il mese della prevenzione per gli animali



3.300 strutture aperte in tutta Italia
dal 1° al 31 Marzo


ROMA - Stop ad allergie o intolleranze nascoste,
prevenire mal di denti e scongiurare problemi articolari.
Per cani e gatti parte il primo marzo il mese
della prevenzione.
Individuare da subito piccoli disturbi e combatterli
significa evitare serie malattie per il proprio
animale da compagnia.
Per tutto il mese prossimo saranno 3.300 le strutture
veterinarie aperte dove le visite per gli animali saranno gratis.

Per prenotare una visita di controllo gratuita
presso la struttura
veterinaria più vicina
alla propria residenza è sufficiente collegarsi

al sito www.stagionedellaprevenzione.it
o telefonare al numero verde 800189612

Si tratta della quinta edizione della
Stagione della Prevenzione, la campagna promossa
dall'Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani (Anmvi) e da Hill's

Pet Nutrition con il patrocinio
della Federazione nazionale ordini veterinari (Fnovi) e del ministero
della Salute. La visita ha l'obiettivo di stabilire lo stato di
salute dell' animale ed, eventualmente, verificare la necessità
di successivi esami più specifici.

L'iniziativa pone l'accento sull'importanza della prevenzione
come elemento cardine per la salute e il benessere degli animali
e degli umani che li circondano, sottolineando come l' atteggiamento
responsabile di affidarsi alla consulenza del medico non si rifletta
solo all'interno delle proprie mura domestiche, ma tocca e tutela
diffusamente la salute pubblica.
"La prevenzione veterinaria - ha dichiarato Carlo Scotti, presidente di Anvi -
è un traguardo culturale a tre: proprietario, animale e medico veterinario.

Per il tramite dell' animale, il medico veterinario entra in relazione
con la società e agisce sui suoi diritti e sui suoi bisogni,
diventando un mediatore imprescindibile del rapporto uomo-animale.
Questo traguardo culturale va di pari passo con il progressivo innalzamento
della considerazione etica e giuridica dell'animale e delle conoscenze scientifiche".
Secondo dati Assalco (Associazione Nazionale tra le Imprese per l'Alimentazione
e la Cura degli Animali da Compagnia) del 2009, Eurispes e ministero della Salute,
il 33% delle famiglie italiane ospita un cane o un gatto, mentre
la popolazione animale in Italia risulta composta da più di 14 milioni fra cani e gatti.


fonte
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2010/02/27/visualizza_new.html_1708895703.html

martedì 23 febbraio 2010

Chi Vuol Essere Milionario: manda un SMS e vinci. Ma il regolamento l' avete mai letto?




Quanti di voi avranno inviato un SMS al programma Tv
"Chi vuol essere Milionario" sperando di essere
estratti e vincere 1000 oppure 5000 euro?
Tanti.
Ma quanti di questi hanno mai letto il regolamento
a pagina 575 di Mediavideo?
Nessuno.
Il regolamento è presente anche sul sito mediaset
( www.mediaset.it ) e spiega in dettaglio come funziona.

Il regolamento è scritto in maniera "furba" ma corretta
visto che spiega bene come funziona il gioco.

DURATA
La partecipazione al concorso sarà
dal 30 marzo al 26 aprile 2009.
Il concorso terminerà con l'estrazione
in data 27 aprile 2009.


Ogni giorno Gerry Scotti fa una domanda nuova,
ma nel regolamento ci dice che il concorso durerà
1 mese.
Come mai?
Scopriamolo insieme.

OGGETTO DELLA PROMOZIONE
Al fine di promuovere il "Prodotto Informazione
CHI VUOL ESSERE MILIONARIO" a tutti gli utenti
si bandisce il seguente concorso.

<...>

Il concorso si ripeterà per 28 puntate
nel corso del programma
"CHI VUOL ESSERE MILIONARIO" <...>


MODALITA' DI PARTECIPAZIONE
A partire dal 30 marzo 2009 gli utenti
che acquisteranno il prodotto informazione
"Chi vuol essere milionario" accessibile
attraverso i telefoni cellulari mobili
per i clienti TIM, VODAFONE, WIND e 3,
e attraverso la telefonia fissa potranno
partecipare gratuitamente e automaticamente
ad un concorso.


Il "prodotto informazione" risulta poco chiaro a chi legge,
ma non è altro che una specie di pubblicità del Milionario.
Questo "prodotto informazione" lo acquistate ogni qual volta
inviate un SMS, e lo pagate per quanto costa: 1 euro.

Ed ecco il punto chiave:

Tra tutti gli utenti che avranno acquistato
nel corso di OGNI puntata il "Prodotto Informazione"

c'è scritto OGNI puntata, e quindi vuol dire aver inviato
ogni giorno un SMS per tutta la durata del concorso,
e cioè 28 SMS ( possibilmente con risposte sempre esatte ).

continuando leggiamo il tutto


"Tra tutti gli utenti che avranno acquistato
nel corso di OGNI puntata il "Prodotto Informazione",
indipendentemente dalla risposta data,
sarà estratto giornalmente un vincitore al quale
sarà assegnato un premio di 1.000 euro IVA inclusa
dal lunedì al sabato, mentre nella giornata di
domenica sarà assegnato un premio di 5.000,00 euro
IVA inclusa,
consistente in un buono
d'acquisto elettronico

caricato su carta a banda magnetica."

Il denaro in palio è un "Buono d' Acquisto",
quindi non soldi contanti.

I nomi che appaiono sul Televideo non sono altro che gli estratti
fra quelli che hanno inviato SMS per tutte le puntate
del concorso.

Non è assolutamente una truffa, perchè è tutto scritto.

Morale:
prima di agire come formiche,
leggere attentamente le istruzioni!



Articolo di Lapenna Daniele

Sanremo: il Codacons chiede sospensione risultati




Il Sanremo fa sempre parlare. Comunque vada.
E stavolta è andata in maniera tale da suscitare
proteste da migliaia di telespettatori.

Il Codacons in questi giorni ha ricevuto oltre
duemila mail di protesta da parte di telespettatori
e utenti allibiti per l' esito finale dei vincitori.

I dubbi sul meccanismo di voto sono tanti.
Ad esempio viene sottolineato come il televoto debba
essere usufruibile solamente da maggiorenni.
Il problema è che con un sms è difficile
anzi impossibile vedere se il mittente lo sia o no.

Sul blog del presidente del Codacons Carlo Rienzi
( http://www.carlorienzi.it ) i cittadini possono
esprimere il loro parere in merito al televoto.
L' associazione ha chiesto alla Guardia di Finanza
e all' Autorità per le garanzie nella comunicazione
di sequestrare tutti i televoti che hanno determinato
i primi tre classificati al Festival e verificare
le utenze di provenienza ( per escludere che si tratti
di utenze collegate ad agenzie specializzate ).

La polemica è nata nelle ore successive alla finale:
com' è stato possibile che le preferenze degli
orchestrali, che contribuivano al 50 %
per il giudizio finale, abbiano influito talmente
poco nei giudizi finali.


Sotto il link alla pagina del sito Codacons.

http://www.codacons.it/articolo.asp?idInfo=120105

domenica 21 febbraio 2010

Tonni in estinzione. Italia contro il divieto di cattura




La salvezza per il tonno rosso del Nord Atlantico
( thunnus thynnus ), sarebbe dovuta iniziare
già nel 2009 a Bruxelles.
E' quanto avevano sperato gli ambientalisti e diversi
Governi dell' Unione Europea.
Ma Grecia, Italia, Malta, Spagna e Cipro hanno votato
contro il piano della Commissione europea
che prevedeva un divieto di cattura.
Per essere approvato, questo avrebbe avuto bisogno
di una maggioranza dei 3/4 nel Consiglio dei ministri
per l' Ambiente di tutta l' UE.
I voti contrari impediscono che il piano possa essere
presentato nel marzo 2010 a Doha ( Qatar ) con una
posizione europea comune.
In questo modo, secondo gli esperti di pesca, la specie
è destinata a scomparire nel giro di qualche anno.


fonte
Geo N.50 - Febbraio 2010

martedì 16 febbraio 2010

Un raggio brucerà i Tumori, a Pavia il primo centro italiano di adroterapia




Pavia, 15 feb.
(Adnkronos/Adnkronos Salute/Ign) -
Un super-raggio anticancro per bruciare i tumori,
che in futuro promette di curare circa tremila pazienti
all'anno, 150 al giorno per un totale di 20mila sedute annue.

Sono i numeri del primo Centro nazionale di adroterapia oncologica (Cnao),
inaugurato oggi a Pavia.
Il Centro, spiega Erminio Borloni, presidente della Fondazione Cnao istituita nel
2001 dal ministero della Salute per gestire la struttura,
"tratterà in maniera routinaria i primi pazienti a partire da fine 2011.
A pieno regime, previsto dal
2013, fornirà prestazioni di
adroterapia a carattere ambulatoriale, rimborsate

dal Servizio sanitario nazionale, 5 giorni alla settimana
per 13 ore al giorno
".
Il tutto, sottolinea, dopo "una fase sperimentale della durata complessiva di 18
mesi, che coinvolgerà 230 pazienti (80 trattati con protoni, 150 con ioni
carbonio), di cui il primo sarà arruolato verso la fine di quest'anno".

Dopo la prima pietra, posata nel marzo 2005, ricorda Borloni, lo Cnao
"è stato realizzato in 4 anni e con una spesa contenuta: 125 milioni di euro",
contro i 200 circa prevedibili per una struttura del genere.
Un centro che nasce come quarto al mondo, dopo quelli di Chiba
Hyogo in Giappone e di Heidelberg in Germania.

L'adroterapia colpisce il tumore in modo 'intelligente', mirato e
potenzialmente senza effetti collaterali, e può essere utilizzato nella cura di
diverse neoplasie, quando resistenti alle tecniche tradizionali:
sarcomi, tumori
pediatrici e al polmone,
tumori al pancreas, oculari, alle ghiandole salivari,
al
cervello, al midollo spinale e per alcune forme
di cancro della testa e della
zona pelvica.
Per la nascita del nuovo Cnao di Pavia hanno lavorato insieme pubblico e privato,
Regione e Governo, ospedali e università, sottolinea il presidente lombardo
Roberto Formigoni, che parla di "una sorta di 'dream team'" al servizio del
malato.

Ma come nasce il nuovo super-raggio intelligente che 'brucia' i tumori?

"I fasci utilizzati sono prodotti dal sincrotrone, un acceleratore di particelle con due
sorgenti che generano ioni carbonio e protoni
- spiega Sandro Rossi, segretario
generale e direttore tecnico della Fondazione Cnao -
Durante il trattamento un 'pacchetto' di particelle viene immagazzinato
in una ciambella d'acciaio svuotata d'aria, lunga 80 metri
e con un diametro di 25. Qui le particelle viaggiano
inizialmente a circa un decimo della velocità della luce. Il fascio viene quindi
accelerato fino a compiere un milione di giri (pari a circa 30 mila chilometri)
in mezzo secondo, per arrivare all'energia desiderata, scelta dal medico in base
alla profondità del tumore".

Al momento opportuno "una 'porta' si apre e il
fascio colpisce il bersaglio con una precisione sub-millimetrica",
fermandosi laddove serve e "tagliando 'a fette' il tumore", riassume l'esperto.
Il paziente viene trattato in una delle tre sale attrezzate con 4 linee di fascio
(una quarta sala è invece destinata alla ricerca clinica e radiobiologica).
Possono bastare 2-3 minuti per irradiamento e in media
una decina di sedute di 25 minuti l'una,
"ma questa terapia non sostituisce la radioterapia convenzionale -
tiene a precisare Roberto Orecchia, direttore scientifico della Fondazione Cnao -
E' un'arma in più a disposizione di medici e pazienti".

"Le particelle pesanti strumento dell'adroterapia - sottolinea il direttore
scientifico dell'Istituto europeo di oncologia (Ieo) di Milano - hanno il grande
vantaggio che, proprio perché sono pesanti, non deviano ma seguono un percorso
collimato che va dritto sul bersaglio, anche piccolissimo, anche di un millimetro
appena".
Durante la cerimonia di inaugurazione del Cnao, Ferruccio Fazio ha annunciato
l'intenzione di proporre a Tremonti ''di trasformare il Centro nazionale di
adroterapia oncologica di Pavia in Istituto nazionale di adroterapia
oncologica''. "Dovremo valutare in che modo" attuare questa trasformazione, "ma -
ha precisato - come Istituto nazionale questo centro potrebbe dotarsi di un
finanziamento autonomo e potrebbe fare un grandissimo lavoro di indirizzo non
solo per l'Italia, ma anche per gli altri Paesi".

fonte
http://it.notizie.yahoo.com